USA: i servizi segreti vogliono vederci chiaro

| L’intelligence statunitense indaga senza sosta per capire se il Covid-19 sia nato nel mercato degli animali o fuggito in qualche modo dal laboratorio di Wuhan

+ Miei preferiti
I servizi segreti statunitensi vogliono fare chiarezza, una volta per tutte, sulle origini del Covid-19, se all’interno del famigerato “wet market” di Wuhan o nell’altrettanto misterioso “Institute of Virology biolab”. Al momento, aggiungono fonti interne, è inutile e superfluo fare supposizioni. La teoria in realtà non è che una delle tante piste seguite per determinare l’origine di un disastro che ha ucciso migliaia di persone in tutto il mondo, ma soprattutto mandato all’aria le economie più industrializzate del pianeta. È proprio questo che si legge fra le righe delle indagini: capire se ci sia stata la mano intenzionale di qualcuno, in una macchinazione mondiale che avrebbe ristabilito l’ordine di apparizione delle potenze.

La comunità scientifica americana, come quella del resto del mondo, non crede che il virus sia da associare alle armi biologiche, e al momento l’intelligence sta esplorando una serie di teorie riguardanti l’origine, esattamente come avviene per i grandi incendi: per trovare l’eventuale innesco.

La teoria cospirativa è spinta dall’ala più vicina a Trump, ansiosa di trovare un nuovo capro espiatorio per allontanare le furiose critiche sulla confusionaria gestione della pandemia che tormentano la presidenza in questo momento. Un funzionario dell’intelligence ha ammesso che una delle teorie più attendibili su cui i funzionari stanno indagando è che il virus abbia avuto origine nel laboratorio biochimico di Wuhan e sia uscito accidentalmente. Secondo altre fonti, al momento non è ancora stato possibile confermare o smentire la teoria, ma in questo momento le indagini si concentrano sul tentativo di individuare se fra i primi casi di contagio ci fosse un qualsiasi dipendente del laboratorio.

“Fino a questo momento, il peso delle prove sembra indicare l’origine naturale. Ma non lo sappiamo con certezza”, ha ammesso Mark Milley, presidente del del Joint Chief of Staff. La notizia delle indagini, fatta trapelare per la prima volta da “Fox News”, è stata confermata anche da Trump: “Gli Stati Uniti stanno mettendo a punto un’indagine molto approfondita di questa orribile situazione”. Una fonte vicina alla task force per il coronavirus della Casa Bianca ha anche ricordato che “ogni volta che c’è un’epidemia, qualcuno tira fuori la teoria del virus sfuggito da un laboratorio. Ma va aggiunto che il modo in cui la Cina ha gestito l’allarme è completamente riprovevole e a questo punto l’intelligence è determinata a ricostruire un quadro più completo. Sappiamo dell’esistenza del laboratorio, conosciamo i wet market ed è chiaro che il virus ha avuto origine a Wuhan: indizi che ci portano verso un unico luogo. Ma ci sono ancora molte cose che non sappiamo, ed è nostro pieno diritto trovare le risposte e gli eventuali responsabili”.

CORONAVIRUS
Il virus è nato in laboratorio
Il virus è nato in laboratorio
È la clamorosa conclusione a cui sono giunti due scienziati, uno inglese e l’altro norvegese. In un dossier affermano di aver trovato le prove di una manipolazione genetica che nascondesse l’origine artificiale
Le conseguenze politiche del Covid
Le conseguenze politiche del Covid
Biden ordina agli 007 di stabilire le origini del coronavirus. Ne va della sua autorevolezza, ma se si scoprisse che è sfuggito da un laboratorio darebbe nuovo fiato alle teorie di Trump. A rimetterci sarà la credibilità dell’OMS
Un rapporto dell’intelligence americana getta nuovi dubbi sull’origine del virus
Un rapporto dell’intelligence americana getta nuovi dubbi sull’origine del virus
Alcuni dipendenti del laboratorio di Wuhan avrebbero sviluppato nel novembre 2019 sintomi di una misteriosa malattia che li ha costretti al ricovero
Il virus è uscito dal laboratorio di Wuhan?
Il virus è uscito dal laboratorio di Wuhan?
Un nuovo articolo, firmato da una ventina di esperti mondiali in virologia, non esclude la possibilità che la pandemia sia la conseguenza di un incidente
Covid-19, il caso delle Seychelles
Covid-19, il caso delle Seychelles
Malgrado oltre il 60% della popolazione sia stato vaccinato, nell’arcipelago le infezioni sono in aumento. Per gli esperti non è un’anomalia, perché casi gravi e decessi sono scomparsi. Ma è necessario non abbassare la guardia
L’Asia epicentro mondiale del virus
L’Asia epicentro mondiale del virus
Non c’è solo l’India, dove la situazione peggiora di giorno in giorno: anche diversi Paesi asiatici si ritrovano a fronteggiare un’ondata di casi che fa temere conseguenze disastrose per via dei fragili sistemi sanitari
Il mondo affronta la peggiore crisi dall’inizio della pandemia
Il mondo affronta la peggiore crisi dall’inizio della pandemia
Non doveva essere così: fin dall’inizio, l’OMS ha ammonito di pensare non solo a sé stessi ma anche ai Paesi più poveri, dove il virus può annidarsi, mutare e sopravvivere ancora. Ma quasi nessuno l’ha ascoltato
La pillola per curare il covid a casa
La pillola per curare il covid a casa
L’ha annunciato la “Pfizer”, che avrebbe allo studio una cura domestica da assumere all’insorgere dei primi sintomi. È un farmaco “inibitore della proteasi”: blocca l’enzima che permette al virus di svilupparsi
Ottimi risultati per il concerto sperimentale anti-covid
Ottimi risultati per il concerto sperimentale anti-covid
Diffusi i risultati degli accertamenti medici: solo 6 positivi, ma 4 sono stati infettati non quella sera. Una speranza concreta sulla strada della riapertura dei grandi eventi
Origine del Covid: scienza VS intelligence
Origine del Covid: scienza VS intelligence
Per la comunità scientifica è sempre più probabile che il virus sia passato all’uomo da un animale. Per gli analisti, al contrario, non c’è alcuna prova che scagioni i laboratori cinesi