USA: i servizi segreti vogliono vederci chiaro

| L’intelligence statunitense indaga senza sosta per capire se il Covid-19 sia nato nel mercato degli animali o fuggito in qualche modo dal laboratorio di Wuhan

+ Miei preferiti
I servizi segreti statunitensi vogliono fare chiarezza, una volta per tutte, sulle origini del Covid-19, se all’interno del famigerato “wet market” di Wuhan o nell’altrettanto misterioso “Institute of Virology biolab”. Al momento, aggiungono fonti interne, è inutile e superfluo fare supposizioni. La teoria in realtà non è che una delle tante piste seguite per determinare l’origine di un disastro che ha ucciso migliaia di persone in tutto il mondo, ma soprattutto mandato all’aria le economie più industrializzate del pianeta. È proprio questo che si legge fra le righe delle indagini: capire se ci sia stata la mano intenzionale di qualcuno, in una macchinazione mondiale che avrebbe ristabilito l’ordine di apparizione delle potenze.

La comunità scientifica americana, come quella del resto del mondo, non crede che il virus sia da associare alle armi biologiche, e al momento l’intelligence sta esplorando una serie di teorie riguardanti l’origine, esattamente come avviene per i grandi incendi: per trovare l’eventuale innesco.

La teoria cospirativa è spinta dall’ala più vicina a Trump, ansiosa di trovare un nuovo capro espiatorio per allontanare le furiose critiche sulla confusionaria gestione della pandemia che tormentano la presidenza in questo momento. Un funzionario dell’intelligence ha ammesso che una delle teorie più attendibili su cui i funzionari stanno indagando è che il virus abbia avuto origine nel laboratorio biochimico di Wuhan e sia uscito accidentalmente. Secondo altre fonti, al momento non è ancora stato possibile confermare o smentire la teoria, ma in questo momento le indagini si concentrano sul tentativo di individuare se fra i primi casi di contagio ci fosse un qualsiasi dipendente del laboratorio.

“Fino a questo momento, il peso delle prove sembra indicare l’origine naturale. Ma non lo sappiamo con certezza”, ha ammesso Mark Milley, presidente del del Joint Chief of Staff. La notizia delle indagini, fatta trapelare per la prima volta da “Fox News”, è stata confermata anche da Trump: “Gli Stati Uniti stanno mettendo a punto un’indagine molto approfondita di questa orribile situazione”. Una fonte vicina alla task force per il coronavirus della Casa Bianca ha anche ricordato che “ogni volta che c’è un’epidemia, qualcuno tira fuori la teoria del virus sfuggito da un laboratorio. Ma va aggiunto che il modo in cui la Cina ha gestito l’allarme è completamente riprovevole e a questo punto l’intelligence è determinata a ricostruire un quadro più completo. Sappiamo dell’esistenza del laboratorio, conosciamo i wet market ed è chiaro che il virus ha avuto origine a Wuhan: indizi che ci portano verso un unico luogo. Ma ci sono ancora molte cose che non sappiamo, ed è nostro pieno diritto trovare le risposte e gli eventuali responsabili”.

CORONAVIRUS
Il virus torna a far paura
Il virus torna a far paura
Un nuovo aumento dei casi si registra in tutto il mondo: gli Stati Uniti continuano a guidare la classifica, ma altri Paesi non sono messi meglio
La virologa cinese fuggita per raccontare la verità
La virologa cinese fuggita per raccontare la verità
Alla dottoressa Li-Meng Yan è stato chiesto di indagare su un nuovo virus, ma di considerare segreti i risultati. Terrorizzata all’idea di quanto poteva succedere, lei ha raccontato tutto ad un blogger e ha chiesto protezione in America
L’OMS: «Non siamo ancora al picco»
L’OMS: «Non siamo ancora al picco»
In un solo weekend raggiunti i 400mila casi a livello globale, quanti registrati in precedenza in 12 settimane. L’Organizzazione Mondiale della Sanità ammette: “Non è ancora finita”
GB, il ritorno nei pub e le prime conseguenze
GB, il ritorno nei pub e le prime conseguenze
Dopo il Super Saturday di riapertura, diversi locali costretti a chiudere per via di clienti risultati positivi al test
USA: il virus non molla
USA: il virus non molla
Basta un allentamento delle misure di contenimento perché il numero di casi schizzi alle stelle con migliaia di nuovi infetti. Ed è solo la prima ondata
Australia, torna il lockdown per 6,6 milioni di persone
Australia, torna il lockdown per 6,6 milioni di persone
Lo stato di Victoria sta per blindare i propri confini dopo un aumento di casi che fa temere l'inizio della seconda ondata
Il lockdown ha salvato milioni di persone
Il lockdown ha salvato milioni di persone
Lo dice uno studio statistico realizzato da alcuni scienziati, che hanno confrontato le risposte sanitarie di alcuni fra i Paesi più colpiti dal virus: chi ha atteso i numeri bassi e chi invece ha fatto tutto troppo in fretta
Il virus è più aggressivo ma meno letale
Il virus è più aggressivo ma meno letale
I risultati d uno studio hanno individuato una nuova variante del Covid-19 da 3 a 9 volte più infettiva, ma meno letale di poche settimane fa
La bomba del Medioriente: virus, guerre e carestie
La bomba del Medioriente: virus, guerre e carestie
Il numero dei contagi è sottostimato, ma alle conseguenze di una pandemia inarrestabile si aggiungono crisi economiche e conflitti che stanno riducendo alla fame intere popolazioni
Australia, un focolaio nato da un accendino
Australia, un focolaio nato da un accendino
Diversi dipendenti di un hotel sarebbero stati contagiati scambiandosi un semplice accendino. Preoccupazione nel paese per l’aumento dei casi