Vaccino: le aziende svelano i protocolli di sperimentazione

| Non era mai accaduto prima, che i colossi farmaceutici rivelassero i protocolli che stanno seguendo per arrivare al vaccino capace di sconfiggere il virus. Secondo le previsioni, non sarà pronto prima della prossima estate

+ Miei preferiti
La spasmodica corsa ai vaccini, business planetario senza precedenti, ha già fatto una vittima eccellente: la gente. Troppa fretta, troppe pressioni politiche, troppi interessi e troppi incidenti di percorso continuano a limare le speranze del mondo intero intorno ad un dubbio: e se non fosse sicuro?

Il timore di essere dichiarati immuni al Covid-19 ma di sviluppare altre malattie, magari nel tempo, serpeggia così tanto da arrivare nelle orecchie delle industrie farmaceutiche impegnate nella ricerca.

È questo, il motivo che ha spinto “Moderna” e la “Pfizer”, la prima azienda biotecnologica del Massachusetts, la seconda un colosso farmaceutico americano, a rendere di dominio pubblico il protocollo sperimentale che stanno conducendo su 30mila (Moderna) e 44mila pazienti (Pfizer), puntando ad un vaccino che abbia un’efficacia contro il virus almeno pari al 60%. “Vogliamo assicurarci che le persone, in generale, abbiano fiducia nei vaccini, essendo il più trasparenti possibili”.

L’annuncio di voler rendere pubblico il protocollo – assai insolito - è stato dato da Moderna durante l’assemblea degli azionisti, rivelando che attualmente sono 25.296 le persone sottoposte a sperimentazione sulle 30mila previste: a regime, 15mila riceveranno due dosi di vaccino ad un paio di settimane di distanza, e l’altra metà il placebo, senza che i medici sappiano quali dei due è stato inoculato. I volontari sono tenuti sotto controllo periodico per verificare l’insorgere di problemi e reazioni, per adesso contenute in qualche linea di febbre, un lieve mal di testa e dolore nella zona nell’iniezione che scompare nel giro di poco.

L’efficacia del vaccino sarà raggiunta quando solo quando lo 0,75% di chi ha ricevuto il placebo e lo 0,30% dei vaccinati svilupperà l’infezione. A monitorare l’efficacia dei dati è un gruppo di esperti che ha stabilito due diversi step: il primo dopo aver raggiunto 53 infezioni e il secondo a quota 106 casi. L’analisi finale è prevista dopo 151 casi.

Secondo l’a.d. di Moderna Stephen Bancel, le previsioni più probabili indicano che il vaccino possa dare dati preliminari sull’efficacia entro il prossimo novembre. Il che sembra coincidere con le previsioni del direttore del “Centers for  Disease Control”, convinto che il vaccino non potrà essere disponibile su larga scala prima dell’estate del 2021. Affermazione prontamente smentita da Donald Trump, convinto che l’attesa si limiti a poche settimane, quasi certamente magari prima del 3 novembre, non a caso giorno delle presidenziali americane.

La scelta di svelare i protocolli sta costringendo alla trasparenza anche le altre industrie farmaceutiche impegnate nella ricerca: la “Johnson&Johnson” ha annunciato le prime informazioni a fine settembre, dopo l’avvio della fase di sperimentazione, mentre a giorni si attendono i dati di “AstraZeneca”.

Galleria fotografica
Vaccino: le aziende svelano i protocolli di sperimentazione - immagine 1
CORONAVIRUS
Cina, un altro ospedale costruito in 5 giorni
Cina, un altro ospedale costruito in 5 giorni
È il primo di sei strutture che stanno nascendo in questi giorni nei dintorni di Pechino. A preoccupare le autorità un nuovo innalzamento dei casi di contagio
Il virus non sparirà mai
Il virus non sparirà mai
Le fosche previsioni del CEO di “Moderna”, secondo cui il Covid-19 è destinato a diventare una malattia endemica che circolerà a livelli molto bassi
Due milioni di morti, ma il numero è più alto
Due milioni di morti, ma il numero è più alto
Il triste primato raggiunto venerdì, mentre il virus si fa ovunque più aggressivo. Secondo gli esperti le vittime del Covid-19 sono molte di più
La difficile missione del team OMS in Cina
La difficile missione del team OMS in Cina
Controllati notte e giorno da funzionari cinesi, i 15 esperti inviati a Wuhan per indagare sulle origini del Covid-19 non avranno vita facile. Due sono stati bloccati perché positivi ai test, gli altri costretti alla quarantena
Il vaccino cinese è meno efficace del previsto?
Il vaccino cinese è meno efficace del previsto?
Salgono le preoccupazioni a livello internazionale dopo i risultati di alcuni test effettuati in Brasile: si parla di poco più del 50% contro il 78% annunciato in precedenza
La Cina vieta l’ingresso alle squadre dell’OMS
La Cina vieta l’ingresso alle squadre dell’OMS
Dopo lunghi mesi di trattative, Pechino aveva concesso l’ingresso ad un team internazionale di esperti incaricato di scoprire l’origine del virus. Ma è stato revocato all'ultimo istante
L’apartheid del vaccino
L’apartheid del vaccino
Anche i Paesi che hanno ospitato gli esperimenti sui vaccini - come l’Argentina, il Sudafrica, il Brasile e la Turchia - non riceveranno forniture adeguate
I piani vaccinali fanno tremare i governi
I piani vaccinali fanno tremare i governi
Malgrado la corsa spasmodica delle forniture, sono diversi i Paesi in cui la più grande campagna vaccinale della storia stenta a partire. Fra i più ritardatari la Francia
Cina e Russia, più vittime di quanto ammesso
Cina e Russia, più vittime di quanto ammesso
I numeri dei decessi nei due Paesi sarebbero molto più alti di quelli dichiarati ufficialmente. A Wuhan almeno 500 mila persone sarebbero morte in questi mesi, mentre in Russia le vittime sarebbero 186mila
Un anno di Coronavirus, e quello che ancora non sappiamo
Un anno di Coronavirus, e quello che ancora non sappiamo
La straordinaria corsa del pianeta verso il vaccino non ha comunque risolto diversi dubbi: dove è nato, quanto sono efficaci i vaccini e quando finirà tutto questo