Vaccino: le aziende svelano i protocolli di sperimentazione

| Non era mai accaduto prima, che i colossi farmaceutici rivelassero i protocolli che stanno seguendo per arrivare al vaccino capace di sconfiggere il virus. Secondo le previsioni, non sarà pronto prima della prossima estate

+ Miei preferiti
La spasmodica corsa ai vaccini, business planetario senza precedenti, ha già fatto una vittima eccellente: la gente. Troppa fretta, troppe pressioni politiche, troppi interessi e troppi incidenti di percorso continuano a limare le speranze del mondo intero intorno ad un dubbio: e se non fosse sicuro?

Il timore di essere dichiarati immuni al Covid-19 ma di sviluppare altre malattie, magari nel tempo, serpeggia così tanto da arrivare nelle orecchie delle industrie farmaceutiche impegnate nella ricerca.

È questo, il motivo che ha spinto “Moderna” e la “Pfizer”, la prima azienda biotecnologica del Massachusetts, la seconda un colosso farmaceutico americano, a rendere di dominio pubblico il protocollo sperimentale che stanno conducendo su 30mila (Moderna) e 44mila pazienti (Pfizer), puntando ad un vaccino che abbia un’efficacia contro il virus almeno pari al 60%. “Vogliamo assicurarci che le persone, in generale, abbiano fiducia nei vaccini, essendo il più trasparenti possibili”.

L’annuncio di voler rendere pubblico il protocollo – assai insolito - è stato dato da Moderna durante l’assemblea degli azionisti, rivelando che attualmente sono 25.296 le persone sottoposte a sperimentazione sulle 30mila previste: a regime, 15mila riceveranno due dosi di vaccino ad un paio di settimane di distanza, e l’altra metà il placebo, senza che i medici sappiano quali dei due è stato inoculato. I volontari sono tenuti sotto controllo periodico per verificare l’insorgere di problemi e reazioni, per adesso contenute in qualche linea di febbre, un lieve mal di testa e dolore nella zona nell’iniezione che scompare nel giro di poco.

L’efficacia del vaccino sarà raggiunta quando solo quando lo 0,75% di chi ha ricevuto il placebo e lo 0,30% dei vaccinati svilupperà l’infezione. A monitorare l’efficacia dei dati è un gruppo di esperti che ha stabilito due diversi step: il primo dopo aver raggiunto 53 infezioni e il secondo a quota 106 casi. L’analisi finale è prevista dopo 151 casi.

Secondo l’a.d. di Moderna Stephen Bancel, le previsioni più probabili indicano che il vaccino possa dare dati preliminari sull’efficacia entro il prossimo novembre. Il che sembra coincidere con le previsioni del direttore del “Centers for  Disease Control”, convinto che il vaccino non potrà essere disponibile su larga scala prima dell’estate del 2021. Affermazione prontamente smentita da Donald Trump, convinto che l’attesa si limiti a poche settimane, quasi certamente magari prima del 3 novembre, non a caso giorno delle presidenziali americane.

La scelta di svelare i protocolli sta costringendo alla trasparenza anche le altre industrie farmaceutiche impegnate nella ricerca: la “Johnson&Johnson” ha annunciato le prime informazioni a fine settembre, dopo l’avvio della fase di sperimentazione, mentre a giorni si attendono i dati di “AstraZeneca”.

Galleria fotografica
Vaccino: le aziende svelano i protocolli di sperimentazione - immagine 1
CORONAVIRUS
200 giorni senza un contagio,
il caso Taiwan
200 giorni senza un contagio,<br>il caso Taiwan
L’ultimo accertato risale alla domenica di Pasqua. Merito di una risposta veloce e di una ferrea e accuratissima strategia di tracciamento dei contatti
Il Covid, compagno di strada anche nel 2021
Il Covid, compagno di strada anche nel 2021
Un noto e influente epidemiologo giapponese toglie il velo alle speranze che i primi vaccini possano essere risolutivi: “Dobbiamo imparare a convivere con il virus per molto tempo”
Il caso Irlanda, lezione di tempestività
Il caso Irlanda, lezione di tempestività
Alle prime avvisaglie di aumento dei casi, le autorità irlandesi non hanno esitato a far scattare un mini lockdown
Il mondo nel pieno della seconda ondata
Il mondo nel pieno della seconda ondata
Le misure di contenimento sono ormai state adottate ovunque, ma il numero di contagi quotidiani e di decessi continua a salire in modo inesorabile. Tante le proteste di piazza contro i lockdown che ammazzano l’economia
L’allarme del Belgio: «Il Covid è fuori controllo»
L’allarme del Belgio: «Il Covid è fuori controllo»
I tassi di contagio hanno raggiunto picchi allarmanti e le autorità sanitare temono che sia vicino il collasso del sistema ospedaliero. Ma in tanti per strada non indossano neanche la mascherina
La fine di Dmitriy, l’uomo che non credeva al Covid
La fine di Dmitriy, l’uomo che non credeva al Covid
Istruttore di fitness e blogger, era considerato un acceso “negazionista”: al ritorno da un viaggio di lavoro in Turchia scopre di essere positivo e muore pochi giorni dopo
Repubblica Ceca, da esempio
per l’Europa al disastro
Repubblica Ceca, da esempio<br>per l’Europa al disastro
Il Paese era riuscito a contenere in modo efficace la prima ondata, ma un insieme di concause ha permesso al virus di riprendere ciò che aveva solo lasciato indietro. E la gente protesta nelle piazze
Lockdown totale e mirato? Il dilemma dell’Europa
Lockdown totale e mirato? Il dilemma dell’Europa
Secondo gli esperti scientifici, sarebbe più efficace una breve chiusura totale piuttosto che tante piccole misure locali che non consentono di controllare le infezioni. Ma di mezzo ci sono le difficili situazioni delle economie
Great Barrington Declaration, la petizione per l’immunità di gregge
Great Barrington Declaration, la petizione per l’immunità di gregge
Firmato da esperti in tutto il mondo, è un manifesto che chiede di tutelare dal virus le fasce più a rischio ma di consentire a tutti gli altri la normalità, puntando verso l’immunità naturale
La lezione asiatica, che il mondo ha ignorato
La lezione asiatica, che il mondo ha ignorato
I paesi dell’area Asia-Pacifico vivono situazioni decisamente migliori rispetto all’Occidente. Merito di strategie precise, comunicazioni efficaci e decisioni condivise che non generano malumori