Viaggio nel misterioso laboratorio di Wuhan

| L’istituto di ricerca biomolecolare al centro delle teorie complottiste, conserva 1.500 ceppi di virus fra i più letali. Secondo molti il Covid-19 sarebbe partito da lì, molto probabilmente per un incidente

+ Miei preferiti
Secondo le teorie complottiste che più hanno trovato terreno fertile sui social di tutto il mondo, il coronavirus non sarebbe nato per incesti primordiali fra animali selvaggi sui banchi del povero e sudicio mercato di Wuhan. Ma a poca distanza, all’interno dei segretissimi laboratori del “Wuhan Virology Institute”, una struttura di ricerca che custodisce e studia più di 1.500 virus mortali.

Le poche immagini in circolazione sulla struttura, comprese alcune pubblicate dall’inglese “Daily Star”, mostrano scienziati con un equipaggiamento simile a quello degli astronauti, necessario per avvicinare alcuni degli agenti patogeni più pericolosi che ci siano. Il laboratorio è specializzato anche nella ricerca di virus portati dai pipistrelli, proprio il dettaglio che lo ha messo al centro delle teorie complottiste. Anche se è opinione diffusa tra gli scienziati che la pandemia sia passata dagli animali agli esseri umani, e soprattutto che malgrado centinaia di esami e test, non sia mai emersa alcuna prova di “manipolazione umana” del genoma del virus.

Anche il governo britannico, seppure con grande cautela, sembra propendere per la fuga del virus, magari non voluta e causata da un incidente. Ipotesi seccamente smentita da Pechino che però lascia sempre un po’ di dubbi, vista la storica e tradizionale ritrosia a raccontare la verità.

L’esperto americano di biosicurezza professor Richard Ebright del “Waksman Institute of Microbiology” della Rutgers University, in New Jersey, afferma che anche se il virus non è stato creato nel laboratorio, potrebbe essere fuggito proprio da lì durante le fasi di analisi: “La raccolta, la coltura, l’isolamento o l’infezione animale rappresentano un altissimo rischio di infezione per gli operatori. Questo significa che Covid-19 potrebbe non essere un prodotto di laboratorio, ma un semplice e drammatico incidente di percorso”. Contro le ipotesi del professor Ebright è partita l’ennesima levata di scudi della comunità scientifica internazionale: “Una teoria complottista non si preoccupa mai della verità. Si preoccupa solo di creare dubbi e ansia. E in tempi di crisi è più facile spiegare la comparsa del Covid-19 come il risultato di un atto di incompetenza di un laboratorio piuttosto che ammettere che la natura e l’evoluzione, aiutate da fattori ambientali e dalle intrusioni umane negli ecosistemi ambientali, si traducono in un’evoluzione virale”.

Galleria fotografica
Viaggio nel misterioso laboratorio di Wuhan - immagine 1
Viaggio nel misterioso laboratorio di Wuhan - immagine 2
Viaggio nel misterioso laboratorio di Wuhan - immagine 3
Viaggio nel misterioso laboratorio di Wuhan - immagine 4
Viaggio nel misterioso laboratorio di Wuhan - immagine 5
CORONAVIRUS
La virologa cinese fuggita per raccontare la verità
La virologa cinese fuggita per raccontare la verità
Alla dottoressa Li-Meng Yan è stato chiesto di indagare su un nuovo virus, ma di considerare segreti i risultati. Terrorizzata all’idea di quanto poteva succedere, lei ha raccontato tutto ad un blogger e ha chiesto protezione in America
Il virus torna a far paura
Il virus torna a far paura
Un nuovo aumento dei casi si registra in tutto il mondo: gli Stati Uniti continuano a guidare la classifica, ma altri Paesi non sono messi meglio
L’OMS: «Non siamo ancora al picco»
L’OMS: «Non siamo ancora al picco»
In un solo weekend raggiunti i 400mila casi a livello globale, quanti registrati in precedenza in 12 settimane. L’Organizzazione Mondiale della Sanità ammette: “Non è ancora finita”
GB, il ritorno nei pub e le prime conseguenze
GB, il ritorno nei pub e le prime conseguenze
Dopo il Super Saturday di riapertura, diversi locali costretti a chiudere per via di clienti risultati positivi al test
USA: il virus non molla
USA: il virus non molla
Basta un allentamento delle misure di contenimento perché il numero di casi schizzi alle stelle con migliaia di nuovi infetti. Ed è solo la prima ondata
Australia, torna il lockdown per 6,6 milioni di persone
Australia, torna il lockdown per 6,6 milioni di persone
Lo stato di Victoria sta per blindare i propri confini dopo un aumento di casi che fa temere l'inizio della seconda ondata
Il lockdown ha salvato milioni di persone
Il lockdown ha salvato milioni di persone
Lo dice uno studio statistico realizzato da alcuni scienziati, che hanno confrontato le risposte sanitarie di alcuni fra i Paesi più colpiti dal virus: chi ha atteso i numeri bassi e chi invece ha fatto tutto troppo in fretta
Il virus è più aggressivo ma meno letale
Il virus è più aggressivo ma meno letale
I risultati d uno studio hanno individuato una nuova variante del Covid-19 da 3 a 9 volte più infettiva, ma meno letale di poche settimane fa
La bomba del Medioriente: virus, guerre e carestie
La bomba del Medioriente: virus, guerre e carestie
Il numero dei contagi è sottostimato, ma alle conseguenze di una pandemia inarrestabile si aggiungono crisi economiche e conflitti che stanno riducendo alla fame intere popolazioni
Australia, un focolaio nato da un accendino
Australia, un focolaio nato da un accendino
Diversi dipendenti di un hotel sarebbero stati contagiati scambiandosi un semplice accendino. Preoccupazione nel paese per l’aumento dei casi