Viaggio nel misterioso laboratorio di Wuhan

| L’istituto di ricerca biomolecolare al centro delle teorie complottiste, conserva 1.500 ceppi di virus fra i più letali. Secondo molti il Covid-19 sarebbe partito da lì, molto probabilmente per un incidente

+ Miei preferiti
Secondo le teorie complottiste che più hanno trovato terreno fertile sui social di tutto il mondo, il coronavirus non sarebbe nato per incesti primordiali fra animali selvaggi sui banchi del povero e sudicio mercato di Wuhan. Ma a poca distanza, all’interno dei segretissimi laboratori del “Wuhan Virology Institute”, una struttura di ricerca che custodisce e studia più di 1.500 virus mortali.

Le poche immagini in circolazione sulla struttura, comprese alcune pubblicate dall’inglese “Daily Star”, mostrano scienziati con un equipaggiamento simile a quello degli astronauti, necessario per avvicinare alcuni degli agenti patogeni più pericolosi che ci siano. Il laboratorio è specializzato anche nella ricerca di virus portati dai pipistrelli, proprio il dettaglio che lo ha messo al centro delle teorie complottiste. Anche se è opinione diffusa tra gli scienziati che la pandemia sia passata dagli animali agli esseri umani, e soprattutto che malgrado centinaia di esami e test, non sia mai emersa alcuna prova di “manipolazione umana” del genoma del virus.

Anche il governo britannico, seppure con grande cautela, sembra propendere per la fuga del virus, magari non voluta e causata da un incidente. Ipotesi seccamente smentita da Pechino che però lascia sempre un po’ di dubbi, vista la storica e tradizionale ritrosia a raccontare la verità.

L’esperto americano di biosicurezza professor Richard Ebright del “Waksman Institute of Microbiology” della Rutgers University, in New Jersey, afferma che anche se il virus non è stato creato nel laboratorio, potrebbe essere fuggito proprio da lì durante le fasi di analisi: “La raccolta, la coltura, l’isolamento o l’infezione animale rappresentano un altissimo rischio di infezione per gli operatori. Questo significa che Covid-19 potrebbe non essere un prodotto di laboratorio, ma un semplice e drammatico incidente di percorso”. Contro le ipotesi del professor Ebright è partita l’ennesima levata di scudi della comunità scientifica internazionale: “Una teoria complottista non si preoccupa mai della verità. Si preoccupa solo di creare dubbi e ansia. E in tempi di crisi è più facile spiegare la comparsa del Covid-19 come il risultato di un atto di incompetenza di un laboratorio piuttosto che ammettere che la natura e l’evoluzione, aiutate da fattori ambientali e dalle intrusioni umane negli ecosistemi ambientali, si traducono in un’evoluzione virale”.

Galleria fotografica
Viaggio nel misterioso laboratorio di Wuhan - immagine 1
Viaggio nel misterioso laboratorio di Wuhan - immagine 2
Viaggio nel misterioso laboratorio di Wuhan - immagine 3
Viaggio nel misterioso laboratorio di Wuhan - immagine 4
Viaggio nel misterioso laboratorio di Wuhan - immagine 5
CORONAVIRUS
THE WUHAN PAPERS
THE WUHAN PAPERS
Nella più importante fuga di notizie dall’inizio della pandemia, 117 pagine di documenti dimostrano l’inefficienza, le carenze, la cattiva gestione e gli insabbiamenti della Cina nelle prime fasi del Covid-19
Casi in aumento in Asia, ma nessun timore
Casi in aumento in Asia, ma nessun timore
In Cina, Corea del Sud e Hong Kong si segnalano nuovi casi, ma la situazione è così sotto controllo che è difficile sfugga. Al contrario di Europa e Stati Uniti, dove secondo gli esperti una terza ondata è assai probabile
New York, 700 cadaveri nei camion frigorifero
New York, 700 cadaveri nei camion frigorifero
Sono fermi dallo scorso aprile: di 230 non si riesce a rintracciare nessun parente prossimo, per tutti gli altri le famiglie non sono in grado di pagare una sepoltura
Vaccini: è iniziata la corsa al ghiaccio secco
Vaccini: è iniziata la corsa al ghiaccio secco
Ne serviranno quantità enormi per trasportare in tutto il mondo le dosi necessarie a vaccinare le popolazioni. Un’operazione che dovrà affrontare enormi difficoltà nelle zone più povere e dimenticate del mondo
Russia, la storia oscura della pandemia
Russia, la storia oscura della pandemia
La situazione nel Paese sembra ben più grave e allarmante di quella che gli organi ufficiali raccontano, a cominciare dalle cifre delle vittime, falsate da un metodo di conteggio del tutto anomalo
Il primo test per il Covid africano, il più economico al mondo
Il primo test per il Covid africano, il più economico al mondo
Sviluppato dall’Istituto Pasteur di Dakar, in Senegal, è simile ai test dell’insulina: basta una goccia di sangue su una striscia di reagente. Sarà venduto a un dollaro e distribuito in modo massiccio in tutto il continente africano
La coppia che salverà il mondo
La coppia che salverà il mondo
Dietro la clamorosa notizia del vaccino c’è l’impegno di una coppia di biologi tedeschi, entrambi figli di immigrati turchi e oggi a capo della “BioNTech”, azienda che ha collaborato nella ricerca con il colosso “Pfizer”
Johnson: lockdown in tutta l’Inghilterra
Johnson: lockdown in tutta l’Inghilterra
Il provvedimento, che non riguarda l’intero Regno Unito, aggiunge il Paese al lungo elenco di misure adottate dai vicini europei. Più di 250 milioni di persone nella UE sono già bloccate a casa
200 giorni senza un contagio, il caso Taiwan
200 giorni senza un contagio, il caso Taiwan
L’ultimo accertato risale alla domenica di Pasqua. Merito di una risposta veloce e di una ferrea e accuratissima strategia di tracciamento dei contatti
Il Covid, compagno di strada anche nel 2021
Il Covid, compagno di strada anche nel 2021
Un noto e influente epidemiologo giapponese toglie il velo alle speranze che i primi vaccini possano essere risolutivi: “Dobbiamo imparare a convivere con il virus per molto tempo”