La "Con Queen", diabolica imitatrice di voci

| Fbi a caccia di una donna, forse asiatica, che imita alla perfezione le voci delle più importanti manager e imprenditrici Usa. E' riuscita a convincere decine di persone a pagare somme ingenti per lavori di prestigio inesistenti

+ Miei preferiti

Funzionari dell'FBI e la NYPD hanno aperto un’indagine per accertare l'identità di un'artista del crimine, nome d’arte “Con Queen”, che imita alla perfezione potenti dirigenti femminili dell'industria dello spettacolo per truffare i lavoratori di vari settori, soprattutto nel cinema e nei media, rivela la rivista The Hollywood Reporter. La prima inchiesta dopo la pubblicazione di un documento, frutto di un'indagine finanziata dalle vittime, in cui venivano descritte le truffe, con due registrazioni vocali del presunto impostore in azione. La "Con Queen"  avrebbe truffato centinaia di migliaia di dollari impersonando dirigenti dell'industria femminile, tra cui l'ex presidente di Sony Pictures Amy Pascal, il produttore di Star Wars Kathleen Kennedy e il regista Lesli Linka Glatter. La “Regina”, in realtà, potrebbe, essere un uomo, abilissimo a imitare le voci.  Un'unità speciale della NYPD è forse vicina alla soluzione del caso, sta "lavorando per confermare l'identità del truffatore o della truffatrice". Allo stesso tempo, l'FBI ha avviato un'indagine parallela che copre gli Stati Uniti, l'Europa e l'Asia. Sia la NYPD che l'FBI si sono chiuse nel massimo riserbo.

Ma la "Con Queen" non si ferma. Altre due donne manager di alto profilo, sono state recentemente impersonate dal truffatore e continuano ad emergere altre vittime. Una è una dirigente di successo di Hollywood, l'altra è una figura pubblica con un forte patrimonio alle spalle. Indaga anche la società di sicurezza K2 Intelligence, assunta da diversi dirigenti presi di mira dalle diaboliche imitazione. L'imitatrice, con l'aiuto di un team di collaboratori con una base in Indonesia e, forse, nel Regno Unito, usa l’immagine e il prestigio delle dirigenti per convincere le persone del settore - stilisti, stuntman, fotografi e altri - a recarsi in Indonesia con promesse di lavoro. Una volta arrivati a destinazione, sono invitati a pagare le spese di viaggio iniziali, con promesse di rimborso. Il lavoro non esiste e seguono altre richieste. Si stima che collettivamente le vittime di Con Queen abbiano   pagato complessivamente milioni di dollari. Inoltre, molti di loro hanno sofferto un danno psicologico ed emotivo per l’inganno subito.

L’analisi della voce registrata, secondo gli esperti della polizia, potrebbe appartenere ad un uomo. Sono stati assunti due linguisti per analizzare le registrazioni del truffatore. Ma resta in campo l’ipotesi che sia invece una donna e una seconda complice. Altri esperti sostengono che la che l'impostore è probabilmente una femmina asiatica. "Concludo che entrambe le voci sono femminili", dice Carole Chaski, una linguista forense del Delaware che dirige l'Istituto non profit per l'Evidenza Linguistica, che fornisce analisi per cause penali e civili. Chaski indica l'intonazione relativamente alta della voce dell'impostore, il sussurro occasionale e altri marcatori linguistici, come "variazione prosodica", che descrive la gamma dell'intonazione di una voce, che indicano una probabile voce femminile. Chaski,ritiene che mentre la voce dell’impostore è "fluente" in inglese, la voce non è un "native American" di lingua. "L'accento suona come l'inglese asiatico, forse proveniente dalla Malesia, dall'Indonesia o dalle Filippine", dice Chaski. "Le tracce dell'accento britannico potrebbero essere dovute all'età, con la persona che è stata educata in un paese a dominanza britannica prima degli anni '90, quando l'inglese americano è diventato più comune nelle scuole in Asia, o potrebbe essere dovuto all'aver vissuto nel Regno Unito”. I suoi risultati sono in linea con le conclusioni degli investigatori del K2, che in precedenza avevano scoperto che l'impostore era probabilmente una donna asiatica, fluente in inglese, ma basata - e quindi forse da - fuori degli Stati Uniti. La prima impresa della Con Queen risale al 2013, e forse anche prima, ed è possibile che il sistema si sia ulteriormente allargato, usando la stessa tecnica dell’imitazione delle voci.

Criminal Files
Jeffrey Epstein: pedofilia, ricatti e servizi segreti
Jeffrey Epstein: pedofilia, ricatti e servizi segreti
Il primo libro dedicato alla vicenda del miliardario pedofilo racconta una verità molto più articolata: Epstein sarebbe stato al soldo dei servizi segreti di paesi stranieri, per cui ricattava i potenti della Terra
Giappone, il serial killer di Twitter
Giappone, il serial killer di Twitter
I post che il 29enne Takahiro Shiraishi scambiava con le 9 vittime che ha ucciso e smembrato, sono stati analizzati da uno psicologo che ha tracciato il profilo di un giovane tanto spietato quanto abile con le tecniche di persuasione
Il mostro di Marcinelle potrebbe tornare in libertà
Il mostro di Marcinelle potrebbe tornare in libertà
Fra le proteste generali, un tribunale belga ha incaricato un team di psicologi di valutare la salute mentale del pedofilo Marc Dutroux, condannato all’ergastolo per gli omicidi di 5 ragazze giovanissime
Ivan Milat, il serial killer che tormenta l’Australia
Ivan Milat, il serial killer che tormenta l’Australia
Con la morte dell’omicida dei “Backpacker Murders”, diventa difficile appurare se le sue vittime siano state 7 o molte di più, come sospetta da tempo la polizia
Samuel Little, il più spietato serial killer d’America
Samuel Little, il più spietato serial killer d’America
Continua a confessare, con tanto di disegni e descrizioni, i 93 delitti di cui ricorda ogni particolare. L’FBI è riuscita a ricostruire 50 casi, ma chiede aiuto pubblicamente per dare un nome alle altre vittime
L’estate del figlio di Sam
L’estate del figlio di Sam
Il 29 luglio di 43 anni fa, iniziava una scia di sangue costata la vita a sei persone che avrebbe macchiato le strade di New York per un anno intero. Protagonista David Berkowitz, un serial killer satanista che aveva sfidato la polizia
La più giovane della Manson Family chiede la libertà
La più giovane della Manson Family chiede la libertà
Per 23 volte dal 1971, i legali di Leslie Van Houten hanno presentato istanza di libertà vigilata, sempre respinta. La donna faceva parte del gruppo che massacrò i coniugi LaBianca, il giorno successivo all’omicidio di Sharon Tate
Se il tradimento innesca l'omicidio
Se il tradimento innesca l
Al centro de delitto di Gorlago un triangolo mortale: lei, la moglie tradita, lui il marito fedifrago, l'amante che non accetta la fine della relazione. Alla fine uno deve morire. I precedenti giudiziari
Whitey Bulger, il bandito che piaceva a Hollywood
Whitey Bulger, il bandito che piaceva a Hollywood
A capo di una gang, per lungo tempo è stato il padrone di Boston e del Massachusetts, riuscendo a trattare perfino con l’FBI. Arrestato dopo 17 anni latitanza, è stato ucciso in carcere
Germania: l’infermiere serial killer
Germania: l’infermiere serial killer
Ha ammesso di aver ucciso almeno 100 pazienti delle cliniche in cui ha lavorato. Ma secondo la polizia potrebbero essere almeno il doppio