I tanti misteri della morte di Kasia Lenhardt

| Gli inquirenti scavano nel passato della modella ex fidanzata di Jerome Boateng, trovata senza vita probabilmente per suicidio, ma dal passato oscuro

+ Miei preferiti
Mentre pare non ci siano dubbi sul suicidio, la morte della modella polacca Kasia Lenhardt assume sempre più i contorni di un puzzle tinto di giallo difficile da ricomporre.

A conferma della tesi del suicidio della modella 25enne, oltre ai primi rilievi effettuati sul cadavere, ci sarebbero gli inquietanti messaggi postati sulla propria pagina Instagram, che fanno pensare al gesto estremo di una persona in forte stato depressivo. Kasia Lenhardt è stata ritrovata senza vita dalla polizia il 9 febbraio scorso nel suo elegante appartamento nel centralissimo quartiere di Charlottenburg, a Berlino: messi in allarme da una segnalazione dei parenti, che da giorni non riuscivano a mettersi in contatto con lei, gli agenti hanno fatto irruzione rinvenendo il corpo della modella ormai senza vita. Nell’appartamento, nulla che facesse pensare ad una colluttazione, un litigio violento o comunque che abbia dato il sospetto della presenza di altre persone.

Malgrado questo, agli investigatori qualcosa non torna, e hanno iniziato a scandagliare il recente passato della modella, fidanzata per un anno circa di Jerome Boateng, attaccante del Bayern Monaco: un rapporto complicato, si dice minato  da continui tradimenti, abusi e litigi, chiuso in maniera burrascosa e per nulla pacifico. A incrinare i rapporti fra i due un incidente stradale in cui Kasia era rimasta vittima mentre era a bordo dell’auto alla guida di Boateng, finita contro un palo della luce: per la modella era stato necessario ricorrere al ricovero in ospedale, dove gli esami le avevano riscontrato nel sangue valori alcolemici molto alti.

Una settimana prima della tragedia era stato Boateng, attraverso i social, ad annunciare la fine del fidanzamento con Kasia: oltre a chiedere scusa alla ex, il calciatore parlava di profonda delusione, chiedendo perdono anche ai suoi figli. Il giorno dopo, la Lenhardt aveva replicato con un post che ora suona come minaccioso: “Adesso si traccia una nuova linea. Basta”.

Ma a insospettire gli inquirenti sono soprattutto le parole di Sara Kulka, forse la migliore amica di Kasia, che attraverso il suo profilo Instagram cita “altre persone” che avrebbero spinto al suicidio la modella: “Spero che tutti coloro che li hanno ricattati, minacciati e messi sotto pressione si sentano il colpa”. Post che sono stati frettolosamente cancellati, ma su cui la polizia adesso vuol vederci chiaro.

Sulla vicenda è intervenuta anche un’altra amica della modella, Cathy Fischer, moglie di Mats Hummels, calciatore del Borussia Dortmund e amico di vecchia data di Boateng: “Kasia è morta anche per colpa degli haters: ci siamo ritrovate entrambe catapultate nel mondo del calcio, che può essere brutale e violento, mettendoti di fronte a pregiudizi, invidia e risentimento”. Lei stessa, ammette, ha avuto pensieri suicidi dopo essere stata vittima per lungo tempo di minacce e attacchi via social.

La notizia della morte ha scatenato incredulità in Germania, dove Kasia era molto nota per via della bellezza e grazie anche alla partecipazione nel 2012 al casting show “Germany’s Next Top Model”. Nata nell’aprile del 1995 a Leszno, in Polonia, entrata nel mondo della moda a 16 anni da protagonista, accumulando diversi rapporti sentimentali difficili che a neanche 19 anni l’avevo portata a diventare madre di un bimbo che oggi ha 6 anni. A fare luce almeno sulle cause della morte sarà l’autopsia.

Galleria fotografica
I tanti misteri della morte di Kasia Lenhardt - immagine 1
I tanti misteri della morte di Kasia Lenhardt - immagine 2
I tanti misteri della morte di Kasia Lenhardt - immagine 3
I tanti misteri della morte di Kasia Lenhardt - immagine 4
I tanti misteri della morte di Kasia Lenhardt - immagine 5
Criminal Files
Giappone: condannato a morte il «serial killer di Twitter»
Giappone: condannato a morte il «serial killer di Twitter»
Avvicinava sconosciuti con tendenze suicide e dopo averli violentati li uccideva e smembrava, conservando parti dei corpi nel freezer
Jeffrey Epstein: pedofilia, ricatti e servizi segreti
Jeffrey Epstein: pedofilia, ricatti e servizi segreti
Il primo libro dedicato alla vicenda del miliardario pedofilo racconta una verità molto più articolata: Epstein sarebbe stato al soldo dei servizi segreti di paesi stranieri, per cui ricattava i potenti della Terra
Giappone, il serial killer di Twitter
Giappone, il serial killer di Twitter
I post che il 29enne Takahiro Shiraishi scambiava con le 9 vittime che ha ucciso e smembrato, sono stati analizzati da uno psicologo che ha tracciato il profilo di un giovane tanto spietato quanto abile con le tecniche di persuasione
Il mostro di Marcinelle potrebbe tornare in libertà
Il mostro di Marcinelle potrebbe tornare in libertà
Fra le proteste generali, un tribunale belga ha incaricato un team di psicologi di valutare la salute mentale del pedofilo Marc Dutroux, condannato all’ergastolo per gli omicidi di 5 ragazze giovanissime
Ivan Milat, il serial killer che tormenta l’Australia
Ivan Milat, il serial killer che tormenta l’Australia
Con la morte dell’omicida dei “Backpacker Murders”, diventa difficile appurare se le sue vittime siano state 7 o molte di più, come sospetta da tempo la polizia
Samuel Little, il più spietato serial killer d’America
Samuel Little, il più spietato serial killer d’America
Continua a confessare, con tanto di disegni e descrizioni, i 93 delitti di cui ricorda ogni particolare. L’FBI è riuscita a ricostruire 50 casi, ma chiede aiuto pubblicamente per dare un nome alle altre vittime
L’estate del figlio di Sam
L’estate del figlio di Sam
Il 29 luglio di 43 anni fa, iniziava una scia di sangue costata la vita a sei persone che avrebbe macchiato le strade di New York per un anno intero. Protagonista David Berkowitz, un serial killer satanista che aveva sfidato la polizia
La più giovane della Manson Family chiede la libertà
La più giovane della Manson Family chiede la libertà
Per 23 volte dal 1971, i legali di Leslie Van Houten hanno presentato istanza di libertà vigilata, sempre respinta. La donna faceva parte del gruppo che massacrò i coniugi LaBianca, il giorno successivo all’omicidio di Sharon Tate
Se il tradimento innesca l'omicidio
Se il tradimento innesca l
Al centro de delitto di Gorlago un triangolo mortale: lei, la moglie tradita, lui il marito fedifrago, l'amante che non accetta la fine della relazione. Alla fine uno deve morire. I precedenti giudiziari
Whitey Bulger, il bandito che piaceva a Hollywood
Whitey Bulger, il bandito che piaceva a Hollywood
A capo di una gang, per lungo tempo è stato il padrone di Boston e del Massachusetts, riuscendo a trattare perfino con l’FBI. Arrestato dopo 17 anni latitanza, è stato ucciso in carcere