Il serial killer preso grazie a un falso profilo

| John Joseph DeAngelo, ex poliziotto, aveva ucciso una decina di donne negli anni '70, gli investigatori sono riusciti ad attirare l'attenzione di alcuni suoi familiari. Ricostruito l'albero genetico. Assassini seriali però in forte calo

+ Miei preferiti

Quando John Joseph DeAngelo, il “Golden State Killer”, è stato spinto dagli agenti in un'aula di tribunale con una tuta arancione, ammanettato a una sedia a rotelle, l'ex poliziotto californiano ha finalmente risposto alle domande su una serie di omicidi da lui commessi negli anni '70.

Veterano del Vietnam, aveva già iniziato a uccidere quando fu cacciato dalle forze di polizia alla fine degli anni Settanta. Ma per decenni la giustizia non è riuscita a individuarlo. Su di lui ora pendono 13 capi d'accusa di omicidio, sostenuti dai dati biologici. Il 72enne è stato arrestato dopo che gli investigatori avevano creato un profilo falso su un popolare sito di genealogia chiamato GEDmatch e qui hanno caricato dati genetici da un campione di DNA ben conservato della scena del crimine. Il sito web li ha poi, lentamente, condotti a diversi parenti lontani del sospetto che si erano collegati al profilo. L’avvocato Barbara Rae-Venter, esperta in genealogia genetica, ha poi ricostruito un albero genetico e, sulla base dei dati genetici, un profilo di uomo calvo dagli occhi azzurri. Grazie a questo lavoro da fantascienza, gli investigatori hanno individuato DeAngelo, che viveva tranquillamente in pensione in California.

Se la tanto attesa apparizione di DeAngelo in tribunale suggerisce che i serial killer esistono ancora, le tendenze a lungo termine indicano che i serial e mass killer, potrebbero già essere in declino nella società americana. Nel senso che il loro numero è in forte calo. L’autore Peter Vronsky, che ha appena pubblicato una nuova storia di serial killer, ha detto in un'intervista a Guardian il mese scorso: "Sembra che stiamo arrestando meno serial killer, e quando li arrestiamo hanno una lista delle vittime molto più piccola. Quindi sì, sembra esserci un declino delle uccisioni seriali in America. O ci sono meno serial killer o siamo diventati migliori nel catturarli prima".

Il database dei serial killer è stato sviluppato da Mike Aamodt, professore emerito della Radford University in Virginia. ANche lui concorda sul fatto che c'è stata una chiara tendenza al ribasso, ma invita alla cautela: "Non c'è dubbio che dagli anni '80 il numero di serial killer identificati sia diminuito. Ma sono cauto nel dire che c'è stato un calo nel numero di serial killer che possiamo identificare, potrebbero essere in circolazione migliaia di serial killer che non conosciamo e che per qualche ragione non li identifichiamo oggi come negli anni '70, '80 e '90. Tutto quello che sappiamo per certo è che c'è stato un calo del numero di persone identificate".

 
Criminal Files
Giappone, il serial killer di Twitter
Giappone, il serial killer di Twitter
I post che il 29enne Takahiro Shiraishi scambiava con le 9 vittime che ha ucciso e smembrato, sono stati analizzati da uno psicologo che ha tracciato il profilo di un giovane tanto spietato quanto abile con le tecniche di persuasione
Il mostro di Marcinelle potrebbe tornare in libertà
Il mostro di Marcinelle potrebbe tornare in libertà
Fra le proteste generali, un tribunale belga ha incaricato un team di psicologi di valutare la salute mentale del pedofilo Marc Dutroux, condannato all’ergastolo per gli omicidi di 5 ragazze giovanissime
Ivan Milat, il serial killer che tormenta l’Australia
Ivan Milat, il serial killer che tormenta l’Australia
Con la morte dell’omicida dei “Backpacker Murders”, diventa difficile appurare se le sue vittime siano state 7 o molte di più, come sospetta da tempo la polizia
Samuel Little, il più spietato serial killer d’America
Samuel Little, il più spietato serial killer d’America
Continua a confessare, con tanto di disegni e descrizioni, i 93 delitti di cui ricorda ogni particolare. L’FBI è riuscita a ricostruire 50 casi, ma chiede aiuto pubblicamente per dare un nome alle altre vittime
L’estate del figlio di Sam
L’estate del figlio di Sam
Il 29 luglio di 43 anni fa, iniziava una scia di sangue costata la vita a sei persone che avrebbe macchiato le strade di New York per un anno intero. Protagonista David Berkowitz, un serial killer satanista che aveva sfidato la polizia
La più giovane della Manson Family chiede la libertà
La più giovane della Manson Family chiede la libertà
Per 23 volte dal 1971, i legali di Leslie Van Houten hanno presentato istanza di libertà vigilata, sempre respinta. La donna faceva parte del gruppo che massacrò i coniugi LaBianca, il giorno successivo all’omicidio di Sharon Tate
Se il tradimento innesca l'omicidio
Se il tradimento innesca l
Al centro de delitto di Gorlago un triangolo mortale: lei, la moglie tradita, lui il marito fedifrago, l'amante che non accetta la fine della relazione. Alla fine uno deve morire. I precedenti giudiziari
Whitey Bulger, il bandito che piaceva a Hollywood
Whitey Bulger, il bandito che piaceva a Hollywood
A capo di una gang, per lungo tempo è stato il padrone di Boston e del Massachusetts, riuscendo a trattare perfino con l’FBI. Arrestato dopo 17 anni latitanza, è stato ucciso in carcere
Germania: l’infermiere serial killer
Germania: l’infermiere serial killer
Ha ammesso di aver ucciso almeno 100 pazienti delle cliniche in cui ha lavorato. Ma secondo la polizia potrebbero essere almeno il doppio
Preso "Il Missionario", serial killer di prostitute
Preso "Il Missionario", serial killer di prostitute
Texas, agente ha confessato quattro omicidi ma ci sono altre vittime. "Lotto contro la prostituzione". Ha ucciso tre donne e un trans con un colpo di pistola alla testa. Analogie con il pluri-assassino Donato Bilancia