Se il tradimento innesca l'omicidio

| Al centro de delitto di Gorlago un triangolo mortale: lei, la moglie tradita, lui il marito fedifrago, l'amante che non accetta la fine della relazione. Alla fine uno deve morire. I precedenti giudiziari

+ Miei preferiti
Di Germana Zuffanti
La vicenda è quella di Chiara Alessandric(nella foto), disoccupata e madre di tre bambini, da sabato in carcere a Brescia per avere ucciso a martellate la moglie dell’amante, Stefania Crotti, un anno in meno di lei.  Questa è la storia di una donna che uccide una donna, di un femminicidio operato a sangue freddo a Gorlago, paese con 5 mila abitanti in cui tutti sanno tutto di tutti. Una storia di tradimento come tante oramai, ma che spalanca ancora una volta le porte su un mondo distorto all’interno del triangolo stesso. Questa è la storia di una donna si sente vittima e diventa carnefice di chi, ai suoi occhi, merita la punizione estrema.

Oscar Canzanella, criminologo investigativo esperto in analisi dei Crimini Violenti, quale è la sua opinione su quanto è successo a questa povera donna? Un altro delitto scatenato dalla gelosia o follia pura?

Gorlago è un paese ci circa 5 mila abitanti della provincia di Bergamo, uno di quei paesi dove tutti si conoscono, dove le cose si vengono a sapere in poco tempo poiché le voci corrono veloci, come di sovente accade nei piccoli centri. Stefania Crotti era sposata con Stefano Del Bello, impiegata, genitori entrambi di Martina di sette anni, una famiglia medio borghese benestantecome molte nel bergamasco. Alcuni mesi fa Stefano aveva intrapreso una relazione con un’altra donna di nome Chiara Alessandri, del posto, separata e madre di tre bimbi. Dopo l’estate Stefano cambiava direzione con una retromarcia incondizionata, ritornava quindi sui suoi passi interrompendo la relazione extraconiugale con Alessandra, riconciliandosi con sua moglie. Quel ripensamento la Alessandri non lo accettava, un ripensamento imperdonabile, soprattutto poiché perdonato dalla moglie Stefania che rendeva indelebile quel perdono con il tatuaggio “Believe”, mentre Stefano si tatuava la frase “Liberi di sbagliare, liberi di ricominciare”. Tutto aveva ripreso il ritmo del passato sino al 4 gennaio scorso, quando Alessandra chiedeva una cortesia all’amico e imprenditore bergamasco Angelo Pezzotta, per aiutarlo nel mettere in atto una sorpresa ad un’amica, come registrato in un messaggio vocale indirizzato allo stesso Angelo “è l’ex marito che ora vuole farle questa sorpresa, visto che ora lei è tornata ad essere la sua  compagna. Lui vorrebbe fare questa cosa e ha chiesto a me di aiutarlo”, e ancora in un altro vocale “prima di incontrare il marito, scenderò dal furgone e troverà me e dovremo chiarirci io e lei prima di farle vedere il marito. A quel punto tu dovrai andartene. Se lei non si farà bendare annulliamo tutto perché lei non deve vedere che viene a casa mia”. Angelo non era immediatamente disponibile e così quel piano aveva inizio il successivo 17 gennaio, quando Angelo, ignaro delle vere intenzioni della Alessadri, incontrava Stefania all’uscita dall’ufficio, le consegnava una rosa rossa ed un biglietto con la scritta “Ti amo”. Stefania era dapprima titubante per l’estranea grafia sul manoscritto, poi veniva pervasa dalla cieca convinzione di un’amorevole sorpresa da parte di Stefano e accettava persino di farsi bendare sino a destinazione. In quel garage non c’era nessuna festa per Stefania, non c’erano invitati, non c’era nemmeno il suo Stefano, ma solo Chiara, fredda ideatrice di tutta la messa in scena: è così che si consumava un delitto, lo sfogo di una rabbia repressa e alimentata dalla vendetta per averle sottratto il suo uomo.

In un momento in cui sembrano esserci solo delitti di donne per mano di uomini, amanti o mariti violenti, quale è il posto che diamo ad omicidi come questi ?  Quale il comune denominatore?

Da una rievocazione criminologica ricordiamo altri delitti passionali italiani, tuttavia organizzati e premeditati nei particolari, come quello di Rita Fort, che, nella metà degli anni Quaranta della Milano operaia, era stata soprannominata “la belva di San Gregorio” e che nel corso del processo dichiarava “Accecata dalla gelosia, oltre che eccitata dal liquore, mi alzai andandole incontro.… Mi avventai sopra di lei e la colpii ripetutamente alla testa con un ferro che avevo preso in cucina. La Pappalardo cadde tramortita sul pavimento, io continuai a colpirla …”; oppure ancora il più recente delitto di Patrizia Reguzelli, 58 anni, moglie del medico di base 61enne Marzio Brigatti, ad opera della giovane specializzanda romana Vittoria Orlandi, condannata per omicidio a quattordici anni di carcere. Entrambi i delitti appena menzionati hanno un denominatore comune, quello della relazione sentimentale extraconiugale poi terminata e non accettata dall’amante. Un rifiuto che lascia l’amaro in bocca e che alimenta la vendetta, sino all’ omicidio. Si tratta quindi di delitti covati nella rabbia dell’abbandono, talvolta premeditati, altre volte frutto della spietata collera del momento e della gelosia. Spesso poi, la rabbia nasce nelle situazioni disperate in un cui ci si lega ad un uomo che diventa una speranza ed una via di fuga. Stefania ancora adesso nega di avere bruciato il corpo e per chi cerca di trovare una spiegazione al tutto non si capisce dove inizia la verità e finisca l’incubo.

 
 

Criminal Files
La più giovane della Manson Family chiede la libertà
La più giovane della Manson Family chiede la libertà
Per 23 volte dal 1971, i legali di Leslie Van Houten hanno presentato istanza di libertà vigilata, sempre respinta. La donna faceva parte del gruppo che massacrò i coniugi LaBianca, il giorno successivo all’omicidio di Sharon Tate
Whitey Bulger, il bandito che piaceva a Hollywood
Whitey Bulger, il bandito che piaceva a Hollywood
A capo di una gang, per lungo tempo è stato il padrone di Boston e del Massachusetts, riuscendo a trattare perfino con l’FBI. Arrestato dopo 17 anni latitanza, è stato ucciso in carcere
Germania: l’infermiere serial killer
Germania: l’infermiere serial killer
Ha ammesso di aver ucciso almeno 100 pazienti delle cliniche in cui ha lavorato. Ma secondo la polizia potrebbero essere almeno il doppio
Preso "Il Missionario", serial killer di prostitute
Preso "Il Missionario", serial killer di prostitute
Texas, agente ha confessato quattro omicidi ma ci sono altre vittime. "Lotto contro la prostituzione". Ha ucciso tre donne e un trans con un colpo di pistola alla testa. Analogie con il pluri-assassino Donato Bilancia
Il serial killer preso grazie a un falso profilo
Il serial killer preso grazie a un falso profilo
John Joseph DeAngelo, ex poliziotto, aveva ucciso una decina di donne negli anni '70, gli investigatori sono riusciti ad attirare l'attenzione di alcuni suoi familiari. Ricostruito l'albero genetico. Assassini seriali però in forte calo
Voleva aiutare un'amica: uccisa e fatta a pezzi
Voleva aiutare un
La morte di Lisa Marie Velasquez scuote New York. Aggredita dal compagno di un'amica, lei era accorsa per soccorrerla. Uccisa con una martellata e poi smembrata. A 12 anni anni vide strangolare la madre
La "Con Queen", diabolica imitatrice di voci
La "Con Queen", diabolica imitatrice di voci
Fbi a caccia di una donna, forse asiatica, che imita alla perfezione le voci delle più importanti manager e imprenditrici Usa. E' riuscita a convincere decine di persone a pagare somme ingenti per lavori di prestigio inesistenti
Gli omicidi del Tylenol
Gli omicidi del Tylenol
Sette morti per aver ingerito un farmaco da banco manomessi con il cianuro. Un caso di cronaca tutt’ora irrisolto, che ha cambiato le regole per le confezioni dei medicinali
Il mostro scrive alle vittime: "Vi chiedo perdono"
Il mostro scrive alle vittime: "Vi chiedo perdono"
Il pluri-omicida pedofilo belga Marc Dutroux, 61 anni, scrive alle vittime sopravvissute e ai familiari delle vittime: "Mi sento responsabile, ma sono pentito". Dopo 22 anni di cella vorrebbe la libertà condizionale
L’assassino di John Lennon chiede la libertà
L’assassino di John Lennon chiede la libertà
Come ogni anno dal 2000, Mark David Chapman presenta istanza di scarcerazione sulla parola per buona condotta. Una concessione finora negata