Whitey Bulger, il bandito che piaceva a Hollywood

| A capo di una gang, per lungo tempo è stato il padrone di Boston e del Massachusetts, riuscendo a trattare perfino con l’FBI. Arrestato dopo 17 anni latitanza, è stato ucciso in carcere

+ Miei preferiti
Per spiegare la sinistra celebrità di James “Whitey” Bulger è sufficiente un dato: per anni è stato il secondo uomo più ricercato d’America, superato solo dal nemico pubblico numero uno, Osama Bin Laden. 

La leggenda nera di Whitey Bulger si è fermata qualche giorno fa nel chiuso di una cella di un carcere di massima sicurezza del West Virginia, dove era stato trasferito da poco e dove qualcuno lo ha ucciso.

Aveva 89 anni ed una fama da spietato criminale guadagnata in due decenni, fra gli anni Settanta e gli Ottanta, in cui ha seminato sangue e violenza lungo le strade americane, e la cui storia è stata più volte ripresa dal cinema, compresi “The Departed” di Martin Scorsese, con Jack Nicholson, e “Brack Mass, l’ultimo gangster”, dove a dargli un volto è stato Johnny Depp.

Nato a Dorchester, un quartiere di Boston, nel settembre del 1929, James Joseph Bulger Jr., per tutti “Whitey”, cresce fra mille difficoltà e ristrettezze in una famiglia numerosa: a 10 anni fugge di casa per unirsi a un circo, ma solo quattro anni dopo visita per la prima volta una prigione, dove lo rinchiudono per furto. È solo la prima volta di un lunga carriera criminale che lo avrebbe portato a visitare numerosi penitenziari celebri, fra cui quello di Alcatraz. Tenta anche la carriera militare arruolandosi nell’aeronautica, ma l’innata passione di impadronirsi di quel che non è suo lo porta rapidamente a rimediare l’espulsione dall’esercito.

All’inizio degli anni Settanta, dopo aver fatto piazza pulita degli avversari interni ed esterni nelle bande che si dividono i mercati illeciti della città, Whitey diventa il leader della “Winter Hill Gang” e di conseguenza uno degli uomini più temuti di Boston e dell’intero Massachusetts. Un potere che oltre a mantenere saldamente il controllo dello spaccio degli stupefacenti, lo porta addirittura nella posizione di poter trattare con l’FBI, disposta a chiudere un occhio in cambio di informazioni sulla gang rivale, quella dei “Patriarca” gestita dai fratelli Angiulo, che Whitey è ben contento di eliminare, e per di più senza sporcarsi le mani di sangue.

Nel 1995, quando il patto segreto diventa uno scandalo che inorridisce l’opinione pubblica, Whitey Bulger riceve l’ultima soffiata da John Connolly, un ex agente che lo avvisa dell’arrivo della polizia, con tanto di mandato di cattura. Whitey riesce a fuggire facendosi beffa della polizia e dei federali per lungo tempo, malgrado i due milioni di dollari che pendono sulla sua testa. Viene arrestato nel 2011, e solo grazie alla soffiata di qualcuno che lo ha visto aggirarsi a Santa Monica, in California, nei pressi dell’abitazione della sua donna di sempre, Catherine Greig. Nell’appartamento ha un vero arsenale e 900mila dollari in contanti.

Due anni dopo, nel 2013, viene condannato a due ergastoli per undici omicidi e una sfilza infinita di reati fra cui associazione a delinquere, racket federale, spaccio di droga, corruzione ed estorsione.

Il 30 ottobre 2018, in una cella del carcere federale della contea di Preston, Whitey Bulger viene ucciso in circostanze non ancora rivelate dalla polizia, a parte un dettaglio non da poco: il suo compagno di cella è un soggetto considerato molto vicino agli ambienti della mafia americana. La vendetta è un piatto da consumare freddo, si sa.

Galleria fotografica
Whitey Bulger, il bandito che piaceva a Hollywood - immagine 1
Whitey Bulger, il bandito che piaceva a Hollywood - immagine 2
Criminal Files
Giappone, il serial killer di Twitter
Giappone, il serial killer di Twitter
I post che il 29enne Takahiro Shiraishi scambiava con le 9 vittime che ha ucciso e smembrato, sono stati analizzati da uno psicologo che ha tracciato il profilo di un giovane tanto spietato quanto abile con le tecniche di persuasione
Il mostro di Marcinelle potrebbe tornare in libertà
Il mostro di Marcinelle potrebbe tornare in libertà
Fra le proteste generali, un tribunale belga ha incaricato un team di psicologi di valutare la salute mentale del pedofilo Marc Dutroux, condannato all’ergastolo per gli omicidi di 5 ragazze giovanissime
Ivan Milat, il serial killer che tormenta l’Australia
Ivan Milat, il serial killer che tormenta l’Australia
Con la morte dell’omicida dei “Backpacker Murders”, diventa difficile appurare se le sue vittime siano state 7 o molte di più, come sospetta da tempo la polizia
Samuel Little, il più spietato serial killer d’America
Samuel Little, il più spietato serial killer d’America
Continua a confessare, con tanto di disegni e descrizioni, i 93 delitti di cui ricorda ogni particolare. L’FBI è riuscita a ricostruire 50 casi, ma chiede aiuto pubblicamente per dare un nome alle altre vittime
L’estate del figlio di Sam
L’estate del figlio di Sam
Il 29 luglio di 43 anni fa, iniziava una scia di sangue costata la vita a sei persone che avrebbe macchiato le strade di New York per un anno intero. Protagonista David Berkowitz, un serial killer satanista che aveva sfidato la polizia
La più giovane della Manson Family chiede la libertà
La più giovane della Manson Family chiede la libertà
Per 23 volte dal 1971, i legali di Leslie Van Houten hanno presentato istanza di libertà vigilata, sempre respinta. La donna faceva parte del gruppo che massacrò i coniugi LaBianca, il giorno successivo all’omicidio di Sharon Tate
Se il tradimento innesca l'omicidio
Se il tradimento innesca l
Al centro de delitto di Gorlago un triangolo mortale: lei, la moglie tradita, lui il marito fedifrago, l'amante che non accetta la fine della relazione. Alla fine uno deve morire. I precedenti giudiziari
Germania: l’infermiere serial killer
Germania: l’infermiere serial killer
Ha ammesso di aver ucciso almeno 100 pazienti delle cliniche in cui ha lavorato. Ma secondo la polizia potrebbero essere almeno il doppio
Preso "Il Missionario", serial killer di prostitute
Preso "Il Missionario", serial killer di prostitute
Texas, agente ha confessato quattro omicidi ma ci sono altre vittime. "Lotto contro la prostituzione". Ha ucciso tre donne e un trans con un colpo di pistola alla testa. Analogie con il pluri-assassino Donato Bilancia
Il serial killer preso grazie a un falso profilo
Il serial killer preso grazie a un falso profilo
John Joseph DeAngelo, ex poliziotto, aveva ucciso una decina di donne negli anni '70, gli investigatori sono riusciti ad attirare l'attenzione di alcuni suoi familiari. Ricostruito l'albero genetico. Assassini seriali però in forte calo