È il D-Day per i ragazzi nella grotta

| Sono partite le operazioni di salvataggio: “Non siamo mai stati così pronti”, hanno detto i coordinatori dell’imponente macchina dei soccorsi

+ Miei preferiti
Non c’è più tempo da perdere: le piogge sono tornate con forza a martellare la zona delle grotte di Tham Luang e si teme il rischio di nuove inondazioni. Anche l’ossigeno inizia a mancare e nell’aria c’è ancora la morte pesante di Saman Kunan, l’ex Navy Seal thailandese giunto sul posto come volontario.

Dalle prima luci dell’alba, i soccorritori hanno dato il via all’imponente operazione di salvataggio degli 11 ragazzi e il loro allenatore, da due settimane prigionieri di una grotta invasa dall’acqua e dal fango. Scartate una dopo l’altra le ipotesi di creare un condotto nella montagna e perfino quella di attendere la fine della stagione delle piogge: quel che sta per arrivare dal cielo potrebbe essere ben peggiore di quel che è arrivato finora.

L’enorme apparato di media, parenti e curiosi che da giorni ha preso possesso dell’esterno delle grotte è stato fatto allontanare su ordine di Narongsak Osottanakorn, uno dei responsabili delle operazioni, che ha annunciato la prossima partenza di 18 sommozzatori con il compito di “Andare a prendere i ragazzi: questo è il loro D-Day, e sono tutti pronti”. Una decisione improvvisa, ma comunque supportata dal via libera di medici e psicologi, che hanno valutato in buona forma fisica e mentale i ragazzi nella grotta.

Dopo aver pompato fuori 128 milioni di litri d’acqua, è arrivato il via libera: “Non c’è giorno migliore: siamo pronti e non possiamo perdere l’occasione”. È probabile che il gruppo sia costretto ad alternare tratti a piedi ad arrampicate ed immersioni: la parte critica del percorso che attende i ragazzi è quella iniziale, attraverso passaggi stretti, pericolosi e tutt’ora sommersi.

A metà del percorso è stata creata una postazione chiamata “T-Junction”, abbastanza ampia per far riprendere fiato a i ragazzi. Da quel punto arriveranno alla caverna che in queste settimana è diventata la base avanzata dei soccorritori. I ragazzi avranno l’opportunità di riposarsi ancora per poi affrontare l’ultimo tratto, il più semplice, che li condurrà all’esterno per poi essere trasportati all’ospedale di Chiang Rai, dove tutto è predisposto per accoglierli.

Nessuno nasconde le difficoltà: il percorso verso la libertà dei ragazzi richiede 11 ore di pazienza e cautela per ognuno di loro. Lo dimostra, ancora una volta, la morte di Saman Gunan, un destino tragico che in realtà spinge ancor di più sulla forza di volontà dei soccorritori: “Non lasceremo che il suo sacrificio vada sprecato”.

I primi ragazzi, che saranno divisi in quattro gruppi, potrebbero arrivare all’esterno alle 21 ora locale, le 14 in Europa, ma proprio per la lunghezza e le difficoltà, potrebbero essere necessari da due a tre giorni per estrarli tutti. Ekapol Chanthawong, l’allenatore, uscirà per ultimo: è il più debole del gruppo. Travolto dai sensi di colpa, si è rifiutato di mangiare, lasciando le sue razioni ai ragazzi. Con una lettera ha chiesto perdono ai genitori dei ragazzi: qualcuno lo accusa di negligenza, altri hanno accettato le sue scuse. Una volta uscito, probabilmente dovrà rispondere davanti alla giustizia della scelta scellerata di guidare 11 ragazzini in una grotta, durante la stagione delle piogge.

Cronaca
Il giallo dei cani di Lady Gaga
Il giallo dei cani di Lady Gaga
Impegnata a Roma sul set di “Gucci”, in cui interpreta Patrizia Reggiani, l’artista è stata raggiunta dalla notizia del sequestro di due dei suoi tre amatissimi french bulldog. Il dog-sitter di fiducia ferito con 4 colpi di pistola
Influencer uccide la madre e le strappa il cuore
Influencer uccide la madre e le strappa il cuore
Anna Leikovic, 21 anni, ha assassinato la donna con un coltello da cucina strappandole diversi organi. La donna aveva scoperto che in sua assenza la figlia era diventata tossicodipendente
Il mistero dei Pirenei: travel blogger scompare nel nulla
Il mistero dei Pirenei: travel blogger scompare nel nulla
Esther Dingley manca all’appello ormai da più di 10 giorni: la polizia valuta l’ipotesi dell’incontro con un malintenzionato, ma anche la foto dell’impronta di un grosso orso inviata dalla donna poco prima di scomparire
Il mistero dell’influencer trovata morta
Il mistero dell’influencer trovata morta
Alexis Leigh Sharkley, 26 anni, era scomparsa venerdì a Houston senza lasciare traccia: il corpo nudo è stato visto da un operaio. È mistero fitto sulla morte: il corpo non presenta ferite
Dal reparto psichiatrico alla carriera da modella
Dal reparto psichiatrico alla carriera da modella
L’incredibile storia di Lucy May Dawson, una giovane inglese che viene ricoverata e curata per un forte esaurimento nervoso. Sembrava che per lei non ci fosse altro da fare, fin quando è arrivata la diagnosi corretta
Ricompare dopo un anno una modella svanita nel nulla
Ricompare dopo un anno una modella svanita nel nulla
Eloisa Pinto Fontes, 26 anni, era scomparsa senza lasciare traccia un anno fa a New York. È stata ritrovata in una favela di Rio mentre vagava in stato confusionale
La misteriosa morte dell’ex pornostar Zoe Parker
La misteriosa morte dell’ex pornostar Zoe Parker
Sarebbe morta nel sonno a soli 24 anni: dopo una carriera fulminea nel mondo dell’hard aveva scelto di tornare dalla famiglia in Texas e contava di sposarsi a breve
Notte di sangue a Birmingham
Notte di sangue a Birmingham
Una non meglio precisata “serie di accoltellamenti” che avrebbero coinvolto diverse persone, avvenuti nella zona della movida e del quartiere LGBT. La polizia non si sbilancia sulla matrice dell’episodio
Rock and Virus
Rock and Virus
Il concerto degli “Smash Mount” durante il motoraduno di Sturgis, si sta trasformando in un focolaio che fa il pieno di contagi e vittime. L’ira dei social verso la band, accusata di fomentare la folla urlando che il Covid non esiste
Londra, condannato il killer che nascondeva i corpi di due donne nel congelatore
Londra, condannato il killer che nascondeva i corpi di due donne nel congelatore
I cadaveri di Henriett Szcus e Mihrican Mustafa ritrovati casualmente dalla polizia un anno fa nell’appartamento di Zahid Younis, 36 anni, condannato all’ergastolo