1 maggio, tutto come previsto antagonisti contro la polizia

| Scontri in pieno centro a Torino, erano pianificati da giorni dai centri sociali. Grillini criticano non i violenti ma le istituzioni

+ Miei preferiti
Scontri tra autonomi, anarchici e centri sociali e le forze dell'ordine, com'è tradizione per la festa del primo maggio. Lo spezzone del corteo formato da antagonisti, tra l'altro assai critico anche con la giunta M5s guidata dal sindaco Chiara Appendino, accusata di continuità con Fassino, ha tentato di fare quello che è nella sua tradizione: rompere i cordoni di protezione del comizio finale, in programma in piazza San Carlo, e procedere alla contrestazione di rito, con la speranza che qualcuno dei portatori di "libero dissenso" si faccia male per davvero. Già il 25 aprile, poichè era stato loro concesso di raggiungere il palco, c'era stata una specie di delusione, non potendo - almeno in quell'occasione - confliggere con violenza contro polizia e carabinieri. Ma questa volta è andata meglio, gli incidenti sono stati infatti pianificati con maggiore cura. Basta avere letto nei giorni scorsi i commenti sui post dei profili fb di capi, gregari e fiancheggiatori per avere la certezza matematica che, oggi, il sospirato conflitto ci sarebbe finalmente stato. Tutto secondo copione, anche le singolari prese di posizione del movimento 5stelle che cerca sì i responsabili delle violenza, ma non tra gli autonomi, bensì tra i responsabili delle istituzioni, "rei" di avere impedito l'accesso del corteo dei centri sociali in piazza. Una schizofrenia facilmente comprensibile, sotto il profilo politico, ma che si commenta da sè.
Unia e Paoli grillini critici ma con la polizia
"Chiederemo spiegazioni per individuare i responsabili dell'accaduto". A chiederlo è il gruppo del Movimento 5 Stelle in Comune dopo gli scontri in piazza. Senza apparente motivo - dicono i pentastellati a Repubblica - la polizia ha caricato i gruppi di manifestanti". Il capogruppo del Movimento 5 Stelle, Alberto Unia, insiste ancora: " Si sarebbe potuto evitare. Chiudere la piazza e non consentire a qualcuno di poter manifestare il dissenso, crea tensioni inutili che minano il processo democratico". E Maura Paoli, consigliere comunale del Movimento 5 Stelle, vicina al centro sociale Gabrio: "La situazione era tranquilla e lasciar manifestare sarebbe stata la soluzione migliore, per questo stavo cercando di mediare tra polizia e manifestanti durante il corteo, ma non sono stata ascoltata ed è partita la carica. Sono stata anche io colpita dalla polizia". Le stesse "spiegazioni" potrebbero anche chiederle ai centri sociali che da giorni programmavano gli scontri.
La versione di Askatasuna 
"Lo spezzone dell'opposizione sociale, il più numeroso del corteo, viene bloccato e caricato dalla polizia. Torino, città governata dalla polizia nel silenzio dell'Appendino e della giunta pentastellata. Pagherete caro, pagherete tutto!". Secondo gli autonomi, è stata fermata un'attivista, Roberta, "rea" di passeggiare sotto i portici. Gli autonomi ribaltano l'accusa sulla polizia  "per avere attaccato un corteo pacifico" (vedi documento allegato).
La versione di chi c'era
La versione di chi, nel corteo c'era ed aveva incarichi di responsabilità. "L'idea che potessero avanzare, con la prima linea a volto coperto e armata di bastoni verso chi aveva aveva pacificamente partecipato alla manifestazione, non poteva essere gestita senza temere incidenti all'interno della folla, con conseguenze facilmente immagibili. Il buon senso avrebbe dovuto suggerire agli antagonisti di restare ai margini, senza tentare di raggiungere il palco, così come era avvenuto in alcune precedenti occasioni. Purtroppo per le anime belle che non c'erano, costoro non intendono affatto manifestare in modo pacifico ma cercano di coinvolgere negli scontri soprattutto chi non conosce le regole della guerriglia urbana, con lo scopo manifesto di creare delle vittime sacrificali, da ergere a simbolo della violenza poliziesca, per creare solidarietà e appoggio ai loro proclami. Ma non è stato consentito".
 
Cronaca
Francia, 800 kg di cocaina riconsegnati dal mare
Francia, 800 kg di cocaina riconsegnati dal mare
Dal 18 ottobre scorso, su un lungo tratto della costa atlantica francese si susseguono i ritrovamenti di panetti di cocaina purissima. L’inchiesta della procura per adesso si limita a supposizioni
Lo scontro di due aerei militari causato da un selfie
Lo scontro di due aerei militari causato da un selfie
È accaduto nel dicembre dello scorso anno al largo delle coste giapponesi: l’inchiesta ha accertato che un pilota si stava scattando dei selfie, mentre l’altro leggeva un libro
Trovato morto il fondatore dei White Helmets
Trovato morto il fondatore dei White Helmets
Ex agente segreto britannico, Jack Le Mesurier aveva creato una ong che agisce nei teatri di guerra siriani. Pochi giorni fa la Russia l’aveva accusato di terrorismo
Nuovi guai per Roman Polanski
Nuovi guai per Roman Polanski
Nel 1975, la giovane Valentine Monnier fu violentata senza pietà dal regista in uno chalet di Gstaad: 44 anni ha raccontato tutto, spinta proprio dall’ultimo film di Polanski
La coppia diabolica che sognava sesso e sangue
La coppia diabolica che sognava sesso e sangue
Paul e Angela, due amanti inglesi, hanno eliminato il ricco marito di lei per poter vivere insieme. A loro carico una serie di messaggi agghiaccianti in cui sognavano di fare sesso nel sangue del marito
Germania, finta dottoressa arrestata per quattro morti
Germania, finta dottoressa arrestata per quattro morti
Ha lavorato per quattro anni in ospedale, dove aveva presentato una documentazione falsa: è accusata di quattro decessi e otto persone ferite in modo grave
Ucciso l’hair stylist di CR7
Ucciso l’hair stylist di CR7
Il corpo di Ricardo Marques Ferreira trovato nel letto di un hotel di Zurigo in un lago di sangue. La polizia ha fermato un uomo di 39 anni
Storie di morte dal tir degli orrori
Storie di morte dal tir degli orrori
I messaggi di addio alla famiglia di Pham Thi Tra My, una ragazza vietnamita di 26 anni. Le indagini della polizia sulle spietate bande di trafficanti di esseri umani che dominano le tratte internazionali
Rinviato il processo ai rapitori di Silvia Romano
Rinviato il processo ai rapitori di Silvia Romano
“Nuovi e fondamentali elementi” hanno convinto i giudici keniani a far slittare il processo a carico di tre dei presunti sequestratori della giovane milanese
Londra: nel tir l’ennesima
strage dei migranti
Londra: nel tir l’ennesima<br>strage dei migranti
È il sospetto della polizia, che ammette le difficoltà di dare un nome ai 39 cadaveri ritrovati all'interno di un container. Non si tratta di un caso isolato: numerosi i precedenti