Condannato: 7 anni di bugie, s'è fatto difendere dai figli

|

+ Miei preferiti
Di Alberto C.Ferro

La Corte di Cassazione ha confermato alle 21.30, dopo sei ore di camera di consiglio, la condanna in primo e secondo grado, 20 anni di carcere, inflitta ad Antonio Logli, attualmente ancora libero ma fra poche ore costretto a presentarsi in prigione dove trascorrerà la sua pena. La moglie. Roberta Ragusa, 44 anni, svanì nel nulla nel gennaio 2012 dalla sua villetta di Gello, in via Dini, nella provincia di Pisa. Antonio Logli, condannato per omicidio volontario e distruzione di cadavere ha atteso, secondo i suoi legali “sereno e con fiducia” la sentenza, ma adesso il suo stato d'animo è profondamente diverso. Ha detto qualcosa ai suoi avvocati, dopo la lettura delle sentenza, solo al telefono: "Sono innocente e ora dev pensare ai miei figli, non me lo aspettavo". Gli avvocari difensori sono affranti: "Aspettiamo le motivazioni, per noi Logli è innocente, non ha fatto nulla e nessuno sa che fina possa avere fatto la signora Roberta Ragusa".

 Al suo fianco, idelamente, anche il figlio Daniele e la sorella che per lui hanno scritto una memoria in cui lo difende con passione. Daniele è stato criticato dai familiari della madre a cui "avrebbe inflitto una sofferenza indicibile, lei che per loro ha dato tutto, anche la vita, nel saperlo indifferente alla sua sorte". Attraverso i legali, il giovane aveva però precisato che, pur difendendo il padre, non aveva affatto dimenticato l'affetto per la mamma sparita da così tanto tempo. La stessa posizione della sorella. Nell’udienza del 28 marzo, la richiesta da parte del pubblico ministero Filippo Di Benedetto della conferma della pena già inflitta il 21 dicembre 2016: 20 anni e il carcere. Al centro la deposizione dei testi che videro la coppia litigare la notte della scomparsa in strada. Secondo la difesa, sono “inattendibili”.  Resta sospeso il caso del padre Valdemaro. Ha affermato di essere convinto dell’innocenza del figlio quanto dell’allontanamento volontario della nuora. «Credo si sia fatta aiutare da un’agenzia specializzata che permette alla gente di andarsene senza lasciare traccia – ha detto l’ottantenne –. Roberta è una brava donna, ma sembrava stanca della routine familiare». Logli ha smentito con forza il padre, definendo l’intervista “inopportuna” e “fuorviante”.

I giudici di Cassazione credono a Loris Gozi  che la notte, fra il 12 e il 13 gennaio 2012, ha visto Logli due volte prima da solo e poi con Roberta, a bordo della loro auto. Che riconosce "senza esitazioni". I due litigano, sono in via Gigli, non distanti dalla loro casa. Gozi stava accompagnando a casa la moglie Anita Gombi, uscita dal lavoro. Mezzora dopo, all'una, esce di nuovo e rivede i due.  Si confonde con i modelli delle auto di famiglia di Logli e della moglie, una Escort e una Citroen. Poi precisa meglio, in due tempi, le circostanze del riconoscimento.  I giudici non sembrano avere dubbi, anche se la testimonianza-chiave arriva solo mesi dopo, a ottobre. "Sono un Sinti e per noi collaborare con la polizia vuile dire essere isolati per sempre, poi ho dovuto dirlo".  Ora Logli, dopo i tre gradi di giudizio, è diventato un assassino. E' stato Logli ad avere ucciso la moglie per poi distruggerne e occultarne il corpo. E non può, secondo i giudici, essere fuggita da un matrimonio finito dopo l’ultimo litigio avuto col marito, legato da anni alla collaboratrice della scuola guida, Sara Calzolaio con cui vive tuttora sotto lo stesso tetto, compresi i figli di Roberta, apertamente schierati con il padre.

Cronaca
Influencer uccide la madre e le strappa il cuore
Influencer uccide la madre e le strappa il cuore
Anna Leikovic, 21 anni, ha assassinato la donna con un coltello da cucina strappandole diversi organi. La donna aveva scoperto che in sua assenza la figlia era diventata tossicodipendente
Il mistero dei Pirenei: travel blogger scompare nel nulla
Il mistero dei Pirenei: travel blogger scompare nel nulla
Esther Dingley manca all’appello ormai da più di 10 giorni: la polizia valuta l’ipotesi dell’incontro con un malintenzionato, ma anche la foto dell’impronta di un grosso orso inviata dalla donna poco prima di scomparire
Il mistero dell’influencer trovata morta
Il mistero dell’influencer trovata morta
Alexis Leigh Sharkley, 26 anni, era scomparsa venerdì a Houston senza lasciare traccia: il corpo nudo è stato visto da un operaio. È mistero fitto sulla morte: il corpo non presenta ferite
Dal reparto psichiatrico alla carriera da modella
Dal reparto psichiatrico alla carriera da modella
L’incredibile storia di Lucy May Dawson, una giovane inglese che viene ricoverata e curata per un forte esaurimento nervoso. Sembrava che per lei non ci fosse altro da fare, fin quando è arrivata la diagnosi corretta
Ricompare dopo un anno una modella svanita nel nulla
Ricompare dopo un anno una modella svanita nel nulla
Eloisa Pinto Fontes, 26 anni, era scomparsa senza lasciare traccia un anno fa a New York. È stata ritrovata in una favela di Rio mentre vagava in stato confusionale
La misteriosa morte dell’ex pornostar Zoe Parker
La misteriosa morte dell’ex pornostar Zoe Parker
Sarebbe morta nel sonno a soli 24 anni: dopo una carriera fulminea nel mondo dell’hard aveva scelto di tornare dalla famiglia in Texas e contava di sposarsi a breve
Notte di sangue a Birmingham
Notte di sangue a Birmingham
Una non meglio precisata “serie di accoltellamenti” che avrebbero coinvolto diverse persone, avvenuti nella zona della movida e del quartiere LGBT. La polizia non si sbilancia sulla matrice dell’episodio
Rock and Virus
Rock and Virus
Il concerto degli “Smash Mount” durante il motoraduno di Sturgis, si sta trasformando in un focolaio che fa il pieno di contagi e vittime. L’ira dei social verso la band, accusata di fomentare la folla urlando che il Covid non esiste
Londra, condannato il killer che nascondeva i corpi di due donne nel congelatore
Londra, condannato il killer che nascondeva i corpi di due donne nel congelatore
I cadaveri di Henriett Szcus e Mihrican Mustafa ritrovati casualmente dalla polizia un anno fa nell’appartamento di Zahid Younis, 36 anni, condannato all’ergastolo
Oslo, 25 intossicati al rave party in una caverna
Oslo, 25 intossicati al rave party in una caverna
L’allarme è scattato dopo i primi svenimenti per la presenza di monossido di carbonio. Nessuna vittima ma tanta paura per circa 200 giovani che avevano scelto una caverna per una notte di eccessi