"Abbiamo rapito noi Silvia, a Natale era ancora viva"

| Via al processo a 2 membri del racket che ha sequestrato la cooperante 23enne in Kenya. Altri 5 sono latitanti. Il mistero di padre dell'Oglio, sparito in Siria 6 anni fa e di Luca Tacchetto, disperso con la fidanzata in Burkina Faso

+ Miei preferiti
Di Michael O'Brien

Via al processo nel villaggio dove Silvia Romano, la cooperante italiana rapita il 20 novembre 2018, Ca hakama a 80 chilometri da Malindi in Kenya. I magistrati keniani, infatti, hanno portato i due appartenenti alla banda dei rapitori, rei confessi e arrestati il 26 dicembre, nel villaggio dove hanno allestito il tribunale in un’aula della scuola elementare di Chakama, per ascoltare i testimoni. Un gesto simbolico, segno di attenzione da parte delle autorità locali.

Noi di ISM, come per tutti i nostri connazionali dispersi nel mondo, non la dimentichiamo.

I due accusati hanno collaborato con la polizia kenyana, le loro informazioni sono ritenute credibili:  Silvia Romano era viva fino a dopo Natale ma poi è stata “venduta” a un altro racket. Il magistrato vuole sentire tutti i testimoni, compresi i feriti dai primi colpi di AK 47, esplosi dal gruppo di incappucciati, un attimo prima del rapimento di Silvia.   Poi il processo proseguirà nella corte di Malindi oggi  e il 30 luglio. Una nota d’ottimismo. I media locali affermano che le indagini “hanno preso un nuovo slancio” ma mancano altri dettagli. Cinque degli otto elementi della banda di sequestratori sono ancora latitanti compreso il somalo trovato in possesso di una delle armi utilizzate in quel blitz in cui rimasero feriti anche due minori. Anche costui collabora.

Paolo Dall'Oglio


PAOLO DELL’OGLIO SPARITO IN SIRIA

"Sono sei anni che non siamo riusciti a sapere nulla, è vero che è stato rapito in una zona di guerra ma alcune zone sono state ormai liberate dal novembre 2017”.  Francesca Dall'Oglio, sorella di padre Paolo Dall’Oglio, è disperata: "Le ultime notizie? Noi non abbiamo nessuna conferma, né vivo, né morto. Si poteva fare molto di più e vorremmo anche capire il giallo della sua valigia ritrovata col portafogli. Nel 2013 l'Isis non era ancora nato, forse ci si poteva andare a Raqqah a sapere qualcosa, ora è occupata dai nostri alleati della Nato, ma a noi solo rassicurazioni verbali che si sta lavorando per arrivare a una verità. Siamo rientrati in possesso dei beni personali di Paolo, una piccola valigia che ha lasciato a Raqqah, solo nel 2018, quando era in possesso degli investigatori in Italia dal luglio 2014. Ci siamo arrivati da soli, bastava che ci dicessero che qualcosa di Paolo c'era in Italia. Che cosa c'era dentro? Il suo zucchetto, il suo portafoglio, qualcosa che ha potuto vedere la sua mamma e i suoi fratelli". Strano in nel papa che ha scritto al presidente siriano Assad sulla situazione umanitaria di Idlib si affrontano i casi dei prigionieri politici, e la vicenda del fratello: "Non sappiamo, la lettera del Papa per noi è un appiglio, una speranza”.

Luca Tacchetto e la fidanzata Edith


LUCA E EDITH, MISTERO IN BURKINA FASO 

«Luca, figlio carissimo, in viaggio di piacere e di lavoro, rapito in Burkina Faso. Proprio in quel Paese africano poverissimo avevamo inviato qualche anno fa strumenti e attrezzature per la coltivazione. Mi si è fermata la vita: un’angoscia non descrivibile». Nunzio, il papà del 30enne Luca Tacchetto, sparito nel nulla tra il 15 e il 16 dicembre, ha scritto una commovente lettera al figlio in cui ammette per la prima volta che Luca è stato rapito. Il governo del Paese africano, al centro di un conflitto con bande di terroristi islamici, nega che le condizioni si sicurezza siano “gravi" e minimizza l’episodio. “I due occidentali potrebbero essere rimasti vittima di un incidente nella giungla o di rapinatori isolati, la nostra polizia non ha mai smesso di indagare”, spiega un portavoce del governo. Luca e la fidanzata canadese Edith avevano trascorso una serata con una coppia di francesi, avevano l’idea di vendere la vecchissima auto con cui stavano affrontando il viaggio dall’Italia, sino alla sede di una ONG ma sono spariti nel nulla poche ore dopo, forse all’interno di un parco nazionale che avevano annunciato di volere visitare. Un viaggio avventura finito in tragedia, probabilmente.

 
Galleria fotografica
"Abbiamo rapito noi Silvia, a Natale era ancora viva" - immagine 1
"Abbiamo rapito noi Silvia, a Natale era ancora viva" - immagine 2
Cronaca
Suicida il killer dell’ospedale di Ostrava
Suicida il killer dell’ospedale di Ostrava
Braccato dalle squadre antiterrorismo, il killer si è tolto la vita sparandosi alla testa. Pare si fosse convinto di essere malato e che nessuno avesse intenzione di curarlo
Condanna record per l’orco di Harrow
Condanna record per l’orco di Harrow
Definito psicopatico e violento, secondo la polizia “uno dei peggiori maniaci sessuali nella storia del Regno Unito”, è stato condannato ad una pena infinita dall’Old Bailey. Nell’arco di due settimane aveva aggredito 11 persone
Ceren Ozdemir, la 390esima donna uccisa in Turchia
Ceren Ozdemir, la 390esima donna uccisa in Turchia
Il triste primato dalla fine di una giovane ballerina appena 20enne uccisa sulla porta di casa. Cresce in modo preoccupante il numero dei casi, denunciano le associazioni in difesa delle donne
Suicida dopo la condanna a 30 anni per femminicidio
Suicida dopo la condanna a 30 anni per femminicidio
Francesco Mazzega ha scelto di farla finita dopo la conferma della condanna a 30 anni per l’omicidio della sua fidanzata Nadia Orlando, che aveva ucciso due anni fa
Bomba a Parigi, scatta l’allarme
Bomba a Parigi, scatta l’allarme
Era una granata inerte custodita da un militare fuori servizio: un falso allarme che ha fatto scattare la massima allerta nella capitale francese
Italiana uccisa a Capo Verde
Italiana uccisa a Capo Verde
Il corpo di Marilena Corrò trovato senza vita nel serbatoio dell’acqua del suo B&B di Boavista. Fermato un altro italiano che gestiva la struttura, sospettato dell’omicidio
Spagna: sequestrato minisommergibile dei narcos
Spagna: sequestrato minisommergibile dei narcos
Fermato al largo delle coste della Galizia, trasportava tre tonnellate di cocaina. Un metodo di consegna e spostamento sempre più utilizzato dai cartelli della droga
Italia: allarme Fentanyl
Italia: allarme Fentanyl
Il potentissimo oppioide, insieme a migliaia di altre varianti sintetiche, inizia a fare le prime vittime anche nel nostro Paese. I pericoli delle nuove droghe, che negli Stati Uniti hanno causato una vera strage
Il Regno Unito commosso per la storia di Chloe e Adam
Il Regno Unito commosso per la storia di Chloe e Adam
Erano fidanzati da meno di un anno: lei si è uccisa impiccandosi senza lasciare un biglietto che spiegasse il gesto. Sei giorni dopo lui l’ha seguita gettandosi sotto un treno
Arrestato il mandante dell’omicidio
di Daphne Caruana Galizia
Arrestato il mandante dell’omicidio<br>di Daphne Caruana Galizia
Si tratta di Yorgen Fenech, spregiudicato proprietario di casinò e a capo di una cordata che si è aggiudicata un appalto miliardario, ma soprattutto collettore di tangenti che spartiva con alcuni ministri maltesi