"E ora abbracciamo i figli di chi ha ucciso"

| Commozione durante i funerali a Gorlago di Stefania Crotti. Il parroco ricorda che, oltre alla bimba dell'uccisa, ci sono altre vittime della furia omicida, i tre bambini della madre assassina: "A questo male diciamo solo basta"

+ Miei preferiti

MARIA LOPEZ

Stiamo lontano, per un giorno, dalla cronaca e torniamo a una riflessione più attenta. A Gorlago, una piccola comunità di 5 mila 700 abitanti, Bergamo, si sono celebrati, con una grande folla silenziosa, i funerali di una madre, Stefania Crotti, 42 anni, uccisa in modo crudele da un’altra madre, Chiara Alessandri, 44 anni, ex amante del marito della vittima. Dietro al feretro, anche per far tacere le voci di una divisione in seno alla famiglia Crotti, il marito Stefano Del Bello, stretto alla sorella di Stefania per tutta la cerimonia. Quanto è accaduto è noto. Del Bello aveva avuto una relazione con Alessandri in estate, l’aveva troncata per tornare in famiglia, s’era infatti riappacificato con la moglie. La donna aveva maturato un odio senza fine per quella rivale minuta e incline al perdono. Aveva perso la battaglia per tenersi Stefano. E l’ha uccisa, lasciando un mare di indizi e prove alle sue spalle, compreso il fatto che potrebbe avere stretto polsi e caviglie della vittima con fascette di plastica prima di incendiarne il corpo, forse di una persona ancora viva.



Lo scenario atroce è questo. Ma bisogna guardare oltre. Ieri la bimba di Stefania, di appena 7 anni, ai funerali - giustamente - non c’era. Il pensiero di tutti era rivolto a lei ma anche ai 3 figli dell’assassina, a loro volta volta vittime innocenti della lucida furia omicida della madre. Una di loro, molto piccola, ha una malattia per cui non riesce a camminare bene. Il padre non s’è mai mai ripreso da un grave incidente e per ora sono stati affidati allo zio paterno. Ma la comunità di Gorlago li ha uniti in un abbraccio corale, la vendetta e l’odio non devono prevalere sull’umana pietà per questi bambini che cresceranno soli, senza la madre che li aveva accuditi con amore e dedizione, catechista e rapresentante scolastica dei genitori, sino al momento della trasformazione in una spietata assassina.

Don Dario Acquaroli, parroco di Gorlago, lo ha spiegato bene, questo concetto, durante l’omelia: "Abbiamo una grande sofferenza nel cuore, che è la sofferenza di una comunità, di una scuola e di un gruppo di bambini che si trovano coinvolti loro malgrado in questa assurda vicenda. Stiamo pagando tutti le conseguenze di quel male che ogni tanto si annida nel cuore di qualcuno nella normalità della vita quotidiana. Non siamo qui per chiedere vendetta, o giustizia: non tocca a noi, c'è già chi se ne sta occupando, sia in terra che in cielo: Dio saprà occuparsi di chi ha sbagliato. A questo male diciamo solo basta: non dobbiamo dimenticare, ma andare nella direzione del bene e interrompere questa catena di sofferenza, come hanno fatto i familiari di Stefania. Da loro non ho mai sentito parole di odio e di condanna: questo è il seme del bene che inizia a germogliare. Da questa vicenda dobbiamo imparare a prenderci cura l'uno dell'altro, a restare uniti".

Galleria fotografica
"E ora abbracciamo i figli di chi ha ucciso" - immagine 1
Cronaca
Il Golden State Killer
si dichiara colpevole
Il Golden State Killer<br>si dichiara colpevole
Ha ammesso stupri e omicidi che per 40 anni hanno tolto il sonno a due contee californiane, in cambio della vita: non salirà sul patibolo, ma sconterà almeno 11 ergastoli dietro le sbarre
Londra: condannato il giovane della Tate Modern
Londra: condannato il giovane della Tate Modern
Il 18enne che un anno fa spinse dal balcone un bimbo di sei anni condannato dalla giustizia inglese per omicidio volontario
Justin Bieber cita due donne che lo accusano di stupro
Justin Bieber cita due donne che lo accusano di stupro
Danielle e Kadi hanno raccontato sui social di essere state violentate in albergo ad un anno di distanza una dall’altra. L’artista canadese nega dicendo di avere le prove che in quei giorni si trovava da altre parti, e parte al contrattacco
Suicida una giovanissima star di «TikTok»
Suicida una giovanissima star di «TikTok»
A 16 anni, Siya Kakkar era seguita da milioni di follower in tutto il mondo. Inspiegabili i motivi del gesto: aveva numerosi progetti futuri
Scarcerata la giovane che ha ucciso il suo violentatore
Scarcerata la giovane che ha ucciso il suo violentatore
Dopo due anni di abusi, nel 2018 Chrystul Kizer aveva ucciso l’uomo che la violentava e vendeva ad altri. Al suo fianco si è schierata un’imponente campagna mediatica e di supporto economico
NY, cameriera 18enne molestata da clienti e proprietari
NY, cameriera 18enne molestata da clienti e proprietari
Brenna Gonzales, cameriera di una celebre steak-house frequentata dal jet-set newyorkese, ha sporto querela per molestie sessuali ripetute
Zanardi stabile ma ancora grave
Zanardi stabile ma ancora grave
I medici non azzardano supposizioni: il quadro generale parla di “danni importanti” che potrebbero avere conseguenze neurologiche e di vista. Nei prossimi giorni la riduzione della sedazione e le prime valutazioni
L’Italia in ansia per Alex Zanardi
L’Italia in ansia per Alex Zanardi
Stabile nella notte ma ancora in condizioni gravissime. Attesa per il prossimo bollettino medico. La procura indaga per ricostruire l’accaduto
Zanardi in coma farmacologico
Zanardi in coma farmacologico
Il campione bolognese ricoverato in terapia intensiva: non è in pericolo di vita, ma il danno neurologico potrebbe essere molto grave
Mistero sulla morte di una pool dancer inglese
Mistero sulla morte di una pool dancer inglese
Jess Leanne Norris, 27 anni, star della pool dance, è stata trovata senza vita nel suo appartamento. Pochi giorni prima l’ultimo post in cui parlava di depressione per la solitudine del lockdown