Anche il Piemonte sogna l'indipendenza

| I drammatici momenti vissuti in queste ore in Catalogna fanno sognare gli autonomisti del Nord Ovest

+ Miei preferiti
Gli eventi di questi giorni della Catalogna con la richiesta di indipendenza dalla Spagna, hanno riaperto prepotentemente il dibattito sull'autonomia delle regioni anche in Italia. Gli avvenimenti in terra iberica si saldano poi con i referendum per l'autonomia regionale (sul tipo della Valle D'Aosta ) che si terranno il 22 ottobre di questo mese in Veneto ed in Lombardia. Un referendum che nelle due regioni sarà sicuramente vinto dai favorevoli all'autonomia (sono già a favore Lega, Forza Italia, Movimento Cinque stelle ed i sindaci lombardi del PD) ha rotto gli argini. Ora, anche se con sfumature diverse più di metodo che di sostanza, altre regioni italiane come l'Emilia-Romagna , governata dal Partito Democratico, sognano l'autonomia dallo Stato centrale. Il tema non è tanto nelle competenze per materia, quanto nella possibilità di trattenere direttamente nelle proprie regioni il 50 o il 70% fra imposte fiscali e tasse che i cittadini pagano. Anche la Puglia, da alcune dichiarazioni del Presidente Emiliano, vuole entrare nella partita e la stessa Liguria, per bocca del Presidente Toti, avrebbe in mente un referendum per l'autonomia come quello della Lombardia e Veneto. A questo punto è riemerso il progetto di Piemonte Regione Autonoma lanciato dall'ex consigliere regionale del Piemonte Luca Pedrale che nel 2014 presentò un progetto di legge per l'autonomia piemontese. Spiega Luca Pedrale, portavoce del Comitato Civico La Nostra Gente:  "Tutte le regioni italiane devono diventare autonome ma l'indipendenza non ha senso e sarebbe controproducente. In Catalogna invece (si può essere favorevoli o contrari ) ma la richiesta di indipendenza è comprensibile per motivi storici, linguistici, economici e sportivi. Non dimentichiamo poi che la Catalogna ha già tutte le competenze di uno Stato meno la Difesa (l'esercito, perché la polizia è invece catalana) e la politica estera: il resto è già tutto di competenza del Governo di Barcellona. In Italia non ci sono motivi per richiedere l'indipendenza di alcune regioni: ne la Valle d'Aosta, ne gli altoatesini del Trentino Alto Adige o la piccola minoranza slovena in Friuli e perfino la Sicilia e la Sardegna, che sentono l'esigenza di diventare indipendenti. Possono già contare su una grande autonomia pur restando in Italia, piuttosto esiste il problema della lentezza, della scarsa programmazione e a volte di sprechi di come i soldi trattenuti dal fisco siano utilizzati. Per questo ritengo che dopo Lombardia e Veneto tocchi al Piemonte diventare autonomo e poi a tutte le regioni italiane. Il tema è soprattutto economico e fiscale: la proposta del Comitato Civico La Nostra Gente - continua Pedrale - può essere simile a quella della Lombardia e del Veneto, che è poi la mia idea originaria, quella che lanciai già nel 1988 a Santhia quando ero presidente dell'associazione Federalismo Piemonte. Il 50 o 70% delle imposte o delle tasse, che i piemontesi pagano, dev'essere trattenuta in regione e solo il 30% deve andare allo stato centrale di Roma. Con molte più risorse a disposizione si potrà rilanciare l'economia del Piemonte con effetti di traino su quella nazionale, senza contare che con più risorse si potranno affrontare i problemi storici della sanità (nuovi ospedali, nuove tecnologie, più infermieri a disposizione ecc.), quelli dell'agricoltura, in difficoltà per la concorrenza sleale, l'assistenza per anziani e disabili, l'apprendistato e soprattutto il forte taglio dei contributi fiscali per dieci anni alle aziende che assumono a tempo indeterminato giovani e disoccupati, a patto che non licenzino o che si spostino all'estero. Più sostegno alla cultura che non sia però autoreferenziale per qualche ambiente prediletto e tanto altro ancora, come un marketing turistico nel mondo per tutto il Piemonte. Dopo le olimpiadi invernali il turismo è divgentato una voce fondamentale per il Piemonte come per l'Italia. In alternativa, c'è la possibilità di adottare il sistema fiscale dei Lander, le regioni telesche, che trattengono il 42,5 % delle imposte, dando il 42,5 % allo stato federale ed il 15% ai comuni.
Si potrà e si dovrà discutere quale sistema è più adatto, ma di certo potrebbero arrivare alcuni effetti positivi: un impulso a superare la crisi, spese oculate e molti meno sprechi della Regione perché gli amministratori saranno controllati direttamente dai cittadini del Piemonte, che vedranno come vengono utilizzati i soldi delle loro imposte e tasse. E quindi - conclude Luca  Pedrale- nel medio periodo meno imposte e tasse in Piemonte e invece più soldi per servizi e investimenti in favore della gente". Intanto il 22 ottobre si vota già in Lombardia ed in Veneto, dopo toccherà al Piemonte?
Cronaca
Tre morti e due bambini scomparsi: il giallo che inquieta l’America
Tre morti e due bambini scomparsi: il giallo che inquieta l’America
Lori Vallow, moglie e sorella di due uomini uccisi in circostanze strane, è fuggita con il nuovo marito, la cui ex moglie è morta poco dopo. Ma dei due figli della donna non c’è più traccia da settembre
Hackerate le email di Ghislaine Maxwell
Hackerate le email di Ghislaine Maxwell
Il timore è che numerose email scambiate fra la reclutatrice di minorenni per conto di Jeffrey Epstein e personaggi in vista siano resi noti dai media, scatenando un vero cataclisma di proporzioni mondiali
L’incredibile caso dei pedofili di Rotherham
L’incredibile caso dei pedofili di Rotherham
Per decenni, gang di pakistani hanno sequestrato e violentato minorenni, ma la polizia non è mai intervenuta per evitare tensioni razziali. È l’allucinante conclusione di un’inchiesta conclusa in questi giorni
UK: picchiata perché lesbica
UK: picchiata perché lesbica
Dopo la quinta aggressione, una ventenne inglese ha deciso di divulgare le foto delle sue ferite: “Ormai ho paura di uscire di casa, ma voglio che la gente sappia”
Dublino: ucciso e decapitato nella guerra fra gang
Dublino: ucciso e decapitato nella guerra fra gang
I resti di Keane Mulready-Woods, 17 anni, sono stati trovati a km di distanza all’interno di una borsa e di un’auto data alle fiamme. La polizia sulle tracce del probabile assassino, un 35enne considerato un potenziale serial killer
Sicilia, il mistero dei sub restituiti dal mare
Sicilia, il mistero dei sub restituiti dal mare
Un terzo corpo è riemerso ieri a Termini Imerese: sul mistero indagano cinque procure, e al momento non si esclude alcuna pista. L’incidente durante una battuta di pesca o durante la consegna di una partita di droga
L’ex parroco confessa: “Molestavo 4 o 5 bimbi ogni settimana”
L’ex parroco confessa: “Molestavo 4 o 5 bimbi ogni settimana”
Bernard Preynat, ex parroco della chiesa di Sainte-Foy-Les Lyon, ammette le sue responsabilità alle prime battute del processo: “Non mi rendevo conto di fare del male, provavo piacere”
I nuovi misteri del furto del secolo
I nuovi misteri del furto del secolo
Due episodi si aggiungono al clamoroso furto di gioielli dello scorso novembre al castello di Dresda. Qualcuno avrebbe offerto due dei preziosi ad una società, chiedendo anche di indagare sulle misure di sicurezza del museo
Modella inglese muore precipitando da una scogliera
Modella inglese muore precipitando da una scogliera
Madalyn Davis, che da poche settimane si era trasferita in Australia, è caduta da una pericolosa scogliera nella costa di Sydney
Bimbo di 10 anni trovato morto nel carrello di un aereo
Bimbo di 10 anni trovato morto nel carrello di un aereo
Il piccolo sarebbe riuscito a intrufolarsi nel vano del carrello di un aereo diretto a Parigi superando la sorveglianza di un aeroporto della Costa d’Avorio. Le basse temperature non gli hanno lasciato scampo