Aperto il processo per la strage del volo MH17

| In Olanda, in un’aula allestita nella zona dell’aeroporto Schiphol di Amsterdam, le prime battute del processo contro 4 persone sospettate di aver ucciso le 298 persone a bordo

+ Miei preferiti
A sei anni di distanza dalla tragedia del volo “Malaysian Airlines 17”, scomparso con 298 persone a bordo il 17 luglio del 2014 mentre era in volo fra Amsterdam e Kuala Lumpur, si aperto il processo contro tre cittadini russi e un ucraino accusati di strage e terrorismo per il presunto coinvolgimento nell’abbattimento dell’aereo, centrato da un missile terra-aria “Buk”, arma in dotazione alle forze armate russe e ucraine.

Come anticipato, i sospetti non si sono presentati davanti ai cinque giudici nell’aula approntata ai margini dell’aeroporto di Schiphol, da cui è decollato il volo. Presente anche un piccolo numero di familiari delle vittime, mentre la maggior parte era collegati via streaming da un centro conferenze.

Fra i presenti Piet Ploeg, che nella tragedia ha perso il fratello, la cognata e il nipote. “Vogliamo giustizia perché 298 persone sono state assassinate, e speriamo che le udienze di questo tribunale facciano chiarezza su ciò che è successo e chi ne è stato responsabile”.

Il giudice Hendrik Steenhuis ha detto che il fascicolo penale del caso contiene circa 36mila pagine e “un’enorme quantità di file multimediali”, e anticipato che l’esame delle prove “sarà un momento molto doloroso per tutti”. Jon e Meryn O’Brien sono volati da Sydney per assistere al dibattimento, sperando di avere giustizia per loro figlio Jack. “Il processo è importante perché la verità nel 2020 conta ancora. Nessuno dovrebbe essere in grado di uccidere 298 persone senza subire le conseguenze della giustizia”.

Gli O’Brien erano tra le famiglie che domenica hanno inscenato una protesta silenziosa, sistemando 298 sedie bianche all’esterno dell’ambasciata russa a L’Aia per protestare contro quelli che vedono come tentativi di Mosca di occultare la verità. Dopo un’indagine durata anni, lo scorso anno una squadra internazionale di investigatori e procuratori ha fatto il nome dei quattro sospetti: i russi Igor Girkin, Sergey Dubinskiy e Oleg Pulatov e l’ucraino Leonid Kharchenko. Altri nomi potrebbero seguire a breve.

La Russia ha costantemente negato il coinvolgimento nell’abbattimento, anche quando i procuratori hanno accertato che il sistema missilistico Buk era stato trasportato in Ucraina dalla base della 53esima brigata Antiaerea russa a Kursk, e che il sistema di lancio è stato poi riportato in Russia. La settimana scorsa, la portavoce del Ministero degli Esteri russi Maria Zakharova ha accusato gli investigatori di aver mosso anzitempo accuse verso la Russia. In una dichiarazione, il ministro degli Esteri britannico Dominic Raab ha definito il processo “un’importante pietra miliare verso la responsabilità per l’abbattimento del volo MH17 e la morte di 298 persone, tra cui 10 britannici”. Secondo Raab, la Russia “È chiamata a cooperare pienamente, in conformità con la risoluzione 2166 del Consiglio di sicurezza dell’ONU. Non può esserci impunità per i responsabili di questo terribile crimine”. Anche il Segretario di Stato americano Mike Pompeo ha accolto con favore l’inizio del processo e ha invitato la Russia “A cessare le sue continue attività aggressive e destabilizzanti in Ucraina”.

Alla riapertura del dibattimento, ad inizio settimana, i giudici faranno un bilancio dell’indagine e valuteranno se sono necessarie ulteriori indagini prima di proseguire, ha riferito l’esperta legale Marieke de Hoon dell’Università Vrije di Amsterdam.

Secondo la legge olandese, i familiari avranno modo di rendere dichiarazioni spontanee in aula e costituirsi parte civile per un risarcimento, ma questo accadrà più avanti.

“Per me, la cosa più importante è che ci siano abbastanza prove e che il giudice possa giungere a una conclusione: colpevoli - ha detto Anton Kotte, che nello schianto ha perso tre membri della sua famiglia - se sarà così, allora sarò soddisfatto perché saprò che la Russia non potrà sfuggire, finendo sotto la pressione mediatica e politica internazionale”.

Galleria fotografica
Aperto il processo per la strage del volo MH17 - immagine 1
Aperto il processo per la strage del volo MH17 - immagine 2
Cronaca
La killer di una senatrice americana confessa l’omicidio
La killer di una senatrice americana confessa l’omicidio
Rebecca Lynn O’Donnell ha confessato l’omicidio e l’occultamento di cadavere della senatrice dell'Arkansas Linda Collins-Smith, che stava indagando in un giro di pedofilia
Texas, mamma in overdose si chiude in auto con le figlie: muoiono tutte e tre
Texas, mamma in overdose si chiude in auto con le figlie: muoiono tutte e tre
Natalie, Izabel ed Elise Chambers, sono state ritrovate prive di vita in un Suv: Natalie sarebbe morta per overdose, le sue bimbe soffocate dal gran caldo
Una mamma e i suoi due figli trovati in un'auto in un lago
Una mamma e i suoi due figli trovati in un
I corpi di ShaQuia Philpot e i suoi due gemelli, sono stati notati da un pescatore in un lago della Georgia. La polizia indaga per risalire ai motivi di quello che al momento appare come un inspiegabile omicidio-suicidio
Riconosce il suo stupratore nel killer di Maddie
Riconosce il suo stupratore nel killer di Maddie
Una donna vittima di stupro nel 2004 nella stessa zona del Portogallo dove è scomparsa la bimba inglese, ha trovato nel racconto di un’altra violenza commessa da Christian Brueckner molte analogie con la sua, rimasta irrisolta
«Naya è morta per salvare il figlio»
«Naya è morta per salvare il figlio»
Nell’attesa degli esiti dell’autopsia sul corpo rinvenuto nelle acque del lago Piru, lo sceriffo ipotizza quella che ritiene la versione più verosimile. Resta da capire se l'attrice sia stata colta da malore
Si uccide in diretta su Facebook
Si uccide in diretta su Facebook
Un attivista per i programmi di salute mentale inglese si è tolto la vita davanti a 400 persone che lo imploravano di non farlo. Proteste e polemiche all’indirizzo del social network
È morta Kelly Preston, moglie di John Travolta
È morta Kelly Preston, moglie di John Travolta
L’annuncio dato dall’attore sul suo profilo Facebook: da due anni lottava contro una forma molto aggressiva di cancro al seno. La coppia era sposta da quasi 30 anni
Violentata e uccisa a 8 anni da una coppia
Violentata e uccisa a 8 anni da una coppia
Vika si era allontana da casa dopo aver litigato con i genitori: è diventata la vittima di una coppia che l’ha violentata e soffocata. La donna si è presentata alla polizia per raccontare l’accaduto: “Ho tentato di fermarlo”
Naya Rivera, mistero fitto sulla scomparsa
Naya Rivera, mistero fitto sulla scomparsa
Ancora nessuna traccia del corpo della star di “Glee”, scomparsa nel lago Piru, in California. Secondo alcuni potrebbe essere un caso di suicidio
Coppia di fidanzati fatti a pezzi in un trolley
Coppia di fidanzati fatti a pezzi in un trolley
La valigia, ritrovata su una scogliera da un gruppo di ragazzini, conteneva i resti smembrati di Jessica Lewis e Austin Wenner, di cui non si sapeva nulla da giorni