Renzi stronca Appendino: "Falsifichi i bilanci"

| Attacco Dem alla giunta grillina di Torino dopo le dimissioni dei revisori dei conti. Lei replica: "Ci pensi due volte prima di accusare".

+ Miei preferiti
 "Per mesi e mesi si è parlato del buon governo dei Cinque stelle" a Torino "ma per prima cosa hanno tagliato sulla cultura. Noi non vogliamo fare polemica ma mostrare una diversità. Noi siamo gli amministratori che non falsificano i bilanci, non mettono cinque milioni in più a penna. E nella nostra città i revisori dei conti non si dimettono", è il duro attacco del segretario Pd dal palco dell'assemblea degli amministratori dem. Subito la replica del sindaco: "La prossima volta pensi due volte - conclude - prima di accusare la nostra amministrazione".Si sono dimessi i tre revisori dei conti del Comune di Torino Herri Fenoglio, Maria Maddalena De Finis e Nadia Rosso. La lettera di dimissioni è arrivata stamattina negli uffici della sindaca Chiara Appendino ed è solo l'ultimo capitolo dopo mesi di braccio di ferro tra il collegio e l’amministrazione Cinque Stelle. Un braccio di ferro sui bilanci, in particolare per quanto riguarda la vicenda Ream su cui è in corso anche un'indagine della magistratura penale e sui pareri che i revisori avevano dato sull'iscrizione o meno a bilancio di alcune cifre. Alla fine i tre hanno preferito lasciare per “una questione di clima”.



La decisione arriva al culmine di una serie di frizioni tra il Collegio e l’amministrazione Pentastellata, scaturite dalla vicenda Ream-area ex Westinghouse. La Ream (fondazione Crt) aveva versato nel 2012 una caparra di 5 milioni per acquisire l’area (dove sorgerà un centro congressi), ma se l’aggiudicò però l’anno successivo il gruppo Amteco-Maiora per 19,7 milioni. Il debito per la restituzione della caparra nei confronti della Ream non fu però saldato né iscritto a bilancio. Il Comune di Torino si accordò poi con la fondazione Crt per il pagamento nel 2018. Dopo un esposto delle opposizioni, sulla vicenda la Procura di Torino sta indagando sulle responsabilità di Appendino (per falso in atto pubblico) e sull’assessore comunale al Bilancio Sergio Rolando. 

La decisione arriva al culmine di una serie di frizioni tra il Collegio e l’amministrazione Pentastellata, scaturite dalla vicenda Ream-area ex Westinghouse. La Ream (fondazione Crt) aveva versato nel 2012 una caparra di 5 milioni per acquisire l’area (dove sorgerà un centro congressi), ma se l’aggiudicò però l’anno successivo il gruppo Amteco-Maiora per 19,7 milioni. Il debito per la restituzione della caparra nei confronti della Ream non fu però saldato né iscritto a bilancio. Il Comune di Torino si accordò poi con la fondazione Crt per il pagamento nel 2018. Dopo un esposto delle opposizioni, sulla vicenda la Procura di Torino sta indagando sulle responsabilità di Appendino (per falso in atto pubblico) e sull’assessore comunale al Bilancio Sergio Rolando.

A novembre il Collegio dei revisori dei conti aveva ribadito al Comune che il debito di 5 milioni della Città di Torino verso Ream doveva essere riconosciuto e finanziato nel bilancio 2017 “a prescindere dall’effettivo versamento dilazionato concesso per il 2018”. Il debito fuori bilancio di 5 milioni di euro nei conti del Comune era già stato certificato a fine aprile dai revisori, nell’integrazione alla loro relazione sul bilancio, al quale in un primo tempo avevano dato parere “favorevole” ma “con riserva”.

I revisori avevano poi bocciato il bilancio previsionale 2017-2019 del Comune, dando “parere non favorevole” al documento contabile approvato dalla giunta perché, “sebbene le variazioni proposte lascino invariati gli equilibri di bilancio, di per sé le stesse non attuano e non adempiono ai contenuti previsti nelle riserve e nelle prescrizioni dei pareri espressi” dallo stesso collegio. In quell’occasione i revisori avevano di nuovo sollevato la questione del debito Ream e l’inserimento non corretto nel 2017 di un debito residuo di 313 milioni (ereditato da un passivo di 336 milioni del bilancio 2015 da ripianare in 30 anni con rate da 11,2 milioni).

“Siamo sorpresi delle dichiarazioni dei revisori dei conti. La giunta e l’ente che rappresento hanno sempre offerto la massima collaborazione. Prendiamo atto delle dimissioni”, ha commentato la sindaca Appendino sulle dimissioni dei revisori. A novembre il Collegio dei revisori dei conti aveva ribadito al Comune che il debito di 5 milioni della Città di Torino verso Ream doveva essere riconosciuto e finanziato nel bilancio 2017 “a prescindere dall’effettivo versamento dilazionato concesso per il 2018”. Il debito fuori bilancio di 5 milioni di euro nei conti del Comune era già stato certificato a fine aprile dai revisori, nell’integrazione alla loro relazione sul bilancio, al quale in un primo tempo avevano dato parere “favorevole” ma “con riserva”.

I revisori avevano poi bocciato il bilancio previsionale 2017-2019 del Comune, dando “parere non favorevole” al documento contabile approvato dalla giunta perché, “sebbene le variazioni proposte lascino invariati gli equilibri di bilancio, di per sé le stesse non attuano e non adempiono ai contenuti previsti nelle riserve e nelle prescrizioni dei pareri espressi” dallo stesso collegio. In quell’occasione i revisori avevano di nuovo sollevato la questione del debito Ream e l’inserimento non corretto nel 2017 di un debito residuo di 313 milioni (ereditato da un passivo di 336 milioni del bilancio 2015 da ripianare in 30 anni con rate da 11,2 milioni).

“Siamo sorpresi delle dichiarazioni dei revisori dei conti. La giunta e l’ente che rappresento hanno sempre offerto la massima collaborazione. Prendiamo atto delle dimissioni”, ha commentato la sindaca Appendino sulle dimissioni dei revisori.

 

Galleria fotografica
Renzi stronca Appendino: "Falsifichi i bilanci" - immagine 1
Cronaca
L'orribile morte di Stefania, bruciata viva
L
Gli ultimi risultati delle perizie non lasciano dubbi. Stefania Crotti era solo stordita dalle martellate inferte da Chiara Alessandri quando l'assassina le diede fuoco dopo averla irrorata di benzina. Ergastolo alla porte
Hooligans arrestati a Torino
Hooligans arrestati a Torino
In occasione della partita fra Juventus e Ajax, una sessantina di persone sono state denunciate dalla Polizia, e 54 tifosi olandesi allontanati dall’Italia
Pitbull attacca due bambini
Pitbull attacca due bambini
A Limbiate, nel milanese, un pitbull di un anno e mezzo si è avventato contro due cuginetti che giocavano in cortile. A salvarli alcuni condomini che hanno assistito alla scena
Sparatoria nel foggiano
muore un carabiniere
Sparatoria nel foggiano<br>muore un carabiniere
Un uomo avrebbe aperto il fuoco contro la pattuglia durante un normale controllo nella piazza principale di Cagnano Varano. Il vice comandante della stazione è morto in ospedale, la reazione dei vertici dello Stato
Sfruttamento della prostituzione, arrestata Kyra Kole
Sfruttamento della prostituzione, arrestata Kyra Kole
La soubrette, nota per aver partecipato al programma “Ciao Darwin”, sarebbe stata la capofila di un finto centro massaggi in Brianza
Azouz Marzouk: Rosa e Olindo sono innocenti
Azouz Marzouk: Rosa e Olindo sono innocenti
Il padre e marito di due delle vittime della strage di Erba firma un sollecito per la riapertura del processo e assicura di conoscere il nome del vero assassino della sua famiglia
Tenta il suicidio in un centro commerciale
Tenta il suicidio in un centro commerciale
È accaduto alle Gru di Grugliasco, alle porte di Torino: gli agenti di un istituto di vigilanza sono riusciti a bloccarla prima che si lanciasse nel vuoto
Giovane inglese muore in un gioco erotico
Giovane inglese muore in un gioco erotico
È quanto dichiara il fidanzato di Anna Florence Reed, una 22enne trovata morta in una vasca da bagno di un hotel sul Lago Maggiore. La polizia però non esclude alcuna ipotesi
Le buste che inquietano Torino
Le buste che inquietano Torino
Dopo quella esplosiva alla sindaca Appendino, un esponente della Lega ne riceva una uguale, ma nelle stesse ore arriva una minaccia alla Lavazza, la Vergnano e la Ferrero: pagate o avveleniamo i vostri prodotti
"Ho gettato la testa di Christina nel fiume"
"Ho gettato la testa di Christina nel fiume"
Nel '93, Jason Massey aveva ucciso e smembrato i corpi di due adolescenti. Nel 2001, già nella camera della morte, aveva rivelato ai familiari dove aveva nascosto i resti