Renzi stronca Appendino: "Falsifichi i bilanci"

| Attacco Dem alla giunta grillina di Torino dopo le dimissioni dei revisori dei conti. Lei replica: "Ci pensi due volte prima di accusare".

+ Miei preferiti
 "Per mesi e mesi si è parlato del buon governo dei Cinque stelle" a Torino "ma per prima cosa hanno tagliato sulla cultura. Noi non vogliamo fare polemica ma mostrare una diversità. Noi siamo gli amministratori che non falsificano i bilanci, non mettono cinque milioni in più a penna. E nella nostra città i revisori dei conti non si dimettono", è il duro attacco del segretario Pd dal palco dell'assemblea degli amministratori dem. Subito la replica del sindaco: "La prossima volta pensi due volte - conclude - prima di accusare la nostra amministrazione".Si sono dimessi i tre revisori dei conti del Comune di Torino Herri Fenoglio, Maria Maddalena De Finis e Nadia Rosso. La lettera di dimissioni è arrivata stamattina negli uffici della sindaca Chiara Appendino ed è solo l'ultimo capitolo dopo mesi di braccio di ferro tra il collegio e l’amministrazione Cinque Stelle. Un braccio di ferro sui bilanci, in particolare per quanto riguarda la vicenda Ream su cui è in corso anche un'indagine della magistratura penale e sui pareri che i revisori avevano dato sull'iscrizione o meno a bilancio di alcune cifre. Alla fine i tre hanno preferito lasciare per “una questione di clima”.



La decisione arriva al culmine di una serie di frizioni tra il Collegio e l’amministrazione Pentastellata, scaturite dalla vicenda Ream-area ex Westinghouse. La Ream (fondazione Crt) aveva versato nel 2012 una caparra di 5 milioni per acquisire l’area (dove sorgerà un centro congressi), ma se l’aggiudicò però l’anno successivo il gruppo Amteco-Maiora per 19,7 milioni. Il debito per la restituzione della caparra nei confronti della Ream non fu però saldato né iscritto a bilancio. Il Comune di Torino si accordò poi con la fondazione Crt per il pagamento nel 2018. Dopo un esposto delle opposizioni, sulla vicenda la Procura di Torino sta indagando sulle responsabilità di Appendino (per falso in atto pubblico) e sull’assessore comunale al Bilancio Sergio Rolando. 

La decisione arriva al culmine di una serie di frizioni tra il Collegio e l’amministrazione Pentastellata, scaturite dalla vicenda Ream-area ex Westinghouse. La Ream (fondazione Crt) aveva versato nel 2012 una caparra di 5 milioni per acquisire l’area (dove sorgerà un centro congressi), ma se l’aggiudicò però l’anno successivo il gruppo Amteco-Maiora per 19,7 milioni. Il debito per la restituzione della caparra nei confronti della Ream non fu però saldato né iscritto a bilancio. Il Comune di Torino si accordò poi con la fondazione Crt per il pagamento nel 2018. Dopo un esposto delle opposizioni, sulla vicenda la Procura di Torino sta indagando sulle responsabilità di Appendino (per falso in atto pubblico) e sull’assessore comunale al Bilancio Sergio Rolando.

A novembre il Collegio dei revisori dei conti aveva ribadito al Comune che il debito di 5 milioni della Città di Torino verso Ream doveva essere riconosciuto e finanziato nel bilancio 2017 “a prescindere dall’effettivo versamento dilazionato concesso per il 2018”. Il debito fuori bilancio di 5 milioni di euro nei conti del Comune era già stato certificato a fine aprile dai revisori, nell’integrazione alla loro relazione sul bilancio, al quale in un primo tempo avevano dato parere “favorevole” ma “con riserva”.

I revisori avevano poi bocciato il bilancio previsionale 2017-2019 del Comune, dando “parere non favorevole” al documento contabile approvato dalla giunta perché, “sebbene le variazioni proposte lascino invariati gli equilibri di bilancio, di per sé le stesse non attuano e non adempiono ai contenuti previsti nelle riserve e nelle prescrizioni dei pareri espressi” dallo stesso collegio. In quell’occasione i revisori avevano di nuovo sollevato la questione del debito Ream e l’inserimento non corretto nel 2017 di un debito residuo di 313 milioni (ereditato da un passivo di 336 milioni del bilancio 2015 da ripianare in 30 anni con rate da 11,2 milioni).

“Siamo sorpresi delle dichiarazioni dei revisori dei conti. La giunta e l’ente che rappresento hanno sempre offerto la massima collaborazione. Prendiamo atto delle dimissioni”, ha commentato la sindaca Appendino sulle dimissioni dei revisori. A novembre il Collegio dei revisori dei conti aveva ribadito al Comune che il debito di 5 milioni della Città di Torino verso Ream doveva essere riconosciuto e finanziato nel bilancio 2017 “a prescindere dall’effettivo versamento dilazionato concesso per il 2018”. Il debito fuori bilancio di 5 milioni di euro nei conti del Comune era già stato certificato a fine aprile dai revisori, nell’integrazione alla loro relazione sul bilancio, al quale in un primo tempo avevano dato parere “favorevole” ma “con riserva”.

I revisori avevano poi bocciato il bilancio previsionale 2017-2019 del Comune, dando “parere non favorevole” al documento contabile approvato dalla giunta perché, “sebbene le variazioni proposte lascino invariati gli equilibri di bilancio, di per sé le stesse non attuano e non adempiono ai contenuti previsti nelle riserve e nelle prescrizioni dei pareri espressi” dallo stesso collegio. In quell’occasione i revisori avevano di nuovo sollevato la questione del debito Ream e l’inserimento non corretto nel 2017 di un debito residuo di 313 milioni (ereditato da un passivo di 336 milioni del bilancio 2015 da ripianare in 30 anni con rate da 11,2 milioni).

“Siamo sorpresi delle dichiarazioni dei revisori dei conti. La giunta e l’ente che rappresento hanno sempre offerto la massima collaborazione. Prendiamo atto delle dimissioni”, ha commentato la sindaca Appendino sulle dimissioni dei revisori.

 

Galleria fotografica
Renzi stronca Appendino: "Falsifichi i bilanci" - immagine 1
Cronaca
La misteriosa morte dell’ex pornostar Zoe Parker
La misteriosa morte dell’ex pornostar Zoe Parker
Sarebbe morta nel sonno a soli 24 anni: dopo una carriera fulminea nel mondo dell’hard aveva scelto di tornare dalla famiglia in Texas e contava di sposarsi a breve
Notte di sangue a Birmingham
Notte di sangue a Birmingham
Una non meglio precisata “serie di accoltellamenti” che avrebbero coinvolto diverse persone, avvenuti nella zona della movida e del quartiere LGBT. La polizia non si sbilancia sulla matrice dell’episodio
Rock and Virus
Rock and Virus
Il concerto degli “Smash Mount” durante il motoraduno di Sturgis, si sta trasformando in un focolaio che fa il pieno di contagi e vittime. L’ira dei social verso la band, accusata di fomentare la folla urlando che il Covid non esiste
Londra, condannato il killer che nascondeva i corpi di due donne nel congelatore
Londra, condannato il killer che nascondeva i corpi di due donne nel congelatore
I cadaveri di Henriett Szcus e Mihrican Mustafa ritrovati casualmente dalla polizia un anno fa nell’appartamento di Zahid Younis, 36 anni, condannato all’ergastolo
Oslo, 25 intossicati al rave party in una caverna
Oslo, 25 intossicati al rave party in una caverna
L’allarme è scattato dopo i primi svenimenti per la presenza di monossido di carbonio. Nessuna vittima ma tanta paura per circa 200 giovani che avevano scelto una caverna per una notte di eccessi
La killer di una senatrice americana confessa l’omicidio
La killer di una senatrice americana confessa l’omicidio
Rebecca Lynn O’Donnell ha confessato l’omicidio e l’occultamento di cadavere della senatrice dell'Arkansas Linda Collins-Smith, che stava indagando in un giro di pedofilia
Texas, mamma in overdose si chiude in auto con le figlie: muoiono tutte e tre
Texas, mamma in overdose si chiude in auto con le figlie: muoiono tutte e tre
Natalie, Izabel ed Elise Chambers, sono state ritrovate prive di vita in un Suv: Natalie sarebbe morta per overdose, le sue bimbe soffocate dal gran caldo
Una mamma e i suoi due figli trovati in un'auto in un lago
Una mamma e i suoi due figli trovati in un
I corpi di ShaQuia Philpot e i suoi due gemelli, sono stati notati da un pescatore in un lago della Georgia. La polizia indaga per risalire ai motivi di quello che al momento appare come un inspiegabile omicidio-suicidio
Riconosce il suo stupratore nel killer di Maddie
Riconosce il suo stupratore nel killer di Maddie
Una donna vittima di stupro nel 2004 nella stessa zona del Portogallo dove è scomparsa la bimba inglese, ha trovato nel racconto di un’altra violenza commessa da Christian Brueckner molte analogie con la sua, rimasta irrisolta
«Naya è morta per salvare il figlio»
«Naya è morta per salvare il figlio»
Nell’attesa degli esiti dell’autopsia sul corpo rinvenuto nelle acque del lago Piru, lo sceriffo ipotizza quella che ritiene la versione più verosimile. Resta da capire se l'attrice sia stata colta da malore