Renzi stronca Appendino: "Falsifichi i bilanci"

| Attacco Dem alla giunta grillina di Torino dopo le dimissioni dei revisori dei conti. Lei replica: "Ci pensi due volte prima di accusare".

+ Miei preferiti
 "Per mesi e mesi si è parlato del buon governo dei Cinque stelle" a Torino "ma per prima cosa hanno tagliato sulla cultura. Noi non vogliamo fare polemica ma mostrare una diversità. Noi siamo gli amministratori che non falsificano i bilanci, non mettono cinque milioni in più a penna. E nella nostra città i revisori dei conti non si dimettono", è il duro attacco del segretario Pd dal palco dell'assemblea degli amministratori dem. Subito la replica del sindaco: "La prossima volta pensi due volte - conclude - prima di accusare la nostra amministrazione".Si sono dimessi i tre revisori dei conti del Comune di Torino Herri Fenoglio, Maria Maddalena De Finis e Nadia Rosso. La lettera di dimissioni è arrivata stamattina negli uffici della sindaca Chiara Appendino ed è solo l'ultimo capitolo dopo mesi di braccio di ferro tra il collegio e l’amministrazione Cinque Stelle. Un braccio di ferro sui bilanci, in particolare per quanto riguarda la vicenda Ream su cui è in corso anche un'indagine della magistratura penale e sui pareri che i revisori avevano dato sull'iscrizione o meno a bilancio di alcune cifre. Alla fine i tre hanno preferito lasciare per “una questione di clima”.



La decisione arriva al culmine di una serie di frizioni tra il Collegio e l’amministrazione Pentastellata, scaturite dalla vicenda Ream-area ex Westinghouse. La Ream (fondazione Crt) aveva versato nel 2012 una caparra di 5 milioni per acquisire l’area (dove sorgerà un centro congressi), ma se l’aggiudicò però l’anno successivo il gruppo Amteco-Maiora per 19,7 milioni. Il debito per la restituzione della caparra nei confronti della Ream non fu però saldato né iscritto a bilancio. Il Comune di Torino si accordò poi con la fondazione Crt per il pagamento nel 2018. Dopo un esposto delle opposizioni, sulla vicenda la Procura di Torino sta indagando sulle responsabilità di Appendino (per falso in atto pubblico) e sull’assessore comunale al Bilancio Sergio Rolando. 

La decisione arriva al culmine di una serie di frizioni tra il Collegio e l’amministrazione Pentastellata, scaturite dalla vicenda Ream-area ex Westinghouse. La Ream (fondazione Crt) aveva versato nel 2012 una caparra di 5 milioni per acquisire l’area (dove sorgerà un centro congressi), ma se l’aggiudicò però l’anno successivo il gruppo Amteco-Maiora per 19,7 milioni. Il debito per la restituzione della caparra nei confronti della Ream non fu però saldato né iscritto a bilancio. Il Comune di Torino si accordò poi con la fondazione Crt per il pagamento nel 2018. Dopo un esposto delle opposizioni, sulla vicenda la Procura di Torino sta indagando sulle responsabilità di Appendino (per falso in atto pubblico) e sull’assessore comunale al Bilancio Sergio Rolando.

A novembre il Collegio dei revisori dei conti aveva ribadito al Comune che il debito di 5 milioni della Città di Torino verso Ream doveva essere riconosciuto e finanziato nel bilancio 2017 “a prescindere dall’effettivo versamento dilazionato concesso per il 2018”. Il debito fuori bilancio di 5 milioni di euro nei conti del Comune era già stato certificato a fine aprile dai revisori, nell’integrazione alla loro relazione sul bilancio, al quale in un primo tempo avevano dato parere “favorevole” ma “con riserva”.

I revisori avevano poi bocciato il bilancio previsionale 2017-2019 del Comune, dando “parere non favorevole” al documento contabile approvato dalla giunta perché, “sebbene le variazioni proposte lascino invariati gli equilibri di bilancio, di per sé le stesse non attuano e non adempiono ai contenuti previsti nelle riserve e nelle prescrizioni dei pareri espressi” dallo stesso collegio. In quell’occasione i revisori avevano di nuovo sollevato la questione del debito Ream e l’inserimento non corretto nel 2017 di un debito residuo di 313 milioni (ereditato da un passivo di 336 milioni del bilancio 2015 da ripianare in 30 anni con rate da 11,2 milioni).

“Siamo sorpresi delle dichiarazioni dei revisori dei conti. La giunta e l’ente che rappresento hanno sempre offerto la massima collaborazione. Prendiamo atto delle dimissioni”, ha commentato la sindaca Appendino sulle dimissioni dei revisori. A novembre il Collegio dei revisori dei conti aveva ribadito al Comune che il debito di 5 milioni della Città di Torino verso Ream doveva essere riconosciuto e finanziato nel bilancio 2017 “a prescindere dall’effettivo versamento dilazionato concesso per il 2018”. Il debito fuori bilancio di 5 milioni di euro nei conti del Comune era già stato certificato a fine aprile dai revisori, nell’integrazione alla loro relazione sul bilancio, al quale in un primo tempo avevano dato parere “favorevole” ma “con riserva”.

I revisori avevano poi bocciato il bilancio previsionale 2017-2019 del Comune, dando “parere non favorevole” al documento contabile approvato dalla giunta perché, “sebbene le variazioni proposte lascino invariati gli equilibri di bilancio, di per sé le stesse non attuano e non adempiono ai contenuti previsti nelle riserve e nelle prescrizioni dei pareri espressi” dallo stesso collegio. In quell’occasione i revisori avevano di nuovo sollevato la questione del debito Ream e l’inserimento non corretto nel 2017 di un debito residuo di 313 milioni (ereditato da un passivo di 336 milioni del bilancio 2015 da ripianare in 30 anni con rate da 11,2 milioni).

“Siamo sorpresi delle dichiarazioni dei revisori dei conti. La giunta e l’ente che rappresento hanno sempre offerto la massima collaborazione. Prendiamo atto delle dimissioni”, ha commentato la sindaca Appendino sulle dimissioni dei revisori.

 

Galleria fotografica
Renzi stronca Appendino: "Falsifichi i bilanci" - immagine 1
Cronaca
Sepolti vivi per 9 anni,
aspettando la fine del mondo
Sepolti vivi per 9 anni,<br>aspettando la fine del mondo
58enne arrestato per avere costretto sei ragazzi ora tra i 16 e i 25 anni in uno scantinato di una fattoria olandese. Sono stati liberati dal figlio maggiore fuggito in un pub. La polizia cerca la madre, forse sepolta nella fattoria
"LeBron pensa solo ai soldi"
"LeBron pensa solo ai soldi"
Duro attacco dei manifestanti di Hong Kong contro la star globale LeBron James dopo un tweet in cui prendeva la distanze della NBA per aver preso le difese della protesta. Maglie e foto bruciate
Ucciso in carcere
uno dei peggiori pedofili inglesi
Ucciso in carcere<br>uno dei peggiori pedofili inglesi
Richard Huckle, 33 anni, è stato trovato senza vita nella sua cella. Aveva ammesso la violenza su 71 bambini in tenera età, quasi tutti adescati fingendosi un missionario in medioriente
Colpo di scena: l’uomo arrestato non è il mostro di Nantes
Colpo di scena: l’uomo arrestato non è il mostro di Nantes
Secondo amici e vicini, la persona fermata all’aeroporto di Glasgow non somiglierebbe neanche vagamente all’uomo che ha massacrato la sua famiglia. La conferma definitiva dall’esame del Dna
Italiano ucciso in Indonesia
Italiano ucciso in Indonesia
Luca Aldovrandi, 52 anni, trovato morto nel locale che gestiva a Sabang: la polizia sospetta un diverbio con un dipendente
16 anni agli aggressori di Manuel Bortuzzo
16 anni agli aggressori di Manuel Bortuzzo
Sentenza di primo grado contro i due aggressori del giovane nuotatore triestino colpito alla schiena e da allora costretto sulla sedia a rotelle
Passa 17 anni in galera al posto del suo sosia
Passa 17 anni in galera al posto del suo sosia
Richard Anthony Jones ha chiesto un risarcimento di un milione di dollari allo stato del Kansas per un clamoroso errore giudiziario risolto per una pura coincidenza
Chiesti 18 anni per i carabinieri che pestarono Cucchi
Chiesti 18 anni per i carabinieri che pestarono Cucchi
È la richiesta del pm, che aggiunge “Non è un processo contro l’Arma ma contro 5 carabinieri che hanno tradito valori e principi. Sul caso Cucchi picchi di depistaggi da film dell’orrore”
Assalto alla prefettura di Parigi: 5 morti
Assalto alla prefettura di Parigi: 5 morti
Un funzionario con 20 anni di esperienza avrebbe accoltellato 4 agenti di polizia, per poi essere freddato da altri. Caos nel centro di Parigi
Ha un volto il ragazzo del Tate Modern
Ha un volto il ragazzo del Tate Modern
Ha compiuto 18 anni Jonty Bravery, il giovane che quest’estate ha spinto nel vuoto un bimbo francese da una balconata della celebre galleria d’arte londinese