Arrestata la squadra che ha fatto fuggire Ghosn

| Un ex militare delle forze speciali americane, vero professionista dei blitz di salvataggio, suo figlio e un terzo uomo. Sono il team che ha pianificato in ogni dettaglio la rocambolesca fuga dal Giappone dell’ex ad di Nissan

+ Miei preferiti
Tre uomini residenti in Massachusetts accusati di aver aiutato a far uscire di nascosto dal Giappone l’ex amministratore delegato della “Nissan” Carlos Ghosn alla fine dell’anno scorso, sono stati arrestati nelle scorse ore.

I tre sono stati identificati come Michael Taylor, ex militare delle forze speciali americane, e suo figlio Peter, su cui pende un mandato di cattura emesso in Giappone: non è ancora chiaro il ruolo del terzo uomo, George-Antoine Zayek. A breve compariranno davanti alla corte federale di Boston per la convalida del fermo.

Secondo il fascicolo d’inchiesta, Peter Taylor si è incontrato con Ghosn almeno sette volte nei mesi precedenti all’evasione, mentre era in libertà provvisoria su cauzione per crimini finanziari commessi in Giappone. Alla fine di dicembre, Peter Taylor è volato a Tokyo e ha incontrato Ghosn all’hotel “Grand Hyatt”. Nel frattempo, Michael Taylor e Zayek sono atterrati a Osaka con un jet privato proveniente da Dubai. I due uomini avevano “due grandi valigie nere, di quelle utilizzate per gli strumenti musicali o le attrezzature audio”. Alla dogana dell’aeroporto di Kansai dichiarano di essere musicisti.

Più tardi, nel pomeriggio del 29 dicembre, il gruppo al completo si incontra al Grand Hyatt Tokyo. Al termine dell’incontro, Peter Taylor prende un taxi per l’aeroporto Narita da si imbarca su un volo per la Cina. Gli altri tre, incluso Ghosn, salgono invece su un treno veloce diretto a Osaka. Al loro arrivo, alle 20:14, Ghosn, Michael Taylor e Zayek entrano nella stanza 4609 di un hotel. Più di un’ora dopo, alle 21:57, Taylor e Zayez escono dalla stessa stanza con i loro bagagli, comprese le due grandi casse nere, e si dirigono verso l’aeroporto. “Non c’è alcuna immagine di Ghosn che lascia la stanza 4609: era nascosto in una delle due grandi casse nere trasportate da Michael Taylor e Zayek”. Il bagaglio è passato attraverso un controllo di sicurezza dell’aeroporto senza essere verificato per poi essere caricato su un jet privato partito poco per la Turchia. Due giorni dopo, il 31 dicembre, Ghosn ha annunciato pubblicamente di essere fuggito dal Giappone e di trovarsi in Libano, il suo paese natale.

Michael Taylor non è nuovo a questo genere di operazioni: in passato, fra quelle che si conoscono ufficialmente, ha pianificato blitz per mettere in salvo persone in difficoltà in punti caldi del mondo. Il New York Times l’aveva assoldato per liberare il reporter David Rohde, catturato in Afghanistan dai Talebani nel 2008. Più di dieci anni prima, nel 1999, Taylor aveva lavorato per una famiglia della Carolina del Nord che rivoleva la figlia, rimasta bloccata in Siria con i suoi tre bambini dopo essere fuggita dal marito violento. Per finire, ha svolto delle accurate “valutazioni di vulnerabilità” su decine di importanti aeroporti internazionali per conto dell’American International Security Corporation. Un vero professionista della fuga.

Galleria fotografica
Arrestata la squadra che ha fatto fuggire Ghosn - immagine 1
Arrestata la squadra che ha fatto fuggire Ghosn - immagine 2
Cronaca
«Epstein si è ucciso, ne sono convinto»
«Epstein si è ucciso, ne sono convinto»
Per la prima volta, parla un detenuto che ha incontrato più volte il finanziere pedofilo, entrato nel programma di prevenzione dei suicidi. «Sapeva che il suo mondo era finito»
Addio a John Peter Sloan
Addio a John Peter Sloan
Il più simpatico e irriverente degli insegnanti di lingua inglese mai apparsi in Italia si è spento all’improvviso in Sicilia, dove aveva scelto di trasferirsi da qualche anno
Malaga, la Fase 2 è quella delle risse
Malaga, la Fase 2 è quella delle risse
A meno di due giorni dalla riapertura dei locali, il noto centro turistico andaluso epicentro di risse e accoltellamenti
GB: identificata la ragazza fatta a pezzi in due valigie
GB: identificata la ragazza fatta a pezzi in due valigie
Si chiamava Phoenix Netts, 28 anni: viveva in un centro di accoglienza per donne dopo un passato come senzatetto e tossicodipendente
La testa nella valigia che sconvolge la Svezia
La testa nella valigia che sconvolge la Svezia
È l’unica parte del corpo ritrovato della 17enne Wilma Andersson, probabilmente uccisa e decapitata dall’ex fidanzato. A poche ore dall’inizio del processo, la famiglia insiste: “Ridateci quel che resta di nostra figlia”
Turchia, uccide il figlio malato di Covid-19
Turchia, uccide il figlio malato di Covid-19
Un calciatore turco ha confessato di aver soffocato il figlio nel letto dell’ospedale facendo credere ai medici che era in preda ad una crisi respiratoria. La verità pochi giorni dopo: “Non lo sopportavo”
GB: le sputa addosso un malato di coronavirus, muore dopo 2 settimane
GB: le sputa addosso un malato di coronavirus, muore dopo 2 settimane
Belly Mujinga, bigliettaia alla Victoria Station, era stata affrontata da un uomo che diceva di essere infetto: è morta due settimane dopo in ospedale
Il magnate Tom Hagen accusato di aver ucciso la moglie
Il magnate Tom Hagen accusato di aver ucciso la moglie
Alla scomparsa della donna, nel 2018, era seguita una richiesta di riscatto. Ma per la polizia si trattava soltanto di un depistaggio. Il ricco imprenditore nel settore dell’energia arrestato a casa
La polizia fa irruzione mentre tenta di fare a pezzi il corpo della moglie
La polizia fa irruzione mentre tenta di fare a pezzi il corpo della moglie
La famiglia di Amber Ryan aveva chiesto l’intervento delle forze dell’ordine perché da diversi giorni aveva perso sue notizie: gli agenti hanno trovato il marito intento a smembrarne il corpo. La coppia era segnalata per violenze familiari
Canada, vestito da poliziotto uccide 16 persone
Canada, vestito da poliziotto uccide 16 persone
L’inspiegabile notte di follia di un dentista, che ha seminato morte in più punti di un tranquillo paesino della Nuova Scozia. È stato ucciso in un conflitto a fuoco dopo una notte di frenetica caccia all’uomo