Arrestati gli aggressori di Melania e Chris

| Le due ragazze erano state pestate su un autobus da un gruppo di giovani che pretendevano uno scambio saffico di baci e palpeggiamenti. Solidarietà dai social e della classe politica inglese

+ Miei preferiti
La polizia di Londra ha individuato e arrestato cinque giovani fra i 15 ed i 18 anni, ritenuti responsabili dell’aggressione di Melania e Chris, una coppia gay che tornava a casa dopo una serata trascorsa nella zona di Camden, a Londra. Si tratterebbe di cinque adolescenti, una delle tante baby gang che da tempo sembrano tenere sotto scacco la capitale inglese.

L’aggressione è stata denunciata sui social da una delle due donne, Melania Geymonat, 28 anni, assistente di volo della “Ryanair” di origini uruguaiane, che ha pubblicato le immagini sue e della compagna Chris dopo il violento pestaggio.

Già il giorno successivo all’aggressione, la polizia metropolitana aveva annunciato il fermo di quattro adolescenti in relazione all'assalto: un quinto componente della gang, un ragazzo di 16 anni, è stato arrestato sabato. La polizia è riuscita a individuarli grazie ai filmati delle videocamere di sorveglianza della zona.

Secondo il verbale della polizia, l’aggressione è avvenuta intorno alle 2:30 del mattino: “le donne sono state attaccate e picchiate prima che il gruppo di aggressori scendesse dall’autobus”.

Oltre all’immediato sdegno del sindaco di Londra Sadiq Khan, solidarietà alle due ragazze è arrivata dal leader del partito laburista Jeremy Corbyn che ha definito l’aggressione “scioccante” assicurando il proprio sostegno a Melania e Chris ma anche “a tutti i membri della comunità LGBT+ per tutto ciò che sopportano per il semplice fatto di essere ciò che sono”. Anche il primo ministro dimissionario Theresa May ha espresso profonda tristezza per l’attacco. Dura anche la reazione di Siwan Hayward, direttore della rete di servizi del “Transport for London”, che alla BBC ha dichiarato “I comportamenti omofobi e gli abusi non saranno tollerati sulla nostra rete di trasporti”.

Quando la notizia dell’aggressione è diventata virale, migliaia di persone hanno voluto testimoniare la propria solidarietà alla coppia sui social. La preoccupazione è rivolta al “London Pride”, il mese di eventi LGBT che inizia il prossimo sabato per culminare in una colorata parata il 6 prossimo luglio.

Articoli correlati
Galleria fotografica
Arrestati gli aggressori di Melania e Chris - immagine 1
Arrestati gli aggressori di Melania e Chris - immagine 2
Arrestati gli aggressori di Melania e Chris - immagine 3
Cronaca
Coppia di fidanzati fatti a pezzi in un trolley
Coppia di fidanzati fatti a pezzi in un trolley
La valigia, ritrovata su una scogliera da un gruppo di ragazzini, conteneva i resti smembrati di Jessica Lewis e Austin Wenner, di cui non si sapeva nulla da giorni
Il blitz della cattura di Ghislaine Maxwell
Il blitz della cattura di Ghislaine Maxwell
L’FBI ha confermato che era sulle tracce della complice di Epstein da un anno: era stata individuata due volte, ed è sempre riuscita a sfuggire. Ora inizia la battaglia del suo agguerrito team legale
Lo sfacciato immobiliarista che riciclava denaro sporco
Lo sfacciato immobiliarista che riciclava denaro sporco
Oltre a decine di furti e frodi, Ramon Olorunwa Abbas era un esperto nel “ripulire” grosse somme di denaro frutto di traffici illeciti. Fra le vittime anche un club della Premier League inglese
Il Golden State Killer
si dichiara colpevole
Il Golden State Killer<br>si dichiara colpevole
Ha ammesso stupri e omicidi che per 40 anni hanno tolto il sonno a due contee californiane, in cambio della vita: non salirà sul patibolo, ma sconterà almeno 11 ergastoli dietro le sbarre
Londra: condannato il giovane della Tate Modern
Londra: condannato il giovane della Tate Modern
Il 18enne che un anno fa spinse dal balcone un bimbo di sei anni condannato dalla giustizia inglese per omicidio volontario
Justin Bieber cita due donne che lo accusano di stupro
Justin Bieber cita due donne che lo accusano di stupro
Danielle e Kadi hanno raccontato sui social di essere state violentate in albergo ad un anno di distanza una dall’altra. L’artista canadese nega dicendo di avere le prove che in quei giorni si trovava da altre parti, e parte al contrattacco
Suicida una giovanissima star di «TikTok»
Suicida una giovanissima star di «TikTok»
A 16 anni, Siya Kakkar era seguita da milioni di follower in tutto il mondo. Inspiegabili i motivi del gesto: aveva numerosi progetti futuri
Scarcerata la giovane che ha ucciso il suo violentatore
Scarcerata la giovane che ha ucciso il suo violentatore
Dopo due anni di abusi, nel 2018 Chrystul Kizer aveva ucciso l’uomo che la violentava e vendeva ad altri. Al suo fianco si è schierata un’imponente campagna mediatica e di supporto economico
NY, cameriera 18enne molestata da clienti e proprietari
NY, cameriera 18enne molestata da clienti e proprietari
Brenna Gonzales, cameriera di una celebre steak-house frequentata dal jet-set newyorkese, ha sporto querela per molestie sessuali ripetute
Zanardi stabile ma ancora grave
Zanardi stabile ma ancora grave
I medici non azzardano supposizioni: il quadro generale parla di “danni importanti” che potrebbero avere conseguenze neurologiche e di vista. Nei prossimi giorni la riduzione della sedazione e le prime valutazioni