Arrestato il “dottor Wagner”, numero 2 di El Chapo

| Fermato nella sala partenze di Fiumicino, è considerato colui che alimenta il traffico di droga dal Messico verso gli Stati Uniti. La giustizia americana ne ha chiesto l’estradizione

+ Miei preferiti
Le cronache lo descrivono come un uomo distinto, elegante, lontano anni luce dal look rude e un po’ vaccaro dei narcotrafficanti sudamericani. Ma dietro un’immagine raffinata, Ramon Cristobal Santoyo, 43 anni, nasconde un ruolo di primo piano nel traffico mondiale della droga: stretto collaboratore di “El Chapo” Guzmán, l’ex signore del cartello messicano di Sinaloa ormai destinato a concludere il suo passaggio terreno in una cella americana, per la giustizia americana è colui che ne ha preso il posto, continuando a inondare gli Stati Uniti di cocaina, eroina e metanfetamina. Erano i suoi compiti anche all’interno dell’organizzazione di El Chapo, compreso assicurarsi il ritorno del denaro delle vendite verso il Messico.

Santoyo è considerato un uomo spregiudicato e furbo: nel 2015, uno dei suoi uomini era stato fermato al confine con la California mentre trasportava 11 milioni di dollari in contanti. Per risolvere la questione, Santoyo avrebbe tentato di corrompere gli agenti con l’offerta di 100 kg di cocaina.

Soprannominato “dottor Wagner”, Ramon Cristobal Santoyo è stato arrestato nei giorni scorsi all’aeroporto di Fiumicino su segnalazione della “DEA” (Drug Enforcement Administration), che gli dava la caccia dal 2016, quando un mandato di cattura internazionale gli aveva complicato un po’ la vita e gli spostamenti. È stato localizzato nella sala d’attesa dell’aeroporto romano, dov’era in procinto di imbarcarsi per un volo diretto a Città del Messico con scalo a Parigi.

Immediatamente, gli Stati Uniti ne hanno richiesto l’estradizione: lo attende un processo davanti alla corte californiana per traffico internazionale di sostanze stupefacenti e riciclaggio di denaro. Tocca alla corte d’appello di Roma valutare la richiesta, passando poi la decisione al ministro della giustizia Alfonso Bonafede.

Articoli correlati
Cronaca
Il mistero dell’influencer trovata morta
Il mistero dell’influencer trovata morta
Alexis Leigh Sharkley, 26 anni, era scomparsa venerdì a Houston senza lasciare traccia: il corpo nudo è stato visto da un operaio. È mistero fitto sulla morte: il corpo non presenta ferite
Dal reparto psichiatrico alla carriera da modella
Dal reparto psichiatrico alla carriera da modella
L’incredibile storia di Lucy May Dawson, una giovane inglese che viene ricoverata e curata per un forte esaurimento nervoso. Sembrava che per lei non ci fosse altro da fare, fin quando è arrivata la diagnosi corretta
Ricompare dopo un anno una modella svanita nel nulla
Ricompare dopo un anno una modella svanita nel nulla
Eloisa Pinto Fontes, 26 anni, era scomparsa senza lasciare traccia un anno fa a New York. È stata ritrovata in una favela di Rio mentre vagava in stato confusionale
La misteriosa morte dell’ex pornostar Zoe Parker
La misteriosa morte dell’ex pornostar Zoe Parker
Sarebbe morta nel sonno a soli 24 anni: dopo una carriera fulminea nel mondo dell’hard aveva scelto di tornare dalla famiglia in Texas e contava di sposarsi a breve
Notte di sangue a Birmingham
Notte di sangue a Birmingham
Una non meglio precisata “serie di accoltellamenti” che avrebbero coinvolto diverse persone, avvenuti nella zona della movida e del quartiere LGBT. La polizia non si sbilancia sulla matrice dell’episodio
Rock and Virus
Rock and Virus
Il concerto degli “Smash Mount” durante il motoraduno di Sturgis, si sta trasformando in un focolaio che fa il pieno di contagi e vittime. L’ira dei social verso la band, accusata di fomentare la folla urlando che il Covid non esiste
Londra, condannato il killer che nascondeva i corpi di due donne nel congelatore
Londra, condannato il killer che nascondeva i corpi di due donne nel congelatore
I cadaveri di Henriett Szcus e Mihrican Mustafa ritrovati casualmente dalla polizia un anno fa nell’appartamento di Zahid Younis, 36 anni, condannato all’ergastolo
Oslo, 25 intossicati al rave party in una caverna
Oslo, 25 intossicati al rave party in una caverna
L’allarme è scattato dopo i primi svenimenti per la presenza di monossido di carbonio. Nessuna vittima ma tanta paura per circa 200 giovani che avevano scelto una caverna per una notte di eccessi
La killer di una senatrice americana confessa l’omicidio
La killer di una senatrice americana confessa l’omicidio
Rebecca Lynn O’Donnell ha confessato l’omicidio e l’occultamento di cadavere della senatrice dell'Arkansas Linda Collins-Smith, che stava indagando in un giro di pedofilia
Texas, mamma in overdose si chiude in auto con le figlie: muoiono tutte e tre
Texas, mamma in overdose si chiude in auto con le figlie: muoiono tutte e tre
Natalie, Izabel ed Elise Chambers, sono state ritrovate prive di vita in un Suv: Natalie sarebbe morta per overdose, le sue bimbe soffocate dal gran caldo