Assessore M5s: "Boldrini-Boldracchia" Subito rimosso post su Fb: "Mi scuso"

| Claudia Nozzetti: "Castrare gli stupratori di Rimini". La minoranza: "Subito le dimissioni, insultata la terza carica istituzionale dello Stato, non è ammissibile"

+ Miei preferiti
Ha un'intensità appena minore di "Irma", l'uragano che sta massacrando i Caraibi, la tempesta che in queste ore sta scuotendo nel profondo Venaria Reale. Il capo dell'opposizione, Salvatore Ippolito ne chiede le dimissioni: "Insultata la terza carica istituzionale dello Stato. Non è comportamento ammissibile da parte di un amministratore pubblico". Tutto inizia con un post pubblicato sulla propria pagina Facebook da Claudia Nozzetti, assessore pentastellato al lavoro, alla casa e alle politiche sociali. Ma su quello che, secondo l'assessora, doveva essere un commento sulla richiesta di estradizione avanzata dalla Polonia verso la banda dei quattro stupratori di Rimini, si è scatenato un caso politico e un vero putiferio. "Spero che li obblighino a tagliarselo l'un l'altro e a farglielo mangiare", ha commentato l'assessore. E non finisce qui, perché poche righe dopo, l'esponente grillina ha rincarato la dose, con un affondo deciso verso la presidente della Camera Laura Boldrini: "I poverini fuggiti dalle guerre e bisognosi di accoglienza e affetto. In alternativa dateglieli in cura a casa della Boldracchia".

Apriti cielo. Sull'assessore pentastellato sono piovute così tante critiche e polemiche da convincerla ad eliminare il post, anche se ormai visto, salvato e diffuso in rete da molti, tentando di aggiustare il tiro con un nuovo post dai toni concilianti: "Scusandomi, desidero peraltro fare alcune precisazioni a proposito del commento di ieri. La problematica è sotto gli occhi di tutti e anima in modo forte e condiviso un senso di esasperazione e impotenza di fronte a istituzioni statali spesso avvertite come tiepide e incapaci nel tutelare il bisogno di sicurezza dei cittadini. Il concetto è stato espresso con parole eccessive, forti e inadeguate condivise più su una scia emotiva che razionale. Parole esterne a un ruolo istituzionale che soltanto parzialmente investe la mia vita, fatta al di sopra di tutto di quotidianità e problemi emotivamente vissuti che vanno ben oltre la semplice necessità di apparire. Al netto di ogni necessità, il commento proprio per le parole espresse è da censurare. Auspico in ogni caso una svolta nell'intraprendere azioni atte a tutelare indistintamente tutti".

A nulla è servito anche il commento prudente del sindaco Roberto Falcone, che dopo un colloquio con l'assessore ha tentato di liquidare il tutto come "Un atto di ingenuità da parte di un assessore tecnico, che non rappresenta l'opinione del Movimento 5 Stelle. Claudia Nozzetti mi ha confermato che si trattava di un pensiero dettato da un'emozione personale, ben distinto dall'opinione politica".

Ma la frittata, come si dice, era fatta e pronta da servire in tavola. In tanti, per iniziare, si sono premurati si ricordare all'assessore il suo ruolo istituzionale e il dovere politico di scorporare i propri sentimenti, mentre altri, come le opposizioni, hanno rincarato la dose, chiedendo le immediate dimissioni dell'assessore, in quanto l'episodio "rappresenta l'ennesima conferma del totale fallimento della giunta pentastellata a Venaria". Ben peggiore, per il proprio ruolo istituzionale, è il commento ingiurioso rivolto al presidente della Camera Boldrini: su diversi casi analoghi, come quello del video dell'agente della Polstrada, la Procura ha aperto dei fascicoli d'inchiesta.
A coronamento della vicenda, è arrivata anche la telefonata del programma radiofonico "La Zanzara", in cui l'assessore tenta di giustificarsi al telefono con il giornalista Giuseppe Cruciani.   



Cronaca
L'orribile morte di Stefania, bruciata viva
L
Gli ultimi risultati delle perizie non lasciano dubbi. Stefania Crotti era solo stordita dalle martellate inferte da Chiara Alessandri quando l'assassina le diede fuoco dopo averla irrorata di benzina. Ergastolo alla porte
Hooligans arrestati a Torino
Hooligans arrestati a Torino
In occasione della partita fra Juventus e Ajax, una sessantina di persone sono state denunciate dalla Polizia, e 54 tifosi olandesi allontanati dall’Italia
Pitbull attacca due bambini
Pitbull attacca due bambini
A Limbiate, nel milanese, un pitbull di un anno e mezzo si è avventato contro due cuginetti che giocavano in cortile. A salvarli alcuni condomini che hanno assistito alla scena
Sparatoria nel foggiano
muore un carabiniere
Sparatoria nel foggiano<br>muore un carabiniere
Un uomo avrebbe aperto il fuoco contro la pattuglia durante un normale controllo nella piazza principale di Cagnano Varano. Il vice comandante della stazione è morto in ospedale, la reazione dei vertici dello Stato
Sfruttamento della prostituzione, arrestata Kyra Kole
Sfruttamento della prostituzione, arrestata Kyra Kole
La soubrette, nota per aver partecipato al programma “Ciao Darwin”, sarebbe stata la capofila di un finto centro massaggi in Brianza
Azouz Marzouk: Rosa e Olindo sono innocenti
Azouz Marzouk: Rosa e Olindo sono innocenti
Il padre e marito di due delle vittime della strage di Erba firma un sollecito per la riapertura del processo e assicura di conoscere il nome del vero assassino della sua famiglia
Tenta il suicidio in un centro commerciale
Tenta il suicidio in un centro commerciale
È accaduto alle Gru di Grugliasco, alle porte di Torino: gli agenti di un istituto di vigilanza sono riusciti a bloccarla prima che si lanciasse nel vuoto
Giovane inglese muore in un gioco erotico
Giovane inglese muore in un gioco erotico
È quanto dichiara il fidanzato di Anna Florence Reed, una 22enne trovata morta in una vasca da bagno di un hotel sul Lago Maggiore. La polizia però non esclude alcuna ipotesi
Le buste che inquietano Torino
Le buste che inquietano Torino
Dopo quella esplosiva alla sindaca Appendino, un esponente della Lega ne riceva una uguale, ma nelle stesse ore arriva una minaccia alla Lavazza, la Vergnano e la Ferrero: pagate o avveleniamo i vostri prodotti
"Ho gettato la testa di Christina nel fiume"
"Ho gettato la testa di Christina nel fiume"
Nel '93, Jason Massey aveva ucciso e smembrato i corpi di due adolescenti. Nel 2001, già nella camera della morte, aveva rivelato ai familiari dove aveva nascosto i resti