Attrice (forse) suicida per amore di 'Charles Bronson'

| Paula Williamson, 38 anni, volto noto in tv, trovata morta in casa. Nel 2017 si era sposata con il criminale UK più pericoloso, conosciuto come "Charles Bronson". Lui però l'aveva brutalmente scaricata dopo pochi mesi

+ Miei preferiti
Di Alberto C.Ferro

L’attrice inglese Paula Williamson, 38 anni, ex moglie del serial killer noto come “Charles Bronson", che ha recitato nella serie tv Coronation Street, è stato trovata morta nella sua casa a Sneyd Green, Stoke-on-Trent. “Ci sarà l’autopsia per stabilire la causa della morte, ma non pare per ora sospetta. Un rapporto è ora in preparazione per i Coroner2, spiega un portavoce della polizia. Paula è popolare in UK, aveva recitato in Coronation Street come infermiera in tre episodi tra il 2008 e il 2012, e nel dramma tv del 2011 Fred e Rose West Appropriate Adult.

L’attrice aveva sposato Bronson, "il criminale più violento della Gran Bretagna", nel 2017, mentre era dietro le sbarre in HMP Wakefield ma il killer ha chiesto il divorzio già nel 2018. Durante un'apparizione tv, in lacrime su Loose Women, la scorsa estate, Williamson aveva detto di avere il cuore spezzato e che Bronson aveva depositato i documenti per il divorzio. Lo scorso luglio, ha detto al Sunday Mirror: "Questo rapporto mi ha spinto sull'orlo del baratro e  ho anche pensato di togliermi la vita. Sono stato usato e controllato da dietro le sbarre, perché lui si è preso gioco di me”. Ora si tema che l’attrice si sia suicidata a causa del criminale più intervistato del mondo intero.

The Sun ha pubblicato un report su Bronson che ha intenzione di sposare una donna di nome Joan quando, fra molti anni, sarà rilasciato.

Charles Arthur "Charlie" Salvador, 67 anni, (già Charles Ali Ahmed), meglio conosciuto come Charles Bronson, è un criminale inglese che è stato definito dalla stampa britannica come "il prigioniero più violento della Gran Bretagna". Ha trascorso periodi di detenzione negli ospedali psichiatrici di alta sicurezza di Rampton, Broadmoor e Ashworth.

Arrestato per la prima volta come un piccolo criminale, era stato condannato nel 1974 a sette anni di reclusione per rapina a mano armata. A causa degli attacchi ai prigionieri e alle guardie è stato ha subito ulteriori condanne. Dopo il suo rilascio nel 1987, ha intrapreso la carriera di lottatore nell'East End di Londra. Il suo promoter gli suggerì di assumere un nome d’arte, e lui scelse Charles Bronson nel 1987. E 'stato rinviato in prigione nel 1988 dopo essere stato condannato per aver pianificato un'altra rapina. È conosciuto come un detenuto violento, e ha preso numerosi ostaggi nel corso di scontri con le guardie, con la conseguenza che la sua condanna in seguito è stata trasformata in ergastolo. E’ stato detenuto in ciascuno dei tre ospedali psichiatrici carcerari inglesi.

A causa dei suoi precedenti di violenza e malattie mentali in prigione, Bronson è uno dei criminali di più alto profilo si sicurezza in Gran Bretagna. È stato protagonista di libri, interviste e studi sulla riforma carceraria e sul trattamento. "Sono un bravo ragazzo, ma a volte perdo il controllo e divento cattivo. Questo non mi rende malvagio, ma solo confuso”. Gli hanno persino dedicato un film nel 2008.

Bronson ha scritto molti libri sulle sue esperienze e sui prigionieri famosi che ha incontrato durante la sua prigionia. Appassionato di fitness, ha trascorso molti anni in segregazione e ha dedicato un libro all'esercizio fisico in spazi confinati. È un artista; i suoi dipinti e le illustrazioni della vita in prigione e in ospedale psichiatrico sono stati esposti pubblicamente e gli sono valsi numerosi premi.

Nel 2014 ha cambiato di nuovo il suo nome, questa volta in Charles Salvador, in segno di rispetto per Salvador Dalí, uno dei suoi artisti preferiti. La Charles Salvador Art Foundation è stata fondata per promuovere le sue opere d'arte e "aiutare coloro che si trovano in posizioni ancora meno fortunate della sua" per vivere l’arte.

Cronaca
Dal reparto psichiatrico alla carriera da modella
Dal reparto psichiatrico alla carriera da modella
L’incredibile storia di Lucy May Dawson, una giovane inglese che viene ricoverata e curata per un forte esaurimento nervoso. Sembrava che per lei non ci fosse altro da fare, fin quando è arrivata la diagnosi corretta
Ricompare dopo un anno una modella svanita nel nulla
Ricompare dopo un anno una modella svanita nel nulla
Eloisa Pinto Fontes, 26 anni, era scomparsa senza lasciare traccia un anno fa a New York. È stata ritrovata in una favela di Rio mentre vagava in stato confusionale
La misteriosa morte dell’ex pornostar Zoe Parker
La misteriosa morte dell’ex pornostar Zoe Parker
Sarebbe morta nel sonno a soli 24 anni: dopo una carriera fulminea nel mondo dell’hard aveva scelto di tornare dalla famiglia in Texas e contava di sposarsi a breve
Notte di sangue a Birmingham
Notte di sangue a Birmingham
Una non meglio precisata “serie di accoltellamenti” che avrebbero coinvolto diverse persone, avvenuti nella zona della movida e del quartiere LGBT. La polizia non si sbilancia sulla matrice dell’episodio
Rock and Virus
Rock and Virus
Il concerto degli “Smash Mount” durante il motoraduno di Sturgis, si sta trasformando in un focolaio che fa il pieno di contagi e vittime. L’ira dei social verso la band, accusata di fomentare la folla urlando che il Covid non esiste
Londra, condannato il killer che nascondeva i corpi di due donne nel congelatore
Londra, condannato il killer che nascondeva i corpi di due donne nel congelatore
I cadaveri di Henriett Szcus e Mihrican Mustafa ritrovati casualmente dalla polizia un anno fa nell’appartamento di Zahid Younis, 36 anni, condannato all’ergastolo
Oslo, 25 intossicati al rave party in una caverna
Oslo, 25 intossicati al rave party in una caverna
L’allarme è scattato dopo i primi svenimenti per la presenza di monossido di carbonio. Nessuna vittima ma tanta paura per circa 200 giovani che avevano scelto una caverna per una notte di eccessi
La killer di una senatrice americana confessa l’omicidio
La killer di una senatrice americana confessa l’omicidio
Rebecca Lynn O’Donnell ha confessato l’omicidio e l’occultamento di cadavere della senatrice dell'Arkansas Linda Collins-Smith, che stava indagando in un giro di pedofilia
Texas, mamma in overdose si chiude in auto con le figlie: muoiono tutte e tre
Texas, mamma in overdose si chiude in auto con le figlie: muoiono tutte e tre
Natalie, Izabel ed Elise Chambers, sono state ritrovate prive di vita in un Suv: Natalie sarebbe morta per overdose, le sue bimbe soffocate dal gran caldo
Una mamma e i suoi due figli trovati in un'auto in un lago
Una mamma e i suoi due figli trovati in un
I corpi di ShaQuia Philpot e i suoi due gemelli, sono stati notati da un pescatore in un lago della Georgia. La polizia indaga per risalire ai motivi di quello che al momento appare come un inspiegabile omicidio-suicidio