Aumenta salario ai reclusi, agli agenti no

| Dell'83 per cento. Analisi dell'attuale difficile momento del sistema carcerario italiano tra episodi gravi e grotteschi

+ Miei preferiti
Sta succedendo, ormai da mesi, qualcosa di imprevedibile e di inquietante all'interno del sistema carcerario italiano, idem in quello piemontese. Negli ultimi tempi sono avvenuti una serie di episodi che fotografano in modo inequivoco un profondo stato di disagio e di malessere dell'intera struttura logistica, compresi gli agenti della polizia penitenziaria. Il concetto stesso di tutela dinamica, che prevede le ceòòe aperte, in realtà comporta una perdita di sicurezza e una forte riduzione dei controlli. L'ultima notizia, quello dello stanziamento di 96 milioni di euro destinati ad implementare lo stipendio dei detenuti dell'83 per cento, ha causato un'ondata di malumore poi sintetizzato dal sindacato Osapp che, con toni amari, ha ricordato le difficoltà della polizia penitenziaria, alle prese con mense inadeguate, vecchie divise sbrindellate, mezzi obsoleti, straordinari bloccati, turn over fermo da anni e quant'altro di negativo. In sequenza, il terrificante omicidio avvenuto nelle carceri di San Gimignano, dove un detenuto romeno di 39 anni ha ucciso a colpi di sgabello il connazionale compagno di cella, in questo caso, sempre l'Osapp parla senza mezzi termini di "fallimento" del sistema penintenziario, alle prese con carenze d'organico così gravi da mettere in pregiudizio la sicurezza interna degli istituti e la tutela stessa dei detenuti.

Piccoli episodi che fanno da segnale d'allarme, come il telefono cellulare trovato nel carcere delle Vallette, in una cella occupata da un peruviano; anche in questo caso, sotto accusa, è il clima di permissivismo e di tolleranza che, invece di redimere, crea uno stato di anarchia laddove invece ci vorrebbe una disciplina e un rigore ferreo. E' duro lo sfogo di un operatore: "In carcere comandano  i reclusi, quando per ogni agente ci sono decine di detenuti in teoria da controllare, la leva del comando, quello vero, passa in mano loro. Si sono appropriati del territorio della legalità".

O le evasioni dal carcere di minorenni, la fuga per amore dell'ergastolano Johnny lo Zingaro, da Fossano e poi ripreso in Umbria dalla polizia, anche una donna non rientrata da un permesso. Infine i capitoli a luce rossa: un detenuto albanese che fa sesso con la fidanzata durante i colloqui, la cuoca del Ferrante Aporti protagonista di una tormentata liaison con detenuto di 20 anni extracomunitario su cui pende un decreto di espulsione. 

A proposito dell'evasione della detenuta Italiana di 37 anni, rinchiusa nel carcere delle Vallette  per furto, con fine pena nel 2020 e a cui erano state concesse 12 ore di breve permesso per incontrarsi con i figli minori e mai rientrata e così come per i due reclusi, appena maggiorenni, non rientrati a loro volta al Ferrante Aporti, dopo un doppio permesso premio, l'Osapp aveva criticato l'amministrazione: "Siamo all'ennesimo grave episodio che pone inequivocabili dubbi sulla funzionalità dell'attuale sistema penitenziario italiano e sulle altrettanto scarse capacità gestionali ed organizzative e che dimostrano quanto e come si sia perso di vista il significato e la finalità delle pene detentive per chi deve scontare il proprio debito nei confronti della collettività. Ma ciò che ancora di più ci amareggia - aveva aggiunto il segretario generale Osapp Leo Beneduci – è l'apprendere che anche ai massimi livelli istituzionali si minimizzi o addirittura si neghi la rilevanza di questi episodi; è difficile accettare, infatti, che chi ricopre incarichi di così grande responsabilità non si renda conto di quanto vengano a costare agli inermi contribuenti il grande dispiego di risorse in termini economici, di mezzi e di personale necessarie alla ricerca degli evasi dal carcere e che potrebbero, invece, essere più utilmente impiegate". 


Cronaca
Arrestato il fondatore del Cirque du Soleil
Arrestato il fondatore del Cirque du Soleil
Guy Laliberté sarebbe trattenuto dalla polizia a Tahiti: nel suo atollo privato è stata rinvenuta una grande piantagione di cannabis. La vita esagerata di un eccentrico ex artista di strada diventato miliardario
Francia, 800 kg di cocaina riconsegnati dal mare
Francia, 800 kg di cocaina riconsegnati dal mare
Dal 18 ottobre scorso, su un lungo tratto della costa atlantica francese si susseguono i ritrovamenti di panetti di cocaina purissima. L’inchiesta della procura per adesso si limita a supposizioni
Lo scontro di due aerei militari causato da un selfie
Lo scontro di due aerei militari causato da un selfie
È accaduto nel dicembre dello scorso anno al largo delle coste giapponesi: l’inchiesta ha accertato che un pilota si stava scattando dei selfie, mentre l’altro leggeva un libro
Trovato morto il fondatore dei White Helmets
Trovato morto il fondatore dei White Helmets
Ex agente segreto britannico, Jack Le Mesurier aveva creato una ong che agisce nei teatri di guerra siriani. Pochi giorni fa la Russia l’aveva accusato di terrorismo
Nuovi guai per Roman Polanski
Nuovi guai per Roman Polanski
Nel 1975, la giovane Valentine Monnier fu violentata senza pietà dal regista in uno chalet di Gstaad: 44 anni ha raccontato tutto, spinta proprio dall’ultimo film di Polanski
La coppia diabolica che sognava sesso e sangue
La coppia diabolica che sognava sesso e sangue
Paul e Angela, due amanti inglesi, hanno eliminato il ricco marito di lei per poter vivere insieme. A loro carico una serie di messaggi agghiaccianti in cui sognavano di fare sesso nel sangue del marito
Germania, finta dottoressa arrestata per quattro morti
Germania, finta dottoressa arrestata per quattro morti
Ha lavorato per quattro anni in ospedale, dove aveva presentato una documentazione falsa: è accusata di quattro decessi e otto persone ferite in modo grave
Ucciso l’hair stylist di CR7
Ucciso l’hair stylist di CR7
Il corpo di Ricardo Marques Ferreira trovato nel letto di un hotel di Zurigo in un lago di sangue. La polizia ha fermato un uomo di 39 anni
Storie di morte dal tir degli orrori
Storie di morte dal tir degli orrori
I messaggi di addio alla famiglia di Pham Thi Tra My, una ragazza vietnamita di 26 anni. Le indagini della polizia sulle spietate bande di trafficanti di esseri umani che dominano le tratte internazionali
Rinviato il processo ai rapitori di Silvia Romano
Rinviato il processo ai rapitori di Silvia Romano
“Nuovi e fondamentali elementi” hanno convinto i giudici keniani a far slittare il processo a carico di tre dei presunti sequestratori della giovane milanese