Azouz Marzouk: Rosa e Olindo sono innocenti

| Il padre e marito di due delle vittime della strage di Erba firma un sollecito per la riapertura del processo e assicura di conoscere il nome del vero assassino della sua famiglia

+ Miei preferiti
Secondo la Suprema Corte di Cassazione, i coniugi Olindo Romano e Rosa Bazzi sono gli autori materiali della strage di Erba, uno dei peggiori casi di cronaca degli ultimi anni. Sotto i colpi di Rosa e Olindo, dicono le sentenze, muoiono Raffaella Castagna, 30 anni, suo figlio Youssek di 2, e sua madre Paola Galli, 60 anni, oltre a Valeria Cherubini, 55 anni, una vicina di casa. Sopravvive solo Mario Frigerio, accoltellato alla gola: si salva grazie ad una malformazione congenita che gli impedisce di morire dissanguato. Muore nel 2014 dopo una lunga malattia.



La sentenza del 3 maggio 2011 conferma la condanna all’ergastolo per i coniugi Romano, con isolamento diurno per tre anni pronunciata il 26 novembre 2008 dalla Corte d’Assise di Como e ribadita il 20 aprile 2010 dalla Corte d’Assise di Milano.

Nel 2013, il pool difensivo di Rosa e Olindo ha presentato la richiesta di revisione del processo, sulla base di alcune affermazioni di Azouz Marzouk, padre e marito delle vittime, che dal giorno successivo alla sentenza continua a ripetere di ritenere i coniugi Romano innocenti, malgrado loro stessi abbiano confessato gli omicidi.

Parole che Marzouk ha ripetuto con più forza nelle scorse ore, firmando un sollecito per le revisione del processo spiegato nei dettagli in una nuova intervista concessa a “Telelombardia” in cui assicura di sapere chi è il vero autore del caso di cronaca nera dell’11 dicembre 2006, chiamato “la strage di Erba”.

“So chi ha ucciso mia moglie e mio figlio: è una persona che conosco, Rosa e Olindo non c’entrano - afferma Azouz Marzouk - sono convinto che esiste un’altra storia. Anche le carte dicono chi è stato: la pista della ‘ndrangheta non c’entra niente, quella è una teoria che hanno voluto tirare fuori: i veri responsabili sono entrati a processo come testimoni. Ci sono tante telecamere lì vicino alla piazza, ma non ne hanno tirata fuori neanche una. Tutti questi elementi non vi fanno pensare a nulla? Per me confermano la mia tesi... so chi è andato... Chi è... So chi aveva interesse ad ammazzare mio figlio e mia moglie”.

Nei mesi scorsi, la difesa dei coniugi Romano ha chiesto l’accesso ad alcune prove raccolte sulla scena del delitto che non sarebbero mai state analizzate: un accendino, un mazzo di chiavi e dei peli ritrovati nell’appartamento della strage.

Azouz Marzouk, che oggi è tornato in Marocco, dove gestisce un mini-market, è pronto a testimoniare in aula, chiedendo che sia ascoltata anche sua madre Souad Ferchici, che afferma di aver ricevuto la misteriosa visita di uno sconosciuto secondo cui Rosa e Olindo erano innocenti. La difesa chiede anche di riascoltare le audizioni e le intercettazioni ambientali e telefoniche, il materiale fotografico e la testimonianza di un extracomunitario senza fissa dimora che sarebbe stato nei pressi dell’abitazione di via Diaz 25 mentre avveniva il massacro. Perfino sul dettaglio che Rosa e Olindo si siano dichiarati colpevoli, la difesa è convinta che si tratti di autocalunnia, un gesto che avrebbe dato vita a quella che è definita una “frode processuale” che ha inficiato il processo. Rosa Bazzi è rinchiusa nel carcere di Bollate, Olindo Romano in quello di Opera.

Galleria fotografica
Azouz Marzouk: Rosa e Olindo sono innocenti - immagine 1
Cronaca
Ricompare dopo un anno una modella svanita nel nulla
Ricompare dopo un anno una modella svanita nel nulla
Eloisa Pinto Fontes, 26 anni, era scomparsa senza lasciare traccia un anno fa a New York. È stata ritrovata in una favela di Rio mentre vagava in stato confusionale
La misteriosa morte dell’ex pornostar Zoe Parker
La misteriosa morte dell’ex pornostar Zoe Parker
Sarebbe morta nel sonno a soli 24 anni: dopo una carriera fulminea nel mondo dell’hard aveva scelto di tornare dalla famiglia in Texas e contava di sposarsi a breve
Notte di sangue a Birmingham
Notte di sangue a Birmingham
Una non meglio precisata “serie di accoltellamenti” che avrebbero coinvolto diverse persone, avvenuti nella zona della movida e del quartiere LGBT. La polizia non si sbilancia sulla matrice dell’episodio
Rock and Virus
Rock and Virus
Il concerto degli “Smash Mount” durante il motoraduno di Sturgis, si sta trasformando in un focolaio che fa il pieno di contagi e vittime. L’ira dei social verso la band, accusata di fomentare la folla urlando che il Covid non esiste
Londra, condannato il killer che nascondeva i corpi di due donne nel congelatore
Londra, condannato il killer che nascondeva i corpi di due donne nel congelatore
I cadaveri di Henriett Szcus e Mihrican Mustafa ritrovati casualmente dalla polizia un anno fa nell’appartamento di Zahid Younis, 36 anni, condannato all’ergastolo
Oslo, 25 intossicati al rave party in una caverna
Oslo, 25 intossicati al rave party in una caverna
L’allarme è scattato dopo i primi svenimenti per la presenza di monossido di carbonio. Nessuna vittima ma tanta paura per circa 200 giovani che avevano scelto una caverna per una notte di eccessi
La killer di una senatrice americana confessa l’omicidio
La killer di una senatrice americana confessa l’omicidio
Rebecca Lynn O’Donnell ha confessato l’omicidio e l’occultamento di cadavere della senatrice dell'Arkansas Linda Collins-Smith, che stava indagando in un giro di pedofilia
Texas, mamma in overdose si chiude in auto con le figlie: muoiono tutte e tre
Texas, mamma in overdose si chiude in auto con le figlie: muoiono tutte e tre
Natalie, Izabel ed Elise Chambers, sono state ritrovate prive di vita in un Suv: Natalie sarebbe morta per overdose, le sue bimbe soffocate dal gran caldo
Una mamma e i suoi due figli trovati in un'auto in un lago
Una mamma e i suoi due figli trovati in un
I corpi di ShaQuia Philpot e i suoi due gemelli, sono stati notati da un pescatore in un lago della Georgia. La polizia indaga per risalire ai motivi di quello che al momento appare come un inspiegabile omicidio-suicidio
Riconosce il suo stupratore nel killer di Maddie
Riconosce il suo stupratore nel killer di Maddie
Una donna vittima di stupro nel 2004 nella stessa zona del Portogallo dove è scomparsa la bimba inglese, ha trovato nel racconto di un’altra violenza commessa da Christian Brueckner molte analogie con la sua, rimasta irrisolta