"Cancellare le ombre sulla morte di mio padre"

| Audizione della figlia del procuratore ucciso Caccia e del suo legale in Commissione Antimafia

+ Miei preferiti
"Paola Caccia ha rappresentato oggi in Antimafia le scarse risposte della giustizia a proposito della ricostruzione dell'omicidio del padre del grande isolamento in cui sono stati lasciati nel corso di 30 anni, al di là di alcune vicinanze umane che ci sono state, come quella del magistrato in pensione Mario Vaudano, che ci ha fornito un supporto validissimo. Ho segnalato le inerzie della procura di Milano nel fare le indagini, non sono stati neppure studiati i fascicoli di cui si occupava Caccia nel periodo antecedente il delitto. Ho segnalato che su una delle vicende di cui la procura di Torino si stava occupando allora, il riciclaggio del denaro delle mafie e la gestione dei casinò del nord Italia, nessun accertamento è stato fatto dalla procura di Milano, come se ci fosse un quadro da ricostruire di basso profilo, come se l'omicidio possa essere stato voluto da un capo clan calabrese ed eseguito da soggetti ancora sconosciuti…le indagini sono state fatte male o non fatte per nulla come se si volessero perimetrare gli accertamenti allo stretto giro criminale di Domenico Belfiore (condannato all'ergastolo con sentenza passata in giudicato e scarcerato nel giugno 2015 per motivi di saluto dopo 34 anni di carcere come mandante del delitto, ndr) e Rocco Schirripa, come se ci fosse qualcosa di indicibile da non nominare". Schirripa è l'unico imputato del delitto.

Questa è la sintesi dell'intervento di Paola Caccia, la figlia del procuratore capo di Torino Bruno Caccia - e del suo legale di fiducia Fabio Repici - ucciso la domenica sera del 26 giugno 1983, mentre portava il suo cagnolino a fare una passeggiata in via Sommacampagna a Torino.
Quel giorno il magistrato era senza scorta, ed erano in corso le elezioni politiche in uno dei momenti più difficili del Paese, ancora segnato dal terrorismo rosso e nero. L'audizione di Paola Caccia e del legale ha tentato di riportare al centro dell'attenzione tutte le ombre che gravano ancora su un'inchiesta, quella della procura e della squadra mobile di Torino, che non ha mai convinto dei tutto i familiari del procuratore.
Il 17 riprende il processo in Assise a Milano, sentenza per i primi di giugno con la requisitoria del pm Marcello Tatangelo, poi altre due udienze, riservata alle difesa di Schirripa, con gli avvocati Mauro Anetrini e Basilio Foto, infine le repliche di pm e legali e la camera di consiglio.  Le richieste della parte di civile di ascoltare come testi anche i colleghi di Caccia è rimasta però disattesa. Il presidente Ilio Mannucci Pacini ha voluto mantenere il corso del processo all'interno dei soli capi d'accusa contestati a Schirripa. Nella prossima udienza sarà sentito un altro indagato per la morte del giudice, l'ex Prima Linea Francesco D'Onofrio.  



Cronaca
L'orribile morte di Stefania, bruciata viva
L
Gli ultimi risultati delle perizie non lasciano dubbi. Stefania Crotti era solo stordita dalle martellate inferte da Chiara Alessandri quando l'assassina le diede fuoco dopo averla irrorata di benzina. Ergastolo alla porte
Hooligans arrestati a Torino
Hooligans arrestati a Torino
In occasione della partita fra Juventus e Ajax, una sessantina di persone sono state denunciate dalla Polizia, e 54 tifosi olandesi allontanati dall’Italia
Pitbull attacca due bambini
Pitbull attacca due bambini
A Limbiate, nel milanese, un pitbull di un anno e mezzo si è avventato contro due cuginetti che giocavano in cortile. A salvarli alcuni condomini che hanno assistito alla scena
Sparatoria nel foggiano
muore un carabiniere
Sparatoria nel foggiano<br>muore un carabiniere
Un uomo avrebbe aperto il fuoco contro la pattuglia durante un normale controllo nella piazza principale di Cagnano Varano. Il vice comandante della stazione è morto in ospedale, la reazione dei vertici dello Stato
Sfruttamento della prostituzione, arrestata Kyra Kole
Sfruttamento della prostituzione, arrestata Kyra Kole
La soubrette, nota per aver partecipato al programma “Ciao Darwin”, sarebbe stata la capofila di un finto centro massaggi in Brianza
Azouz Marzouk: Rosa e Olindo sono innocenti
Azouz Marzouk: Rosa e Olindo sono innocenti
Il padre e marito di due delle vittime della strage di Erba firma un sollecito per la riapertura del processo e assicura di conoscere il nome del vero assassino della sua famiglia
Tenta il suicidio in un centro commerciale
Tenta il suicidio in un centro commerciale
È accaduto alle Gru di Grugliasco, alle porte di Torino: gli agenti di un istituto di vigilanza sono riusciti a bloccarla prima che si lanciasse nel vuoto
Giovane inglese muore in un gioco erotico
Giovane inglese muore in un gioco erotico
È quanto dichiara il fidanzato di Anna Florence Reed, una 22enne trovata morta in una vasca da bagno di un hotel sul Lago Maggiore. La polizia però non esclude alcuna ipotesi
Le buste che inquietano Torino
Le buste che inquietano Torino
Dopo quella esplosiva alla sindaca Appendino, un esponente della Lega ne riceva una uguale, ma nelle stesse ore arriva una minaccia alla Lavazza, la Vergnano e la Ferrero: pagate o avveleniamo i vostri prodotti
"Ho gettato la testa di Christina nel fiume"
"Ho gettato la testa di Christina nel fiume"
Nel '93, Jason Massey aveva ucciso e smembrato i corpi di due adolescenti. Nel 2001, già nella camera della morte, aveva rivelato ai familiari dove aveva nascosto i resti