Caso Magherini, carabinieri assolti

| "Il fatto non sussiste" per i giudici della Cassazione. L'ex calciatore, sotto effetto della cocaina, era stato fermato nel 2014. Morì sdraiato sul selciato

+ Miei preferiti
La quarta sezione penale della Cassazione ha assolto i tre carabinieri accusati di omicidio colposo per la morte dell'ex calciatore Riccardo Magherini (nella foto), avvenuta il 3 marzo 2014, dopo che era stato fermato, all'uscita di un ristorante nel centro, in preda a una dose di cocaina, in uno stato di alterazione. Il collegio ha deciso per l'annullamento della sentenza d'appello perché "il fatto non costituisce reato". In primo e secondo grado i tre carabinieri, che lo avevano immobilizzato "per 25 muniti sul selciato" erano stati condannati per omicidio colposo"per non averlo sollevato e messo in posizione eretta quando aveva smesso di agitarsi e di invocare aiuto".  Il cuore aveva smesso di battere quando arrivò un'ambulanza chiamata dai militari. Vincenzo Corni, Stefano Castellano e Agostino della Porta, sono stati condannati rispettivamente a 8 mesi il primo e a 7 mesi gli altri due, sia dal tribunale che dalla corte d'appello di Firenze. Ora però l'assoluzione in Cassazione. 
Il pg della Cassazione, Felicetta Marinelli, aveva invece chiesto la conferma della condanna: "Se i carabinieri lo avessero messo in posizione eretta" e non tenuto prono"avrebbero permesso i soccorsi, e con elevata probabilità la morte non si sarebbe verificata, c'è un nesso tra condotta omissiva ed evento morte". Secondo la procura generale fu un "reato chiaramente colposo" e non di "omicidio preterintenzionale". Le percosse rievocate dall'avvocato Fabio Anselmo (che tutela anche la famiglia di Stefano Cucchi) "non hanno avuto rilevanza nella morte". 


Cronaca
Pacco bomba esplode a Lione
Pacco bomba esplode a Lione
La polizia sulle tracce del presunto attentatore, un uomo in bicicletta col volto coperto. L'esplosione in una via centralissima: numerosi i feriti, ma pare nessuno in modo grave. Sembra allontanarsi la pista terroristica
Edmund ed Eduard, ladri gemelli
Edmund ed Eduard, ladri gemelli
In un continuo scambio di identità, confondevano con la loro somiglianza anche le videocamere. Presi a Rovigo dopo una lunga catena di furti. Via al processo, ma i colpi sarebbero centinaia
Svastiche sui sopravvissuti dei lager
Svastiche sui sopravvissuti dei lager
Sfregiate le fotografie dei reduci esposte nel centro di Vienna, ennesimo episodio di antisemitismo da parte di gruppi filo-nazisti
Sesso con cani, quattro donne denunciate
Sesso con cani, quattro donne denunciate
Cercavano animali di grossa taglia per coinvolgerli in rapporti sessuali singoli o di gruppo, poi se ne liberavano. Il caso scoperto dall'associazione Aidaa. Scambi di foto su chat animal sex. Fingevano di volerli adottare dai canili
"Torturato in cella solo perché cattolico"
"Torturato in cella solo perché cattolico"
La terribile disavventura dell'imprenditore italiano Massimo Sacco, arrestato pnegli Emirati Arabi per traffico di droga, in carcere per oltre un anno: "Accusa falsa, in carcere mi hanno picchiato e seviziato, odiano i cristiani"
Ana Bettz, la cantante accusata di riciclaggio
Ana Bettz, la cantante accusata di riciclaggio
Vedova del petroliere Sergio Di Cesare, aveva tentato la carriera artistica senza grande successo. È stata bloccata al confine di Ventimiglia con 300mila euro in contanti, e la Finanza sospetta sia frutto di riciclaggio
Il mostro di Torrazzo vuole sposarsi
Il mostro di Torrazzo vuole sposarsi
Gianfranco Stevanin, il serial killer veronese accusato di omicidio, violenza e occultamento di cadavere, conta di uscire per sposarsi e rifarsi una vita
Nessun colpevole per la strage Erasmus
Nessun colpevole per la strage Erasmus
Per le famiglie delle 13 ragazze che nel 2016 morirono a bordo di un autobus in Spagna, l’ennesimo schiaffo della giustizia spagnola: nessun colpevole. Già annunciato un nuovo appello
Filippine, ucciso manager italiano
Filippine, ucciso manager italiano
Si allunga la lista dei connazionali assassinati o spariti all'estero. I casi di Colombia e Costarica. Gli otto desaparecidos
Il tennista Seppi truffato dal falso broker
Il tennista Seppi truffato dal falso broker
Fabio Gaiatto, definito il Madoff del Veneto, a processo per una 2catena di Sant'Antonio" finita in tragedia per centinaia di risparmiatori che gli avevano affidato i loro denari. La moglie patteggia, prime condanne