Catturato il mostro di Nantes

| La fuga di Xavier Dupont de Ligonnès, accusato di aver massacrato la sua famiglia nel 2011, si è conclusa all’aeroporto di Glasgow: a tradirlo una segnalazione anonima

+ Miei preferiti
Dopo otto anni di fuga attraverso l’Europa, facendosi beffa di controlli e polizie, è finita la latitanza di Xavier Dupont de Ligonnès, meglio conosciuto come “il mostro di Nantes”. L’uomo, accusato di aver ucciso e fatto a pezzi la moglie e i 4 figli nel 2011, è stato arrestato nel tardo pomeriggio di ieri all’aeroporto di Glasgow, in Scozia. Era appena sceso da un volo proveniente dall’aeroporto di Parigi Roissy-Charles de Gaulle: viaggiava con documenti falsi, è stato riconosciuto grazie alle impronte digitali. Secondo alcuni media francesi, a tradirlo sarebbe stata una segnalazione anonima: l'uomo era già stato individuato poco prima della partenza, ma la polizia non era riuscita a bloccarlo.

Si conclude così uno dei casi di cronaca più efferati degli ultimi anni, che aveva indignato la Francia e non solo per la crudeltà con cui era stato commesso. Tutto inizia nell’aprile del 2011, quando i sei membri della famiglia Dupont de Ligonnès, svaniscono nel nulla. La polizia sospetta una strage e concentra le ricerche nella villetta in cui viveva la famiglia, al numero 55 di Boulevard Robert-Schuman, a Nantes. Sospetti che trovano fondamento il 21 aprile, pochi giorni dopo la scomparsa, quando i corpi di Agnès, la moglie, di Arthur, Thomas, Anne e Benoit, i quattro figli, e i loro due cani Labrador, sono ritrovati sepolti sotto la terrazza della villetta. L’autopsia sui poveri resti accerterà che ad ucciderli è stato un colpo alla testa esploso con una carabina. All’appello mancava solo Xavier Dupont de Ligonnès, classe 1961, discendente di un’antica dinastia nobiliare francese: all’apparenza un padre famiglia modello che in vita sua apre e chiude società di scarso successo, preferendo immolare il proprio tempo con diverse amanti, con cui dilapida il denaro di famiglia. Le indagini portano a scoprire il passato dell’uomo, che a qualche settomana dal massacro aveva lasciato commenti deliranti su un forum di fanatismo religioso. Pochi giorni prima di mettere in atto la strage, scrive diverse lettere per giustificare l’assenza della famiglia: sul suo conto afferma di essere un “agente sotto copertura che lavorava per conto degli Stati Uniti e doveva far ritorno in America per testimoniare ad un processo per droga, accompagnato dal programma di protezione dei testimoni”.

Qualcosa di strano emerge anche sul conto di Agnès, bidella in una scuola privata a assidua frequentatrice della parrocchia locale, ma anche di siti per incontri. I figli, Arthur, 20 anni, figlio di Agnès adottato da Xavier, era un brillante studente di ingegneria informatica, ucciso con due colpi alla testa. Anche a Thomas, di 18, studente e appassionato di musica, il padre riserva due proiettili alla testa. Anne, 16 anni, tranquilla studentessa di scienze, anche lei uccisa con due colpi alla testa, e Benoît, 13 anni, il più piccolo e il più birbante dei quattro: chierichetto, era molto popolare fra le ragazzine della sua scuola. Per lui tre colpi alla testa e due al petto.

Pochi giorni dopo la macabra scoperta, l’auto di Dupont de Ligonnès viene ritrovata al Frejus, e per lungo tempo si sospetta che avesse trovato rifugio in Italia. Malgrado il mandato di cattura internazionale di lui si perde ogni traccia, così tanto da instillare il sospetto che abbia scelto di togliersi la vita. Negli anni, sulle scrivanie della brigata criminale che lo cerca senza sosta, si accumulano oltre 900 segnalazioni di gente convinta di averlo visto in Austria, Italia e Corsica.

Galleria fotografica
Catturato il mostro di Nantes - immagine 1
Cronaca
La misteriosa morte dell’ex pornostar Zoe Parker
La misteriosa morte dell’ex pornostar Zoe Parker
Sarebbe morta nel sonno a soli 24 anni: dopo una carriera fulminea nel mondo dell’hard aveva scelto di tornare dalla famiglia in Texas e contava di sposarsi a breve
Notte di sangue a Birmingham
Notte di sangue a Birmingham
Una non meglio precisata “serie di accoltellamenti” che avrebbero coinvolto diverse persone, avvenuti nella zona della movida e del quartiere LGBT. La polizia non si sbilancia sulla matrice dell’episodio
Rock and Virus
Rock and Virus
Il concerto degli “Smash Mount” durante il motoraduno di Sturgis, si sta trasformando in un focolaio che fa il pieno di contagi e vittime. L’ira dei social verso la band, accusata di fomentare la folla urlando che il Covid non esiste
Londra, condannato il killer che nascondeva i corpi di due donne nel congelatore
Londra, condannato il killer che nascondeva i corpi di due donne nel congelatore
I cadaveri di Henriett Szcus e Mihrican Mustafa ritrovati casualmente dalla polizia un anno fa nell’appartamento di Zahid Younis, 36 anni, condannato all’ergastolo
Oslo, 25 intossicati al rave party in una caverna
Oslo, 25 intossicati al rave party in una caverna
L’allarme è scattato dopo i primi svenimenti per la presenza di monossido di carbonio. Nessuna vittima ma tanta paura per circa 200 giovani che avevano scelto una caverna per una notte di eccessi
La killer di una senatrice americana confessa l’omicidio
La killer di una senatrice americana confessa l’omicidio
Rebecca Lynn O’Donnell ha confessato l’omicidio e l’occultamento di cadavere della senatrice dell'Arkansas Linda Collins-Smith, che stava indagando in un giro di pedofilia
Texas, mamma in overdose si chiude in auto con le figlie: muoiono tutte e tre
Texas, mamma in overdose si chiude in auto con le figlie: muoiono tutte e tre
Natalie, Izabel ed Elise Chambers, sono state ritrovate prive di vita in un Suv: Natalie sarebbe morta per overdose, le sue bimbe soffocate dal gran caldo
Una mamma e i suoi due figli trovati in un'auto in un lago
Una mamma e i suoi due figli trovati in un
I corpi di ShaQuia Philpot e i suoi due gemelli, sono stati notati da un pescatore in un lago della Georgia. La polizia indaga per risalire ai motivi di quello che al momento appare come un inspiegabile omicidio-suicidio
Riconosce il suo stupratore nel killer di Maddie
Riconosce il suo stupratore nel killer di Maddie
Una donna vittima di stupro nel 2004 nella stessa zona del Portogallo dove è scomparsa la bimba inglese, ha trovato nel racconto di un’altra violenza commessa da Christian Brueckner molte analogie con la sua, rimasta irrisolta
«Naya è morta per salvare il figlio»
«Naya è morta per salvare il figlio»
Nell’attesa degli esiti dell’autopsia sul corpo rinvenuto nelle acque del lago Piru, lo sceriffo ipotizza quella che ritiene la versione più verosimile. Resta da capire se l'attrice sia stata colta da malore