Catturato il mostro di Nantes

| La fuga di Xavier Dupont de Ligonnès, accusato di aver massacrato la sua famiglia nel 2011, si è conclusa all’aeroporto di Glasgow: a tradirlo una segnalazione anonima

+ Miei preferiti
Dopo otto anni di fuga attraverso l’Europa, facendosi beffa di controlli e polizie, è finita la latitanza di Xavier Dupont de Ligonnès, meglio conosciuto come “il mostro di Nantes”. L’uomo, accusato di aver ucciso e fatto a pezzi la moglie e i 4 figli nel 2011, è stato arrestato nel tardo pomeriggio di ieri all’aeroporto di Glasgow, in Scozia. Era appena sceso da un volo proveniente dall’aeroporto di Parigi Roissy-Charles de Gaulle: viaggiava con documenti falsi, è stato riconosciuto grazie alle impronte digitali. Secondo alcuni media francesi, a tradirlo sarebbe stata una segnalazione anonima: l'uomo era già stato individuato poco prima della partenza, ma la polizia non era riuscita a bloccarlo.

Si conclude così uno dei casi di cronaca più efferati degli ultimi anni, che aveva indignato la Francia e non solo per la crudeltà con cui era stato commesso. Tutto inizia nell’aprile del 2011, quando i sei membri della famiglia Dupont de Ligonnès, svaniscono nel nulla. La polizia sospetta una strage e concentra le ricerche nella villetta in cui viveva la famiglia, al numero 55 di Boulevard Robert-Schuman, a Nantes. Sospetti che trovano fondamento il 21 aprile, pochi giorni dopo la scomparsa, quando i corpi di Agnès, la moglie, di Arthur, Thomas, Anne e Benoit, i quattro figli, e i loro due cani Labrador, sono ritrovati sepolti sotto la terrazza della villetta. L’autopsia sui poveri resti accerterà che ad ucciderli è stato un colpo alla testa esploso con una carabina. All’appello mancava solo Xavier Dupont de Ligonnès, classe 1961, discendente di un’antica dinastia nobiliare francese: all’apparenza un padre famiglia modello che in vita sua apre e chiude società di scarso successo, preferendo immolare il proprio tempo con diverse amanti, con cui dilapida il denaro di famiglia. Le indagini portano a scoprire il passato dell’uomo, che a qualche settomana dal massacro aveva lasciato commenti deliranti su un forum di fanatismo religioso. Pochi giorni prima di mettere in atto la strage, scrive diverse lettere per giustificare l’assenza della famiglia: sul suo conto afferma di essere un “agente sotto copertura che lavorava per conto degli Stati Uniti e doveva far ritorno in America per testimoniare ad un processo per droga, accompagnato dal programma di protezione dei testimoni”.

Qualcosa di strano emerge anche sul conto di Agnès, bidella in una scuola privata a assidua frequentatrice della parrocchia locale, ma anche di siti per incontri. I figli, Arthur, 20 anni, figlio di Agnès adottato da Xavier, era un brillante studente di ingegneria informatica, ucciso con due colpi alla testa. Anche a Thomas, di 18, studente e appassionato di musica, il padre riserva due proiettili alla testa. Anne, 16 anni, tranquilla studentessa di scienze, anche lei uccisa con due colpi alla testa, e Benoît, 13 anni, il più piccolo e il più birbante dei quattro: chierichetto, era molto popolare fra le ragazzine della sua scuola. Per lui tre colpi alla testa e due al petto.

Pochi giorni dopo la macabra scoperta, l’auto di Dupont de Ligonnès viene ritrovata al Frejus, e per lungo tempo si sospetta che avesse trovato rifugio in Italia. Malgrado il mandato di cattura internazionale di lui si perde ogni traccia, così tanto da instillare il sospetto che abbia scelto di togliersi la vita. Negli anni, sulle scrivanie della brigata criminale che lo cerca senza sosta, si accumulano oltre 900 segnalazioni di gente convinta di averlo visto in Austria, Italia e Corsica.

Galleria fotografica
Catturato il mostro di Nantes - immagine 1
Cronaca
Il blitz della cattura di Ghislaine Maxwell
Il blitz della cattura di Ghislaine Maxwell
L’FBI ha confermato che era sulle tracce della complice di Epstein da un anno: era stata individuata due volte, ed è sempre riuscita a sfuggire. Ora inizia la battaglia del suo agguerrito team legale
Lo sfacciato immobiliarista che riciclava denaro sporco
Lo sfacciato immobiliarista che riciclava denaro sporco
Oltre a decine di furti e frodi, Ramon Olorunwa Abbas era un esperto nel “ripulire” grosse somme di denaro frutto di traffici illeciti. Fra le vittime anche un club della Premier League inglese
Il Golden State Killer
si dichiara colpevole
Il Golden State Killer<br>si dichiara colpevole
Ha ammesso stupri e omicidi che per 40 anni hanno tolto il sonno a due contee californiane, in cambio della vita: non salirà sul patibolo, ma sconterà almeno 11 ergastoli dietro le sbarre
Londra: condannato il giovane della Tate Modern
Londra: condannato il giovane della Tate Modern
Il 18enne che un anno fa spinse dal balcone un bimbo di sei anni condannato dalla giustizia inglese per omicidio volontario
Justin Bieber cita due donne che lo accusano di stupro
Justin Bieber cita due donne che lo accusano di stupro
Danielle e Kadi hanno raccontato sui social di essere state violentate in albergo ad un anno di distanza una dall’altra. L’artista canadese nega dicendo di avere le prove che in quei giorni si trovava da altre parti, e parte al contrattacco
Suicida una giovanissima star di «TikTok»
Suicida una giovanissima star di «TikTok»
A 16 anni, Siya Kakkar era seguita da milioni di follower in tutto il mondo. Inspiegabili i motivi del gesto: aveva numerosi progetti futuri
Scarcerata la giovane che ha ucciso il suo violentatore
Scarcerata la giovane che ha ucciso il suo violentatore
Dopo due anni di abusi, nel 2018 Chrystul Kizer aveva ucciso l’uomo che la violentava e vendeva ad altri. Al suo fianco si è schierata un’imponente campagna mediatica e di supporto economico
NY, cameriera 18enne molestata da clienti e proprietari
NY, cameriera 18enne molestata da clienti e proprietari
Brenna Gonzales, cameriera di una celebre steak-house frequentata dal jet-set newyorkese, ha sporto querela per molestie sessuali ripetute
Zanardi stabile ma ancora grave
Zanardi stabile ma ancora grave
I medici non azzardano supposizioni: il quadro generale parla di “danni importanti” che potrebbero avere conseguenze neurologiche e di vista. Nei prossimi giorni la riduzione della sedazione e le prime valutazioni
L’Italia in ansia per Alex Zanardi
L’Italia in ansia per Alex Zanardi
Stabile nella notte ma ancora in condizioni gravissime. Attesa per il prossimo bollettino medico. La procura indaga per ricostruire l’accaduto