C'è lo smog, fermiamo le auto

| Prepariamoci a un inverno con l'auto chiusa in garage: i dati sull'inquinamento non lasciano speranze, ancor prima dell'accensione dei riscaldamenti. Peccato che serva a poco

+ Miei preferiti
Da mercoledì 17 ottobre, e fino a data da destinarsi, Torino  - dopo Milano e poco prima di altre città italiane - mette i lucchetti ad auto e veicoli commerciali diesel fino alla classe Euro4. A conti fatti, malgrado quel che raccontano i dati entusiasti delle vendite, la maggior parte del parco circolante italiano. Le cause, le solite, neanche a dirle: il pericoloso superamento dei limiti di legge di polveri sottili presenti nell'aria da troppi giorni consecutivi, unito ad una coda d'estate che ha riportato ovunque temperature da inizio estate.

In effetti, uscire sul balcone di casa per prendere una boccata d'aria significa un'inalata di idrocarburi che prende alla gola, ma bloccare il traffico e rendere la vita difficile a intere città, ormai è risaputo, non è la soluzione.

Purtroppo dimentichiamo spesso di essere in Italia, il paese dei cerotti, dove si tampona alla meno peggio senza risolvere mai: perché le polveri si abbassino servono giorni e giorni, forse settimane, magari con l'aggiunta di qualche ora di vento e un po' di pioggia, fortune che di questi tempi non capitano spesso. Le soluzioni, secondo gli esperti, passano attraverso diversi paragrafi di un corposo progetto che da queste parti manca all'appello da troppo tempo: potenziamento del trasporto pubblico, incentivi (veri) per l'acquisto di vetture ibride o elettriche, maggiore pulizia delle strade, conversione degli impianti di riscaldamento delle abitazioni. Il resto è il solito cerottino all'italiana, che si attacca e stacca quando serve, ma non risolve niente.

Cronaca
Ucciso in carcere
uno dei peggiori pedofili inglesi
Ucciso in carcere<br>uno dei peggiori pedofili inglesi
Richard Huckle, 33 anni, è stato trovato senza vita nella sua cella. Aveva ammesso la violenza su 71 bambini in tenera età, quasi tutti adescati fingendosi un missionario in medioriente
Colpo di scena: l’uomo arrestato non è il mostro di Nantes
Colpo di scena: l’uomo arrestato non è il mostro di Nantes
Secondo amici e vicini, la persona fermata all’aeroporto di Glasgow non somiglierebbe neanche vagamente all’uomo che ha massacrato la sua famiglia. La conferma definitiva dall’esame del Dna
Italiano ucciso in Indonesia
Italiano ucciso in Indonesia
Luca Aldovrandi, 52 anni, trovato morto nel locale che gestiva a Sabang: la polizia sospetta un diverbio con un dipendente
16 anni agli aggressori di Manuel Bortuzzo
16 anni agli aggressori di Manuel Bortuzzo
Sentenza di primo grado contro i due aggressori del giovane nuotatore triestino colpito alla schiena e da allora costretto sulla sedia a rotelle
Passa 17 anni in galera al posto del suo sosia
Passa 17 anni in galera al posto del suo sosia
Richard Anthony Jones ha chiesto un risarcimento di un milione di dollari allo stato del Kansas per un clamoroso errore giudiziario risolto per una pura coincidenza
Chiesti 18 anni per i carabinieri che pestarono Cucchi
Chiesti 18 anni per i carabinieri che pestarono Cucchi
È la richiesta del pm, che aggiunge “Non è un processo contro l’Arma ma contro 5 carabinieri che hanno tradito valori e principi. Sul caso Cucchi picchi di depistaggi da film dell’orrore”
Assalto alla prefettura di Parigi: 5 morti
Assalto alla prefettura di Parigi: 5 morti
Un funzionario con 20 anni di esperienza avrebbe accoltellato 4 agenti di polizia, per poi essere freddato da altri. Caos nel centro di Parigi
Ha un volto il ragazzo del Tate Modern
Ha un volto il ragazzo del Tate Modern
Ha compiuto 18 anni Jonty Bravery, il giovane che quest’estate ha spinto nel vuoto un bimbo francese da una balconata della celebre galleria d’arte londinese
USA: giustiziato un malato terminale
USA: giustiziato un malato terminale
Infuria la polemica: Russell Bucklew, affetto da un tumore che gli provocava sanguinamenti, è stato giustiziato in Missouri. Condannato per omicidio, si era pentito ed era considerato un detenuto modello
Si riaccendono le speranze anche per Luca ed Edith
Si riaccendono le speranze anche per Luca ed Edith
Il ministro degli esteri canadese, in un comizio elettorale, ha rivelato che le autorità sono certe che i due ragazzi siano ancora vivi, “ma riportarli a casa è molto complicato”