Chiesti 18 anni per i carabinieri che pestarono Cucchi

| È la richiesta del pm, che aggiunge “Non è un processo contro l’Arma ma contro 5 carabinieri che hanno tradito valori e principi. Sul caso Cucchi picchi di depistaggi da film dell’orrore”

+ Miei preferiti
A quasi 10 anni esatti dalla morte di Stefano Cucchi, un altro capitolo di uno dei più controversi casi degli ultimi anni si avvia alla conclusione, con una clamorosa requisitoria del PM, che nell’aula bunker di Rebibbia dove si celebra il processo bis per le responsabilità dei militari dell’Arma, ha chiesto 18 anni di reclusione per Alessio Di Bernardo e Raffaele D’Alessandro, i due autori del pestaggio costato la vita al 31enne geometra romano arrestato per spaccio e morto il 22 ottobre 2009 nel reparto detenuti dell’ospedale Pertini di Roma.

I due sono accusati di omicidio preterintenzionale in concorso con Francesco Tedesco, che ha accusato i due colleghi ma per cui è stata richiesta l’assoluzione per non aver commesso il fatto, ma tre anni e sei mesi per falso nella compilazione del verbale di arresto insieme al maresciallo Roberto Mandolini, ex capo della sezione Appia per cui, al contrario, la richiesta è otto anni di reclusione e l’interdizione perpetua dai pubblici uffici. Richiesto anche il non doversi procedere per avvenuta prescrizione del reato di calunnia per Mandolini, Tedesco e Nicolardi, carabiniere che avrebbe accusato tre agenti di polizia penitenziaria.

Un duro colpo verso l’Arma dei Carabinieri, che il PM Giovanni Musarò ha voluto salvare dalle facili accuse: “Non è un processo contro l’Arma ma a cinque carabinieri che 2009 hanno violato il giuramento di fedeltà alle leggi e alla Costituzione, tradendo innanzi tutto l’istituzione di cui facevano parte”.

Stefano Cucchi, “venne fatto passare per tossicodipendente e sieropositivo, ma non era vero: stava bene prima del pestaggio, ma altro venne fatto credere al Paese, insieme alle accuse agli agenti della polizia penitenziaria, con picchi di depistaggio inimmaginabili, da film dell’orrore - ha aggiunto il pm – Cucchi era un ragazzo che stava bene, ma era complessivamente sottopeso: pesava 43 kg perché praticava pugilato e aveva necessità di rimanere al di sotto dei 44 kg per rientrare nella sua categoria. Un pestaggio violentissimo in uno stato di minorata difesa: sono due le persone che lo aggrediscono. Colpito quando era già a terra con calci in faccia, di questo stiamo parlando. La minorata difesa deriva dal suo stato di magrezza. Sul tavolo dell’obitorio aveva perso sei kg in sei giorni perché durante la degenza non aveva mangiato. Nel comportamento di Cucchi all'ospedale vi era un atteggiamento di chiusura, un chiarissimo sintomo da ‘disturbo post traumatico da stress’ a causa del pestaggio subito, come dichiarato dal professore Vigevano. Cucchi rifiutava le cure e prendeva le medicine solo quando venivano aperte davanti”.

“Questo processo ci riavvicina allo Stato - ha commentato Ilaria Cucchi, la sorella di Stefano - non avrei mai creduto di trovarmi in un’aula di giustizia e respirare un’aria così diversa. Sembra una cosa scontata, ma non è così. Se ci fossero più magistrati come il dottor Musarò non ci sarebbe bisogno di cosiddetti eroi o della sorella della vittima che sacrifica dieci anni della sua esistenza per portare sulle sue spalle quella che è diventata la battaglia della vita”.

Cronaca
Il Regno Unito commosso per la storia di Chloe e Adam
Il Regno Unito commosso per la storia di Chloe e Adam
Erano fidanzati da meno di un anno: lei si è uccisa impiccandosi senza lasciare un biglietto che spiegasse il gesto. Sei giorni dopo lui l’ha seguita gettandosi sotto un treno
Arrestato il mandante dell’omicidio
di Daphne Caruana Galizia
Arrestato il mandante dell’omicidio<br>di Daphne Caruana Galizia
Si tratta di Yorgen Fenech, spregiudicato proprietario di casinò e a capo di una cordata che si è aggiudicata un appalto miliardario, ma soprattutto collettore di tangenti che spartiva con alcuni ministri maltesi
Francia: il più grande caso di pedofilia
Francia: il più grande caso di pedofilia
Joël Le Scouarnec, chirurgo pediatrico, avrebbe abusato di oltre 250 bambini in quasi vent’anni di attività, malgrado una denuncia per possesso di materiale pedopornografico
Arrestato il fondatore del Cirque du Soleil
Arrestato il fondatore del Cirque du Soleil
Guy Laliberté sarebbe trattenuto dalla polizia a Tahiti: nel suo atollo privato è stata rinvenuta una grande piantagione di cannabis. La vita esagerata di un eccentrico ex artista di strada diventato miliardario
Francia, 800 kg di cocaina riconsegnati dal mare
Francia, 800 kg di cocaina riconsegnati dal mare
Dal 18 ottobre scorso, su un lungo tratto della costa atlantica francese si susseguono i ritrovamenti di panetti di cocaina purissima. L’inchiesta della procura per adesso si limita a supposizioni
Lo scontro di due aerei militari causato da un selfie
Lo scontro di due aerei militari causato da un selfie
È accaduto nel dicembre dello scorso anno al largo delle coste giapponesi: l’inchiesta ha accertato che un pilota si stava scattando dei selfie, mentre l’altro leggeva un libro
Trovato morto il fondatore dei White Helmets
Trovato morto il fondatore dei White Helmets
Ex agente segreto britannico, Jack Le Mesurier aveva creato una ong che agisce nei teatri di guerra siriani. Pochi giorni fa la Russia l’aveva accusato di terrorismo
Nuovi guai per Roman Polanski
Nuovi guai per Roman Polanski
Nel 1975, la giovane Valentine Monnier fu violentata senza pietà dal regista in uno chalet di Gstaad: 44 anni ha raccontato tutto, spinta proprio dall’ultimo film di Polanski
La coppia diabolica che sognava sesso e sangue
La coppia diabolica che sognava sesso e sangue
Paul e Angela, due amanti inglesi, hanno eliminato il ricco marito di lei per poter vivere insieme. A loro carico una serie di messaggi agghiaccianti in cui sognavano di fare sesso nel sangue del marito
Germania, finta dottoressa arrestata per quattro morti
Germania, finta dottoressa arrestata per quattro morti
Ha lavorato per quattro anni in ospedale, dove aveva presentato una documentazione falsa: è accusata di quattro decessi e otto persone ferite in modo grave