CIAO ROBERTA, ORA RIPOSA IN PACE

| Il day-after della sentenza di condanna del marito, ora in carcere, tra squallidi teatrini tv e le urla dell'amante. I parenti di Roberta: "Fatta giustizia". Lui, poche ore prima: "Sicuro dell'assoluzione, non ho fatto nulla"

+ Miei preferiti
Di Maria Lopez

“Troppo dolore e troppa ingiustizia. La verità non è italiana, hanno dato credibilità ai falsi testi, hanno lasciato due ragazzi da soli…io sono distrutta”. Sara Calzolaio, l’ex amante storica di Antonio Logli, in carcere a Livorno, dove ha iniziato a scontare la condanna a 20 anni per l’omicidio della moglie Roberta Ragusa, urla alla lettura della sentenza e si dispera. Dopo un anno dalla scomparsa di Roberta - oggi possiamo dirlo, uccisa e il corpo fatto sparire - era già nella villetta di Gello, a Pisa, compreso il letto matrimoniale, nella veste di “nuova moglie” del gelido impiegato che non voleva separarsi per non perdere casa e la scuola guida, l'attività di famiglia. Resta sullo sfondo la tragedia dei figli che si sono schierati con il padre e oggi pagano le conseguenze di una posizione duramente contrastata dai familiari della vittima. Chi li ha indotti a dimenticarsi della madre per appoggiare le tesi di padre e amante, oggi dovrebbe vergognarsi. Con un’abile operazione di marketing, un’emittente nazionale ha provato - organizzando uno squallido teatrino che è durato per ore - a far passare Logli per un martire, linciando gli investigatori che dal 2012 hanno cercato di dare una risposta alla scomparsa di un’amorevole madre di famiglia, colpevole solo di intralciare il sogno d’amore (e di soldi) di Logli e dell'ex baby sitter, Sara Calzolaio. 

Un teatrino squallido, ripetiamo, volgare, ma soprattutto triste. Con Logli che, accompagnato passo dopo passo da uno stuolo di cronisti amici e confidenti, si barrica nelle ultime ore in un bed and breakfast della zona per aspettare la sentenza, da cui era sicuro di uscire indenne. “Non ho fatto nulla e anche se ho un’altra donna, non smetto mai di pensare a Roberta, la madre dei miei figli, alla fine che fatto. Ma io non l’ho uccisa, sono una brava persona, un uomo mite, non avrei mai potuto farlo”, aveva detto compunto poche ore fa. Ma 14 giudici, nel corso degli anni, hanno valutato la sua posizione con una conclusione unanime: è un assassino. Con una variante: quella notte di gennaio potrebbe avere semplicemente litigato con la moglie e averla uccisa involontariamente. Se lo avesse ammesso subito, forse, oggi, dopo il primo periodo in carcere, avrebbe potuto presto tornare libero. Ma la linea dei suoi avvocati-amici è stata diversa: rito abbreviato e proclamazione di innocenza. E bizzarre teorie sull’”allontanamento volontario” della povera Roberta, magari ai Caraibi con un fidanzato nuovo o finita in convento, se non suicida. Restano le lacrime consolatorie delle cugine della vittima, che hanno visto finalmente e per sempre ristabilire la verità dei fatti, ben al di sopra degli strilli in tv per fare audience. Ciao Roberta, ora riposa in pace.

Cronaca
Si sveglia dal coma e racconta il delitto
Si sveglia dal coma e racconta il delitto
Paolo Zorzi era l’unico testimone della morte di Marianna Sandonà, uccisa nel giugno scorso dall’ex Luigi Segnini. La ricostruzione degli ultimi istanti di vita della donna
Padre di sei figli ucciso da un'onda
Padre di sei figli ucciso da un
nelle foreste canadesi
caccia a un uomo con la barba incolta'>L'ombra di un feroce serial killer
nelle foreste canadesi
caccia a un uomo con la barba incolta
Lnelle foreste canadesi
caccia a un uomo con la barba incolta' class='article_img2'>
Terrore dopo la scoperta dei cadaveri di una giovane coppia, orribilmente mutilati lungo l'Alaska Highway. Scoperto un terzo corpo. Nella zona decine di donne scomparse. Le autorità: "Non fate l'autostop"
Assalto al cantiere Tav: 20 denunciati
Assalto al cantiere Tav: 20 denunciati
Una notte di tensione a Chiomonte: 200 attivisti hanno tentato di avvicinarsi al cantiere dell’Alta Velocità. Dopo un lancio di sassi e razzi, domato un pericoloso principio d’incendio
McDonald's, dipendenti abusati e costretti al silenzio
McDonald
Drammatico report dei sindacati britannici, molto spesso le vittime sono pagate per tacere. Denuncianti oltre 1000 casi di donne molestate. I "predatori" spesso vengono solo trasferiti. La complicità dei manager
Assassina contro assassina
Assassina contro assassina
Le pluri-omicide Rose West e Joanna Dennehy si sono ritrovate nello stesso carcere. Rose è stata trasferita, l'altra aveva promesso: "La ucciderò, la odio"
Messaggio nella bottiglia, ritrovato l'autore
Messaggio nella bottiglia, ritrovato l
L'aveva lanciata nei mari dell'Australia appena 13enne, la lettera ritrovata da 2 pescatori australiani pochi giorni fa su una spiaggia del Sud
Vuole divorziare e affida il suo patrimonio a un amico: sparito
Vuole divorziare e affida il suo patrimonio a un amico: sparito
"'L'amico" ("era un investimento") non vuole restituirli, lei nel frattempo s'è riconciliata con il consorte. Un Tribunale le ha dato ragione
Caso Orlandi, 24 sacchi di ossa umane
Caso Orlandi, 24 sacchi di ossa umane
Aperti gli ossari, recuperate dai periti del pm decine di resti umani che saranno ora esaminati. I media Uk intervistano il fratello di Emanuela, scomparsa a 15 anni
Eredità, i figli di Liz Hurley battono il nonno diabolico
Eredità, i figli di Liz Hurley battono il nonno diabolico
Damian e Kira, nati dalla relazione con il magnate Stephen Bing erano stati estromessi dal nonno da un'eredità da 380 milioni di sterline. "non li considero miei nipoti, mai visti". Ma i giudici gli hanno dato torto