CIAO ROBERTA, ORA RIPOSA IN PACE

| Il day-after della sentenza di condanna del marito, ora in carcere, tra squallidi teatrini tv e le urla dell'amante. I parenti di Roberta: "Fatta giustizia". Lui, poche ore prima: "Sicuro dell'assoluzione, non ho fatto nulla"

+ Miei preferiti
Di Maria Lopez

“Troppo dolore e troppa ingiustizia. La verità non è italiana, hanno dato credibilità ai falsi testi, hanno lasciato due ragazzi da soli…io sono distrutta”. Sara Calzolaio, l’ex amante storica di Antonio Logli, in carcere a Livorno, dove ha iniziato a scontare la condanna a 20 anni per l’omicidio della moglie Roberta Ragusa, urla alla lettura della sentenza e si dispera. Dopo un anno dalla scomparsa di Roberta - oggi possiamo dirlo, uccisa e il corpo fatto sparire - era già nella villetta di Gello, a Pisa, compreso il letto matrimoniale, nella veste di “nuova moglie” del gelido impiegato che non voleva separarsi per non perdere casa e la scuola guida, l'attività di famiglia. Resta sullo sfondo la tragedia dei figli che si sono schierati con il padre e oggi pagano le conseguenze di una posizione duramente contrastata dai familiari della vittima. Chi li ha indotti a dimenticarsi della madre per appoggiare le tesi di padre e amante, oggi dovrebbe vergognarsi. Con un’abile operazione di marketing, un’emittente nazionale ha provato - organizzando uno squallido teatrino che è durato per ore - a far passare Logli per un martire, linciando gli investigatori che dal 2012 hanno cercato di dare una risposta alla scomparsa di un’amorevole madre di famiglia, colpevole solo di intralciare il sogno d’amore (e di soldi) di Logli e dell'ex baby sitter, Sara Calzolaio. 

Un teatrino squallido, ripetiamo, volgare, ma soprattutto triste. Con Logli che, accompagnato passo dopo passo da uno stuolo di cronisti amici e confidenti, si barrica nelle ultime ore in un bed and breakfast della zona per aspettare la sentenza, da cui era sicuro di uscire indenne. “Non ho fatto nulla e anche se ho un’altra donna, non smetto mai di pensare a Roberta, la madre dei miei figli, alla fine che fatto. Ma io non l’ho uccisa, sono una brava persona, un uomo mite, non avrei mai potuto farlo”, aveva detto compunto poche ore fa. Ma 14 giudici, nel corso degli anni, hanno valutato la sua posizione con una conclusione unanime: è un assassino. Con una variante: quella notte di gennaio potrebbe avere semplicemente litigato con la moglie e averla uccisa involontariamente. Se lo avesse ammesso subito, forse, oggi, dopo il primo periodo in carcere, avrebbe potuto presto tornare libero. Ma la linea dei suoi avvocati-amici è stata diversa: rito abbreviato e proclamazione di innocenza. E bizzarre teorie sull’”allontanamento volontario” della povera Roberta, magari ai Caraibi con un fidanzato nuovo o finita in convento, se non suicida. Restano le lacrime consolatorie delle cugine della vittima, che hanno visto finalmente e per sempre ristabilire la verità dei fatti, ben al di sopra degli strilli in tv per fare audience. Ciao Roberta, ora riposa in pace.

Cronaca
Ricompare dopo un anno una modella svanita nel nulla
Ricompare dopo un anno una modella svanita nel nulla
Eloisa Pinto Fontes, 26 anni, era scomparsa senza lasciare traccia un anno fa a New York. È stata ritrovata in una favela di Rio mentre vagava in stato confusionale
La misteriosa morte dell’ex pornostar Zoe Parker
La misteriosa morte dell’ex pornostar Zoe Parker
Sarebbe morta nel sonno a soli 24 anni: dopo una carriera fulminea nel mondo dell’hard aveva scelto di tornare dalla famiglia in Texas e contava di sposarsi a breve
Notte di sangue a Birmingham
Notte di sangue a Birmingham
Una non meglio precisata “serie di accoltellamenti” che avrebbero coinvolto diverse persone, avvenuti nella zona della movida e del quartiere LGBT. La polizia non si sbilancia sulla matrice dell’episodio
Rock and Virus
Rock and Virus
Il concerto degli “Smash Mount” durante il motoraduno di Sturgis, si sta trasformando in un focolaio che fa il pieno di contagi e vittime. L’ira dei social verso la band, accusata di fomentare la folla urlando che il Covid non esiste
Londra, condannato il killer che nascondeva i corpi di due donne nel congelatore
Londra, condannato il killer che nascondeva i corpi di due donne nel congelatore
I cadaveri di Henriett Szcus e Mihrican Mustafa ritrovati casualmente dalla polizia un anno fa nell’appartamento di Zahid Younis, 36 anni, condannato all’ergastolo
Oslo, 25 intossicati al rave party in una caverna
Oslo, 25 intossicati al rave party in una caverna
L’allarme è scattato dopo i primi svenimenti per la presenza di monossido di carbonio. Nessuna vittima ma tanta paura per circa 200 giovani che avevano scelto una caverna per una notte di eccessi
La killer di una senatrice americana confessa l’omicidio
La killer di una senatrice americana confessa l’omicidio
Rebecca Lynn O’Donnell ha confessato l’omicidio e l’occultamento di cadavere della senatrice dell'Arkansas Linda Collins-Smith, che stava indagando in un giro di pedofilia
Texas, mamma in overdose si chiude in auto con le figlie: muoiono tutte e tre
Texas, mamma in overdose si chiude in auto con le figlie: muoiono tutte e tre
Natalie, Izabel ed Elise Chambers, sono state ritrovate prive di vita in un Suv: Natalie sarebbe morta per overdose, le sue bimbe soffocate dal gran caldo
Una mamma e i suoi due figli trovati in un'auto in un lago
Una mamma e i suoi due figli trovati in un
I corpi di ShaQuia Philpot e i suoi due gemelli, sono stati notati da un pescatore in un lago della Georgia. La polizia indaga per risalire ai motivi di quello che al momento appare come un inspiegabile omicidio-suicidio
Riconosce il suo stupratore nel killer di Maddie
Riconosce il suo stupratore nel killer di Maddie
Una donna vittima di stupro nel 2004 nella stessa zona del Portogallo dove è scomparsa la bimba inglese, ha trovato nel racconto di un’altra violenza commessa da Christian Brueckner molte analogie con la sua, rimasta irrisolta