CIAO ROBERTA, ORA RIPOSA IN PACE

| Il day-after della sentenza di condanna del marito, ora in carcere, tra squallidi teatrini tv e le urla dell'amante. I parenti di Roberta: "Fatta giustizia". Lui, poche ore prima: "Sicuro dell'assoluzione, non ho fatto nulla"

+ Miei preferiti
Di Maria Lopez

“Troppo dolore e troppa ingiustizia. La verità non è italiana, hanno dato credibilità ai falsi testi, hanno lasciato due ragazzi da soli…io sono distrutta”. Sara Calzolaio, l’ex amante storica di Antonio Logli, in carcere a Livorno, dove ha iniziato a scontare la condanna a 20 anni per l’omicidio della moglie Roberta Ragusa, urla alla lettura della sentenza e si dispera. Dopo un anno dalla scomparsa di Roberta - oggi possiamo dirlo, uccisa e il corpo fatto sparire - era già nella villetta di Gello, a Pisa, compreso il letto matrimoniale, nella veste di “nuova moglie” del gelido impiegato che non voleva separarsi per non perdere casa e la scuola guida, l'attività di famiglia. Resta sullo sfondo la tragedia dei figli che si sono schierati con il padre e oggi pagano le conseguenze di una posizione duramente contrastata dai familiari della vittima. Chi li ha indotti a dimenticarsi della madre per appoggiare le tesi di padre e amante, oggi dovrebbe vergognarsi. Con un’abile operazione di marketing, un’emittente nazionale ha provato - organizzando uno squallido teatrino che è durato per ore - a far passare Logli per un martire, linciando gli investigatori che dal 2012 hanno cercato di dare una risposta alla scomparsa di un’amorevole madre di famiglia, colpevole solo di intralciare il sogno d’amore (e di soldi) di Logli e dell'ex baby sitter, Sara Calzolaio. 

Un teatrino squallido, ripetiamo, volgare, ma soprattutto triste. Con Logli che, accompagnato passo dopo passo da uno stuolo di cronisti amici e confidenti, si barrica nelle ultime ore in un bed and breakfast della zona per aspettare la sentenza, da cui era sicuro di uscire indenne. “Non ho fatto nulla e anche se ho un’altra donna, non smetto mai di pensare a Roberta, la madre dei miei figli, alla fine che fatto. Ma io non l’ho uccisa, sono una brava persona, un uomo mite, non avrei mai potuto farlo”, aveva detto compunto poche ore fa. Ma 14 giudici, nel corso degli anni, hanno valutato la sua posizione con una conclusione unanime: è un assassino. Con una variante: quella notte di gennaio potrebbe avere semplicemente litigato con la moglie e averla uccisa involontariamente. Se lo avesse ammesso subito, forse, oggi, dopo il primo periodo in carcere, avrebbe potuto presto tornare libero. Ma la linea dei suoi avvocati-amici è stata diversa: rito abbreviato e proclamazione di innocenza. E bizzarre teorie sull’”allontanamento volontario” della povera Roberta, magari ai Caraibi con un fidanzato nuovo o finita in convento, se non suicida. Restano le lacrime consolatorie delle cugine della vittima, che hanno visto finalmente e per sempre ristabilire la verità dei fatti, ben al di sopra degli strilli in tv per fare audience. Ciao Roberta, ora riposa in pace.

Cronaca
Arrestato il fondatore del Cirque du Soleil
Arrestato il fondatore del Cirque du Soleil
Guy Laliberté sarebbe trattenuto dalla polizia a Tahiti: nel suo atollo privato è stata rinvenuta una grande piantagione di cannabis. La vita esagerata di un eccentrico ex artista di strada diventato miliardario
Francia, 800 kg di cocaina riconsegnati dal mare
Francia, 800 kg di cocaina riconsegnati dal mare
Dal 18 ottobre scorso, su un lungo tratto della costa atlantica francese si susseguono i ritrovamenti di panetti di cocaina purissima. L’inchiesta della procura per adesso si limita a supposizioni
Lo scontro di due aerei militari causato da un selfie
Lo scontro di due aerei militari causato da un selfie
È accaduto nel dicembre dello scorso anno al largo delle coste giapponesi: l’inchiesta ha accertato che un pilota si stava scattando dei selfie, mentre l’altro leggeva un libro
Trovato morto il fondatore dei White Helmets
Trovato morto il fondatore dei White Helmets
Ex agente segreto britannico, Jack Le Mesurier aveva creato una ong che agisce nei teatri di guerra siriani. Pochi giorni fa la Russia l’aveva accusato di terrorismo
Nuovi guai per Roman Polanski
Nuovi guai per Roman Polanski
Nel 1975, la giovane Valentine Monnier fu violentata senza pietà dal regista in uno chalet di Gstaad: 44 anni ha raccontato tutto, spinta proprio dall’ultimo film di Polanski
La coppia diabolica che sognava sesso e sangue
La coppia diabolica che sognava sesso e sangue
Paul e Angela, due amanti inglesi, hanno eliminato il ricco marito di lei per poter vivere insieme. A loro carico una serie di messaggi agghiaccianti in cui sognavano di fare sesso nel sangue del marito
Germania, finta dottoressa arrestata per quattro morti
Germania, finta dottoressa arrestata per quattro morti
Ha lavorato per quattro anni in ospedale, dove aveva presentato una documentazione falsa: è accusata di quattro decessi e otto persone ferite in modo grave
Ucciso l’hair stylist di CR7
Ucciso l’hair stylist di CR7
Il corpo di Ricardo Marques Ferreira trovato nel letto di un hotel di Zurigo in un lago di sangue. La polizia ha fermato un uomo di 39 anni
Storie di morte dal tir degli orrori
Storie di morte dal tir degli orrori
I messaggi di addio alla famiglia di Pham Thi Tra My, una ragazza vietnamita di 26 anni. Le indagini della polizia sulle spietate bande di trafficanti di esseri umani che dominano le tratte internazionali
Rinviato il processo ai rapitori di Silvia Romano
Rinviato il processo ai rapitori di Silvia Romano
“Nuovi e fondamentali elementi” hanno convinto i giudici keniani a far slittare il processo a carico di tre dei presunti sequestratori della giovane milanese