Come muore una donna

| Nicoletta Indelicato, Imane Fadil: due casi di cronaca recente che raccontano la morte di due giovani donne diverse fra loro, unite solo dalla voglia di vivere

+ Miei preferiti
Non c’è solo la violenza di mariti e fidanzati che si sentono umiliati: le donne sono al centro del mirino di questi anni. Vittime sacrificali di una società che ha fatto di tutto per spingerle verso l’emancipazione e la libertà di pensiero e di azione, salvo poi rendersi conto che quello da solo non bastava, era l’inizio. Andava educato e abituato anche il contorno. Due storie recenti, quelle di Donatella e Imane, sono emblematiche: la prima, massacrata per gelosia da quella che credeva la sua migliore amica e il fidanzato, con cui forse aveva avuto una storia breve, la seconda finita in un giro che contava, con l’illusione di avercela fatta. Non hanno nulla in comune fra di loro, se non che le loro storie hanno riempito le cronache in  questi giorni, erano donne giovani, e hanno pagato con la vita.

Nicoletta Indelicato

I particolari che emergono sono atroci. Nicoletta Indelicato aveva 24 anni, era di origini romene, adottata quando aveva 3 anni insieme al fratellino da una famiglia di Marsala. Era laureata, ma studiava ancora sperando di arrivare ad un lavoro, sogno a cui ancora un cassetto ancora più grande se vivi al sud. A mettere fine al suo futuro ci hanno pensato Margareta Buffa, 29 anni, e Carmelo Bonetta, 34, una psicologa e un insegnante di balli caraibici. Sabato sera hanno deciso che Nicoletta doveva pagare per aver messo in giro voci su di lui, che era drogato e avevano avuto una relazione. Margareta le chiede di uscire per chiarirsi una volta per tutte, è mezzanotte passata: nel bagagliaio si è nascosto Carmelo. Ha un coltello e due litri di benzina. Quando arrivano in contrada Sant’Onofrio, una zona isolata, le due ragazze scendono per fare due passi: Bonetta esce all’improvviso dall’auto, volano pugni, calci e schiaffi, fino ai sei fendenti con un coltello da cucina. Carmelo le getta la benzina addosso e mentre la loro amica è ancora agonizzante la lasciano lì, a bruciare in pace. Tornano a casa, si danno una ripulita e vanno a ballare all’Area 14 di Castelvetrano. Li vedono tutti, fanno di tutto per essere visti: doveva essere l’alibi perfetto. Sarà l’uomo a confessare tutto poche ore dopo, messo sotto torchio dai carabinieri.

Ai genitori di Nicoletta il compito più difficile, quello di fare i conti con una figlia che non c’è più. Chiusi nel loro dolore, con il paese sotto shock, ripetono che più volte avevano avvisato Nicoletta: quella ragazza non ci piace. In paese giravano voci strane: era appariscente, sfacciata, spendeva troppo per abiti firmati che la figlia di un muratore non avrebbe potuto permettersi.

Imane Fadil

Sembrava doversi aprire un giallo internazionale, con spie russe venute dal freddo per fare un favore a qualcuno, togliendo di mezzo un testimone scomodo. Ma l’autopsia sul corpo della modella di origini marocchine sta raccontando una storia diversa. Nei campioni degli organi di Imane Fadil non ci sarebbe traccia di radioattività: è solo il primo passaggio, ricordano gli inquirenti, necessario per valutare le condizioni e decidere le misure da adottare per l’autopsia completa. Resta comunque l’ipotesi che sia stata avvelenata, per via della massiccia presenza di metalli nel suo sangue, ma si fa strada con insistenza la terza ipotesi, quella della malattia rara. Una patologia latente per anni, difficile da diagnosticare, che è esplosa di colpo senza lasciarle scampo.

Se il finale fosse questo, Imane sarebbe morta di povertà, per inedia di vita. Prometteva vendetta e rivelazioni, in realtà voleva solo non morire. E non ce l’ha fatta.

Cronaca
Influencer uccide la madre e le strappa il cuore
Influencer uccide la madre e le strappa il cuore
Anna Leikovic, 21 anni, ha assassinato la donna con un coltello da cucina strappandole diversi organi. La donna aveva scoperto che in sua assenza la figlia era diventata tossicodipendente
Il mistero dei Pirenei: travel blogger scompare nel nulla
Il mistero dei Pirenei: travel blogger scompare nel nulla
Esther Dingley manca all’appello ormai da più di 10 giorni: la polizia valuta l’ipotesi dell’incontro con un malintenzionato, ma anche la foto dell’impronta di un grosso orso inviata dalla donna poco prima di scomparire
Il mistero dell’influencer trovata morta
Il mistero dell’influencer trovata morta
Alexis Leigh Sharkley, 26 anni, era scomparsa venerdì a Houston senza lasciare traccia: il corpo nudo è stato visto da un operaio. È mistero fitto sulla morte: il corpo non presenta ferite
Dal reparto psichiatrico alla carriera da modella
Dal reparto psichiatrico alla carriera da modella
L’incredibile storia di Lucy May Dawson, una giovane inglese che viene ricoverata e curata per un forte esaurimento nervoso. Sembrava che per lei non ci fosse altro da fare, fin quando è arrivata la diagnosi corretta
Ricompare dopo un anno una modella svanita nel nulla
Ricompare dopo un anno una modella svanita nel nulla
Eloisa Pinto Fontes, 26 anni, era scomparsa senza lasciare traccia un anno fa a New York. È stata ritrovata in una favela di Rio mentre vagava in stato confusionale
La misteriosa morte dell’ex pornostar Zoe Parker
La misteriosa morte dell’ex pornostar Zoe Parker
Sarebbe morta nel sonno a soli 24 anni: dopo una carriera fulminea nel mondo dell’hard aveva scelto di tornare dalla famiglia in Texas e contava di sposarsi a breve
Notte di sangue a Birmingham
Notte di sangue a Birmingham
Una non meglio precisata “serie di accoltellamenti” che avrebbero coinvolto diverse persone, avvenuti nella zona della movida e del quartiere LGBT. La polizia non si sbilancia sulla matrice dell’episodio
Rock and Virus
Rock and Virus
Il concerto degli “Smash Mount” durante il motoraduno di Sturgis, si sta trasformando in un focolaio che fa il pieno di contagi e vittime. L’ira dei social verso la band, accusata di fomentare la folla urlando che il Covid non esiste
Londra, condannato il killer che nascondeva i corpi di due donne nel congelatore
Londra, condannato il killer che nascondeva i corpi di due donne nel congelatore
I cadaveri di Henriett Szcus e Mihrican Mustafa ritrovati casualmente dalla polizia un anno fa nell’appartamento di Zahid Younis, 36 anni, condannato all’ergastolo
Oslo, 25 intossicati al rave party in una caverna
Oslo, 25 intossicati al rave party in una caverna
L’allarme è scattato dopo i primi svenimenti per la presenza di monossido di carbonio. Nessuna vittima ma tanta paura per circa 200 giovani che avevano scelto una caverna per una notte di eccessi