“Commissariate il PD di Venaria”

| È l’insolita e polemica richiesta lanciata da Barbara Virga, consigliere comunale indipendente, in un documento inviato ai vertici del partito: “È a rischio la credibilità stessa del PD”

+ Miei preferiti
“Per il bene del partito, chiedo di commissariare il PD di Venaria”. Barbara Virga, Consigliere Comunale del Comune di Venaria Reale, non ne può più: pochi giorni fa, utilizzando una norma prevista dallo statuto del Partito Democratico, ha presentato un ricorso alla Commissione Provinciale di Garanzia del PD, in cui in maniera polemica chiede il commissariamento della sezione venariese. Le nove pagine del documento sono una riflessione ad ampio respiro, ma anche l’amara sintesi di due anni e mezzo di gestione del gruppo consiliare, dei rapporti e dei poteri che governano il circolo di Venaria, svelati tanto alla Commissione di Garanzia quanto ai vertici del partito.

Indirizzato al segretario metropolitano Mimmo Carretta, a quello regionale Davide Gariglio e al responsabile degli enti locali Raffaele Gallo, nel documento la consigliera Virga chiede senza mezzi termini il commissariamento del PD locale: “Credo che l’assordante silenzio della segreteria locale in merito a quanto sta accadendo nell’ambito della Commissione Speciale Antimafia di Venaria sia la goccia che fa traboccare il vaso all’interno di un partito locale strategicamente chiuso in sé stesso in vista delle prossime elezioni, mentre la città ha bisogno di azione concrete e immediate sul territorio. Pur rivendicando la mia indipendenza da tecnico, avendo avuto a suo tempo garanzia che non mi sarebbero state fatte pressioni un tesseramento, penso comunque che sia nell’interesse stesso del PD prendere posizione su temi delicati come il rispetto della legalità e i beni confiscati, onde non fuorviare i propri elettori in vista della prossima tornata elettorale nazionale”.

La consigliera Virga fa riferimento all’impedimento a procedere con l’audizione sui beni confiscati da parte di un consigliere grillino nella seduta del 30 ottobre scorso, seguito da una denuncia dell’accaduto a Prefettura e Procura, per cui ha incassato la solidarietà bipartisan da parte di tutte le forze politiche di minoranza, con Socialisti, MDP e Forza Italia che hanno addirittura condannato l’accaduto pubblicamente attraverso diversi comunicati stampa.

“Al contrario, dal Segretario e dalla capogruppo PD - sottolinea la Virga - solo silenzio e nessuna solidarietà, né privata né pubblica. Anzi, un ex assessore iscritto nuovamente al PD dopo un “passo di lato” fatto in campagna elettorale, si è anche permesso di postare su un social un commento niente affatto solidale su questa situazione, mentre paradossalmente è stato un ex candidato di una civica avversaria a mostrarmi solidarietà sullo stesso post. Così come del resto ha fatto anche l’ex consigliere grillino Stefano Balocco. Tuttavia non mi preoccupano affatto gli aspetti personali, visto che so difendermi da sola, ma i commenti degli elettori del PD che mi cercano ininterrottamente da giorni. Dopo che i grillini hanno stigmatizzato sugli organi di stampa la mancata vicinanza della mia capogruppo in questa vicenda, tanti cittadini mi confidano l’idea che il PD locale non abbia a cuore i temi dell’Antimafia e stia finendo col fare addirittura da stampella alla maggioranza che continua a boicottare la Commissione. Un danno per tutti i militanti che invece credono in questa causa”.

Il documento si conclude con una considerazione: “Ho sempre svolto il mio ruolo istituzionale nell’interesse della città e portando avanti cause trasversali, compresi alcuni temi particolarmente vicini al PD, dalla violenza sulle donne all’ospedale, dalla partecipazione  agli spazi mamma, oltre, naturalmente, alla cultura della legalità. In un solo caso, in occasione della sfiducia all’assessore Nozzetti, non ho firmato la mozione di un altro membro di minoranza, peraltro non votata infine neppure dalla mia capogruppo, assente seppure l’avesse firmata. Ma come ho motivato pubblicamente, la dignità di donna mi ha impedito di assecondare la mozione di un consigliere che a suo tempo, quando era assessore, non aveva risposto al mio appello di togliere le deleghe alle politiche sociali ad un altro assessore condannato definitivamente per un’aggressione fisica ai miei danni. In quell’occasione mi sarei aspettata vicinanza umana da parte della Segreteria locale. Invece, ‘per punizione’, sono stata esclusa dalla chat dei simpatizzanti. Anche se da indipendente intendo restare ai margini delle dinamiche di partito, mi auguro che il PD sappia cogliere questo grido di allarme sulla situazione locale per farne tesoro: ne va della credibilità stessa del partito”.

Cronaca
L'orribile morte di Stefania, bruciata viva
L
Gli ultimi risultati delle perizie non lasciano dubbi. Stefania Crotti era solo stordita dalle martellate inferte da Chiara Alessandri quando l'assassina le diede fuoco dopo averla irrorata di benzina. Ergastolo alla porte
Hooligans arrestati a Torino
Hooligans arrestati a Torino
In occasione della partita fra Juventus e Ajax, una sessantina di persone sono state denunciate dalla Polizia, e 54 tifosi olandesi allontanati dall’Italia
Pitbull attacca due bambini
Pitbull attacca due bambini
A Limbiate, nel milanese, un pitbull di un anno e mezzo si è avventato contro due cuginetti che giocavano in cortile. A salvarli alcuni condomini che hanno assistito alla scena
Sparatoria nel foggiano
muore un carabiniere
Sparatoria nel foggiano<br>muore un carabiniere
Un uomo avrebbe aperto il fuoco contro la pattuglia durante un normale controllo nella piazza principale di Cagnano Varano. Il vice comandante della stazione è morto in ospedale, la reazione dei vertici dello Stato
Sfruttamento della prostituzione, arrestata Kyra Kole
Sfruttamento della prostituzione, arrestata Kyra Kole
La soubrette, nota per aver partecipato al programma “Ciao Darwin”, sarebbe stata la capofila di un finto centro massaggi in Brianza
Azouz Marzouk: Rosa e Olindo sono innocenti
Azouz Marzouk: Rosa e Olindo sono innocenti
Il padre e marito di due delle vittime della strage di Erba firma un sollecito per la riapertura del processo e assicura di conoscere il nome del vero assassino della sua famiglia
Tenta il suicidio in un centro commerciale
Tenta il suicidio in un centro commerciale
È accaduto alle Gru di Grugliasco, alle porte di Torino: gli agenti di un istituto di vigilanza sono riusciti a bloccarla prima che si lanciasse nel vuoto
Giovane inglese muore in un gioco erotico
Giovane inglese muore in un gioco erotico
È quanto dichiara il fidanzato di Anna Florence Reed, una 22enne trovata morta in una vasca da bagno di un hotel sul Lago Maggiore. La polizia però non esclude alcuna ipotesi
Le buste che inquietano Torino
Le buste che inquietano Torino
Dopo quella esplosiva alla sindaca Appendino, un esponente della Lega ne riceva una uguale, ma nelle stesse ore arriva una minaccia alla Lavazza, la Vergnano e la Ferrero: pagate o avveleniamo i vostri prodotti
"Ho gettato la testa di Christina nel fiume"
"Ho gettato la testa di Christina nel fiume"
Nel '93, Jason Massey aveva ucciso e smembrato i corpi di due adolescenti. Nel 2001, già nella camera della morte, aveva rivelato ai familiari dove aveva nascosto i resti