"Credimi Stefano, quel mostro mi ha plagiato..."

| Angelo Pezzotta ha scritto una lettera e un post svolto sui social spiegando i retroscena della trappola al marito di Stefania Crotti

+ Miei preferiti

"Pubblico questo per fare chiarezza, anche se è già stato tutto dichiarato. Chiara non mi ha mai promesso nulla in cambio del favore al contrario di quanto fatto ad altri. NON mi ha detto SEI BELLO ma HAI UN BELLA PRESENZA e questo poteva aiutarmi nel compito. Stefania si è convinta a salire e bendarsi DA SOLA quando Le ho detto che facevo le consegne per la ditta Gewiss, (che non è vero) ed ecco il motivo di cercare un amico con il furgone.  Io non sono del Paese loro e non conoscevo le loro vicende.

Io ero convinto che ci fosse il marito ad aspettarle e quindi se non volevano fare pace le due donne, comunque c'era l'uomo a gestire la situazione. Se avessi visto che Chiara accoglieva in modo violento Stefania nel box, sarei intervenuto, ma è stata accolta da Chiara in modo gentile, ed io sono andato via subito.  Per me Chiara era un persona più che normale e pure educata fino a prima di scoprire i suoi piani. Ovviamente adesso la odio.
Un abbraccio a te Stefania……Angelo….”.


Angelo Pezzotta, 53 anni, l’imprenditore di Bergamo che ha portato (inconsapevolmente) Stefania Crotti nella mani della sua assassina, bendata, con una rosa in mano e un biglietto con scritto “Ti Amo”, ha inviato attraverso Quarto Grado, una lettera al marito della vittima, Stefano Del Bello, entrando nei dettagli di quell’impresa incredibile e tragica. Fu lui ad aspettare, alle 15,30 che Stefania Crotti, 42 anni, madre di una bambina di 7, finisse il turno di lavoro alle 15,30 di martedì 17 gennaio per accompagnarla alla “festa a sorpresa”, organizzata dall’assassina Chiara Alessandri, una sua ex, a cui avrebbe dovuto partecipare anche il marito. In realtà era una trappola. Ma lui, che è pure un grillino convinto, con un profilo Facebook in cui condivide decine di news M5s su scandali e altro, non aveva capito niente. Di certo c’è solo la sua totale buona fede. Chiara Alessandri, afferma, lo aveva totalmente e facilmente plagiato. "Ho fatto tutto alla luce del sole. Stefania si è fidata di me…fermandomi davanti alle telecamere. Io non conoscendovi ho creduto alla storia secondo la quale voleva farvi incontrare per riavvicinarvi. Chi avrebbe mai pensato che potesse andare in questo modo? Avrei dovuto avere una mente contorta per pensare minimamente che avesse voluto organizzare una scena da film…Credimi che in caserma sono entrato di mia spontanea volontà venerdì sera (18 gennaio), appena vista la foto di Stefania sui social. E sono uscito alle 10 di sabato mattina, dopo che mi hanno torchiato. Ho vissuto un incubo ma se mi hanno lasciato libero per un delitto così grave è perché la mia posizione è chiara al 100%. Stefania si è convinta a salire da sola quando le ho detto che facevo le consegne per la Gewiss. Io non sono di Gorlago e non conoscevo le loro vicende. Ero convinto ci fosse il marito ad aspettarle e quindi se non volevano fare pace le due donne, c’era l’uomo a gestire la situazione. Se avessi visto che Chiara accoglieva Stefania in modo violento sarei intervenuto, ma è stata gentile e sono andato via subito”.

Poi: “Ho incontrato Chiara in ospedale quando è morta mia madre. La sua era in camera con la mia e, nel momento in cui è morta mia mamma, non c’era nessuno all’infuori di lei, che si è fatta abbracciare da uno sconosciuto che doveva sfogare il dolore con un pianto. Ero io…Si è fidata di me perché sono una persona affidabile e credevo in quello che stavo facendo. Non diamole colpe (a Stefania), per quel poco che ci siamo visti ho capito che era una buona persona". Ma in caserma, durante un drammatico confronto, Chiara gli ha urlato: “Dillo quello che sai su Stefania...”, rimproverandolo asparamente di “avere raccontato i nostri contatti” ai carabinieri. Lei, dopo avere massacrato la moglie del suo ex amante, gli aveva inviato un messaggio: “La festa è andata bene”.

Cronaca
Il giallo dei cani di Lady Gaga
Il giallo dei cani di Lady Gaga
Impegnata a Roma sul set di “Gucci”, in cui interpreta Patrizia Reggiani, l’artista è stata raggiunta dalla notizia del sequestro di due dei suoi tre amatissimi french bulldog. Il dog-sitter di fiducia ferito con 4 colpi di pistola
Influencer uccide la madre e le strappa il cuore
Influencer uccide la madre e le strappa il cuore
Anna Leikovic, 21 anni, ha assassinato la donna con un coltello da cucina strappandole diversi organi. La donna aveva scoperto che in sua assenza la figlia era diventata tossicodipendente
Il mistero dei Pirenei: travel blogger scompare nel nulla
Il mistero dei Pirenei: travel blogger scompare nel nulla
Esther Dingley manca all’appello ormai da più di 10 giorni: la polizia valuta l’ipotesi dell’incontro con un malintenzionato, ma anche la foto dell’impronta di un grosso orso inviata dalla donna poco prima di scomparire
Il mistero dell’influencer trovata morta
Il mistero dell’influencer trovata morta
Alexis Leigh Sharkley, 26 anni, era scomparsa venerdì a Houston senza lasciare traccia: il corpo nudo è stato visto da un operaio. È mistero fitto sulla morte: il corpo non presenta ferite
Dal reparto psichiatrico alla carriera da modella
Dal reparto psichiatrico alla carriera da modella
L’incredibile storia di Lucy May Dawson, una giovane inglese che viene ricoverata e curata per un forte esaurimento nervoso. Sembrava che per lei non ci fosse altro da fare, fin quando è arrivata la diagnosi corretta
Ricompare dopo un anno una modella svanita nel nulla
Ricompare dopo un anno una modella svanita nel nulla
Eloisa Pinto Fontes, 26 anni, era scomparsa senza lasciare traccia un anno fa a New York. È stata ritrovata in una favela di Rio mentre vagava in stato confusionale
La misteriosa morte dell’ex pornostar Zoe Parker
La misteriosa morte dell’ex pornostar Zoe Parker
Sarebbe morta nel sonno a soli 24 anni: dopo una carriera fulminea nel mondo dell’hard aveva scelto di tornare dalla famiglia in Texas e contava di sposarsi a breve
Notte di sangue a Birmingham
Notte di sangue a Birmingham
Una non meglio precisata “serie di accoltellamenti” che avrebbero coinvolto diverse persone, avvenuti nella zona della movida e del quartiere LGBT. La polizia non si sbilancia sulla matrice dell’episodio
Rock and Virus
Rock and Virus
Il concerto degli “Smash Mount” durante il motoraduno di Sturgis, si sta trasformando in un focolaio che fa il pieno di contagi e vittime. L’ira dei social verso la band, accusata di fomentare la folla urlando che il Covid non esiste
Londra, condannato il killer che nascondeva i corpi di due donne nel congelatore
Londra, condannato il killer che nascondeva i corpi di due donne nel congelatore
I cadaveri di Henriett Szcus e Mihrican Mustafa ritrovati casualmente dalla polizia un anno fa nell’appartamento di Zahid Younis, 36 anni, condannato all’ergastolo