Dalla tragedia al flop

| Le piazze simbolo di due momenti clou dell'estate torinese: la follia collettiva del 3 giugno e il flop della Festa di San Giovanni

+ Miei preferiti

Erano 25 mila, secondo i dati ufficiali della questura, le persone radunate in piazza Vittorio Veneto per assistere ai tradizionali fuochi d'artificio della Festa di San Giovanni. Un'occasione che è stata anche un banco di prova per il piano organizzativo studiato dal Comitato per la sicurezza.. Oltre all'accesso alla piazza, possibile solo attraverso 11 varchi presidiati, la centrale operativa della questura ha ospitato la "control room", una sala da cui monitorare la manifestazione attraverso una rete di telecamere, per l'occasione implementate. Una sala operativa congiunta, così è stata definita, che riuniva i responsabili delle forze dell'ordine, dei Vigili Urbani, del servizio sanitario, dei Vigili del Fuoco, dell'Amiat, Protezione Civile, visitata nel pomeriggio dalla sindaca Appendino e da Angelo Sanna, Questore di Torino.

I numerosi controlli - prima, durante e dopo l'evento - hanno permesso di fermare un cittadino del Bangladesh di 38 anni: denunciato per 47 bottiglie di birra in vetro da 0,33 cl., dovrà rispondere anche dall'accusa di commercio su suolo pubblico senza autorizzazione. Denuncia anche per il titolare di un minimarket che ha violato l'ordinanza vendendo birra in bottiglia e alcolici dopo le ore 20.

Le bacchettate dell'Arcivescovo...

Dal pulpito della cattedra di San Massimo, durante l'omelia per le celebrazioni di San Giovanni Battista, l'Arcivescovo di Torino Cesare Nosiglia ne ha per tutti. "La città appartiene a ogni suo abitante e tutti dobbiamo sentircene custodi. Torino è conosciuta come città dei diritti, sarebbe bene però far crescere anche la città dei doveri. Che spesso restano inevasi e ignorati da tanti cittadini e realtà sociali, economiche e politiche. A cominciare dal dovere di rispettare il diritto alla quiete e al sonno notturno dei residenti nei quartieri dove predominano invece il chiasso e lo schiamazzo. Analogamente, credo, anche i fatti tragici di piazza San Carlo indichino che c'è ancora molto da fare per educare a stare insieme in modo civile e rispettoso delle regole proprie dell'ambiente e degli altri, oltre al dovere di programmare e gestire al meglio gli eventi cittadini".

e le prove di distensione della Appendino

Nel discorso di chiusura del periodo del Ramadan pronunciato questa mattina al Parco Dora, Chiara Appendino ha tentato di mettere la parola fine a quelli che probabilmente rappresentano i più fastidiosi tormenti della sua amministrazione: le polemiche iniziate con la serata della finale di Champions e i disordini notturni della movida che hanno coinvolto le forze dell'ordine. "Nelle ultime settimane Torino ha vacillato, ma non è caduta. E non cadrà se tutti coloro che la vivono e che sentono di appartenerle, la sosterranno. Torino è la mia, la vostra, la nostra città, e tutti dobbiamo prendercene cura. Il nostro compito sarà essere protagonisti nella lotta alla paura, rendendo gli spazi pubblici aperti e accessibili pur salvaguardando le differenze e la pluralità, ma anche il rispetto che ognuno di noi deve ai propri vicini".

Le indagini

Non va dimenticato, il fascicolo d'inchiesta sui fatti di piazza San Carlo del 3 giugno scorso, appesantito dalla morte di Erika Pioletti, oltre che dalle 1.526 persone costrette a richiedere cure ospedaliere. Dopo settimane solo all'apparenza silenziose, in realtà piene di indagini e ricostruzioni, Antonio Rinaudo e Vincenzo Pacileo, i due magistrati titolari dell'inchiesta, hanno convocato Maurizio Montagnese, direttore di "Turismo Torino", l'agenzia a cui il Comune ha dato l'incarico di organizzare la serata della finale di Champions League. Una posizione da indagato niente affatto semplice, quella di Montagnese, anche se al momento rientra ancora nelle circostanze dell'atto dovuto, per via dell'accumularsi delle querele presentate dai tanti feriti di piazza San Carlo. Il presidente di Turismo Torino è in realtà il primo di quella che si profila come una lunga sequela di interrogatori a funzionari e dipendenti coinvolti nell'organizzazione della serata.

Cronaca
L'orribile morte di Stefania, bruciata viva
L
Gli ultimi risultati delle perizie non lasciano dubbi. Stefania Crotti era solo stordita dalle martellate inferte da Chiara Alessandri quando l'assassina le diede fuoco dopo averla irrorata di benzina. Ergastolo alla porte
Hooligans arrestati a Torino
Hooligans arrestati a Torino
In occasione della partita fra Juventus e Ajax, una sessantina di persone sono state denunciate dalla Polizia, e 54 tifosi olandesi allontanati dall’Italia
Pitbull attacca due bambini
Pitbull attacca due bambini
A Limbiate, nel milanese, un pitbull di un anno e mezzo si è avventato contro due cuginetti che giocavano in cortile. A salvarli alcuni condomini che hanno assistito alla scena
Sparatoria nel foggiano
muore un carabiniere
Sparatoria nel foggiano<br>muore un carabiniere
Un uomo avrebbe aperto il fuoco contro la pattuglia durante un normale controllo nella piazza principale di Cagnano Varano. Il vice comandante della stazione è morto in ospedale, la reazione dei vertici dello Stato
Sfruttamento della prostituzione, arrestata Kyra Kole
Sfruttamento della prostituzione, arrestata Kyra Kole
La soubrette, nota per aver partecipato al programma “Ciao Darwin”, sarebbe stata la capofila di un finto centro massaggi in Brianza
Azouz Marzouk: Rosa e Olindo sono innocenti
Azouz Marzouk: Rosa e Olindo sono innocenti
Il padre e marito di due delle vittime della strage di Erba firma un sollecito per la riapertura del processo e assicura di conoscere il nome del vero assassino della sua famiglia
Tenta il suicidio in un centro commerciale
Tenta il suicidio in un centro commerciale
È accaduto alle Gru di Grugliasco, alle porte di Torino: gli agenti di un istituto di vigilanza sono riusciti a bloccarla prima che si lanciasse nel vuoto
Giovane inglese muore in un gioco erotico
Giovane inglese muore in un gioco erotico
È quanto dichiara il fidanzato di Anna Florence Reed, una 22enne trovata morta in una vasca da bagno di un hotel sul Lago Maggiore. La polizia però non esclude alcuna ipotesi
Le buste che inquietano Torino
Le buste che inquietano Torino
Dopo quella esplosiva alla sindaca Appendino, un esponente della Lega ne riceva una uguale, ma nelle stesse ore arriva una minaccia alla Lavazza, la Vergnano e la Ferrero: pagate o avveleniamo i vostri prodotti
"Ho gettato la testa di Christina nel fiume"
"Ho gettato la testa di Christina nel fiume"
Nel '93, Jason Massey aveva ucciso e smembrato i corpi di due adolescenti. Nel 2001, già nella camera della morte, aveva rivelato ai familiari dove aveva nascosto i resti