Dimitri ed Erika, nelle chat la chiave del delitto

| I Ris analizzano le memoria degli smartphone, il mistero delle ultime ore di vita prima dell'aggressione

+ Miei preferiti
(NOSTRO SERVIZIO)
Perchè la storia di Dimitri Fricano, 28 anni, indagato per l'omicidio della fidanzata Erika Preti, entrambi biellesi, sua coetanea e uccisa due settimane fain Sardegna rischia di diventare il giallo dell'estate? Semplicemente, mancano le prove per far scattare le manette e questo ragazzo dall'aria mite, che aveva trascorso con lei la sera prima del delitto in un ristorante di San Teodoro, in pieno - apparente - accordo. Bisogna riprendere il filo dell'indagine dei carabinieri di Nuoro e del pm Andrea Garau attraverso gli accertamenti tecnici del Ris, i cui esiti saranno noti tra qualche tempo, ed aspettare con molta pazienza. L'analisi delle celle telefoniche potrebbe riciedere anche un paio di mesi. Vediamo quali erano i quesiti a cui dovranno rispondere i tecnici dell'Arma. 
Primo. Fricano dice che quella mattina era uscito di casa alle 10,45, per andare nella tabaccheria vicina (200 metri) e di essere rientrato in casa direttamente in bagno. Erika era in cucina per preparare il picnic in vista di una gita in gommone con una coppia di amici. Senza il dettaglio del bagno, l'intera ricostruzione sarebbe già crollata, poiiche la casa è piccolissima e il giovane avrebbe dovuto di sicuro imbattersi con il rapinatore che lo avrebbe colpito con un oggetto "pesantissimo", non appena udite le urla disperate di Erika. A favore di questa tesi, un frammento di una pietra spezzata trovato nel vialetto, forse sporca di sangue. Fu usata per colpirlo, visto che ha riportato lesioni, non gravi, alla testa?
Secondo. L'aggressore è un uomo dal volto scuro, con una maglietta nera o verde, dalla testa rasata. Lo avrebbe visto per pochi istanti, poi Dimitri, commesso in un centro commerciale, socievole e pieno di amici, avrebbe perso conoscenza. Ma i carabinieri escludono la presenza di impronte digitali o di altre tracce biologiche diverse da quelle dei proprietari della villetta, di Erika e Dimitri. Lo scopo, secondo Dimitri, sarebbe stata una rapina. Ma non manca niente. Il Rolex del giovane era al suo posto, in camera da letto, idem i 500 euro contenuti nella pochette di Erika, ora restituiti ai genitori. Non risultano movimenti sospetti nella zona, nè i rari sistemi di videosorvegianza hanno individuato presenze in quei minuti cruciali. Dimitri, appena si è ripreso, ha chiesto aiuto a un commerciante e a una coppia di turisti francesi. Era apparso sanguinante e confuso, aveva appena scoperto il cadavere di Erika, sgozzata con la lama del coltello da cucina che stava usando. 
Terzo. il movente. Esclusa la pista di una rapina finita male, resta aperto uno scenario più complesso. Carabinieri e pm si muovono con grande cautela, senza fretta. Ma la chiave del delitto potrebbe essere nelle ultime ore di vita di Erika. Gli investigatori stanno esaminando le memorie degli smartphone suo e di Dimitri. Le ultime e le più recenti conversazioni. Anche con terze persone. I telefoni erano in carica nella camera da letto, c'erano ancora i cavi nelle prese. Quanto contenuto nelle chat, magari scoperto per puro caso da uno dei due, potrebbe avere provocato una spaventosa lite finita in tragedia?
Quarto. Dimitri Fricano è rientrato a Biella, a casa sua, circondato dall'affetto dei genitori e dgli amici ma anche dai dubbi e dai gossip malevoli di una parte della comunità. Per il momento i familiari della vittima, in attesa di sviluppi certi, tacciono ma si sono rivolti ad  un avvocato che li tutelerà. come parte civile, contro l'assassino di una ragazza allegra, solare, seria e benvoluta da tutti. Gli investigatori hanno dissequestrato la sua auto e lui ha lasciato il reparto di Psichiatria di Nuoro dove era stato ricoverato in seguito allo choc e alle ferite riportate dopo l'omicidio. E' stato lungamente visistato da un medico legale per vedere se le ferite sono compatibili con il suo racconto. Il pm Andrea Garau è uno che non ha fretta di incastrare l'assassino. E' una sua tecnica, quella di avanzare passo dopo passo, accertamento dopo accertamento. Dimitri appare tranquillo e ha ripetuto la sua versione, la prima, senza cambiare mai tempi e dettagli. Siamo solo all'inizio. La partita è più che mai aperta.
Cronaca
Hackerate le email di Ghislaine Maxwell
Hackerate le email di Ghislaine Maxwell
Il timore è che numerose email scambiate fra la reclutatrice di minorenni per conto di Jeffrey Epstein e personaggi in vista siano resi noti dai media, scatenando un vero cataclisma di proporzioni mondiali
L’incredibile caso dei pedofili di Rotherham
L’incredibile caso dei pedofili di Rotherham
Per decenni, gang di pakistani hanno sequestrato e violentato minorenni, ma la polizia non è mai intervenuta per evitare tensioni razziali. È l’allucinante conclusione di un’inchiesta conclusa in questi giorni
UK: picchiata perché lesbica
UK: picchiata perché lesbica
Dopo la quinta aggressione, una ventenne inglese ha deciso di divulgare le foto delle sue ferite: “Ormai ho paura di uscire di casa, ma voglio che la gente sappia”
Dublino: ucciso e decapitato nella guerra fra gang
Dublino: ucciso e decapitato nella guerra fra gang
I resti di Keane Mulready-Woods, 17 anni, sono stati trovati a km di distanza all’interno di una borsa e di un’auto data alle fiamme. La polizia sulle tracce del probabile assassino, un 35enne considerato un potenziale serial killer
Sicilia, il mistero dei sub restituiti dal mare
Sicilia, il mistero dei sub restituiti dal mare
Un terzo corpo è riemerso ieri a Termini Imerese: sul mistero indagano cinque procure, e al momento non si esclude alcuna pista. L’incidente durante una battuta di pesca o durante la consegna di una partita di droga
L’ex parroco confessa: “Molestavo 4 o 5 bimbi ogni settimana”
L’ex parroco confessa: “Molestavo 4 o 5 bimbi ogni settimana”
Bernard Preynat, ex parroco della chiesa di Sainte-Foy-Les Lyon, ammette le sue responsabilità alle prime battute del processo: “Non mi rendevo conto di fare del male, provavo piacere”
I nuovi misteri del furto del secolo
I nuovi misteri del furto del secolo
Due episodi si aggiungono al clamoroso furto di gioielli dello scorso novembre al castello di Dresda. Qualcuno avrebbe offerto due dei preziosi ad una società, chiedendo anche di indagare sulle misure di sicurezza del museo
Modella inglese muore precipitando da una scogliera
Modella inglese muore precipitando da una scogliera
Madalyn Davis, che da poche settimane si era trasferita in Australia, è caduta da una pericolosa scogliera nella costa di Sydney
Bimbo di 10 anni trovato morto nel carrello di un aereo
Bimbo di 10 anni trovato morto nel carrello di un aereo
Il piccolo sarebbe riuscito a intrufolarsi nel vano del carrello di un aereo diretto a Parigi superando la sorveglianza di un aeroporto della Costa d’Avorio. Le basse temperature non gli hanno lasciato scampo
Ergastolo allo stupratore seriale di Manchester
Ergastolo allo stupratore seriale di Manchester
In 12 anni avrebbe abusato di centinaia di giovani eterosessuali di cui conquistava la fiducia, per poi violentarli nel suo appartamento dopo averli drogati. È stato condannato per 159 capi d’accusa, con 136 stupri