Dublino: ucciso e decapitato nella guerra fra gang

| I resti di Keane Mulready-Woods, 17 anni, sono stati trovati a km di distanza all’interno di una borsa e di un’auto data alle fiamme. La polizia sulle tracce del probabile assassino, un 35enne considerato un potenziale serial killer

+ Miei preferiti
L’Irlanda è sotto shock: all’inizio di questa settimana, un gruppo di ragazzi ha notato una borsa sportiva abbandonata all’esterno di un appartamento di Drogheda, un quartiere residenziale di Dublino, da cui sembravano uscire degli arti umani. La polizia, accorsa sul posto, ha circondato e perlustrato la zona, mentre la scientifica si occupava di analizzare i poveri resti nel tentativo di dargli un nome. Un paio di giorni più tardi, i vigili del fuoco accorrono a Drumcondra, un’altra zona della capitale irlandese, per domare le altissime fiamme che stanno divorando una Volvo: quando il fuoco è spento, nelle vicinanze della carcassa fumante i pompieri notano una testa mozzata.

Gli esami permettono di collegare i due macabri ritrovamenti, ma soprattutto di dare un nome a quei resti: si tratta di Keane Mulready-Woods, un ragazzo di 17 anni i cui genitori avevano denunciato la scomparsa una settimana prima.

È l’inizio di un giallo dai contorni agghiaccianti ancora da risolvere: le analisi e i controlli sulle telecamere di sorveglianza hanno permesso di stabilire che prima di essere ucciso il giovane è stato torturato e le parti del suo corpo gettate da un’auto in movimento. Per la polizia, le dita gli sono state mozzate per evitare che la scientifica individuasse tracce del DNA degli assassini sotto le unghie. Un paio di indizi che portano i sospetti verso una delle tante gang giovanili che imperversano a Dublino, e sulla guerra per il controllo delle zone dello spaccio di droga.

Keane è stato visto vivo l'ultima volta domenica sera al Saint Dominic’s Bridge di Drogheda, dove aveva appuntamento con alcuni amici. La polizia ritiene che sia stato rapito e portato in un appartamento nelle vicinanze, dove è stato torturato e ucciso prima che il suo corpo fosse portato a circa 40 km di distanza ed eliminato in modo brutale. Le forze dell’ordine sono impegnate in massa nella caccia all’assassino, definito dai media uno “psicopatico in piena regola che circola liberamente per strada”: al momento i sospetti si concentrano su un killer 35enne di Dublino che gli agenti descrivono come un potenziale “serial killer”. A peggiorare il caso anche un video raccapricciante fatto circolare sui social media, che molti hanno creduto fossero le immagini del macabro omicidio di Keane: le verifiche hanno stabilito che si tratta di un falso, invitando tutti a non condividerlo nel rispetto del dolore della famiglia.

Il giovane potrebbe essere stato preso di mira per vendicare la morte di Richie Carberry nel novembre 2019. Carberry, 39 anni, è stato ucciso a colpi di pistola all’esterno dalla sua abitazione di Bettystown, nella contea di Meath. Gli inquirenti sono convinti che Keane Mulready-Woods sia stato eliminato a causa dei suoi legami con alcuni degli assassini del gangster.

Il portavoce della polizia ha dichiarato: “Abbiamo a che fare con giovani che si sono lasciati coinvolgere in qualcosa di troppo grande e non vedono alcuna via d’uscita. La gente dovrebbe alzare il telefono e raccontare quello che sa, perché questo tipo di violenza porta solo ad altre barbarie. La morte di Kean è un atto brutale e selvaggio ed è del tutto inaccettabile in una normale società democratica: il livello di violenza è sconvolgente”.

Galleria fotografica
Dublino: ucciso e decapitato nella guerra fra gang - immagine 1
Dublino: ucciso e decapitato nella guerra fra gang - immagine 2
Dublino: ucciso e decapitato nella guerra fra gang - immagine 3
Dublino: ucciso e decapitato nella guerra fra gang - immagine 4
Cronaca
Strangolata a 6 anni dal vicino di casa
Strangolata a 6 anni dal vicino di casa
La piccola Faye Swetlik era scomparsa dal giardino di casa, in South Carolina: è stata ritrovata senza vita tre giorni dopo. A poche ore di distanza, un vicino su cui la polizia iniziava a sospettare si è ucciso
GB, sette uomini condannati per stupro
GB, sette uomini condannati per stupro
Dopo quattro settimane di processo, la giuria ha dichiarato colpevoli di stupro e violenze sette uomini che avevano preso di mira alcune ragazzine, costringendole ad avere rapporti con l’uso di droga e minacce
Muore il padre di Meredith Kercher
Muore il padre di Meredith Kercher
Il papà della studentessa uccisa a Perugia coinvolto forse in un tentativo di scippo o l’investimento di un pirata della strada. Ricoverato in ospedale, è morto pochi giorni dopo
Tre morti e due bambini scomparsi: il giallo che inquieta l’America
Tre morti e due bambini scomparsi: il giallo che inquieta l’America
Lori Vallow, moglie e sorella di due uomini uccisi in circostanze strane, è fuggita con il nuovo marito, la cui ex moglie è morta poco dopo. Ma dei due figli della donna non c’è più traccia da settembre
Hackerate le email di Ghislaine Maxwell
Hackerate le email di Ghislaine Maxwell
Il timore è che numerose email scambiate fra la reclutatrice di minorenni per conto di Jeffrey Epstein e personaggi in vista siano resi noti dai media, scatenando un vero cataclisma di proporzioni mondiali
L’incredibile caso dei pedofili di Rotherham
L’incredibile caso dei pedofili di Rotherham
Per decenni, gang di pakistani hanno sequestrato e violentato minorenni, ma la polizia non è mai intervenuta per evitare tensioni razziali. È l’allucinante conclusione di un’inchiesta conclusa in questi giorni
UK: picchiata perché lesbica
UK: picchiata perché lesbica
Dopo la quinta aggressione, una ventenne inglese ha deciso di divulgare le foto delle sue ferite: “Ormai ho paura di uscire di casa, ma voglio che la gente sappia”
Sicilia, il mistero dei sub restituiti dal mare
Sicilia, il mistero dei sub restituiti dal mare
Un terzo corpo è riemerso ieri a Termini Imerese: sul mistero indagano cinque procure, e al momento non si esclude alcuna pista. L’incidente durante una battuta di pesca o durante la consegna di una partita di droga
L’ex parroco confessa: “Molestavo 4 o 5 bimbi ogni settimana”
L’ex parroco confessa: “Molestavo 4 o 5 bimbi ogni settimana”
Bernard Preynat, ex parroco della chiesa di Sainte-Foy-Les Lyon, ammette le sue responsabilità alle prime battute del processo: “Non mi rendevo conto di fare del male, provavo piacere”
I nuovi misteri del furto del secolo
I nuovi misteri del furto del secolo
Due episodi si aggiungono al clamoroso furto di gioielli dello scorso novembre al castello di Dresda. Qualcuno avrebbe offerto due dei preziosi ad una società, chiedendo anche di indagare sulle misure di sicurezza del museo