«Epstein si è ucciso, ne sono convinto»

| Per la prima volta, parla un detenuto che ha incontrato più volte il finanziere pedofilo, entrato nel programma di prevenzione dei suicidi. «Sapeva che il suo mondo era finito»

+ Miei preferiti
Jeffrey Epstein è stato arrestato a New York il 6 luglio 2019, con l’accusa di aver abusato sessualmente di decine di minorenni, oltre ad aver costretto alcune di loro ad avere rapporti con alcuni dei suoi amici ricchi e potenti. È morto il 10 agosto, in attesa di essere processato, nella sua cella del Metropolitan Correctional Center di New York a 66 anni. Gli sono state trovate alcune strisce di lenzuola intorno al collo e anche dopo l’autopsia, la morte è stata classificata un suicidio. Ma da quel momento, sono fiorite decine di teorie del complotto che Epstein “suicidato” ad arte da servizi segreti e squadre specializzate pagate da qualcuno per il timore che il miliardario confessasse nomi che non andavano confessati.

Ma c’è un uomo che ha passato numerose ore nella cella di Epstein, convinto che si sia trattato di suicidio. Si chiama Bill Mersey, ed è un ex detenuto condannato ad un anno per frode fiscale che faceva parte del “suicide watch companion”, un programma interno di prevenzione al suicidio.

“Ne sono certo al 99%. C’era un tizio che conoscevo che lavorava con me nelle cucine e aveva la cella accanto a quella di Epstein. Ricorda di aver sentito il rumore di lenzuola strappate nel cuore della notte. E nessuno è entrato per capire cosa stesse accadendo. Io l’ho incontrato parecchie volte, e non sembrava depresso, ma convinto che tutto il suo mondo fosse finito per sempre”.

Mersey ha parlato per la prima volta della morte di Epstein nel corso di una docuserie del canale “Investigation Discovery”, intitolata “Who Killed Jeffrey Epstein?”. “Epstein era un tipo normale, non aveva l’aria del criminale e neanche del pedofilo. Mi ha ricordato le persone con cui sono cresciuto a Long Island, in un quartiere ebraico. Era come uno dei tanti ragazzi con cui andavo al liceo”.

Il finanziere era stato inserito nei programmi di sorveglianza per soggetto ad elevato rischio suicidio un mese prima della morte. “Sembrava molto preoccupato per il suo futuro, e passava dalle otto alle dodici ore al giorno a parlare con i suoi avvocati: credo fosse aggrappato alla speranza che trovassero un accordo per farlo uscire. Ma ad un certo punto ha capito che non sarebbe successo: abbiamo parlato su gestire la situazione, perché aveva paura della popolazione carceraria”.

L’unica volta in cui ha notato qualcosa di strano nel finanziere milionario è stato quando ha visto degli strani segni intorno al collo. “Jeffrey, che cazzo è successo?”, gli ho chiesto. E lui: “Mi sono alzato per bere un bicchiere d’acqua e questa è l’ultima cosa che ricordo”. “Non ho insistito, ma sapevo che stava dicendo solo stronzate. Sono quasi certo che avrebbe testimoniato contro persone legate, ma non credo che sarebbe mai uscito di galera. Durante la nostra ultima conversazione gli ho detto tutti i i cliché del perfetto detenuto: “Tieni il mento alto, ricordati tutto quello che ti ho detto, sii uomo”. Ma non pensavo che sarebbe stata l’ultima volta in cui l’avrei visto vivo".

Cronaca
Il giallo dei cani di Lady Gaga
Il giallo dei cani di Lady Gaga
Impegnata a Roma sul set di “Gucci”, in cui interpreta Patrizia Reggiani, l’artista è stata raggiunta dalla notizia del sequestro di due dei suoi tre amatissimi french bulldog. Il dog-sitter di fiducia ferito con 4 colpi di pistola
Influencer uccide la madre e le strappa il cuore
Influencer uccide la madre e le strappa il cuore
Anna Leikovic, 21 anni, ha assassinato la donna con un coltello da cucina strappandole diversi organi. La donna aveva scoperto che in sua assenza la figlia era diventata tossicodipendente
Il mistero dei Pirenei: travel blogger scompare nel nulla
Il mistero dei Pirenei: travel blogger scompare nel nulla
Esther Dingley manca all’appello ormai da più di 10 giorni: la polizia valuta l’ipotesi dell’incontro con un malintenzionato, ma anche la foto dell’impronta di un grosso orso inviata dalla donna poco prima di scomparire
Il mistero dell’influencer trovata morta
Il mistero dell’influencer trovata morta
Alexis Leigh Sharkley, 26 anni, era scomparsa venerdì a Houston senza lasciare traccia: il corpo nudo è stato visto da un operaio. È mistero fitto sulla morte: il corpo non presenta ferite
Dal reparto psichiatrico alla carriera da modella
Dal reparto psichiatrico alla carriera da modella
L’incredibile storia di Lucy May Dawson, una giovane inglese che viene ricoverata e curata per un forte esaurimento nervoso. Sembrava che per lei non ci fosse altro da fare, fin quando è arrivata la diagnosi corretta
Ricompare dopo un anno una modella svanita nel nulla
Ricompare dopo un anno una modella svanita nel nulla
Eloisa Pinto Fontes, 26 anni, era scomparsa senza lasciare traccia un anno fa a New York. È stata ritrovata in una favela di Rio mentre vagava in stato confusionale
La misteriosa morte dell’ex pornostar Zoe Parker
La misteriosa morte dell’ex pornostar Zoe Parker
Sarebbe morta nel sonno a soli 24 anni: dopo una carriera fulminea nel mondo dell’hard aveva scelto di tornare dalla famiglia in Texas e contava di sposarsi a breve
Notte di sangue a Birmingham
Notte di sangue a Birmingham
Una non meglio precisata “serie di accoltellamenti” che avrebbero coinvolto diverse persone, avvenuti nella zona della movida e del quartiere LGBT. La polizia non si sbilancia sulla matrice dell’episodio
Rock and Virus
Rock and Virus
Il concerto degli “Smash Mount” durante il motoraduno di Sturgis, si sta trasformando in un focolaio che fa il pieno di contagi e vittime. L’ira dei social verso la band, accusata di fomentare la folla urlando che il Covid non esiste
Londra, condannato il killer che nascondeva i corpi di due donne nel congelatore
Londra, condannato il killer che nascondeva i corpi di due donne nel congelatore
I cadaveri di Henriett Szcus e Mihrican Mustafa ritrovati casualmente dalla polizia un anno fa nell’appartamento di Zahid Younis, 36 anni, condannato all’ergastolo