Ergastolo allo stupratore seriale di Manchester

| In 12 anni avrebbe abusato di centinaia di giovani eterosessuali di cui conquistava la fiducia, per poi violentarli nel suo appartamento dopo averli drogati. È stato condannato per 159 capi d’accusa, con 136 stupri

+ Miei preferiti
La polizia e i giudici non hanno avuto dubbi: Reynhard Sinaga è “il più prolifico stupratore seriale nella storia della Gran Bretagna”, e un “malvagio predatore sessuale”. Studente universitario fuori corso di origini indonesiane, Sinaga viveva a Manchester dal 2007: viso da bravo ragazzo di chi dimostra meno dei suoi 36 anni, aria pulita, occhiali, capelli in ordine. Ma dietro questa maschera si nascondeva l’anima violenta e malata di chi per 12 anni ha drogato e violentato uomini.

La condanna all’ergastolo, nell’ultimo dei quattro processi che l’hanno visto alla sbarra, risale allo scorso dicembre, ma solo in queste ore i magistrati hanno reso pubblici gli atti del processo. In due anni e mezzo, fra il 2015 ed il 2017, Sinaga ha adescato 200 uomini, ma il numero è considerato provvisorio, usando sempre la stessa tecnica: sceglieva le sue vittime fra chi aveva bevuto un po’ di più, li avvicinava a tarda notte all’esterno dei locali del centro di Manchester e dopo averli convinti a seguirlo nel suo appartamento li drogava per poi violentarli mentre filmava tutto con una videocamera.

Reynhard Sinaga è stato giudicato colpevole di 159 capi d’accusa per reati sessuali, di cui 136 stupri e otto tentativi, e deve scontare almeno 30 anni prima di poter richiedere la libertà condizionata. 

Le aggressioni di Sinaga sono emerse nel 2017, dopo che una vittima, un ragazzo di 18 anni, si è svegliato con addosso Sinaga: il giovane è riuscito a divincolarsi e, soprattutto, ha afferrato l’iPhone dello stupratore prima di lasciare l’appartamento. Si è rivolto alla polizia, che ha scoperto ben 3,29 terabyte di materiale pornografico sul telefono di Sinaga, l’equivalente di 250 DVD: In alcuni casi le aggressioni duravano diverse ore, una in particolare si è protratta per quasi un giorno intero.

Nelle immagini, le vittime di Sinaga, che di solito erano eterosessuali e spesso studenti, dormono mentre l’ex studente ne abusa, ha riferito una fonte della Procura britannica. Quando la vittima intontita iniziava a svegliarsi, Sinaga la spingeva a terra per continuare l’aggressione.

“Reynhard Sinaga è il più prolifico stupratore nella storia legale britannica - ha commentato Ian Rushton, Vice Procuratore Capo – e le sue sconcertanti abitudini sarebbero senz’altro proseguite, se non fosse stato catturato”.

È stato giudicato colpevole in quattro processi distinti, con i casi divisi in base al numero di vittime e di aggressioni: secondo la polizia, circa 70 uomini non sono ancora stati identificati. Sinaga sceglieva di tenere per sé alcuni effetti personali delle vittime come trofei, e in molti casi dopo l’aggressione cercava un contatto con loro su Facebook. Le vittime hanno raccontato che raramente si sono sentite minacciate: un uomo ha raccontato che sembrava molto affabile e simpatico: “Era una notte come tutte le altre con i miei amici. Quello che non sapevo è che c’era un mostro in agguato, pronto ad approfittare del mio stato di ubriachezza. Voglio che Sinaga riconosca quello che mi ha fatto e mostri un po’ di rimorso, ma dubito che ciò accadrà mai”.

Sinaga ha tentato una difesa, affermando che gli uomini con cui ha fatto sesso avevano in realtà acconsentito e fingevano di essere incoscienti per soddisfare una sua fantasia: “Non è facile per alcune persone dichiararsi gay: probabilmente avevano paura, pensavano, ‘e se la mia ragazza scoprisse che quella notte ero con un uomo?’”

Affermazioni che la difesa ha bollato come “assurde e ridicole”: “Il comportamento non minaccioso di Sinaga ha ingannato molte delle sue vittime. Ma una volta giunti a casa sua, usava le sue vittime come oggetti per soddisfare il proprio piacere”.

Originario dell’Indonesia, nato in una famiglia relativamente benestante, Sinaga era un assiduo frequentatore della chiesa: era entrato nel Regno Unito con un visto per studenti, frequentava l’Università di Leeds e faceva il pendolare da Manchester, dove aveva in affitto un appartamento nel centro della città.

“È incredibile professare con tanto ardore la fede cristiana e commettere allo stesso tempo crimini così malvagi - ha commentato il giudice mentre pronunciava la sentenza - lei è un malvagio predatore sessuale seriale che fermato e punito”.

Dopo il verdetto, il ministro degli Interni del Regno Unito, Priti Patel, ha chiesto una revisione urgente della legislazione sui farmaci spesso usati nei casi di stupro, come il Gamma-idrossibutirrato, più comunemente noto come “GHB”, un potente depressivo.

Galleria fotografica
Ergastolo allo stupratore seriale di Manchester - immagine 1
Ergastolo allo stupratore seriale di Manchester - immagine 2
Cronaca
Hackerate le email di Ghislaine Maxwell
Hackerate le email di Ghislaine Maxwell
Il timore è che numerose email scambiate fra la reclutatrice di minorenni per conto di Jeffrey Epstein e personaggi in vista siano resi noti dai media, scatenando un vero cataclisma di proporzioni mondiali
L’incredibile caso dei pedofili di Rotherham
L’incredibile caso dei pedofili di Rotherham
Per decenni, gang di pakistani hanno sequestrato e violentato minorenni, ma la polizia non è mai intervenuta per evitare tensioni razziali. È l’allucinante conclusione di un’inchiesta conclusa in questi giorni
UK: picchiata perché lesbica
UK: picchiata perché lesbica
Dopo la quinta aggressione, una ventenne inglese ha deciso di divulgare le foto delle sue ferite: “Ormai ho paura di uscire di casa, ma voglio che la gente sappia”
Dublino: ucciso e decapitato nella guerra fra gang
Dublino: ucciso e decapitato nella guerra fra gang
I resti di Keane Mulready-Woods, 17 anni, sono stati trovati a km di distanza all’interno di una borsa e di un’auto data alle fiamme. La polizia sulle tracce del probabile assassino, un 35enne considerato un potenziale serial killer
Sicilia, il mistero dei sub restituiti dal mare
Sicilia, il mistero dei sub restituiti dal mare
Un terzo corpo è riemerso ieri a Termini Imerese: sul mistero indagano cinque procure, e al momento non si esclude alcuna pista. L’incidente durante una battuta di pesca o durante la consegna di una partita di droga
L’ex parroco confessa: “Molestavo 4 o 5 bimbi ogni settimana”
L’ex parroco confessa: “Molestavo 4 o 5 bimbi ogni settimana”
Bernard Preynat, ex parroco della chiesa di Sainte-Foy-Les Lyon, ammette le sue responsabilità alle prime battute del processo: “Non mi rendevo conto di fare del male, provavo piacere”
I nuovi misteri del furto del secolo
I nuovi misteri del furto del secolo
Due episodi si aggiungono al clamoroso furto di gioielli dello scorso novembre al castello di Dresda. Qualcuno avrebbe offerto due dei preziosi ad una società, chiedendo anche di indagare sulle misure di sicurezza del museo
Modella inglese muore precipitando da una scogliera
Modella inglese muore precipitando da una scogliera
Madalyn Davis, che da poche settimane si era trasferita in Australia, è caduta da una pericolosa scogliera nella costa di Sydney
Bimbo di 10 anni trovato morto nel carrello di un aereo
Bimbo di 10 anni trovato morto nel carrello di un aereo
Il piccolo sarebbe riuscito a intrufolarsi nel vano del carrello di un aereo diretto a Parigi superando la sorveglianza di un aeroporto della Costa d’Avorio. Le basse temperature non gli hanno lasciato scampo
Morto suicida Franco Ciani
Morto suicida Franco Ciani
Musicista e produttore, primo marito di Anna Oxa, si è tolto la vita con un sacchetto di plastica in testa: in un biglietto i motivi del gesto