Ergastolo allo stupratore seriale di Manchester

| In 12 anni avrebbe abusato di centinaia di giovani eterosessuali di cui conquistava la fiducia, per poi violentarli nel suo appartamento dopo averli drogati. È stato condannato per 159 capi d’accusa, con 136 stupri

+ Miei preferiti
La polizia e i giudici non hanno avuto dubbi: Reynhard Sinaga è “il più prolifico stupratore seriale nella storia della Gran Bretagna”, e un “malvagio predatore sessuale”. Studente universitario fuori corso di origini indonesiane, Sinaga viveva a Manchester dal 2007: viso da bravo ragazzo di chi dimostra meno dei suoi 36 anni, aria pulita, occhiali, capelli in ordine. Ma dietro questa maschera si nascondeva l’anima violenta e malata di chi per 12 anni ha drogato e violentato uomini.

La condanna all’ergastolo, nell’ultimo dei quattro processi che l’hanno visto alla sbarra, risale allo scorso dicembre, ma solo in queste ore i magistrati hanno reso pubblici gli atti del processo. In due anni e mezzo, fra il 2015 ed il 2017, Sinaga ha adescato 200 uomini, ma il numero è considerato provvisorio, usando sempre la stessa tecnica: sceglieva le sue vittime fra chi aveva bevuto un po’ di più, li avvicinava a tarda notte all’esterno dei locali del centro di Manchester e dopo averli convinti a seguirlo nel suo appartamento li drogava per poi violentarli mentre filmava tutto con una videocamera.

Reynhard Sinaga è stato giudicato colpevole di 159 capi d’accusa per reati sessuali, di cui 136 stupri e otto tentativi, e deve scontare almeno 30 anni prima di poter richiedere la libertà condizionata. 

Le aggressioni di Sinaga sono emerse nel 2017, dopo che una vittima, un ragazzo di 18 anni, si è svegliato con addosso Sinaga: il giovane è riuscito a divincolarsi e, soprattutto, ha afferrato l’iPhone dello stupratore prima di lasciare l’appartamento. Si è rivolto alla polizia, che ha scoperto ben 3,29 terabyte di materiale pornografico sul telefono di Sinaga, l’equivalente di 250 DVD: In alcuni casi le aggressioni duravano diverse ore, una in particolare si è protratta per quasi un giorno intero.

Nelle immagini, le vittime di Sinaga, che di solito erano eterosessuali e spesso studenti, dormono mentre l’ex studente ne abusa, ha riferito una fonte della Procura britannica. Quando la vittima intontita iniziava a svegliarsi, Sinaga la spingeva a terra per continuare l’aggressione.

“Reynhard Sinaga è il più prolifico stupratore nella storia legale britannica - ha commentato Ian Rushton, Vice Procuratore Capo – e le sue sconcertanti abitudini sarebbero senz’altro proseguite, se non fosse stato catturato”.

È stato giudicato colpevole in quattro processi distinti, con i casi divisi in base al numero di vittime e di aggressioni: secondo la polizia, circa 70 uomini non sono ancora stati identificati. Sinaga sceglieva di tenere per sé alcuni effetti personali delle vittime come trofei, e in molti casi dopo l’aggressione cercava un contatto con loro su Facebook. Le vittime hanno raccontato che raramente si sono sentite minacciate: un uomo ha raccontato che sembrava molto affabile e simpatico: “Era una notte come tutte le altre con i miei amici. Quello che non sapevo è che c’era un mostro in agguato, pronto ad approfittare del mio stato di ubriachezza. Voglio che Sinaga riconosca quello che mi ha fatto e mostri un po’ di rimorso, ma dubito che ciò accadrà mai”.

Sinaga ha tentato una difesa, affermando che gli uomini con cui ha fatto sesso avevano in realtà acconsentito e fingevano di essere incoscienti per soddisfare una sua fantasia: “Non è facile per alcune persone dichiararsi gay: probabilmente avevano paura, pensavano, ‘e se la mia ragazza scoprisse che quella notte ero con un uomo?’”

Affermazioni che la difesa ha bollato come “assurde e ridicole”: “Il comportamento non minaccioso di Sinaga ha ingannato molte delle sue vittime. Ma una volta giunti a casa sua, usava le sue vittime come oggetti per soddisfare il proprio piacere”.

Originario dell’Indonesia, nato in una famiglia relativamente benestante, Sinaga era un assiduo frequentatore della chiesa: era entrato nel Regno Unito con un visto per studenti, frequentava l’Università di Leeds e faceva il pendolare da Manchester, dove aveva in affitto un appartamento nel centro della città.

“È incredibile professare con tanto ardore la fede cristiana e commettere allo stesso tempo crimini così malvagi - ha commentato il giudice mentre pronunciava la sentenza - lei è un malvagio predatore sessuale seriale che fermato e punito”.

Dopo il verdetto, il ministro degli Interni del Regno Unito, Priti Patel, ha chiesto una revisione urgente della legislazione sui farmaci spesso usati nei casi di stupro, come il Gamma-idrossibutirrato, più comunemente noto come “GHB”, un potente depressivo.

Galleria fotografica
Ergastolo allo stupratore seriale di Manchester - immagine 1
Ergastolo allo stupratore seriale di Manchester - immagine 2
Cronaca
Il giallo dei cani di Lady Gaga
Il giallo dei cani di Lady Gaga
Impegnata a Roma sul set di “Gucci”, in cui interpreta Patrizia Reggiani, l’artista è stata raggiunta dalla notizia del sequestro di due dei suoi tre amatissimi french bulldog. Il dog-sitter di fiducia ferito con 4 colpi di pistola
Influencer uccide la madre e le strappa il cuore
Influencer uccide la madre e le strappa il cuore
Anna Leikovic, 21 anni, ha assassinato la donna con un coltello da cucina strappandole diversi organi. La donna aveva scoperto che in sua assenza la figlia era diventata tossicodipendente
Il mistero dei Pirenei: travel blogger scompare nel nulla
Il mistero dei Pirenei: travel blogger scompare nel nulla
Esther Dingley manca all’appello ormai da più di 10 giorni: la polizia valuta l’ipotesi dell’incontro con un malintenzionato, ma anche la foto dell’impronta di un grosso orso inviata dalla donna poco prima di scomparire
Il mistero dell’influencer trovata morta
Il mistero dell’influencer trovata morta
Alexis Leigh Sharkley, 26 anni, era scomparsa venerdì a Houston senza lasciare traccia: il corpo nudo è stato visto da un operaio. È mistero fitto sulla morte: il corpo non presenta ferite
Dal reparto psichiatrico alla carriera da modella
Dal reparto psichiatrico alla carriera da modella
L’incredibile storia di Lucy May Dawson, una giovane inglese che viene ricoverata e curata per un forte esaurimento nervoso. Sembrava che per lei non ci fosse altro da fare, fin quando è arrivata la diagnosi corretta
Ricompare dopo un anno una modella svanita nel nulla
Ricompare dopo un anno una modella svanita nel nulla
Eloisa Pinto Fontes, 26 anni, era scomparsa senza lasciare traccia un anno fa a New York. È stata ritrovata in una favela di Rio mentre vagava in stato confusionale
La misteriosa morte dell’ex pornostar Zoe Parker
La misteriosa morte dell’ex pornostar Zoe Parker
Sarebbe morta nel sonno a soli 24 anni: dopo una carriera fulminea nel mondo dell’hard aveva scelto di tornare dalla famiglia in Texas e contava di sposarsi a breve
Notte di sangue a Birmingham
Notte di sangue a Birmingham
Una non meglio precisata “serie di accoltellamenti” che avrebbero coinvolto diverse persone, avvenuti nella zona della movida e del quartiere LGBT. La polizia non si sbilancia sulla matrice dell’episodio
Rock and Virus
Rock and Virus
Il concerto degli “Smash Mount” durante il motoraduno di Sturgis, si sta trasformando in un focolaio che fa il pieno di contagi e vittime. L’ira dei social verso la band, accusata di fomentare la folla urlando che il Covid non esiste
Londra, condannato il killer che nascondeva i corpi di due donne nel congelatore
Londra, condannato il killer che nascondeva i corpi di due donne nel congelatore
I cadaveri di Henriett Szcus e Mihrican Mustafa ritrovati casualmente dalla polizia un anno fa nell’appartamento di Zahid Younis, 36 anni, condannato all’ergastolo