Evasioni record, cosa non va nel sistema carcerario

| In fuga ergastolano omicida, un travestito dal nome d'arte Tatiana ma nei primi mesi del 2017 tanti criminali hanno preferito andarsene senza rientrare dai permessi

+ Miei preferiti

Giuseppe Taormina, 52 anni, ergastolano detenuto alle Vallette è evaso dal carcere di Torino, dove era atteso nella tarda serata di ieri, lunedì 23 ottobre 2017, alla fine della quarta licenza premio che aveva ottenuto da giudici di sorveglianza nelgli ultimi mesi per la sua "buona condotta".  Era in regime di semilibertà  e lavorava in una comunità assistita nonostante il fine-pena-mai. L'uomo, un travestito noto che aveva come nome d'arte "Tatiana", era stato arrestato nel 1997 a Cannes per truffa, furto e omicidio ed era stato estradato in Italia nel 2006, è ora ricercato ovunque. Insieme a un complice romeno, Daniel Gicu Papuc, all'epoca 28 anni, aveva adescato un commerciante del posto, Jean-Claude Dbjay, lo aveva convinto a dargli il pin del suo bancomat e a prelevare del denaro, dopodiché lo aveva strangolato e aveva gettato il suo corpo nascondendolo in un cartone all'interno di un parco. A dare la notizia è l'Osapp, sindacato autonomo di polizia penitenziaria, per voce del segretario generale Leo Beneduci, che dichiara. "A fronte dell'ennesima evasione, anche se attuata in forma indiretta e non immediatamente dal carcere, anche tenuto  conto del soggetto che ha commesso il reato e delle motivazioni per cui stava scontando una condanna  all'ergastolo, riteniamo che l'episodio costituisca la riprova del fallimento del sistema penitenziario italiano e dell'attuale politica delle carceri in particolare dettata dal guardasigilli Andrea Orlando laddove il particolare privilegio di cui godono in questo momento i detenuti e non chi opera a tutela dello Stato e dei cittadini onesti, come la polizia penitenziaria, non rappresenti più unagaranzia di sicurezza per la collettività nazionale".
Poi la storia di Laura Sulejmanovic, 22 anni, arrestata per omicidio stradale e omissione di soccorso per esser fuggita dopo avere causato un incidente mortale alla guida di un camper, è evasa dalla sezione Icam - le case per mamme detenute con attenuata sorveglianza - del carcere di Torino, dove ha abbandonato la figlia di due anni. Lo rende noto l'Osapp, organizzazione sindacale autonoma di polizia penitenziaria. La giovane ha aperto un cancello nel cortile, dove si trova un'area giochi per i bimbi e l'ha superato mettendosi a correre. Una guardia l'ha seguita ma lei si è dileguata nei campi. La piccola è stata affidata ai servizi sociali che hanno già contatto una famiglia affidataria. La donna era stata arrestata il 12 maggio scorso perché, al volante di un camper aveva investito un uomo di 58 anni, Oreste Giagnotto ed era scappata. L'uomo era morto e solo diverse ore dopo, ricercata dai vigili, Laura si era costituita; era andata in carcere con la figlioletta. Pochi giorni fa un corteo di 300 persone, tra cui anche i familiari di Giagnotto , aveva marciato sul campo rom di via dell'Aeroporto, dove vive la famiglia dell'evasa, chiedendone la chiusura.

Nel corso del  2016 si sono verificate, nelle carceri italiane, 6 evasioni da istituti penitenziari, 34 evasioni da permessi premio, 23 da lavoro all'esterno, 14 da semilibertà e 37 mancati rientri di internati. Nei nei primi 10 mesi del 2017 dati analoghi, con il rischio di chiudere il 2017 con ulteriori dati negativi.
Quindi la fuga da Fossano di Giuseppe Mastini, detto Johnny lo Zingaro un omicida condannato all'ergastolo, un'icona del crimine degli anni '80, ch aveva deciso di fuggire dal carcere. Era l'ennesima volta, la terza dicono i ritagli dei giornali dell'epoca, ma erano trent'anni che non provava più a scappare. Lo ha fatto per amore, ma che importa alle statistiche? Nulla. Solo un segno del degrado e dela calo di tensione che avvolge il sistema carcerario italiano.

Cronaca
L'orribile morte di Stefania, bruciata viva
L
Gli ultimi risultati delle perizie non lasciano dubbi. Stefania Crotti era solo stordita dalle martellate inferte da Chiara Alessandri quando l'assassina le diede fuoco dopo averla irrorata di benzina. Ergastolo alla porte
Hooligans arrestati a Torino
Hooligans arrestati a Torino
In occasione della partita fra Juventus e Ajax, una sessantina di persone sono state denunciate dalla Polizia, e 54 tifosi olandesi allontanati dall’Italia
Pitbull attacca due bambini
Pitbull attacca due bambini
A Limbiate, nel milanese, un pitbull di un anno e mezzo si è avventato contro due cuginetti che giocavano in cortile. A salvarli alcuni condomini che hanno assistito alla scena
Sparatoria nel foggiano
muore un carabiniere
Sparatoria nel foggiano<br>muore un carabiniere
Un uomo avrebbe aperto il fuoco contro la pattuglia durante un normale controllo nella piazza principale di Cagnano Varano. Il vice comandante della stazione è morto in ospedale, la reazione dei vertici dello Stato
Sfruttamento della prostituzione, arrestata Kyra Kole
Sfruttamento della prostituzione, arrestata Kyra Kole
La soubrette, nota per aver partecipato al programma “Ciao Darwin”, sarebbe stata la capofila di un finto centro massaggi in Brianza
Azouz Marzouk: Rosa e Olindo sono innocenti
Azouz Marzouk: Rosa e Olindo sono innocenti
Il padre e marito di due delle vittime della strage di Erba firma un sollecito per la riapertura del processo e assicura di conoscere il nome del vero assassino della sua famiglia
Tenta il suicidio in un centro commerciale
Tenta il suicidio in un centro commerciale
È accaduto alle Gru di Grugliasco, alle porte di Torino: gli agenti di un istituto di vigilanza sono riusciti a bloccarla prima che si lanciasse nel vuoto
Giovane inglese muore in un gioco erotico
Giovane inglese muore in un gioco erotico
È quanto dichiara il fidanzato di Anna Florence Reed, una 22enne trovata morta in una vasca da bagno di un hotel sul Lago Maggiore. La polizia però non esclude alcuna ipotesi
Le buste che inquietano Torino
Le buste che inquietano Torino
Dopo quella esplosiva alla sindaca Appendino, un esponente della Lega ne riceva una uguale, ma nelle stesse ore arriva una minaccia alla Lavazza, la Vergnano e la Ferrero: pagate o avveleniamo i vostri prodotti
"Ho gettato la testa di Christina nel fiume"
"Ho gettato la testa di Christina nel fiume"
Nel '93, Jason Massey aveva ucciso e smembrato i corpi di due adolescenti. Nel 2001, già nella camera della morte, aveva rivelato ai familiari dove aveva nascosto i resti