Filippine, ucciso manager italiano

| Si allunga la lista dei connazionali assassinati o spariti all'estero. I casi di Colombia e Costarica. Gli otto desaparecidos

+ Miei preferiti

MARIA LOPEZ

Si allunga la lista nera degli italiani uccisi o spariti all’estero, in Asia e in Sudamerica. L’ultimo assassinato nella sua abitazione a Dauin nelle Filippine è Andrea Guarnieri, 44 anni, originario di Padova, sposato con una filippina padre di un bambino di 8 anni. Due uomini sono entrati in casa e gli hanno sparato verso le 17.30 locali, l'1 di notte in Italia. Le autorità locali hanno informato i carabinieri che hanno informato il fratello Daniele, proprietario della Multichimica di Mestrino, 30 dipendenti. Andrea vi aveva lavorato dal 1998 fino al 2014, quando ha scelto di trasferirsi nel paese natale della moglie. l'ultima volta a Padova a Natale, per trovare i familiari con cui era rimasto in ottimi rapporti. Segue un elenco (incompleto) dei casi più inquietanti.

Colombia

Agente immobiliare era anche l'imprenditore edile di Barbania Canavese Roberto Gaiottino, assassinato con la moglie il 16 giugno 2018, la colombiana Claudia Patricia Zabala, di 36 anni, ex modella ed ex hostess all’uscita di un ristorante di di Pereira in Colombia: un sicario ha sparato loro alla testa per poi fuggire su una moto guidata da un complice. Di nuovo un'esecuzione in pieno stile mafioso.

Costarica1

Torturato e poi ucciso. Così invece morì un noto imprenditore, Stefano Calandrelli, 51 anni, attirato nella trappola dopo un appuntamento su Badoo, il sito web di incontri. Attualmente, Katherine Tatiana  Smith (24 anni) e Vega Bonilla (19), in carcere a Limón. Secondo l'agenzia di investigazione giudiziaria (OIJ), dopo la scomparsa di Calandrelli, si è stabilito che Smith era legata a un altro tentativo di aggressione con sequestro ma la vittima era riuscita a liberarsi. ”Secondo i dati che abbiamo ricevuto inizialmente, c'era una certa compatibilità, soprattutto per il telefono cellulare, che si presume sia il furto di merci (...). Tuttavia, il risultato è stato diverso, poiché l'altra persona non è morto," ha detto il direttore della polizia giudiziaria, Wálter Espinoza, lunedì. Anche se le autorità non hanno specificato come Smith e Calandrelli si sono incontrati, si presume che è stato attraverso la rete sociale Badoo e che questo stesso percorso fissato un appuntamento per Lunedi 14 maggio nella casa affittata da donne a San Joaquin de Flores, Heredia. Inoltre, Espinoza ha escluso la possibilità che l'uomo d'affari è stato decapitato o ha avuto ferite da arma da fuoco. Una polo bianca con la sigla SC, i pantaloni e una cintura ritrovati con i resti sulla Route 32, così come l'altezza del corpo (1,75 metri) ha fatto concludere alla polizia che è "molto probabile" che i resti appartengono all'uomo d'affari, anche se gli esami scientifici sono in corso.

Costarica2

Salvatore Ponzo, 36 anni, che si divideva fra l'Italia e il Costa Rica, e' stato ucciso nel maggio 2018 a Los Yoses, Monte Local, all'uscita dell'ambasciata italiana. Con la sua società "Tierra Nuestra Latina", avviata da un triennio, Ponzo esportava ananas e altri prodotti ortofrutticoli verso l’Europa. Con lui la fidanzata ecuadoriana di 26 anni, gravemente ferita i. Gli inquirenti hanno rinvenuto almeno 20 bossoli di calibro 9 che, stando alle testimonianze, sarebbero stati esplosi da un uomo in moto, col volto coperto da un casco.

Brasile

Una donna brasiliana aveva confessato alla polizia dello stato di Alagoas, in Brasile, di aver ucciso il suo fidanzato italiano, l'avvocato Carlo Cicchelli, 48 anni, di Torino, con il quale viveva nella città di Maceiò. La famiglia della vittima non aveva più avuto sue notizie da oltre un mese. Cicchelli aveva conosciuto la donna a Torino e si era trasferito con lei in Brasile nel giugno scorso. Cicchelli lascia due figli di 11 e 13 anni nati da una precedente relazione. La donna, Cléa Fernanda Maximo da Silva, è stata arrestata dalla polizia brasiliana e ha dichiarato di aver ucciso il suo fidanzato almeno un mese fa e di aver tenuto il suo cadavere in casa durante tutto questo tempo. La coppia si era conosciuta l'anno scorso, quando Cléa era la vicina di casa di Cicchelli a Torino. L'avvocato aveva abbandonato la sua carriera ed era andato a vivere con la donna brasiliana, inizialmente in un'altra città italiana, dove aveva aperto un ristorante

NOVE ITALIANI SPARITI

Sono missionari, turisti, imprenditori, studenti, volontari: di loro si sono perse le tracce in paesi difficili, spesso in mano a bande di balordi o ancora peggio da gruppi legati al terrorismo di matrice islamica. La loro sorte tiene l’Italia intera con il fiato sospeso. La più giovane è Silvia Romano, 26 anni, rapita in Kenya, il più anziano Padre Dall’Oglio, 65 anni, il missionario gesuita che secondo alcune fonti sarebbe stato giustiziato.

Luca Tacchetto

Luogo di nascita: Milano

Età: 30 anni

Luogo e data scomparsa: Burkina Faso, 15 dicembre 2018

Insieme alla sua amica, la canadese Edith Blais, Luca parte in auto il 20 novembre scorso dal vicentino per raggiungere il paese africano attraversando Francia, Spagna, Marocco, Mauritania e Mali. Obiettivo finale, raggiungere una missione umanitaria in Togo. Con il trascorrere dei giorni si allontana la possibilità che i due giovani siano stati rapiti a scopo di estorsione, e si rafforza invece quella che si siano imbattuti in qualche gruppo jihadista.

Silvia Romano

Luogo di nascita: Milano

Età: 23 anni

Luogo e data scomparsa: Kenya, 20 novembre 2018

Laureata come mediatrice culturale, era al suo secondo viaggio come cooperante per “Africa Milele Onlus”: si occupa di progetti dedicati ai piccoli orfani. Viene sequestrata a Chakama, piccolo villaggio della contea di Kilifi da un commando di tre persone armate. Fin dall’inizio le autorità ostentano ottimismo: arrestano più di 100 persone e ripetono che il “cerchio si stringe”, ma di Silvia non c’è traccia ormai da un mese e mezzo. Le ultime ipotesi ammettono la possibilità che la giovane italiana sia stata “venduta” a gruppi terroristici, ma inizia anche a serpeggiare qualche incertezza investigativa da parte della polizia kenyana: Yusuf Kuno Adan, uno dei presunti rapitori su cui è stata messa una taglia, è morto da sei mesi.

Pier Luigi Maccalli

Luogo di nascita: Madignano (Crema)

Età: 57 anni

Luogo e data scomparsa: Niger, 18 settembre 2018

In Niger dal novembre del 2017, padre Gigi, da oltre trent’anni missionario dello “SMA” (Società delle Missioni), si trovava a Bomoanga, un villaggio nella prefettura di Makalondi, non distante dalla frontiera con il Burkina Faso. Dalle prime indagini emerge che i rapitori possano essere gruppi jihadisti che stanno intensificando le loro azioni nella zona, anche se le autorità sono convinte che si tratti di un sequestro a scopo di estorsione. Ad oggi non è arrivata alcuna richiesta di riscatto.

Alessandro Sandrini

Luogo di nascita: Folzano (Brescia)

Età: 32 anni

Luogo e data scomparsa: Turchia, 3 ottobre 2016

In vacanza solitaria in Turchia, ha telefonato alla famiglia quattro volte, il 18 ottobre, il 3 e il 22 dicembre del 2017, l’ultima nel gennaio 2018: in tutte e tre affermava di essere stato rapito per strada e chiedeva l’intervento dello Stato. Nel luglio dello scorso anno è stato diffuso un video in cui vestito con la tuta arancione, Sandrini implora di risolvere la situazione in tempi brevi perché minacciato di morte imminente. Dietro di lui due uomini armati e incappucciati: secondo gli esperti dell’antiterrorismo nel video mancano bandiere e simboli dei gruppi jihadisti. E il mistero continua.

Raffaele Russo, Antonio Russo, Vincenzo Cimmino

Luogo di nascita: Napoli

Età: 60, 25, 29 anni

Luogo e data scomparsa: Messico, 31 gennaio 2018

Un padre, suo figlio e il cugino, ambulanti, in Messico per vendere elettrodomestici, vengono fermati dalla polizia in una stazione di servizio di Tecalitlán e consegnati ad una gang. La zona in cui sono spariti è controllata dal potente cartello Jalisco New Generation. Più che al rapimento, gli inquirenti sospettano possa trattarsi di vendetta per una truffa nella vendita di elettrodomestici, spacciati per tedeschi e in realtà made in China.

Paolo Dall’Oglio

Luogo di nascita: Roma

Età: 65 anni

Luogo e data scomparsa: Siria, 29 luglio 2013

Da più di trent’anni in Siria, il gesuita era noto per rifondato la comunità monastica cattolico-siriaca Mar Musa presso un monastero nel deserto, a nord di Damasco. Convinto che esista la possibilità di un dialogo interreligioso, tratta la liberazione di alcuni ostaggi prigionieri a Raqqa, ma sarebbe stato rapito da un gruppo di terroristi vicino ad al-Qaeda e giustiziato un mese dopo, secondo quanto riferito da un sito arabo. La Farnesina non è in grado di confermare o smentire.

Cronaca
Condannati a morte gli assassini delle due ragazze
Condannati a morte gli assassini delle due ragazze
Si è concluso dopo poco più di due mesi il processo per l’omicidio di Louisa e Maren, le due ragazze violentate a decapitate in Marocco lo scorso dicembre. Durissima la decisione della corte
Stefano è stato ucciso, caccia al killer
Stefano è stato ucciso, caccia al killer
Svolta nelle indagini sulla morte di Stefano Marinoni, 22 anni, di Baranzate, trovato morto sotto a un traliccio il 4 luglio. Mistero sul movente. Era andato a un appuntamento senza soldi e documenti. Temeva un'estorsione?
Registra le molestie sessuali del capo, condannata per la privacy
Registra le molestie sessuali del capo, condannata per la privacy
Accade in Indonesia, la donna, molestata per anni, ora deve pagare una sanzione di 35 mila dollari. Lo stalker è stato promosso, nessuna conseguenza per lui
Revenge Porn, arriva la galera
Revenge Porn, arriva la galera
Rischia grosso chi posta o diffonde video o immagini di contenuto sessuale esplicito senza il consenso. E intanto il Senato vara "Codice Rosso", più tutela per le donne
Lasciò un messaggio in una bottiglia lanciata in mare, ritrovata 50 anni dopo da un pescatore
Lasciò un messaggio in una bottiglia lanciata in mare, ritrovata 50 anni dopo da un pescatore
La coca sotto il parrucchino
La coca sotto il parrucchino
Maldestro e quasi comico tentativo di un uomo in arrivo dalla Colombia di nascondere mezzo kg di cocaina sotto il toupé: l’effetto innaturale ha attirato l'attenzione della polizia spagnola
Forse bullizzato, 14enne si lascia stritolare dal treno davanti si compagni di scuola
Forse bullizzato, 14enne si lascia stritolare dal treno davanti si compagni di scuola
Il 'compagno' presidente Kin Jong Un viaggia in Mercedes ultralusso
Il
Vuoi uccidere una donna ebrea? Fatti 15 'canne' e sarai assolto
Vuoi uccidere una donna ebrea? Fatti 15
Caso Vannini, a chi Viola
ha 'coperto le spalle?
Caso Vannini, a chi Viola<br>ha
L'inchiesta-bis sulla morte di Marco Vannini rischia di ribaltare le prime sentenze. L'intercezzione della fidanzata di Federico Ciontoli coincide con la testimonianza di un commerciante. A sparare fu il figlio di Antonio Ciontoli?