"Fratelli Savi, fine pena mai"

| L'associazione delle vittime della Uno Bianca contesta la decisione di riunire i due assassini (24 vittime e 102 feriti) nel carcere di Pavia dove scontano l'ergastolo. Timori che possano accedere a misure alternative

+ Miei preferiti

Il Tribunale di sorveglianza ha confermato il trasferimento di Fabio Savi, 59 anni, nel carcere di Pavia dove è detenuto il fratello Roberto, l’ex poliziotto diventato il capo di una gang che tra l’’87 e il ’94, a Bologna, Forlì, Ravenna, Pesaro e Ancona, ha provocato 23 morti, 103 rapine e altri reati, con il ferimento di altre 102 persone. L’associazione delle vittime della Uno Bianca, Rosanna Zecchi, ha espresso la sua contrarietà perché “questi due assassini non vengano in alcun modo favoriti nella detenzione a vita”. L’altro fratello, il più piccolo, Alberto, pure lui ex poliziotto e anche lui condannato all’ergastolo, è in un altro carcere e recemente ha ottenuto un permesso per visitare la madre, in gravi condizioni di salute. Ma il timore dei familiari delle persone uccise, tra cui semplici cittadini, carabinieri, commercianti, bancari e poliziotti, temono che queste manovre della difesa dei due fratelli siano il preludio a un tentativo di uscire dal carcere attraverso la semilibertà e altri istituti previsti dalle norme che regolano la permanenza in carcere degli ergastoli che hanno già scontato almeno 20 anni di pena. Il “lungo”, Fabio Savi, cinico assassino che oggi si dichiara pentito di quanto ha fatto, ci aveva provato già una volta, chiedendo l’accesso retrospettivo al rito abbreviato che agli avrebbe comportato lo sconto di un terzo di pena. Il Tribunale gli aveva dato torto ed è rimasto in carcere. Il gelido Roberto, sprezzante e arrogante in aula, che irrideva i familiari degli uccisi, oggi è una specie di larva, immerso nella morsa della vita carceraria. “E' un uomo chiuso in se stesso - confida una guarda carceraria - è gente che non dà problemi, lo abbiamo visto scosso solo una volta, quando il figlio è stato arrestato per traffico di droga, per il resto è un uomo metodico, che ha accettato le regole e che non si fa illusioni sul proprio destino. Il tentativo di chiedere perdono alle famiglie, l’unica strada per uno sconto di pena, s’è infranto sul No dei familiari e sembra rassegnato. Non è così per Fabio, l’unico della banda a non indossare la divisa, che ha compiuto una serie di passi per cercare di uscire in qualche modo dal carcere. Più o meno ha chiesto perdono ai familiari e ha raccontato, anche in tv, la sua versione dei fatti: “Avevo un’officina, lavoravo sui camion, ero una persona nornale, con una famiglia… Avevamo problemi economici, io e mio fratello abbiamo cominciato così, per soldi”. Le prime rapine fruttano bottini di poco conto, denaro prelevato dati caselli autostradali, qualche banca, negozi. Poi il livello si alza. “Non eravamo sadici, mettevano in gioco le nostre vite, e sparavamo a chi cercava di impedire il nostro obiettivo o ci metteva in pericolo”. Come quel ragazzo che vide uno scambio di auto, fu prelevato e infine giustiziato in campagna. “Non sparai io - precisa Fabio - ma aveva visto troppo”. Una catena di feroci omicidi, compresi i tre giovani carabinieri uccisi al Pilastro in uno scontro a fuoco. I tre militari li avevano sorpresi durante un controllo: li finirono con un colpo alla nuca. 

"I fratelli Savi hanno fatto cose che non si possono dimenticare e noi daremo battaglia per farli rimanere in carcere". Rosanna Zecchi non vuole perdonare chi le ha ucciso il marito Primo. La scarcerazione di un altro ex agente-bandito, Marino Occhipinti, che dal luglio scorso è un uomo libero, viene interpretata come un segnale allarmante. "Non si possono perdonare persone così, se si fosse pentito in tempo reale e avesse denunciato i suoi colleghi forse lo avremmo perdonato, ma così no”. La banda era composta dai fratelli Roberto, Fabio e Alberto Savi e da Pietro Gugliotta, Marino Occhipinti e Luca Vallicelli. Ciascuno dei fratelli Savi sta scontando l'ergastolo. "Da quello che mi risulta non sono nella stessa sezione", aveva spiegato sinteticamente l'avvocato Copelli. Se i due fratelli volessero incontrarsi, la richiesta di colloquio dovrà essere comunque valutata dal direttore del carcere.

Galleria fotografica
"Fratelli Savi, fine pena mai" - immagine 1
Cronaca
GB, sette uomini condannati per stupro
GB, sette uomini condannati per stupro
Dopo quattro settimane di processo, la giuria ha dichiarato colpevoli di stupro e violenze sette uomini che avevano preso di mira alcune ragazzine, costringendole ad avere rapporti con l’uso di droga e minacce
Muore il padre di Meredith Kercher
Muore il padre di Meredith Kercher
Il papà della studentessa uccisa a Perugia coinvolto forse in un tentativo di scippo o l’investimento di un pirata della strada. Ricoverato in ospedale, è morto pochi giorni dopo
Tre morti e due bambini scomparsi: il giallo che inquieta l’America
Tre morti e due bambini scomparsi: il giallo che inquieta l’America
Lori Vallow, moglie e sorella di due uomini uccisi in circostanze strane, è fuggita con il nuovo marito, la cui ex moglie è morta poco dopo. Ma dei due figli della donna non c’è più traccia da settembre
Hackerate le email di Ghislaine Maxwell
Hackerate le email di Ghislaine Maxwell
Il timore è che numerose email scambiate fra la reclutatrice di minorenni per conto di Jeffrey Epstein e personaggi in vista siano resi noti dai media, scatenando un vero cataclisma di proporzioni mondiali
L’incredibile caso dei pedofili di Rotherham
L’incredibile caso dei pedofili di Rotherham
Per decenni, gang di pakistani hanno sequestrato e violentato minorenni, ma la polizia non è mai intervenuta per evitare tensioni razziali. È l’allucinante conclusione di un’inchiesta conclusa in questi giorni
UK: picchiata perché lesbica
UK: picchiata perché lesbica
Dopo la quinta aggressione, una ventenne inglese ha deciso di divulgare le foto delle sue ferite: “Ormai ho paura di uscire di casa, ma voglio che la gente sappia”
Dublino: ucciso e decapitato nella guerra fra gang
Dublino: ucciso e decapitato nella guerra fra gang
I resti di Keane Mulready-Woods, 17 anni, sono stati trovati a km di distanza all’interno di una borsa e di un’auto data alle fiamme. La polizia sulle tracce del probabile assassino, un 35enne considerato un potenziale serial killer
Sicilia, il mistero dei sub restituiti dal mare
Sicilia, il mistero dei sub restituiti dal mare
Un terzo corpo è riemerso ieri a Termini Imerese: sul mistero indagano cinque procure, e al momento non si esclude alcuna pista. L’incidente durante una battuta di pesca o durante la consegna di una partita di droga
L’ex parroco confessa: “Molestavo 4 o 5 bimbi ogni settimana”
L’ex parroco confessa: “Molestavo 4 o 5 bimbi ogni settimana”
Bernard Preynat, ex parroco della chiesa di Sainte-Foy-Les Lyon, ammette le sue responsabilità alle prime battute del processo: “Non mi rendevo conto di fare del male, provavo piacere”
I nuovi misteri del furto del secolo
I nuovi misteri del furto del secolo
Due episodi si aggiungono al clamoroso furto di gioielli dello scorso novembre al castello di Dresda. Qualcuno avrebbe offerto due dei preziosi ad una società, chiedendo anche di indagare sulle misure di sicurezza del museo