Furchì, una chance per evitare l'ergastolo

| Delitto Musy, conto alla rovescia per l'udienza in Cassazione del presunto killer per tentare di annullare la massima pena al presunto killer di Alberto Musy

+ Miei preferiti
Il 1 dicembre in Cassazione l'ultimo capitolo dell'omicidio di Alberto Musy, l'avvocato e politico torinese vittima di un agguato il 21 marzo 2012 nella sua casa di Torino, in via Barbaro. Un uomo lo attese nel portone e gli sparò contro cinque colpi di devolvere calibro 38 ferendolo gravemente, l'ultimo, alla testa fu quello mortale. Condannato all'ergastolo in primo e secondo grado, Francesco Furchì, che secondo l'accusa fu l'assassino, tenta con i suoi avvocati Giancarlo Piattelli e Rosa Ferrara la carta del ricorso in Cassazione. Lui continua a professarsi innocente e questo, alla fine, è stato un processo indiziario, senza la prova regina, ma con tanti e numerosi elementi che portavano tutti in una stessa direzione. Il pm Roberto Furlan, che ha coordinato l'inchiesta della squadra mobile, aveva minuziosamente ricostruito passo dopo passo  le vicende precedenti l'attentato, il giorno del delitto e le mosse conseguenti di tutti i protagonisti di una delle vicende più tragiche e controversa degli ultimi decenni. Controverse perchè, sullo sfondo della triste fine del noto legale, la cui famiglia è tutelata dall'avvocato Gian Paolo Zancan, sono rimaste tracce di odi profondi nel mondo accademico, di vendette incrociate ma anche di una sostanziale omertà quando sarebbe stato necessario, all'inizio di un'inchiesta difficilissima e molto delicata, di una collaborazione, civile e responsabile, da parte di tutti.
PROVE INCERTE MA ZERO ALIBI
Francesco Furchì afferma di non essere lui l'uomo che, alle 8,16 del primo giorno di primavera del 2012, indossando un casco integrale, un vecchio trench e un paio di pantaloni e scarpe nere, sperò contro l'avvocato; afferma che in quelle ore in viaggio da Caselle, dove abitava, verso il suo ufficio in via Garibaldi. Ma non solo non è stato in grado di dimostrarlo ai giudici della Corte d'Assise ma non è riuscito neppure a dare una spiegazione convincente su movente e altri aspetti dell'indagine. Gli avvocati difensori ritengono che l'inchiesta sia viziata "da gravi e vistosi errori e forzature", in merito agli esiti delle perizie e delle consulenze tecniche. E i giudici di terzo grado dovrebbero annullare le due sentenze precedenti per aprire un nuovo fascicolo. Furchì, 51 anni, in carcere dal gennaio 2013, va perdendo la speranza di tornare libero. L'appuntamento con la Cassazione, già rinviato per due volte a causa dello sciopero dei legali, è stato finalmente fissato e sta avvicinandosi velocemente, mentre l'ancora presunto assassino (Musì morirà IL 24 ottobre 2013 dopo 19 mesi di una straziante agonia) pare si stia dedicando a una memoria per ribadire, ancora una volta, la sua innocenza.


Cronaca
Pacco bomba esplode a Lione
Pacco bomba esplode a Lione
La polizia sulle tracce del presunto attentatore, un uomo in bicicletta col volto coperto. L'esplosione in una via centralissima: numerosi i feriti, ma pare nessuno in modo grave. Sembra allontanarsi la pista terroristica
Edmund ed Eduard, ladri gemelli
Edmund ed Eduard, ladri gemelli
In un continuo scambio di identità, confondevano con la loro somiglianza anche le videocamere. Presi a Rovigo dopo una lunga catena di furti. Via al processo, ma i colpi sarebbero centinaia
Svastiche sui sopravvissuti dei lager
Svastiche sui sopravvissuti dei lager
Sfregiate le fotografie dei reduci esposte nel centro di Vienna, ennesimo episodio di antisemitismo da parte di gruppi filo-nazisti
Sesso con cani, quattro donne denunciate
Sesso con cani, quattro donne denunciate
Cercavano animali di grossa taglia per coinvolgerli in rapporti sessuali singoli o di gruppo, poi se ne liberavano. Il caso scoperto dall'associazione Aidaa. Scambi di foto su chat animal sex. Fingevano di volerli adottare dai canili
"Torturato in cella solo perché cattolico"
"Torturato in cella solo perché cattolico"
La terribile disavventura dell'imprenditore italiano Massimo Sacco, arrestato pnegli Emirati Arabi per traffico di droga, in carcere per oltre un anno: "Accusa falsa, in carcere mi hanno picchiato e seviziato, odiano i cristiani"
Ana Bettz, la cantante accusata di riciclaggio
Ana Bettz, la cantante accusata di riciclaggio
Vedova del petroliere Sergio Di Cesare, aveva tentato la carriera artistica senza grande successo. È stata bloccata al confine di Ventimiglia con 300mila euro in contanti, e la Finanza sospetta sia frutto di riciclaggio
Il mostro di Torrazzo vuole sposarsi
Il mostro di Torrazzo vuole sposarsi
Gianfranco Stevanin, il serial killer veronese accusato di omicidio, violenza e occultamento di cadavere, conta di uscire per sposarsi e rifarsi una vita
Nessun colpevole per la strage Erasmus
Nessun colpevole per la strage Erasmus
Per le famiglie delle 13 ragazze che nel 2016 morirono a bordo di un autobus in Spagna, l’ennesimo schiaffo della giustizia spagnola: nessun colpevole. Già annunciato un nuovo appello
Filippine, ucciso manager italiano
Filippine, ucciso manager italiano
Si allunga la lista dei connazionali assassinati o spariti all'estero. I casi di Colombia e Costarica. Gli otto desaparecidos
Il tennista Seppi truffato dal falso broker
Il tennista Seppi truffato dal falso broker
Fabio Gaiatto, definito il Madoff del Veneto, a processo per una 2catena di Sant'Antonio" finita in tragedia per centinaia di risparmiatori che gli avevano affidato i loro denari. La moglie patteggia, prime condanne