Furchì, una chance per evitare l'ergastolo

| Delitto Musy, conto alla rovescia per l'udienza in Cassazione del presunto killer per tentare di annullare la massima pena al presunto killer di Alberto Musy

+ Miei preferiti
Il 1 dicembre in Cassazione l'ultimo capitolo dell'omicidio di Alberto Musy, l'avvocato e politico torinese vittima di un agguato il 21 marzo 2012 nella sua casa di Torino, in via Barbaro. Un uomo lo attese nel portone e gli sparò contro cinque colpi di devolvere calibro 38 ferendolo gravemente, l'ultimo, alla testa fu quello mortale. Condannato all'ergastolo in primo e secondo grado, Francesco Furchì, che secondo l'accusa fu l'assassino, tenta con i suoi avvocati Giancarlo Piattelli e Rosa Ferrara la carta del ricorso in Cassazione. Lui continua a professarsi innocente e questo, alla fine, è stato un processo indiziario, senza la prova regina, ma con tanti e numerosi elementi che portavano tutti in una stessa direzione. Il pm Roberto Furlan, che ha coordinato l'inchiesta della squadra mobile, aveva minuziosamente ricostruito passo dopo passo  le vicende precedenti l'attentato, il giorno del delitto e le mosse conseguenti di tutti i protagonisti di una delle vicende più tragiche e controversa degli ultimi decenni. Controverse perchè, sullo sfondo della triste fine del noto legale, la cui famiglia è tutelata dall'avvocato Gian Paolo Zancan, sono rimaste tracce di odi profondi nel mondo accademico, di vendette incrociate ma anche di una sostanziale omertà quando sarebbe stato necessario, all'inizio di un'inchiesta difficilissima e molto delicata, di una collaborazione, civile e responsabile, da parte di tutti.
PROVE INCERTE MA ZERO ALIBI
Francesco Furchì afferma di non essere lui l'uomo che, alle 8,16 del primo giorno di primavera del 2012, indossando un casco integrale, un vecchio trench e un paio di pantaloni e scarpe nere, sperò contro l'avvocato; afferma che in quelle ore in viaggio da Caselle, dove abitava, verso il suo ufficio in via Garibaldi. Ma non solo non è stato in grado di dimostrarlo ai giudici della Corte d'Assise ma non è riuscito neppure a dare una spiegazione convincente su movente e altri aspetti dell'indagine. Gli avvocati difensori ritengono che l'inchiesta sia viziata "da gravi e vistosi errori e forzature", in merito agli esiti delle perizie e delle consulenze tecniche. E i giudici di terzo grado dovrebbero annullare le due sentenze precedenti per aprire un nuovo fascicolo. Furchì, 51 anni, in carcere dal gennaio 2013, va perdendo la speranza di tornare libero. L'appuntamento con la Cassazione, già rinviato per due volte a causa dello sciopero dei legali, è stato finalmente fissato e sta avvicinandosi velocemente, mentre l'ancora presunto assassino (Musì morirà IL 24 ottobre 2013 dopo 19 mesi di una straziante agonia) pare si stia dedicando a una memoria per ribadire, ancora una volta, la sua innocenza.


Cronaca
Luca ed Edith sono liberi
Luca ed Edith sono liberi
I due giovani, scomparsi nel dicembre 2018 in Burkina Faso, sarebbero riusciti a evadere dal luogo dove una banda li teneva prigionieri. A breve il rientro in Italia
Chelsea Manning tenta il suicidio
Chelsea Manning tenta il suicidio
L’ex gola profonda di WikiLeaks, tornata dietro le sbarre lo scorso anno, rifiuta categoricamente di comparire davanti alla corte federale
Aperto il processo per la strage del volo MH17
Aperto il processo per la strage del volo MH17
In Olanda, in un’aula allestita nella zona dell’aeroporto Schiphol di Amsterdam, le prime battute del processo contro 4 persone sospettate di aver ucciso le 298 persone a bordo
La fuga dalla quarantena di Ekaterina
La fuga dalla quarantena di Ekaterina
Le autorità della Crimea hanno emesso un mandato di cattura per una ragazza che prima degli esisti del terzo e ultimo tampone è fuggita dall’ospedale in cui era in quarantena
Arrestati i ladri della villa di Tamara Ecclestone
Arrestati i ladri della villa di Tamara Ecclestone
Sarebbero madre e figlio di origine rumena: negano ogni accusa, ma lei è stata arrestata con addosso orecchini preziosissimi, e nell’abitazione del figlio sono stati trovati diversi accessori griffati dell’ereditiera
Strangolata a 6 anni dal vicino di casa
Strangolata a 6 anni dal vicino di casa
La piccola Faye Swetlik era scomparsa dal giardino di casa, in South Carolina: è stata ritrovata senza vita tre giorni dopo. A poche ore di distanza, un vicino su cui la polizia iniziava a sospettare si è ucciso
GB, sette uomini condannati per stupro
GB, sette uomini condannati per stupro
Dopo quattro settimane di processo, la giuria ha dichiarato colpevoli di stupro e violenze sette uomini che avevano preso di mira alcune ragazzine, costringendole ad avere rapporti con l’uso di droga e minacce
Muore il padre di Meredith Kercher
Muore il padre di Meredith Kercher
Il papà della studentessa uccisa a Perugia coinvolto forse in un tentativo di scippo o l’investimento di un pirata della strada. Ricoverato in ospedale, è morto pochi giorni dopo
Tre morti e due bambini scomparsi: il giallo che inquieta l’America
Tre morti e due bambini scomparsi: il giallo che inquieta l’America
Lori Vallow, moglie e sorella di due uomini uccisi in circostanze strane, è fuggita con il nuovo marito, la cui ex moglie è morta poco dopo. Ma dei due figli della donna non c’è più traccia da settembre
Hackerate le email di Ghislaine Maxwell
Hackerate le email di Ghislaine Maxwell
Il timore è che numerose email scambiate fra la reclutatrice di minorenni per conto di Jeffrey Epstein e personaggi in vista siano resi noti dai media, scatenando un vero cataclisma di proporzioni mondiali