GB, sette uomini condannati per stupro

| Dopo quattro settimane di processo, la giuria ha dichiarato colpevoli di stupro e violenze sette uomini che avevano preso di mira alcune ragazzine, costringendole ad avere rapporti con l’uso di droga e minacce

+ Miei preferiti
Dopo 12 ore e 49 minuti, la giuria della Crown Court di Leeds ha condannato sette uomini accusati di aver abusato di ragazzine fra i 12 e i 15 anni. Sul capo degli imputati, Usman Ali, Banaras Hussain, Abdul Majid, Gul Riaz, più altri tre i cui nomi non sono stati resi pubblici per motivi legali, ben 12 capi d’accusa fra cui stupro, aggressione e sequestro di persona.

È la fine di un caso che ha sconvolto il Regno Unito, accaduto nella tranquilla Huddersfield, suggestiva città medievale del West Yorkshire, in Inghilterra. Gli uomini, tutti di origine pakistana ma con cittadinanza inglese, avevano preso di mira delle ragazzine che attiravano con modi gentili, per poi trasformarsi in aguzzini: tutte sono state sottoposte a pressioni psicologiche e costrette ad assumere droghe prima di subire “violenze spaventose”, si legge nella sentenza.

La corte ha ascoltato il procuratore Kate Batty, che ha dichiarato che gli abusi avvenivano in auto, hotel e appartamenti, fra cui quello di un uomo “coinvolto nel traffico di stupefacenti e in possesso di una pistola”.

La prima vittima era stata presentata a uomini più anziani da un compagno di scuola: è stata minacciata, intimidita e picchiata. “Era terrorizzata e non vedeva alcuna via d’uscita”. La famiglia della ragazzina ha cercato in tutti i modi di tenerla al sicuro e in più occasioni si è rivolta alla polizia e ai servizi sociali, ma all’epoca, “forse le autorità non avevano la comprensione che hanno ora per l’adescamento e lo sfruttamento sessuale dei bambini. Alla fine, i servizi sociali hanno detto alla famiglia che probabilmente alla ragazza tutto questo piaceva, se continuava a frequentare quella gente”.

Un’altra vittima ha raccontato di essere stata scaraventata per strada da un’auto in corsa con i pantaloni abbassati, dopo essere stata costretta a fare sesso con due o tre uomini: “Era ubriaca e drogata. Aveva solo 15 anni”.

Ali, noto anche come Johnny, 34 anni, Hussain, 39, Riaz, detto “Saj”, 43 anni, e Majid, detto “Smikey”, 35, sono stati condannati per stupro, aggressione, riduzione in schiavitù e sequestro di persona.

Michael Quinn, del “Crown Prosecutor Service”, ha dichiarato: “Al centro di questo caso ci sono le due vittime, che hanno sofferto immensamente a causa degli abusi subiti. Dobbiamo tutto al loro grande coraggio: hanno denunciato, assistito al processo e sostenuto le accuse in un modo che dev’essere da esempio per tutti. Spero sinceramente che le condanne contribuiscano in qualche modo ad aiutare queste giovani donne a ricostruire la loro vita”. Dello stesso avviso Richard McNamara, ispettore capo di polizia del distretto di Kirklees: “Gli uomini coinvolti in questi reati hanno derubato le vittime della loro infanzia e hanno abusato di loro in modo davvero spaventoso. È difficile immaginare l’impatto emotivo degli abusi subiti, ma è chiaro che il coraggio di queste ragazzine ha contribuito a eliminare dalle nostre strade soggetti altamente pericolosi”.

Galleria fotografica
GB, sette uomini condannati per stupro - immagine 1
Cronaca
Il giallo dei cani di Lady Gaga
Il giallo dei cani di Lady Gaga
Impegnata a Roma sul set di “Gucci”, in cui interpreta Patrizia Reggiani, l’artista è stata raggiunta dalla notizia del sequestro di due dei suoi tre amatissimi french bulldog. Il dog-sitter di fiducia ferito con 4 colpi di pistola
Influencer uccide la madre e le strappa il cuore
Influencer uccide la madre e le strappa il cuore
Anna Leikovic, 21 anni, ha assassinato la donna con un coltello da cucina strappandole diversi organi. La donna aveva scoperto che in sua assenza la figlia era diventata tossicodipendente
Il mistero dei Pirenei: travel blogger scompare nel nulla
Il mistero dei Pirenei: travel blogger scompare nel nulla
Esther Dingley manca all’appello ormai da più di 10 giorni: la polizia valuta l’ipotesi dell’incontro con un malintenzionato, ma anche la foto dell’impronta di un grosso orso inviata dalla donna poco prima di scomparire
Il mistero dell’influencer trovata morta
Il mistero dell’influencer trovata morta
Alexis Leigh Sharkley, 26 anni, era scomparsa venerdì a Houston senza lasciare traccia: il corpo nudo è stato visto da un operaio. È mistero fitto sulla morte: il corpo non presenta ferite
Dal reparto psichiatrico alla carriera da modella
Dal reparto psichiatrico alla carriera da modella
L’incredibile storia di Lucy May Dawson, una giovane inglese che viene ricoverata e curata per un forte esaurimento nervoso. Sembrava che per lei non ci fosse altro da fare, fin quando è arrivata la diagnosi corretta
Ricompare dopo un anno una modella svanita nel nulla
Ricompare dopo un anno una modella svanita nel nulla
Eloisa Pinto Fontes, 26 anni, era scomparsa senza lasciare traccia un anno fa a New York. È stata ritrovata in una favela di Rio mentre vagava in stato confusionale
La misteriosa morte dell’ex pornostar Zoe Parker
La misteriosa morte dell’ex pornostar Zoe Parker
Sarebbe morta nel sonno a soli 24 anni: dopo una carriera fulminea nel mondo dell’hard aveva scelto di tornare dalla famiglia in Texas e contava di sposarsi a breve
Notte di sangue a Birmingham
Notte di sangue a Birmingham
Una non meglio precisata “serie di accoltellamenti” che avrebbero coinvolto diverse persone, avvenuti nella zona della movida e del quartiere LGBT. La polizia non si sbilancia sulla matrice dell’episodio
Rock and Virus
Rock and Virus
Il concerto degli “Smash Mount” durante il motoraduno di Sturgis, si sta trasformando in un focolaio che fa il pieno di contagi e vittime. L’ira dei social verso la band, accusata di fomentare la folla urlando che il Covid non esiste
Londra, condannato il killer che nascondeva i corpi di due donne nel congelatore
Londra, condannato il killer che nascondeva i corpi di due donne nel congelatore
I cadaveri di Henriett Szcus e Mihrican Mustafa ritrovati casualmente dalla polizia un anno fa nell’appartamento di Zahid Younis, 36 anni, condannato all’ergastolo