GB, sette uomini condannati per stupro

| Dopo quattro settimane di processo, la giuria ha dichiarato colpevoli di stupro e violenze sette uomini che avevano preso di mira alcune ragazzine, costringendole ad avere rapporti con l’uso di droga e minacce

+ Miei preferiti
Dopo 12 ore e 49 minuti, la giuria della Crown Court di Leeds ha condannato sette uomini accusati di aver abusato di ragazzine fra i 12 e i 15 anni. Sul capo degli imputati, Usman Ali, Banaras Hussain, Abdul Majid, Gul Riaz, più altri tre i cui nomi non sono stati resi pubblici per motivi legali, ben 12 capi d’accusa fra cui stupro, aggressione e sequestro di persona.

È la fine di un caso che ha sconvolto il Regno Unito, accaduto nella tranquilla Huddersfield, suggestiva città medievale del West Yorkshire, in Inghilterra. Gli uomini, tutti di origine pakistana ma con cittadinanza inglese, avevano preso di mira delle ragazzine che attiravano con modi gentili, per poi trasformarsi in aguzzini: tutte sono state sottoposte a pressioni psicologiche e costrette ad assumere droghe prima di subire “violenze spaventose”, si legge nella sentenza.

La corte ha ascoltato il procuratore Kate Batty, che ha dichiarato che gli abusi avvenivano in auto, hotel e appartamenti, fra cui quello di un uomo “coinvolto nel traffico di stupefacenti e in possesso di una pistola”.

La prima vittima era stata presentata a uomini più anziani da un compagno di scuola: è stata minacciata, intimidita e picchiata. “Era terrorizzata e non vedeva alcuna via d’uscita”. La famiglia della ragazzina ha cercato in tutti i modi di tenerla al sicuro e in più occasioni si è rivolta alla polizia e ai servizi sociali, ma all’epoca, “forse le autorità non avevano la comprensione che hanno ora per l’adescamento e lo sfruttamento sessuale dei bambini. Alla fine, i servizi sociali hanno detto alla famiglia che probabilmente alla ragazza tutto questo piaceva, se continuava a frequentare quella gente”.

Un’altra vittima ha raccontato di essere stata scaraventata per strada da un’auto in corsa con i pantaloni abbassati, dopo essere stata costretta a fare sesso con due o tre uomini: “Era ubriaca e drogata. Aveva solo 15 anni”.

Ali, noto anche come Johnny, 34 anni, Hussain, 39, Riaz, detto “Saj”, 43 anni, e Majid, detto “Smikey”, 35, sono stati condannati per stupro, aggressione, riduzione in schiavitù e sequestro di persona.

Michael Quinn, del “Crown Prosecutor Service”, ha dichiarato: “Al centro di questo caso ci sono le due vittime, che hanno sofferto immensamente a causa degli abusi subiti. Dobbiamo tutto al loro grande coraggio: hanno denunciato, assistito al processo e sostenuto le accuse in un modo che dev’essere da esempio per tutti. Spero sinceramente che le condanne contribuiscano in qualche modo ad aiutare queste giovani donne a ricostruire la loro vita”. Dello stesso avviso Richard McNamara, ispettore capo di polizia del distretto di Kirklees: “Gli uomini coinvolti in questi reati hanno derubato le vittime della loro infanzia e hanno abusato di loro in modo davvero spaventoso. È difficile immaginare l’impatto emotivo degli abusi subiti, ma è chiaro che il coraggio di queste ragazzine ha contribuito a eliminare dalle nostre strade soggetti altamente pericolosi”.

Galleria fotografica
GB, sette uomini condannati per stupro - immagine 1
Cronaca
La misteriosa morte dell’ex pornostar Zoe Parker
La misteriosa morte dell’ex pornostar Zoe Parker
Sarebbe morta nel sonno a soli 24 anni: dopo una carriera fulminea nel mondo dell’hard aveva scelto di tornare dalla famiglia in Texas e contava di sposarsi a breve
Notte di sangue a Birmingham
Notte di sangue a Birmingham
Una non meglio precisata “serie di accoltellamenti” che avrebbero coinvolto diverse persone, avvenuti nella zona della movida e del quartiere LGBT. La polizia non si sbilancia sulla matrice dell’episodio
Rock and Virus
Rock and Virus
Il concerto degli “Smash Mount” durante il motoraduno di Sturgis, si sta trasformando in un focolaio che fa il pieno di contagi e vittime. L’ira dei social verso la band, accusata di fomentare la folla urlando che il Covid non esiste
Londra, condannato il killer che nascondeva i corpi di due donne nel congelatore
Londra, condannato il killer che nascondeva i corpi di due donne nel congelatore
I cadaveri di Henriett Szcus e Mihrican Mustafa ritrovati casualmente dalla polizia un anno fa nell’appartamento di Zahid Younis, 36 anni, condannato all’ergastolo
Oslo, 25 intossicati al rave party in una caverna
Oslo, 25 intossicati al rave party in una caverna
L’allarme è scattato dopo i primi svenimenti per la presenza di monossido di carbonio. Nessuna vittima ma tanta paura per circa 200 giovani che avevano scelto una caverna per una notte di eccessi
La killer di una senatrice americana confessa l’omicidio
La killer di una senatrice americana confessa l’omicidio
Rebecca Lynn O’Donnell ha confessato l’omicidio e l’occultamento di cadavere della senatrice dell'Arkansas Linda Collins-Smith, che stava indagando in un giro di pedofilia
Texas, mamma in overdose si chiude in auto con le figlie: muoiono tutte e tre
Texas, mamma in overdose si chiude in auto con le figlie: muoiono tutte e tre
Natalie, Izabel ed Elise Chambers, sono state ritrovate prive di vita in un Suv: Natalie sarebbe morta per overdose, le sue bimbe soffocate dal gran caldo
Una mamma e i suoi due figli trovati in un'auto in un lago
Una mamma e i suoi due figli trovati in un
I corpi di ShaQuia Philpot e i suoi due gemelli, sono stati notati da un pescatore in un lago della Georgia. La polizia indaga per risalire ai motivi di quello che al momento appare come un inspiegabile omicidio-suicidio
Riconosce il suo stupratore nel killer di Maddie
Riconosce il suo stupratore nel killer di Maddie
Una donna vittima di stupro nel 2004 nella stessa zona del Portogallo dove è scomparsa la bimba inglese, ha trovato nel racconto di un’altra violenza commessa da Christian Brueckner molte analogie con la sua, rimasta irrisolta
«Naya è morta per salvare il figlio»
«Naya è morta per salvare il figlio»
Nell’attesa degli esiti dell’autopsia sul corpo rinvenuto nelle acque del lago Piru, lo sceriffo ipotizza quella che ritiene la versione più verosimile. Resta da capire se l'attrice sia stata colta da malore