"Giovani e belli, molto invidiati"

| Delitto Meredith, dopo le sofferenze di Amanda Knox, l'analisi di Raffaele Sollecito, suo ex coimputato e fidanzato. "Capisco il suo dolore. Anch'io ho pensato al suicidio". Intervista-confessione ai "Lunatici"

+ Miei preferiti

MARIA LOPEZ

E dopo Amanda Knox, la parola passa all’altro ex coimputato del delitto di Meredith Kercher. Raffaele Sollecito lo fa con la redazione radiofonica de “I Lunatici”."Mi è dispiaciuto molto vederla sofferente dopo il suo intervento. Come era in tribunale, 12 anni fa. Dopo il convegno l'ho chiamata, prima no. Io non sono stato invitato, quindi all'inizio mi sono disinteressato. Non so perché non mi abbiano invitato, non ne ho idea. In un'occasione del genere, in cui si parla di quel caso, mi aspettavo che invitassero tutti i protagonisti, anche me. E' andata così, amen. Con Amanda non ci sentivamo da un mesetto, mi aveva già annunciato che sarebbe venuta in Italia. Quando ci siamo sentiti dopo il convegno le ho detto che mi è dispiaciuta vederla così sofferente. Ha detto delle cose giuste, sacrosante. L'ho seguita, mi è dispiaciuto non aver partecipato”. Poi: "Io e Amanda siamo stati assolti, siamo innocenti, ma secondo me la gente non l'ha ancora capito. Dipende da come i media hanno descritto sin dall'inizio la situazione. Io sono stato sempre descritto come il lacchè di Amanda. E soprattutto perché tutto quello che c'è stato dopo l'assoluzione non è stato altro che un clamore mediatico dove anche gli inquirenti non hanno mai chiesto scusa, anzi hanno detto che abbiamo avuto fortuna, quando loro hanno commesso un errore clamoroso, sbattendo in carcere per quattro anni due persone innocenti e rovinandogli la vita. Gli inquirenti e i pubblici ministeri non hanno mai chiesto scusa, non hanno mai detto di aver sbagliato, continuano a dire di avere sospetti, ma secondo me si dovrebbero vergognare. Quando chi dice che siamo colpevoli fa parte delle istituzioni, si investe di una certa autorità, di cui mediamente l'italiano si fida. Il popolo si è fidato delle autorità. E poi c'è anche secondo me un pizzico di invidia ingiustificabile, dovuta al fatto che magari invidiano che siamo giovani, belli, con una buona famiglia alle spalle. Io da ingegnere per fortuna delle opportunità professionali le ho. Solo che dopo quello che mi è successo, se ci sono 100 possibilità, per me diventano 40 o anche meno. Ci sono aziende che mi hanno fatto domanda d'assunzione, mi hanno chiesto di trasferirmi e poi mi hanno rifiutato perché mi hanno detto espressamente che non volevano trovarsi ad affrontare la mediaticità che mi porto dietro".

Sul suo rapporto con le donne: "L'amore? Per me è l'ultimo dei problemi. Quello che più mi fa rabbia e più mi pesa è legato a questioni professionali. In ambito sociale, ci sono ragazze che mi vedono un po' come il Ted Bundy della situazione. Alcune credono che io sia un personaggio oscuro e sono più attratte da me per questo. Ma alcune, per fortuna. Non tutte….Amanda ha detto di aver pensato al suicidio? Io ho affrontato più volte periodi di depressione molto forte. In uno degli ultimi periodi ci ho pensato. Quando mi trovo ad affrontare delle situazioni drammatiche vado in depressione e può capitare che pensi basta, non ce la faccio più. Io oggi sto discretamente, ho sempre le persone che mi conoscono davvero accanto. Mi sostengono. Solo che certe volte devo affrontare delle situazioni drammatiche, come quando mi sono trasferito per un nuovo lavoro e poi mi hanno chiuso la porta in faccia, facendomi perdere un sacco di soldi. Anche perché in Italia a me è stato negato un risarcimento. Quello che è successo a me può capitare a tutti".

Cronaca
Si sveglia dal coma e racconta il delitto
Si sveglia dal coma e racconta il delitto
Paolo Zorzi era l’unico testimone della morte di Marianna Sandonà, uccisa nel giugno scorso dall’ex Luigi Segnini. La ricostruzione degli ultimi istanti di vita della donna
Padre di sei figli ucciso da un'onda
Padre di sei figli ucciso da un
nelle foreste canadesi
caccia a un uomo con la barba incolta'>L'ombra di un feroce serial killer
nelle foreste canadesi
caccia a un uomo con la barba incolta
Lnelle foreste canadesi
caccia a un uomo con la barba incolta' class='article_img2'>
Terrore dopo la scoperta dei cadaveri di una giovane coppia, orribilmente mutilati lungo l'Alaska Highway. Scoperto un terzo corpo. Nella zona decine di donne scomparse. Le autorità: "Non fate l'autostop"
Assalto al cantiere Tav: 20 denunciati
Assalto al cantiere Tav: 20 denunciati
Una notte di tensione a Chiomonte: 200 attivisti hanno tentato di avvicinarsi al cantiere dell’Alta Velocità. Dopo un lancio di sassi e razzi, domato un pericoloso principio d’incendio
McDonald's, dipendenti abusati e costretti al silenzio
McDonald
Drammatico report dei sindacati britannici, molto spesso le vittime sono pagate per tacere. Denuncianti oltre 1000 casi di donne molestate. I "predatori" spesso vengono solo trasferiti. La complicità dei manager
Assassina contro assassina
Assassina contro assassina
Le pluri-omicide Rose West e Joanna Dennehy si sono ritrovate nello stesso carcere. Rose è stata trasferita, l'altra aveva promesso: "La ucciderò, la odio"
Messaggio nella bottiglia, ritrovato l'autore
Messaggio nella bottiglia, ritrovato l
L'aveva lanciata nei mari dell'Australia appena 13enne, la lettera ritrovata da 2 pescatori australiani pochi giorni fa su una spiaggia del Sud
Vuole divorziare e affida il suo patrimonio a un amico: sparito
Vuole divorziare e affida il suo patrimonio a un amico: sparito
"'L'amico" ("era un investimento") non vuole restituirli, lei nel frattempo s'è riconciliata con il consorte. Un Tribunale le ha dato ragione
Caso Orlandi, 24 sacchi di ossa umane
Caso Orlandi, 24 sacchi di ossa umane
Aperti gli ossari, recuperate dai periti del pm decine di resti umani che saranno ora esaminati. I media Uk intervistano il fratello di Emanuela, scomparsa a 15 anni
Eredità, i figli di Liz Hurley battono il nonno diabolico
Eredità, i figli di Liz Hurley battono il nonno diabolico
Damian e Kira, nati dalla relazione con il magnate Stephen Bing erano stati estromessi dal nonno da un'eredità da 380 milioni di sterline. "non li considero miei nipoti, mai visti". Ma i giudici gli hanno dato torto