Gli inglesi: "Charlie resta in ospedale"

| Ma al Bambin Gesù di Roma si studiano i protocolli. Don Carmine Arice, dirigente Cei, ha promesso: "Cerchiamo una strada diversa"

+ Miei preferiti
"Pronti ad accogliere Charlie al Bambin Gesù, per coerenza, per convinzione e perchè lo comanda il cuore". Così la diocesi di Roma. Ma  i medici inglesi hanno chiuso la porta al viaggio della speranza di Charlie. Intrasportabile per le sue condizioni di salute.  "E' disumano arrivare a stabilire chi ha diritto a vivere e chi no". Don Carmine Arice, direttore dell'Ufficio Nazionale per la Pastorale della Salute della Cei, sentito da TorinoStar sul caso di Charlie, il bimbo inglese di dieci mesi nato con una rara malattia genetica che morirà in queste ore per decreto della Corte europea dei diritti umani, aveva ed ha tenuto aperto un filo di speranza, sempre che i genitori siano ancora dell'ide adi rivolgersi alle strutture sanitarie italiane e che ci siano le condizioni tecniche per il ricovero: "Il problema è che il caso rischia di fare scuola, aprendo strade di morte".  Pohe ore fa Il direttore dell'Ufficio Nazionale per la Pastorale sanitaria della Cei aveva sottolineato sottolinea come con questa vicenda si tocchi con mano "la crisi antropologica denunciata da papa Francesco con la cultura dello scarto. Si fissano parametri su ciò che è vita e dignità e su ciò che non lo è, questa è disumanità. Stiamo andando verso il principio di autodeterminazione dove i diritti individuali ("che talvolta sono solo desideri") devono essere garantiti dallo Stato". Non c'è speranza."Questo è il metro di misura di una società che, come dice a ragione il Papa, non sa prendersi cura della fragilità più estrema. Viene chiusa la porta alla speranza", dice don Arice mettendo in guardia sulle conseguenze: "Non riusciamo a dare un senso alla vita e allora si decide che va eliminata. Abbiamo avuto filosofi e studiosi che hanno invitato a non mettere al mondo figli per non farli soffrire. Questa è pura disumanità. Se pensiamo poi che oggi con la diagnosi prenatale ci sono bambini che non si fanno nemmeno nascere..".

Conclusione amara: "E' il non riconoscere che una persona, con tutte le fragilità che può avere, ha una sua dignità. La dignità è data dal fatto che si è dentro la comunità umana. Se togliamo questo punto fermo arriveremo a stabilire chi ha diritto a vivere e chi no". Come accaduto con il piccolo Charlie. E "il punto drammatico - dice con preoccupazione don Arice - è che decisioni come quella del piccolo Charlie finiscono per fare scuola".

Cronaca
Ceren Ozdemir, la 390esima donna uccisa in Turchia
Ceren Ozdemir, la 390esima donna uccisa in Turchia
Il triste primato dalla fine di una giovane ballerina appena 20enne uccisa sulla porta di casa. Cresce in modo preoccupante il numero dei casi, denunciano le associazioni in difesa delle donne
Suicida dopo la condanna a 30 anni per femminicidio
Suicida dopo la condanna a 30 anni per femminicidio
Francesco Mazzega ha scelto di farla finita dopo la conferma della condanna a 30 anni per l’omicidio della sua fidanzata Nadia Orlando, che aveva ucciso due anni fa
Bomba a Parigi, scatta l’allarme
Bomba a Parigi, scatta l’allarme
Era una granata inerte custodita da un militare fuori servizio: un falso allarme che ha fatto scattare la massima allerta nella capitale francese
Italiana uccisa a Capo Verde
Italiana uccisa a Capo Verde
Il corpo di Marilena Corrò trovato senza vita nel serbatoio dell’acqua del suo B&B di Boavista. Fermato un altro italiano che gestiva la struttura, sospettato dell’omicidio
Spagna: sequestrato minisommergibile dei narcos
Spagna: sequestrato minisommergibile dei narcos
Fermato al largo delle coste della Galizia, trasportava tre tonnellate di cocaina. Un metodo di consegna e spostamento sempre più utilizzato dai cartelli della droga
Italia: allarme Fentanyl
Italia: allarme Fentanyl
Il potentissimo oppioide, insieme a migliaia di altre varianti sintetiche, inizia a fare le prime vittime anche nel nostro Paese. I pericoli delle nuove droghe, che negli Stati Uniti hanno causato una vera strage
Il Regno Unito commosso per la storia di Chloe e Adam
Il Regno Unito commosso per la storia di Chloe e Adam
Erano fidanzati da meno di un anno: lei si è uccisa impiccandosi senza lasciare un biglietto che spiegasse il gesto. Sei giorni dopo lui l’ha seguita gettandosi sotto un treno
Arrestato il mandante dell’omicidio
di Daphne Caruana Galizia
Arrestato il mandante dell’omicidio<br>di Daphne Caruana Galizia
Si tratta di Yorgen Fenech, spregiudicato proprietario di casinò e a capo di una cordata che si è aggiudicata un appalto miliardario, ma soprattutto collettore di tangenti che spartiva con alcuni ministri maltesi
Francia: il più grande caso di pedofilia
Francia: il più grande caso di pedofilia
Joël Le Scouarnec, chirurgo pediatrico, avrebbe abusato di oltre 250 bambini in quasi vent’anni di attività, malgrado una denuncia per possesso di materiale pedopornografico
Arrestato il fondatore del Cirque du Soleil
Arrestato il fondatore del Cirque du Soleil
Guy Laliberté sarebbe trattenuto dalla polizia a Tahiti: nel suo atollo privato è stata rinvenuta una grande piantagione di cannabis. La vita esagerata di un eccentrico ex artista di strada diventato miliardario