Gli scatti che fanno la storia

| Torino ospita 150 fotografie vincitrici del World Press Photo, il prestigioso concorso nato per difendere il diritto di raccontare la verità

+ Miei preferiti

Il mondo non cambierà mai invano, finché ci sarà qualcuno a scattare una foto. È in fondo questa, la lezione che tramanda di generazione in generazione il "World Press Photo", il più prestigioso concorso di fotografia del mondo, nato a Amsterdam nel lontano 1955 per salvare l'idea scomoda del fotogiornalismo, e insieme la libertà di informazione, di inchiesta e di espressione, principi oggi inalienabili per buona parte del mondo.

Un concorso che rappresenta un traguardo prestigioso per chiunque ami raccontare storie senza bisogno di parole, che ogni anno riunisce gli scatti, spesso cruenti, di testate come National Geographic, BBC, CNN, Le Monde, Times, The Guardian, New York Times ed El Pais, prestigiose testate che fanno di tutto per assicurarsi una delle categorie in cui è suddiviso il concorso: Contemporary Issues, Environment, General News, Long-Term Projects, Nature, People, Sports e Spot News.

L'edizione del 2017, partita dalla monumentale cifra di 80.000 foto, scattate da 5.034 fotografi di tutto il mondo, ha premiato "An Assassination in Turkey - Mevlüt Mert Altıntaş", crudissimo e attuale scatto di Burhan Ozbilici, 59 anni, fotografo dell'agenzia di stampa americana "Associated Press", che il 19 dicembre 2016 ha ripreso i drammatici attimi del gesto di Mevlut Mert Altinas, agente fuori servizio che aveva appena freddato l'ambasciatore russo in Turchia. Un'immagine entrata direttamente nei libri di storia, una delle testimonianze più efficaci dei profondi mali che tolgono la pace a questo pianeta. Uno scatto che ha richiesto anche un enorme sangue freddo da parte di Ozbilici, capace di impugnare la macchina fotografica mentre intorno a lui si scatenava l'inferno.

Ed è stato proprio il fotoreporter turco, l'ospite che inaugurato una mostra, dedicata al "World Press Photo", ospitata da venerdì 3 a domenica 26 novembre negli spazi del Mastio della Cittadella di Torino, l'ex fortezza sabauda all'angolo fra corso Galileo Ferrari e via Cernaia.

La mostra, articolata in 150 foto, tutte vincitrici del prestigioso concorso fotografico, sono state selezionate per l'occasione da una giuria internazionale e portate a Torino da "Cime", con il sostegno del brand "Lancia Ypsilon" e il patrocinio di Comune e Regione Piemonte.

Quattro gli scatti di fotoreporter italiani in mostra: Antonio Gibotta, autore di "Infarinati", Francesco Comello, con "Isola della salvezza", Alessio Romenzi, autore di "Non prendiamo prigionieri" e Giovanni Capriotti, vincitore del primo premio per la categoria Sport, nella sezione ‘Storie'.

 

GLI EVENTI

VENERDÌ 3 NOVEMBRE

Ore 18.00: inaugurazione (su invito) con le istituzioni e Burhan Ozblici, vincitore del World Press Photo of the Year 2017.

Ore 20.00: apertura al pubblico.

SABATO 4 NOVEMBRE

Apertura straordinaria fino alle 24.00 in occasione della Notte delle Arti

Ore 17.00: Public Lecture con Burhan Ozblici

Ore 21.30: Live concert - Estel Luz.

GIOVEDÌ 9 NOVEMBRE

Ore 19.30: USA 2017, politica, società e cultura dell'America di oggi, con Stephen Amidon, Andrea Marinelli e Lorenzo Pregliasco.

VENERDÌ 10 NOVEMBRE

Ore 19.00: GOONJ (Italia) - Sonorizzazione speciale della Mostra.

SABATO 11 NOVEMBRE

Ore 16.00: Public Lecture con Antonio Gibotta

Vincitore del World Press Photo 2017 - 2° premio Storie, categoria People.

GIOVEDì 16 NOVEMBRE

Ore 18.30: Caporetto 100 anni dopo: La storia della "Dodicesima battaglia sull'Isonzo".

VENERDÌ 17 NOVEMBRE

Ore 19.00: KORA SAX DUO (Italia / Senegal), intervento musicale di Gianni Denitto e Cheikh Fall.

SABATO 18 NOVEMBRE

Ore 17.00: Public Lecture con Francesco Comello

Vincitore del World Press Photo 2017 – 3° premio, categoria Daily Life Stories.

GIOVEDÌ 23 NOVEMBRE

Ore 20.30: Presentazione del libro "Non è lavoro, è sfruttamento", con l'autrice Marta Fana e Maurizio Landini.

VENERDÌ 24 NOVEMBRE

Ore 19.00: Quintetto Pentafiati (Italia) Musica classica e contemporanea.

SABATO 25 NOVEMBRE

Ore 17.00: Public Lecture con Mathieu Willcocks

Vincitore 3° premio, categoria Spot News.

DOMENICA 26 NOVEMBRE

Ore 18.00: Serata Conclusiva

 

Info pratiche

WORLD PRESS PHOTO

Mastio della Cittadella di Torino

3 - 26 novembre 2017

Orari

Lunedì-mercoledì 10-20, giovedì-domenica 10-22

Biglietti

Intero: 8,50 euro

Ridotto: 6,50 euro per under 25 e over 65, muniti di documento.

Ridotto scuole: 5 euro (previa prenotazione).

Abbonamento "torna quando vuoi": 15 euro.

Gratuito per accompagnatori di visitatori diversamente abili.

Informazioni:

Web: www.worldpressphototorino.it

E-mail: info@worldpressphototorino.it

Facebook: www.facebook.com/WorldPressPhotoTorino

Instagram: www.instagram.com/worldpressphototorino
Telefono:
+39.3339471590

Cronaca
L’incredibile caso dei pedofili di Rotherham
L’incredibile caso dei pedofili di Rotherham
Per decenni, gang di pakistani hanno sequestrato e violentato minorenni, ma la polizia non è mai intervenuta per evitare tensioni razziali. È l’allucinante conclusione di un’inchiesta conclusa in questi giorni
UK: picchiata perché lesbica
UK: picchiata perché lesbica
Dopo la quinta aggressione, una ventenne inglese ha deciso di divulgare le foto delle sue ferite: “Ormai ho paura di uscire di casa, ma voglio che la gente sappia”
Dublino: ucciso e decapitato nella guerra fra gang
Dublino: ucciso e decapitato nella guerra fra gang
I resti di Keane Mulready-Woods, 17 anni, sono stati trovati a km di distanza all’interno di una borsa e di un’auto data alle fiamme. La polizia sulle tracce del probabile assassino, un 35enne considerato un potenziale serial killer
Sicilia, il mistero dei sub restituiti dal mare
Sicilia, il mistero dei sub restituiti dal mare
Un terzo corpo è riemerso ieri a Termini Imerese: sul mistero indagano cinque procure, e al momento non si esclude alcuna pista. L’incidente durante una battuta di pesca o durante la consegna di una partita di droga
L’ex parroco confessa: “Molestavo 4 o 5 bimbi ogni settimana”
L’ex parroco confessa: “Molestavo 4 o 5 bimbi ogni settimana”
Bernard Preynat, ex parroco della chiesa di Sainte-Foy-Les Lyon, ammette le sue responsabilità alle prime battute del processo: “Non mi rendevo conto di fare del male, provavo piacere”
I nuovi misteri del furto del secolo
I nuovi misteri del furto del secolo
Due episodi si aggiungono al clamoroso furto di gioielli dello scorso novembre al castello di Dresda. Qualcuno avrebbe offerto due dei preziosi ad una società, chiedendo anche di indagare sulle misure di sicurezza del museo
Modella inglese muore precipitando da una scogliera
Modella inglese muore precipitando da una scogliera
Madalyn Davis, che da poche settimane si era trasferita in Australia, è caduta da una pericolosa scogliera nella costa di Sydney
Bimbo di 10 anni trovato morto nel carrello di un aereo
Bimbo di 10 anni trovato morto nel carrello di un aereo
Il piccolo sarebbe riuscito a intrufolarsi nel vano del carrello di un aereo diretto a Parigi superando la sorveglianza di un aeroporto della Costa d’Avorio. Le basse temperature non gli hanno lasciato scampo
Ergastolo allo stupratore seriale di Manchester
Ergastolo allo stupratore seriale di Manchester
In 12 anni avrebbe abusato di centinaia di giovani eterosessuali di cui conquistava la fiducia, per poi violentarli nel suo appartamento dopo averli drogati. È stato condannato per 159 capi d’accusa, con 136 stupri
Morto suicida Franco Ciani
Morto suicida Franco Ciani
Musicista e produttore, primo marito di Anna Oxa, si è tolto la vita con un sacchetto di plastica in testa: in un biglietto i motivi del gesto