Guadalajara, fossa comune con 65 morti

| Erano stati sepolti da poco, chiusi in sacchi neri dei rifiuti. Alcuni erano sembrati. I periti forensi al lavoro, 14 già identificati. Resa dei conti del cartello di Jalisco contro i rivali. Un fiume di sangue

+ Miei preferiti

Nello stato di Jalisco, luogo del ritrovameto di decine di cadaveri, operano alcuni dei più violenti Messico, ruppi criminali messicani legati al traffico di droga. I killer die narcos, inquadrati in formazioni para-militari, potentemente armati e dotati di mezzi blindati e diana rete logistica digitale, hanno già ucciso centinaia di persone. Alcine appese ai viadotti dell’autostrada, mostrando corpi sembrati e torturati. Ora il secondo caso mentre infuria la guerra tra i cartelli Jalisco Nueva Generación e Nueva Plaza.

ll ritrovamento risale a martedì 3 Settembre 2019, chiusi in 119 sacchi neri e sotterrati nei campi poco fuori la città di Guadalajara, dei resti umani smembrati. I cadaveri erano in prossimità del quartiere La Primavera, nel comune di Zapopan, situato nello stato messicano di Jalisco. Nelle ultime ore gli esperti sono riusciti a risalire alle identità di 44 corpi. I resti sono stati individuati dopo che i residenti hanno cominciato a lamentarsi per il cattivo odore che si sentiva nella zona.

Gli esperti forensi sono riusciti a ricomporre otto cadaveri ma il numero totale dei corpi presenti sul luogo è ancora al momento sconosciuto, potrebbero essere 65 secondo una fonte della polizia. I lavori di scavo continuano e, molto probabilmente, i resti umani sono destinati ad aumentare. Macedonio Tamez Guajardo, coordinatore strategico della sicurezza del comune, ha dichiarato: “È un lavoro forense molto complicato, perché è necessario prima assemblare i corpi quando possibile e poi procedere all’identificazione”.

 

Cronaca
Ucciso in carcere
uno dei peggiori pedofili inglesi
Ucciso in carcere<br>uno dei peggiori pedofili inglesi
Richard Huckle, 33 anni, è stato trovato senza vita nella sua cella. Aveva ammesso la violenza su 71 bambini in tenera età, quasi tutti adescati fingendosi un missionario in medioriente
Colpo di scena: l’uomo arrestato non è il mostro di Nantes
Colpo di scena: l’uomo arrestato non è il mostro di Nantes
Secondo amici e vicini, la persona fermata all’aeroporto di Glasgow non somiglierebbe neanche vagamente all’uomo che ha massacrato la sua famiglia. La conferma definitiva dall’esame del Dna
Italiano ucciso in Indonesia
Italiano ucciso in Indonesia
Luca Aldovrandi, 52 anni, trovato morto nel locale che gestiva a Sabang: la polizia sospetta un diverbio con un dipendente
16 anni agli aggressori di Manuel Bortuzzo
16 anni agli aggressori di Manuel Bortuzzo
Sentenza di primo grado contro i due aggressori del giovane nuotatore triestino colpito alla schiena e da allora costretto sulla sedia a rotelle
Passa 17 anni in galera al posto del suo sosia
Passa 17 anni in galera al posto del suo sosia
Richard Anthony Jones ha chiesto un risarcimento di un milione di dollari allo stato del Kansas per un clamoroso errore giudiziario risolto per una pura coincidenza
Chiesti 18 anni per i carabinieri che pestarono Cucchi
Chiesti 18 anni per i carabinieri che pestarono Cucchi
È la richiesta del pm, che aggiunge “Non è un processo contro l’Arma ma contro 5 carabinieri che hanno tradito valori e principi. Sul caso Cucchi picchi di depistaggi da film dell’orrore”
Assalto alla prefettura di Parigi: 5 morti
Assalto alla prefettura di Parigi: 5 morti
Un funzionario con 20 anni di esperienza avrebbe accoltellato 4 agenti di polizia, per poi essere freddato da altri. Caos nel centro di Parigi
Ha un volto il ragazzo del Tate Modern
Ha un volto il ragazzo del Tate Modern
Ha compiuto 18 anni Jonty Bravery, il giovane che quest’estate ha spinto nel vuoto un bimbo francese da una balconata della celebre galleria d’arte londinese
USA: giustiziato un malato terminale
USA: giustiziato un malato terminale
Infuria la polemica: Russell Bucklew, affetto da un tumore che gli provocava sanguinamenti, è stato giustiziato in Missouri. Condannato per omicidio, si era pentito ed era considerato un detenuto modello
Si riaccendono le speranze anche per Luca ed Edith
Si riaccendono le speranze anche per Luca ed Edith
Il ministro degli esteri canadese, in un comizio elettorale, ha rivelato che le autorità sono certe che i due ragazzi siano ancora vivi, “ma riportarli a casa è molto complicato”