Guadalajara, fossa comune con 65 morti

| Erano stati sepolti da poco, chiusi in sacchi neri dei rifiuti. Alcuni erano sembrati. I periti forensi al lavoro, 14 già identificati. Resa dei conti del cartello di Jalisco contro i rivali. Un fiume di sangue

+ Miei preferiti

Nello stato di Jalisco, luogo del ritrovameto di decine di cadaveri, operano alcuni dei più violenti Messico, ruppi criminali messicani legati al traffico di droga. I killer die narcos, inquadrati in formazioni para-militari, potentemente armati e dotati di mezzi blindati e diana rete logistica digitale, hanno già ucciso centinaia di persone. Alcine appese ai viadotti dell’autostrada, mostrando corpi sembrati e torturati. Ora il secondo caso mentre infuria la guerra tra i cartelli Jalisco Nueva Generación e Nueva Plaza.

ll ritrovamento risale a martedì 3 Settembre 2019, chiusi in 119 sacchi neri e sotterrati nei campi poco fuori la città di Guadalajara, dei resti umani smembrati. I cadaveri erano in prossimità del quartiere La Primavera, nel comune di Zapopan, situato nello stato messicano di Jalisco. Nelle ultime ore gli esperti sono riusciti a risalire alle identità di 44 corpi. I resti sono stati individuati dopo che i residenti hanno cominciato a lamentarsi per il cattivo odore che si sentiva nella zona.

Gli esperti forensi sono riusciti a ricomporre otto cadaveri ma il numero totale dei corpi presenti sul luogo è ancora al momento sconosciuto, potrebbero essere 65 secondo una fonte della polizia. I lavori di scavo continuano e, molto probabilmente, i resti umani sono destinati ad aumentare. Macedonio Tamez Guajardo, coordinatore strategico della sicurezza del comune, ha dichiarato: “È un lavoro forense molto complicato, perché è necessario prima assemblare i corpi quando possibile e poi procedere all’identificazione”.

 

Cronaca
Influencer uccide la madre e le strappa il cuore
Influencer uccide la madre e le strappa il cuore
Anna Leikovic, 21 anni, ha assassinato la donna con un coltello da cucina strappandole diversi organi. La donna aveva scoperto che in sua assenza la figlia era diventata tossicodipendente
Il mistero dei Pirenei: travel blogger scompare nel nulla
Il mistero dei Pirenei: travel blogger scompare nel nulla
Esther Dingley manca all’appello ormai da più di 10 giorni: la polizia valuta l’ipotesi dell’incontro con un malintenzionato, ma anche la foto dell’impronta di un grosso orso inviata dalla donna poco prima di scomparire
Il mistero dell’influencer trovata morta
Il mistero dell’influencer trovata morta
Alexis Leigh Sharkley, 26 anni, era scomparsa venerdì a Houston senza lasciare traccia: il corpo nudo è stato visto da un operaio. È mistero fitto sulla morte: il corpo non presenta ferite
Dal reparto psichiatrico alla carriera da modella
Dal reparto psichiatrico alla carriera da modella
L’incredibile storia di Lucy May Dawson, una giovane inglese che viene ricoverata e curata per un forte esaurimento nervoso. Sembrava che per lei non ci fosse altro da fare, fin quando è arrivata la diagnosi corretta
Ricompare dopo un anno una modella svanita nel nulla
Ricompare dopo un anno una modella svanita nel nulla
Eloisa Pinto Fontes, 26 anni, era scomparsa senza lasciare traccia un anno fa a New York. È stata ritrovata in una favela di Rio mentre vagava in stato confusionale
La misteriosa morte dell’ex pornostar Zoe Parker
La misteriosa morte dell’ex pornostar Zoe Parker
Sarebbe morta nel sonno a soli 24 anni: dopo una carriera fulminea nel mondo dell’hard aveva scelto di tornare dalla famiglia in Texas e contava di sposarsi a breve
Notte di sangue a Birmingham
Notte di sangue a Birmingham
Una non meglio precisata “serie di accoltellamenti” che avrebbero coinvolto diverse persone, avvenuti nella zona della movida e del quartiere LGBT. La polizia non si sbilancia sulla matrice dell’episodio
Rock and Virus
Rock and Virus
Il concerto degli “Smash Mount” durante il motoraduno di Sturgis, si sta trasformando in un focolaio che fa il pieno di contagi e vittime. L’ira dei social verso la band, accusata di fomentare la folla urlando che il Covid non esiste
Londra, condannato il killer che nascondeva i corpi di due donne nel congelatore
Londra, condannato il killer che nascondeva i corpi di due donne nel congelatore
I cadaveri di Henriett Szcus e Mihrican Mustafa ritrovati casualmente dalla polizia un anno fa nell’appartamento di Zahid Younis, 36 anni, condannato all’ergastolo
Oslo, 25 intossicati al rave party in una caverna
Oslo, 25 intossicati al rave party in una caverna
L’allarme è scattato dopo i primi svenimenti per la presenza di monossido di carbonio. Nessuna vittima ma tanta paura per circa 200 giovani che avevano scelto una caverna per una notte di eccessi