"Ha ucciso per non rovinarsi la carriera"

| Ergastolo confermato a Trieste per l'ex militare Giosuč Ruotolo, 29 anni, accusato del duplice delitto di Pordenone, vittime Trifone Ragone e la fidanzata Teresa Costanza. Lui: "Sono innocente"

+ Miei preferiti

 ”Avere la condanna della giustizia umana non redime, per redimersi ci si deve convertire. Penso sempre a lei. L'unica cosa che mio sento di dire è di ringraziare i giudici e tutti quelli che hanno lavorato a questo processo", ha detto la mamma di Teresa Costanza, 30 anni, uccisa con il fidanzato Trifone Ragone. Dopo la conferma dell’ergastolo confermato anche in appello per Giosuè Ruotolo, accusato del duplice omicidio della coppia di fidanzati, uccisi a colpi di pistola la sera del 17 marzo 2015.

Teresa Costanza e Trifone Ragone


La ragazza, assicuratrice di 30 anni, viveva a Milano. Sentenza dopo circa otto ore di Camera di Consiglio. La giuria, presieduta da Igor Maria Rifiorati, si era ritirata intorno alle 12:30 dopo aver ascoltato le repliche della difesa, affidate a uno dei legali di Ruotolo, Giuseppe Esposito, e le dichiarazioni spontanee dell'imputato, che ha preso la parola per la prima volta nel processo d'appello. "Tra me e Trifone c'era un rapporto cordiale. Sono stato condannato all'ergastolo, ma di mio in questo processo non c'è nulla - ha detto -, come confermato anche dai Ris di Parma. Non ho mai litigato né verbalmente né fisicamente con Trifone e in questo senso sono le testimonianze dei commilitoni”.

Giosuè Ruotolo, ex militare, di 29 anni, originario di Somma Vesuviana (Napoli) si dichiara innocente. Trifone Ragone, militare, originario di Adelfia (Bari), 28 anni, e Teresa Costanza, 30 anni, assicuratrice milanese di origini siciliane, furono uccisi nel parcheggio del Palazzetto dello Sport di Pordenone, dopo una serie di controversie tra le vittime e lo stesso Ruotolo. Movente, più di uno. Per il pm Vallarin aveva "commesso gli omicidi per salvare la sua carriera”, ciòè l’ingresso nella Guardia di finanza, che avrebbe potuto essere bloccato dallo stesso Ragone, se mai lo avesse denunciato per i messaggi anonimi inviati alla fidanzata dal profilo FB Anonimo Anonimo, inviati utilizzando il wi-fi della caserma. “Togliendoli di mezzo sparivano due rivali, due minacce viventi, due persone verso cui covava odio già da tempo"

La Corte d'assise di Udine aveva condannato Ruotolo all'ergastolo e a due anni di isolamento diurno con una sentenza pronunciata l'8 novembre 2017. Una volta uccisi, “Il suo futuro sarebbe tornato ad essere roseo, abbiamo avuto il movente sempre sotto gli occhi e ce lo ha detto l'imputato stesso quando ha motivato le ragioni per cui non aveva riferito di essere stato al palazzetto quella sera: ‘Una sola attenzione avrebbe potuto compromettere il mio ingresso nella guardia di finanza che sarebbe avvenuto a breve’”.

Trifone Ragone e Teresa Costanza vengono uccisi nell'auto di lei, crivellati da sei colpi di pistola, alle 19:45 del 17 marzo 2015, all’uscita dalla palestra che entrambi frequentavano. In quegli stessi momenti Ruotolo viene localizzato, dalle telecamere di sorveglianza, in quello stesso posto e subito dopo davanti al laghetto di San Valentino dove il killer gettò l'arma del delitto. Al militare sarebbe attribuito un movente: quattro mesi prima del delitto sarebbe stato picchiato da Ragone e minacciato di essere denunciato. Dal momento in cui Trifone aveva lasciato la casa in cui viveva con Giosuè ed altri due commilitoni, Ruotolo aveva aperto un profilo Facebook anonimo ed inviato messaggi a Teresa Costanza sotto il nome “Annalisa”, chiamandola “cornuta” e dicendo di essere un'amante di Trifone. Fino a quando Ragone non avrebbe scoperto chi si nascondeva dietro lo pseudonimo. Da qui, pare, l’idea di affrontare l’ex amico, la lite e - pare - anche le botte. Un’umiliazione insostenibile.

"Non ho mai avuto dubbi e l'ho sempre detto a chiare lettere. Tutti  gli elementi erano a carico di Ruotolo, sotto il profilo della giustizia sono soddisfatta, dall'altro non fa  piacere sentire dare l'ergastolo a un giovane ragazzo. E' responsabile dell'omicidio di Teresa e Trifone e oggi c'è stata giustizia. Sotto il profilo della giustizia sono soddisfatta, dall'altro non fa  piacere sentire dare l'ergastolo a un giovane ragazzo. E' responsabile dell'omicidio di Teresa e Trifone e oggi c'è stata giustizia”,  conclude l'avvocato Serena Gasperini, legale della famiglia di Ragone.

 
Galleria fotografica
"Ha ucciso per non rovinarsi la carriera" - immagine 1
"Ha ucciso per non rovinarsi la carriera" - immagine 2
"Ha ucciso per non rovinarsi la carriera" - immagine 3
"Ha ucciso per non rovinarsi la carriera" - immagine 4
"Ha ucciso per non rovinarsi la carriera" - immagine 5
"Ha ucciso per non rovinarsi la carriera" - immagine 6
"Ha ucciso per non rovinarsi la carriera" - immagine 7
"Ha ucciso per non rovinarsi la carriera" - immagine 8
"Ha ucciso per non rovinarsi la carriera" - immagine 9
"Ha ucciso per non rovinarsi la carriera" - immagine 10
Cronaca
La misteriosa morte dell’ex pornostar Zoe Parker
La misteriosa morte dell’ex pornostar Zoe Parker
Sarebbe morta nel sonno a soli 24 anni: dopo una carriera fulminea nel mondo dell’hard aveva scelto di tornare dalla famiglia in Texas e contava di sposarsi a breve
Notte di sangue a Birmingham
Notte di sangue a Birmingham
Una non meglio precisata “serie di accoltellamenti” che avrebbero coinvolto diverse persone, avvenuti nella zona della movida e del quartiere LGBT. La polizia non si sbilancia sulla matrice dell’episodio
Rock and Virus
Rock and Virus
Il concerto degli “Smash Mount” durante il motoraduno di Sturgis, si sta trasformando in un focolaio che fa il pieno di contagi e vittime. L’ira dei social verso la band, accusata di fomentare la folla urlando che il Covid non esiste
Londra, condannato il killer che nascondeva i corpi di due donne nel congelatore
Londra, condannato il killer che nascondeva i corpi di due donne nel congelatore
I cadaveri di Henriett Szcus e Mihrican Mustafa ritrovati casualmente dalla polizia un anno fa nell’appartamento di Zahid Younis, 36 anni, condannato all’ergastolo
Oslo, 25 intossicati al rave party in una caverna
Oslo, 25 intossicati al rave party in una caverna
L’allarme č scattato dopo i primi svenimenti per la presenza di monossido di carbonio. Nessuna vittima ma tanta paura per circa 200 giovani che avevano scelto una caverna per una notte di eccessi
La killer di una senatrice americana confessa l’omicidio
La killer di una senatrice americana confessa l’omicidio
Rebecca Lynn O’Donnell ha confessato l’omicidio e l’occultamento di cadavere della senatrice dell'Arkansas Linda Collins-Smith, che stava indagando in un giro di pedofilia
Texas, mamma in overdose si chiude in auto con le figlie: muoiono tutte e tre
Texas, mamma in overdose si chiude in auto con le figlie: muoiono tutte e tre
Natalie, Izabel ed Elise Chambers, sono state ritrovate prive di vita in un Suv: Natalie sarebbe morta per overdose, le sue bimbe soffocate dal gran caldo
Una mamma e i suoi due figli trovati in un'auto in un lago
Una mamma e i suoi due figli trovati in un
I corpi di ShaQuia Philpot e i suoi due gemelli, sono stati notati da un pescatore in un lago della Georgia. La polizia indaga per risalire ai motivi di quello che al momento appare come un inspiegabile omicidio-suicidio
Riconosce il suo stupratore nel killer di Maddie
Riconosce il suo stupratore nel killer di Maddie
Una donna vittima di stupro nel 2004 nella stessa zona del Portogallo dove č scomparsa la bimba inglese, ha trovato nel racconto di un’altra violenza commessa da Christian Brueckner molte analogie con la sua, rimasta irrisolta
«Naya č morta per salvare il figlio»
«Naya č morta per salvare il figlio»
Nell’attesa degli esiti dell’autopsia sul corpo rinvenuto nelle acque del lago Piru, lo sceriffo ipotizza quella che ritiene la versione piů verosimile. Resta da capire se l'attrice sia stata colta da malore