Hanno ucciso Mariam, tutte libere

| Dopo le due miti condanne delle donne del branco, a casa anche altre quattro giovani coinvolte. La giustizia inglese non "vuole perseguitare le adolescenti". Hanno confessato. I genitori: "Terribile ingiustizia, via da Londra"

+ Miei preferiti

Quattro ragazze inglesi che hanno ucciso una studentessa egiziana residente con la famiglia in Italia e poi a Londra per studiare, non andranno in carcere, nonostante abbiano partecipato ad un attacco "orribile". Mariam Moustafà, 22 anni, restò a lungo in coma dopo essere stata sbattuta contro una pensilina di Nottingham lo scorso febbraio, ed è morta quasi un mese dopo. Nonostante l'ammissione di colpevolezza in relazione all'assalto per strada, due ragazze di 18 anni Rochelle Dobbin e Netesha Lewis, e altre due 16enni, sono state rinviate a Nottingham Youth Court e giudicate da un giudice distrettuale.

Anche se gli adolescenti non sono finite in carcere, il giudice le ha descritte come "aggressive" e ha detto che dovrebbero essere "condannate" per le loro azioni. Sono state risparmiate (dal carcere)  perché il tribunale dovrebbe "evitare di criminalizzare inutilmente i giovani" e gli adolescenti potrebbero essere mandati in custodia solo come "ultima risorsa”. Sei ragazze erano state accusate dopo l'incidente, e le prime due giovani donne sono state condannate la scorsa settimana per il loro comportamento “vile”. Mariah Fraser, 20 anni, ha ricevuto l'ordine di trascorrere otto mesi in un istituto per giovani delinquenti, mentre Britania Hunter, 18 anni, ha ricevuto un ordine comunitario di 12 mesi e gli è stato imposto di svolgere 40 ore di lavoro non retribuito dopo che entrambi hanno ammesso le loro colpe. Il tribunale ha sentito mercoledì come Lewis sia stata la maggiore responsabile nell'attacco del 2018, mentre Dobbin e le altre stavano filmando l'incidente o ridendo mentre guardavano gli eventi che si svolgevano. Lewis aveva lanciato un attacco violento contro la studentessa, colpendola ripetutamente e accusandola di essere responsabile di un account di social media chiamato "Black Rose”. Mariam è stata colpita più volte durante un attacco "alimentato dai social media" vicino a una fermata dell'autobus in Parliament Street intorno alle 20 febbraio alle 20 di sera, mentre il suo amico Pablo Jawara ha cercato di proteggerla. L'accusa ha detto che le sei ragazze non sono state accusate di omicidio colposo perché l'attacco non può essere "legalmente collegato" alla morte dello studente.

Il padre di Mariam, Mohamed Moustafa, ha detto che la sua famiglia non è più al sicuro nel paese dopo le sentenze "ingiuste", e sta considerando un ritorno in Egitto. Il 51enne ha deciso di non partecipare all'udienza di mercoledì, in quanto gli ultimi quattro aggressori sono stati risparmiati.

 Condannando le quattro ragazze, ha detto il giudice distrettuale Timothy Spruce: "Questo  è stato un attacco davvero scioccante che ha comprensibilmente attirato un alto profilo mediatico e l'attenzione del pubblico". "Abbiamo perso nostra figlia e non la riavremo mai più, siamo venuti in tribunale per ottenere giustizia per lei e per tutti gli altri per vivere al sicuro in questa terra. Tuttavia, il sistema non è riuscito ad ottenere giustizia per Mariam”, ha detto amaro il padre. Mariam stava aspettando l'autobus per tornare a casa. Viveva a Ostia prima di trasferirsi a Londra con la famiglia soprattutto per ragioni di studio.

Cronaca
La killer di una senatrice americana confessa l’omicidio
La killer di una senatrice americana confessa l’omicidio
Rebecca Lynn O’Donnell ha confessato l’omicidio e l’occultamento di cadavere della senatrice dell'Arkansas Linda Collins-Smith, che stava indagando in un giro di pedofilia
Texas, mamma in overdose si chiude in auto con le figlie: muoiono tutte e tre
Texas, mamma in overdose si chiude in auto con le figlie: muoiono tutte e tre
Natalie, Izabel ed Elise Chambers, sono state ritrovate prive di vita in un Suv: Natalie sarebbe morta per overdose, le sue bimbe soffocate dal gran caldo
Una mamma e i suoi due figli trovati in un'auto in un lago
Una mamma e i suoi due figli trovati in un
I corpi di ShaQuia Philpot e i suoi due gemelli, sono stati notati da un pescatore in un lago della Georgia. La polizia indaga per risalire ai motivi di quello che al momento appare come un inspiegabile omicidio-suicidio
Riconosce il suo stupratore nel killer di Maddie
Riconosce il suo stupratore nel killer di Maddie
Una donna vittima di stupro nel 2004 nella stessa zona del Portogallo dove è scomparsa la bimba inglese, ha trovato nel racconto di un’altra violenza commessa da Christian Brueckner molte analogie con la sua, rimasta irrisolta
«Naya è morta per salvare il figlio»
«Naya è morta per salvare il figlio»
Nell’attesa degli esiti dell’autopsia sul corpo rinvenuto nelle acque del lago Piru, lo sceriffo ipotizza quella che ritiene la versione più verosimile. Resta da capire se l'attrice sia stata colta da malore
Si uccide in diretta su Facebook
Si uccide in diretta su Facebook
Un attivista per i programmi di salute mentale inglese si è tolto la vita davanti a 400 persone che lo imploravano di non farlo. Proteste e polemiche all’indirizzo del social network
È morta Kelly Preston, moglie di John Travolta
È morta Kelly Preston, moglie di John Travolta
L’annuncio dato dall’attore sul suo profilo Facebook: da due anni lottava contro una forma molto aggressiva di cancro al seno. La coppia era sposta da quasi 30 anni
Violentata e uccisa a 8 anni da una coppia
Violentata e uccisa a 8 anni da una coppia
Vika si era allontana da casa dopo aver litigato con i genitori: è diventata la vittima di una coppia che l’ha violentata e soffocata. La donna si è presentata alla polizia per raccontare l’accaduto: “Ho tentato di fermarlo”
Naya Rivera, mistero fitto sulla scomparsa
Naya Rivera, mistero fitto sulla scomparsa
Ancora nessuna traccia del corpo della star di “Glee”, scomparsa nel lago Piru, in California. Secondo alcuni potrebbe essere un caso di suicidio
Coppia di fidanzati fatti a pezzi in un trolley
Coppia di fidanzati fatti a pezzi in un trolley
La valigia, ritrovata su una scogliera da un gruppo di ragazzini, conteneva i resti smembrati di Jessica Lewis e Austin Wenner, di cui non si sapeva nulla da giorni