Hanno ucciso Mariam, tutte libere

| Dopo le due miti condanne delle donne del branco, a casa anche altre quattro giovani coinvolte. La giustizia inglese non "vuole perseguitare le adolescenti". Hanno confessato. I genitori: "Terribile ingiustizia, via da Londra"

+ Miei preferiti

Quattro ragazze inglesi che hanno ucciso una studentessa egiziana residente con la famiglia in Italia e poi a Londra per studiare, non andranno in carcere, nonostante abbiano partecipato ad un attacco "orribile". Mariam Moustafà, 22 anni, restò a lungo in coma dopo essere stata sbattuta contro una pensilina di Nottingham lo scorso febbraio, ed è morta quasi un mese dopo. Nonostante l'ammissione di colpevolezza in relazione all'assalto per strada, due ragazze di 18 anni Rochelle Dobbin e Netesha Lewis, e altre due 16enni, sono state rinviate a Nottingham Youth Court e giudicate da un giudice distrettuale.

Anche se gli adolescenti non sono finite in carcere, il giudice le ha descritte come "aggressive" e ha detto che dovrebbero essere "condannate" per le loro azioni. Sono state risparmiate (dal carcere)  perché il tribunale dovrebbe "evitare di criminalizzare inutilmente i giovani" e gli adolescenti potrebbero essere mandati in custodia solo come "ultima risorsa”. Sei ragazze erano state accusate dopo l'incidente, e le prime due giovani donne sono state condannate la scorsa settimana per il loro comportamento “vile”. Mariah Fraser, 20 anni, ha ricevuto l'ordine di trascorrere otto mesi in un istituto per giovani delinquenti, mentre Britania Hunter, 18 anni, ha ricevuto un ordine comunitario di 12 mesi e gli è stato imposto di svolgere 40 ore di lavoro non retribuito dopo che entrambi hanno ammesso le loro colpe. Il tribunale ha sentito mercoledì come Lewis sia stata la maggiore responsabile nell'attacco del 2018, mentre Dobbin e le altre stavano filmando l'incidente o ridendo mentre guardavano gli eventi che si svolgevano. Lewis aveva lanciato un attacco violento contro la studentessa, colpendola ripetutamente e accusandola di essere responsabile di un account di social media chiamato "Black Rose”. Mariam è stata colpita più volte durante un attacco "alimentato dai social media" vicino a una fermata dell'autobus in Parliament Street intorno alle 20 febbraio alle 20 di sera, mentre il suo amico Pablo Jawara ha cercato di proteggerla. L'accusa ha detto che le sei ragazze non sono state accusate di omicidio colposo perché l'attacco non può essere "legalmente collegato" alla morte dello studente.

Il padre di Mariam, Mohamed Moustafa, ha detto che la sua famiglia non è più al sicuro nel paese dopo le sentenze "ingiuste", e sta considerando un ritorno in Egitto. Il 51enne ha deciso di non partecipare all'udienza di mercoledì, in quanto gli ultimi quattro aggressori sono stati risparmiati.

 Condannando le quattro ragazze, ha detto il giudice distrettuale Timothy Spruce: "Questo  è stato un attacco davvero scioccante che ha comprensibilmente attirato un alto profilo mediatico e l'attenzione del pubblico". "Abbiamo perso nostra figlia e non la riavremo mai più, siamo venuti in tribunale per ottenere giustizia per lei e per tutti gli altri per vivere al sicuro in questa terra. Tuttavia, il sistema non è riuscito ad ottenere giustizia per Mariam”, ha detto amaro il padre. Mariam stava aspettando l'autobus per tornare a casa. Viveva a Ostia prima di trasferirsi a Londra con la famiglia soprattutto per ragioni di studio.

Cronaca
Assalto al cantiere Tav: 20 denunciati
Assalto al cantiere Tav: 20 denunciati
Una notte di tensione a Chiomonte: 200 attivisti hanno tentato di avvicinarsi al cantiere dell’Alta Velocità. Dopo un lancio di sassi e razzi, domato un pericoloso principio d’incendio
McDonald's, dipendenti abusati e costretti al silenzio
McDonald
Drammatico report dei sindacati britannici, molto spesso le vittime sono pagate per tacere. Denuncianti oltre 1000 casi di donne molestate. I "predatori" spesso vengono solo trasferiti. La complicità dei manager
Assassina contro assassina
Assassina contro assassina
Le pluri-omicide Rose West e Joanna Dennehy si sono ritrovate nello stesso carcere. Rose è stata trasferita, l'altra aveva promesso: "La ucciderò, la odio"
Messaggio nella bottiglia, ritrovato l'autore
Messaggio nella bottiglia, ritrovato l
L'aveva lanciata nei mari dell'Australia appena 13enne, la lettera ritrovata da 2 pescatori australiani pochi giorni fa su una spiaggia del Sud
Vuole divorziare e affida il suo patrimonio a un amico: sparito
Vuole divorziare e affida il suo patrimonio a un amico: sparito
"'L'amico" ("era un investimento") non vuole restituirli, lei nel frattempo s'è riconciliata con il consorte. Un Tribunale le ha dato ragione
Caso Orlandi, 24 sacchi di ossa umane
Caso Orlandi, 24 sacchi di ossa umane
Aperti gli ossari, recuperate dai periti del pm decine di resti umani che saranno ora esaminati. I media Uk intervistano il fratello di Emanuela, scomparsa a 15 anni
Eredità, i figli di Liz Hurley battono il nonno diabolico
Eredità, i figli di Liz Hurley battono il nonno diabolico
Damian e Kira, nati dalla relazione con il magnate Stephen Bing erano stati estromessi dal nonno da un'eredità da 380 milioni di sterline. "non li considero miei nipoti, mai visti". Ma i giudici gli hanno dato torto
Truffò George Cloney, estradata in Italia
Truffò George Cloney, estradata in Italia
Con il complice Francesco Galdelli aveva prodotto un marchio di moda con il nome dell'attore USA. Presi in Thailandia, lui è ancora in carcere. Decine di colpi
Uccisa perché troppo bella
Uccisa perché troppo bella
La tragica fine di una 17enne russa, punita dalle sue migliori amiche perché più appariscente e desiderata: un delitto che ha sconvolto anche la polizia per la ferocia
Marocco, a morte gli assassini delle due ragazze
Marocco, a morte gli assassini delle due ragazze
Si è concluso dopo poco più di due mesi il processo per l’omicidio di Louisa e Maren, violentate a decapitate lo scorso dicembre. Durissima la decisione della corte