"Ho gettato la testa di Christina nel fiume"

| Nel '93, Jason Massey aveva ucciso e smembrato i corpi di due adolescenti. Nel 2001, già nella camera della morte, aveva rivelato ai familiari dove aveva nascosto i resti

+ Miei preferiti

Un segreto custodito per 19 anni ed emerso solo ora. Il mostro aveva rivelato l’ultimo atroce segreto alle famiglie delle sue vittime poco prima di essere giustiziato nel carcere di Huntsville, Texas, il 3 aprile 2001. Nel ’93, Aveva ucciso e fatto a pezzo il poro di una 13enne. Jason Massey aveva ucciso due adolescenti in Texas nell'estate 1993. Alla ragazzine aveva tagliato la testa, reciso i capezzoli e amputato le mani con una lama affilato. Infine aveva gettato il suo corpo nudo in un campo. Per anni non ha mai voluto rivelare dove aveva nascosto i resti di Christina Benjamin, lasciando i suoi cari in uno stato di angoscia. Fu solo nel momento della sue esecuzione, mentre già giaceva legato a una barella in attesa dell'iniezione letale, Massey rivelò finalmente la verità dicendo che aveva gettato testa e mani da un ponte del Texas in un fiume. "So che volete sapere dove sono gli altri suoi resti, sono nel fiume Trinity”. Il mostro aveva ucciso anche il fratellastro quattordicenne della vittima, ed ha giurato che Christina "non ha sofferto” e che fu sezionata solo “dopo la morte”. "Voglio che sappiate che Christina non ha sofferto. Vi dò la mia parola”.

Una personalità criminale complessa. Torturava e uccideva cani e gatti, e conservava nel frigo le loro teste come trofei. Era stato nel braccio della morte per sei anni e mezzo, dopo la condanna a morte, ed aveva una lunga fedina penale, che includeva anche il massacro sistematico di animali. La prima denuncia per avere seviziato un gatto l’aveva rimediata quando aveva appena 9 anni. Il 3 aprile 2001 fu giustiziato, e oggi gli investigatori spiegano che il suo più grande cruccio era quello di “non essere diventato il più

 noto serial kilelr del mondo”. Sognava di essere come i serial killer Charles Manson e Ted Bundy e aveva un debole per le giovani donne. Aveva incontrato l’adolescente attraverso un amico comune pochi giorni prima e aveva deciso che sarebbe stata la sua prima vittima. Poi ne uccise anche il fratello. In un diario aveva già annotato i nomi delle altre sue potenziali vittime, scelte tra i ragazzi della zona, in base a un calendario con le date degli assassini già pianificati in ogni dettaglio. Fu smascherato dal patrigno delle vittime che aveva riconosciuto la sua auto attorno alla proprietà.

 
Galleria fotografica
"Ho gettato la testa di Christina nel fiume" - immagine 1
"Ho gettato la testa di Christina nel fiume" - immagine 2
Cronaca
«Epstein si è ucciso, ne sono convinto»
«Epstein si è ucciso, ne sono convinto»
Per la prima volta, parla un detenuto che ha incontrato più volte il finanziere pedofilo, entrato nel programma di prevenzione dei suicidi. «Sapeva che il suo mondo era finito»
Addio a John Peter Sloan
Addio a John Peter Sloan
Il più simpatico e irriverente degli insegnanti di lingua inglese mai apparsi in Italia si è spento all’improvviso in Sicilia, dove aveva scelto di trasferirsi da qualche anno
Malaga, la Fase 2 è quella delle risse
Malaga, la Fase 2 è quella delle risse
A meno di due giorni dalla riapertura dei locali, il noto centro turistico andaluso epicentro di risse e accoltellamenti
GB: identificata la ragazza fatta a pezzi in due valigie
GB: identificata la ragazza fatta a pezzi in due valigie
Si chiamava Phoenix Netts, 28 anni: viveva in un centro di accoglienza per donne dopo un passato come senzatetto e tossicodipendente
Arrestata la squadra che ha fatto fuggire Ghosn
Arrestata la squadra che ha fatto fuggire Ghosn
Un ex militare delle forze speciali americane, vero professionista dei blitz di salvataggio, suo figlio e un terzo uomo. Sono il team che ha pianificato in ogni dettaglio la rocambolesca fuga dal Giappone dell’ex ad di Nissan
La testa nella valigia che sconvolge la Svezia
La testa nella valigia che sconvolge la Svezia
È l’unica parte del corpo ritrovato della 17enne Wilma Andersson, probabilmente uccisa e decapitata dall’ex fidanzato. A poche ore dall’inizio del processo, la famiglia insiste: “Ridateci quel che resta di nostra figlia”
Turchia, uccide il figlio malato di Covid-19
Turchia, uccide il figlio malato di Covid-19
Un calciatore turco ha confessato di aver soffocato il figlio nel letto dell’ospedale facendo credere ai medici che era in preda ad una crisi respiratoria. La verità pochi giorni dopo: “Non lo sopportavo”
GB: le sputa addosso un malato di coronavirus, muore dopo 2 settimane
GB: le sputa addosso un malato di coronavirus, muore dopo 2 settimane
Belly Mujinga, bigliettaia alla Victoria Station, era stata affrontata da un uomo che diceva di essere infetto: è morta due settimane dopo in ospedale
Il magnate Tom Hagen accusato di aver ucciso la moglie
Il magnate Tom Hagen accusato di aver ucciso la moglie
Alla scomparsa della donna, nel 2018, era seguita una richiesta di riscatto. Ma per la polizia si trattava soltanto di un depistaggio. Il ricco imprenditore nel settore dell’energia arrestato a casa
La polizia fa irruzione mentre tenta di fare a pezzi il corpo della moglie
La polizia fa irruzione mentre tenta di fare a pezzi il corpo della moglie
La famiglia di Amber Ryan aveva chiesto l’intervento delle forze dell’ordine perché da diversi giorni aveva perso sue notizie: gli agenti hanno trovato il marito intento a smembrarne il corpo. La coppia era segnalata per violenze familiari