"Ho gettato la testa di Christina nel fiume"

| Nel '93, Jason Massey aveva ucciso e smembrato i corpi di due adolescenti. Nel 2001, già nella camera della morte, aveva rivelato ai familiari dove aveva nascosto i resti

+ Miei preferiti

Un segreto custodito per 19 anni ed emerso solo ora. Il mostro aveva rivelato l’ultimo atroce segreto alle famiglie delle sue vittime poco prima di essere giustiziato nel carcere di Huntsville, Texas, il 3 aprile 2001. Nel ’93, Aveva ucciso e fatto a pezzo il poro di una 13enne. Jason Massey aveva ucciso due adolescenti in Texas nell'estate 1993. Alla ragazzine aveva tagliato la testa, reciso i capezzoli e amputato le mani con una lama affilato. Infine aveva gettato il suo corpo nudo in un campo. Per anni non ha mai voluto rivelare dove aveva nascosto i resti di Christina Benjamin, lasciando i suoi cari in uno stato di angoscia. Fu solo nel momento della sue esecuzione, mentre già giaceva legato a una barella in attesa dell'iniezione letale, Massey rivelò finalmente la verità dicendo che aveva gettato testa e mani da un ponte del Texas in un fiume. "So che volete sapere dove sono gli altri suoi resti, sono nel fiume Trinity”. Il mostro aveva ucciso anche il fratellastro quattordicenne della vittima, ed ha giurato che Christina "non ha sofferto” e che fu sezionata solo “dopo la morte”. "Voglio che sappiate che Christina non ha sofferto. Vi dò la mia parola”.

Una personalità criminale complessa. Torturava e uccideva cani e gatti, e conservava nel frigo le loro teste come trofei. Era stato nel braccio della morte per sei anni e mezzo, dopo la condanna a morte, ed aveva una lunga fedina penale, che includeva anche il massacro sistematico di animali. La prima denuncia per avere seviziato un gatto l’aveva rimediata quando aveva appena 9 anni. Il 3 aprile 2001 fu giustiziato, e oggi gli investigatori spiegano che il suo più grande cruccio era quello di “non essere diventato il più

 noto serial kilelr del mondo”. Sognava di essere come i serial killer Charles Manson e Ted Bundy e aveva un debole per le giovani donne. Aveva incontrato l’adolescente attraverso un amico comune pochi giorni prima e aveva deciso che sarebbe stata la sua prima vittima. Poi ne uccise anche il fratello. In un diario aveva già annotato i nomi delle altre sue potenziali vittime, scelte tra i ragazzi della zona, in base a un calendario con le date degli assassini già pianificati in ogni dettaglio. Fu smascherato dal patrigno delle vittime che aveva riconosciuto la sua auto attorno alla proprietà.

 
Galleria fotografica
"Ho gettato la testa di Christina nel fiume" - immagine 1
"Ho gettato la testa di Christina nel fiume" - immagine 2
Cronaca
Assalto al cantiere Tav: 20 denunciati
Assalto al cantiere Tav: 20 denunciati
Una notte di tensione a Chiomonte: 200 attivisti hanno tentato di avvicinarsi al cantiere dell’Alta Velocità. Dopo un lancio di sassi e razzi, domato un pericoloso principio d’incendio
McDonald's, dipendenti abusati e costretti al silenzio
McDonald
Drammatico report dei sindacati britannici, molto spesso le vittime sono pagate per tacere. Denuncianti oltre 1000 casi di donne molestate. I "predatori" spesso vengono solo trasferiti. La complicità dei manager
Assassina contro assassina
Assassina contro assassina
Le pluri-omicide Rose West e Joanna Dennehy si sono ritrovate nello stesso carcere. Rose è stata trasferita, l'altra aveva promesso: "La ucciderò, la odio"
Messaggio nella bottiglia, ritrovato l'autore
Messaggio nella bottiglia, ritrovato l
L'aveva lanciata nei mari dell'Australia appena 13enne, la lettera ritrovata da 2 pescatori australiani pochi giorni fa su una spiaggia del Sud
Vuole divorziare e affida il suo patrimonio a un amico: sparito
Vuole divorziare e affida il suo patrimonio a un amico: sparito
"'L'amico" ("era un investimento") non vuole restituirli, lei nel frattempo s'è riconciliata con il consorte. Un Tribunale le ha dato ragione
Caso Orlandi, 24 sacchi di ossa umane
Caso Orlandi, 24 sacchi di ossa umane
Aperti gli ossari, recuperate dai periti del pm decine di resti umani che saranno ora esaminati. I media Uk intervistano il fratello di Emanuela, scomparsa a 15 anni
Eredità, i figli di Liz Hurley battono il nonno diabolico
Eredità, i figli di Liz Hurley battono il nonno diabolico
Damian e Kira, nati dalla relazione con il magnate Stephen Bing erano stati estromessi dal nonno da un'eredità da 380 milioni di sterline. "non li considero miei nipoti, mai visti". Ma i giudici gli hanno dato torto
Truffò George Cloney, estradata in Italia
Truffò George Cloney, estradata in Italia
Con il complice Francesco Galdelli aveva prodotto un marchio di moda con il nome dell'attore USA. Presi in Thailandia, lui è ancora in carcere. Decine di colpi
Uccisa perché troppo bella
Uccisa perché troppo bella
La tragica fine di una 17enne russa, punita dalle sue migliori amiche perché più appariscente e desiderata: un delitto che ha sconvolto anche la polizia per la ferocia
Marocco, a morte gli assassini delle due ragazze
Marocco, a morte gli assassini delle due ragazze
Si è concluso dopo poco più di due mesi il processo per l’omicidio di Louisa e Maren, violentate a decapitate lo scorso dicembre. Durissima la decisione della corte