"HO SGOZZATO IO LA KIKI"

| Ma il movente non convince, caso ancora aperto dopo la confessione di Dimitri Fricano, il fidanzato di Erika Preti, 28 anni, uccisa a giugno in una villetta in Sardegna

+ Miei preferiti
Uno degli ultimi post pubblicati sul suo profilo Facebook riguarda una curiosa bottega del Biellese specializzata nel realizzare lame affilatissime, come bisturi chirurgici, e manici artistici. Un post ripetuto per quattro volte in tre giorni. Dimitri Fricano, 29 anni, commesso in un centro commerciale di Biella, era maniacalmente attratto dai coltelli e ieri ha confessato di avere sgozzato la fidanzata, Erika "Kiki" Preti, 28 anni, un mese fa in Sardegna, a San Teodoro, dove erano in vacanza, con due precisi fendenti alla gola. Il movente  non è affatto chiaro. Lui, che si dice disperato, afferma che quella mattina, mentre stavano preparando i panini da portare in gita, avrebbe prodotto sul tavolo troppe briciole; Erika lo avrebbe aspramente rimproverato, ne sarebbe nata una lite furibonda, lei gli avrebbe scagliato contro un soprammobile di pietra, lui avrebbe perso la testa e affondato la lama affilata di un coltello da cucina nella gola della vittima. Con il chiaro intento di uccidere. Neanche ci ha provato a soccorrerla, se n'è uscito di corsa simulando di essere rimasto vittima di una rapina da parte di tre aggressori incappucciati. Gli inquirenti non lo hanno creduto nemmeno per un solo minuto. Lo hanno subito indagato per omicidio volontario. Prima era stato ricoverato in un reparto psichiatrico, poi dimesso. Se ne era tornato a casa con l'idea di restare fedele alla prima ricostruzione, tra dichiarazioni d'amore per la compagna uccisa, il cui corpo, nel frattempo era stato cremato. Eccolo, in una foto di qualche giorno dopo in centro a Biella, circondato dallo staff della difesa, i suoi due avvocati più un investigatore privato a cui s'era aggiunto persino l'ex generale dei carabinieri Luciano Garofalo, ex Ris di Parma, nelle vesti di consulente.
RIMORSO O GELIDO CALCOLO? 


Ma il rimorso, alla fine, e forse la consapevolezza che sotto le unghie della povera Erika che aveva cercato disperatamente di difendersi da quel ragazzo quasi obeso, in preda a un raptus feroce e lucido, erano rimaste tracce della sua pelle. E del suo Dna. Poi aveva saputo che i carabinieri avevano escluso la presenza di estranei nella villetta di san Teodoro e che tutti gli indizi concordavano in modo univoco contro di lui. Diciamo che ci ha provato a ripetere, in modo sempre eguale e dunque in teoria credibile, la storia dell'aggressione, chissà, magari da parte di clandestini, extracomunitari o profughi. Ma è il movente, cioè quelle briciole che si potevano togliere in un attimo dalla tavola, che non convince affatto il procuratore di Nuoro. Potrebbe esserci qualcosa di molto più personale, nel rapporto in apparenza sereno di questi due ragazzi che si conoscevano da sempre. Sempre felici e sorridenti nelle foto delle vacanze. Qualcosa che Dimitri "Dixi" potrebbe avere saputo in modo diretto o indiretto proprio in quelle ore, tanto scatenare la sua furia omicida. E' su questo aspetto che investigatori continueranno a  lavorare. O viceversa, cioè che la vittima aveva scoperto qualcosa di negativo e di grave nella vita del suo futuro sposo.
UN MESE DI SOLITUDINE 

In questi giorni, "Dixi" aveva scelto di stare solo. Nella galleria commerciale non si era più presentato, annullata la vita sociale, muti i social su cui - prima - scriveva ogni giorno le sue impressioni, le sue dichiarazioni d'amore per Erika, Dopo il delitto, a chi sospettava di lui, rispondeva: "Amavo Erika, non gli avrei mai fatto del male". In ospedale a Nuoro lo tenevano d'occhio per timore che potesse suicidarsi. Niente. Gli avevano dissequestrato la macchina ed era rientrato a Biella, circondato da genitori e fratello, tutti convinti della sua innocenza. Ora sono sotto choc anche loro, uniti nel dolore con la famiglia di Erika.
RITO ABBREVIATO CON SCONTO 


La strategia difensiva è chiara. I suoi legali, Alessandra Guarini e Roberto Onida, sceglieranno la strada del rito abbreviato che prevede lo sconto di un terzo della pena. In questo caso l'accusa, omicidio volontario aggravato, sarebbe stata da ergastolo anche se - per ora- manca la premeditazione. il classico delitto d'impeto, così afferma Fricano. Poi la confessione che apre la strada alle attenuanti generiche. L'assassino potrebbe cavarsela con poco più di 20 anni di carcere. In questo periodo potrebbe avere studiato tutte le possibili strategie legali per pagare il costo giudiziario più basso possibile. Vedremo le sue mosse nei prossimi giorni o mesi. Il caso non è ancora chiuso. 


Cronaca
Pacco bomba esplode a Lione
Pacco bomba esplode a Lione
La polizia sulle tracce del presunto attentatore, un uomo in bicicletta col volto coperto. L'esplosione in una via centralissima: numerosi i feriti, ma pare nessuno in modo grave. Sembra allontanarsi la pista terroristica
Edmund ed Eduard, ladri gemelli
Edmund ed Eduard, ladri gemelli
In un continuo scambio di identità, confondevano con la loro somiglianza anche le videocamere. Presi a Rovigo dopo una lunga catena di furti. Via al processo, ma i colpi sarebbero centinaia
Svastiche sui sopravvissuti dei lager
Svastiche sui sopravvissuti dei lager
Sfregiate le fotografie dei reduci esposte nel centro di Vienna, ennesimo episodio di antisemitismo da parte di gruppi filo-nazisti
Sesso con cani, quattro donne denunciate
Sesso con cani, quattro donne denunciate
Cercavano animali di grossa taglia per coinvolgerli in rapporti sessuali singoli o di gruppo, poi se ne liberavano. Il caso scoperto dall'associazione Aidaa. Scambi di foto su chat animal sex. Fingevano di volerli adottare dai canili
"Torturato in cella solo perché cattolico"
"Torturato in cella solo perché cattolico"
La terribile disavventura dell'imprenditore italiano Massimo Sacco, arrestato pnegli Emirati Arabi per traffico di droga, in carcere per oltre un anno: "Accusa falsa, in carcere mi hanno picchiato e seviziato, odiano i cristiani"
Ana Bettz, la cantante accusata di riciclaggio
Ana Bettz, la cantante accusata di riciclaggio
Vedova del petroliere Sergio Di Cesare, aveva tentato la carriera artistica senza grande successo. È stata bloccata al confine di Ventimiglia con 300mila euro in contanti, e la Finanza sospetta sia frutto di riciclaggio
Il mostro di Torrazzo vuole sposarsi
Il mostro di Torrazzo vuole sposarsi
Gianfranco Stevanin, il serial killer veronese accusato di omicidio, violenza e occultamento di cadavere, conta di uscire per sposarsi e rifarsi una vita
Nessun colpevole per la strage Erasmus
Nessun colpevole per la strage Erasmus
Per le famiglie delle 13 ragazze che nel 2016 morirono a bordo di un autobus in Spagna, l’ennesimo schiaffo della giustizia spagnola: nessun colpevole. Già annunciato un nuovo appello
Filippine, ucciso manager italiano
Filippine, ucciso manager italiano
Si allunga la lista dei connazionali assassinati o spariti all'estero. I casi di Colombia e Costarica. Gli otto desaparecidos
Il tennista Seppi truffato dal falso broker
Il tennista Seppi truffato dal falso broker
Fabio Gaiatto, definito il Madoff del Veneto, a processo per una 2catena di Sant'Antonio" finita in tragedia per centinaia di risparmiatori che gli avevano affidato i loro denari. La moglie patteggia, prime condanne